Bruno Ischia home Bruno Mancini scrittore

Benvenuti

Bruno Ischia home sites.google.com – Bruno Mancini scrittore

Bruno Ischia home

HOME

BENVENUTI

LA TUA FOTO

LIBRI

RECENSIONI

AUTORI

TRADUTTORI

RECENSORI

ILLUSTRATORI

MUSICISTI

ATTORI

TATISTICHE

STAMPA

PROMOZIONI

MARADONA

AUTORI

Bruno Mancini

Luciano Somma
Elena Mancini
Roberta Panizza
Italo Zingoni
Liga Lapinska
Marta Zemgune
Arturo Pennarola
Autori vari

TRADUTTORI

Pamela A.tto Franz
Alessia Gioia
Liga Lapinska

RECENSORI

Isabella M. Affinito
Angelo Roja
Elena Mancini
Roberta Panizza

ILLUSTRATORI


Vera Mancini
Pamela A. Franz
Rosa Monti
Vincenzo Trani

Alicia A. Miño
Elena Mancini
Christian Preziosi

Liga Lapinska

MUSICISTI

Nicola Pantalone

ATTORI

ARTETEKA

PROMOZIONI

Gratis
Aziende Bruno
Aziende Mancini
Alberghi
Stranieri
Tifosi
Maradona
Aziende

LIBRI

Catalogo 1
Catalogo 2
Catalogo 3

BRUNO

Libri 1
libri 2
libri 3
libri 4
libri 5
libri 6
libri 7
libri 8
libri 9
libri 10
… 11..
… 12..
… 13..
… 14..
… 15..
… 16..
… 17..
… 18..
… 19..
… 20..
… 21..
… 22..

FOTO CALCIO

Foto calcio 1
Fto calcio 11
Foto calcio 12
Foto calcio 13
Foto calcio 14
Foto calcio 15
Foto calcio 16
Foto calcio 17
Foto calcio 18
Foto calcio 19
Foto calcio 110
Foto calcio 111
Foto calcio 112
Foto calcio 113
Foto calcio 114
Foto calcio 115
Foto calcio 116
Foto calcio 117
Foto calcio 118

Ischia, pubblicità gratis per Aziende

Z73.it Il
nuovo motore italiano

ISCHIA, PUBBLICITA’ GRATIS PER AZIENDE

Hotel Parco Verde Ischia

PUBBLICITA’ GRATIS PER AZIENDE
Gioia Lomasti

Ischia 2009
Cosa proponiamo?

Intermediazioni e costi di stampa ridotti
Rete alternativa di distribuzione
Forme innovative di pubblicità aziendale
Nuovi strumenti di propaganda personale
Contatti operativi tra Cultura e Aziende
Contenuti letterari a belle immaginiGratificazioni per il serio lavoro di

SCRITTORI
TRADUTTORI
PITTORI
MUSICISTI
PUBBLICISTI

Bruno Ischia

GIORNALISTI


E TANTI ALTRI.
Non è tutto, ma per ora basta!

 Il 27 Dicembre
lle ore 22.00
sul canale televisivo
Teleischia”
è andata in onda una
trasmissione speciale dedicata alla nostra
Antologia Poetica “Ischia, un’isola di poesia”
a cura di

Roberta Panizza
e Bruno Mancini
della durata di oltre un’ora.
Presente in studio, ospite di
Mirna Mancini
il caro amico ed ottimo cantante musicista
Nicola Pantalone (Nick)
che ha recitato alcune delle poesie inserite nel volume.
La trasmissione ha avuto numerose repliche che sono state visibili anche sul web tramite il sito
www.teleischia.it
alla pagina
Tele Ischia Live
In questi giorni il gruppo di Pionieri del progetto “La tua foto in copertina” ha terminato
le selezioni per la seconda Antologia Poetica

Ischia, un’isola d’amore” 
Intanto… è in preparazione il bando del
Primo Premio Nazionale di Poesia 
“Sigillo e Magia della Poesia”
che accoglierà i contributi di numerosi Siti Amici
I miei indirizzi li conoscete
sapete che l’adesione è completamente
gratuita, e quindi, se vorrete tentare di partecipare a questo nostro
terzo progetto, scrivetemi!!
Grazie per l’attenzione e felici feste.
Bruno Mancini
PUBBLICITA’  GRATIS  PER AZIENDEI
Ischia, dal Giornale “Il GOLFO”
del 18/01/2007

Per Aurora volume primo
Bruno Mancini Ciao amici.
penso possa farvi piacere sapere che il mio libro “Per Aurora volume
primo” è stato selezionato da “Amazon” (uno dei maggiori
distributori mondiali) per essere inserito in una nuova promozione letteraria.
…la diffusione per Ischia dei libri… è presa in affidamento dalquotidiano “Il Golfo” che li offrirà a prezzo di lancio. La prima uscita nei prossimi giorni sarà
Per Aurora vol. primo di Bruno Mancini.

…si tratta di racconti e poesie alla ricerca di belle
storie d’amore ambientate nella nostra splendida Isola d’Ischia e, siatene
certi, sarà una lettura che farà nascere il vostro giudizio da un mare di fantastici
aggettivi, così come vorreste nascesse la vostra isola dei sogni.

Antologia Poetica “Ischia, un’isola d’amore” copertina iniziale 

Antologia Poetica “Ischia, un’isola d’amore” copertina finale 

PUBBLICITA’ GRATIS PER AZIENDE


FOTO GRATIS MARADONA E FESTA NAPOLI CALCIO

>PUBBLICITA’ GRATIS PER AZIENDE

http://www.aggiungisito.it/

PUBBLICITA’ GRATIS PER AZIENDE

AA.VV
Alberto Liguoro
Alessandra Di Gravio
Anna La Monaca
Aurelio De Rose
Bianca Monti

Bruno Mancini 1

Bruno Mancini

Bruno Zapparrata
Clementina Petroni

Domenica Luise
Elena Mancini
Elia Belculfinè
Enrico Galavotti

Fabio Salvi
Fabio Salvi

Franco Calise
Italo Zingoni
Italo Zingoni

Liga lapinska
Liga Lapinska
Luciano_Somma
Luciano Somma
Marco Pellicani
Maria Pia Lurini
Marinella Fois

Fotoattls0002
Marta Zemgune
Nunziab2_premio_Giobba
Nunzia Binetti
Nunzia Zambardi
Nunzia Zambardi
Pietro Massaro
Roberta Panizza
Salvatore Santoro
Santa Vetturi
Umberto Maselli
Vicenza Di Vita

Virginia
Virginia Murru
PUBBLICITA’ GRATIS PER AZIENDE
Pressemitteilungen kostenlos publizieren
http://www.sicurezzaelegalita.it/

www.partecipiamo.it

http://www.partecipiamo.it/Utilità/1.htm

Pagina della poesia:

http://www.partecipiamo.it/Poesie/Poesie.html

Pagina della cultura:

http://www.partecipiamo.it/cultura/1.html

Pagina dello sport:

http://www.partecipiamo.it/Pagina_dello_sport/pagina_sport.htm

Finaliste
Il Golfo

Kate68

Identità

Ho
cercato la mia identità
nei sentieri di terra battuta
odorosi
di sangue selvaggio
trasportato dalle ali del vento.
Accostato
l’orecchio alla luna
per ascoltare le sue nenie notturne
cantate
ai sonnambuli erranti
dimentichi del sorriso dei giorni.

Suggellato la mia voce di bambina
nei silenzi grevi della
natura
tra possenti alberi frondosi
mulinati dall’incedere
del tempo.

Ho lavato lacrime calde
nelle acque
gorgoglianti
dei ruscelli nati a primavera
e scrollato polvere
dai piedi
stanchi del lungo cammino.

Ho
gridato
urlato
inveitocontro il nulla del faticoso
esistere
ed esausta
ho pianto lacrime di vita.

Goccioloni
cadevano
sul petto
a lavare macchie di colpe
represse
marchiate
dell’umana debolezza

Ho
cercato
lottato

…inutilmente.

Sfogliando pagine
bianche
del mio esistere
intravvedo

forse

la mia
identità che giace
in mezzo a quei fogli
in attesa del nero
d’inchiostro
a smorzare il fuoco che brucia
sotto pelle.

Marseille

Nessun
rimedio

 

Mai
più quei passi intenti alla tutela.

Sorrisi
e sguardi accesi di approvazione.

Mancheranno
le attenzioni di riparo

e
ci troveremo in prima linea

dove
la morte tocca col suo sentore amaro.

E
cambierà quel bofonchiare leggero sulla vita.

Bruciati
arresteremo a zero del progetto.

Al
salto del punto fermo.

Nessun
cardine di cucitura nè una copertura.

Agghiacciati
all’aperto

su
un’armatura d’ali smarrite.

 Semmai
s’alzasse un volo,

per
ogni dove.

 

rubbio

Frammenti

 

Colgo
solo frammenti

 

Era
luce nel tuo sguardo

come
una sorpresa

di
bambino

 

Forse

ali
di felicità

posate
nell’istante

 

Nel
frammento il codice

del
tutto che sfuma

e
fugge

 

 

ester

 

Di
rose e luce fiorita

 

Siamo
rose di macchia
-tu ed io-
che s’allacciano lente.

Appesa

la vita
all’intreccio dei rami
siamo onda d’intesa
che
cresce e s’avvita
fra le spine
ed i petali chiari
lanterne
di luce
nella notte del bosco.

poetanelcuore

 

Tra
le braccia del vento


A
te vento
-Grande Padre del Cielo-
dono le odi del
tempo
bisbigliando sentieri e discese,
vernacoli di
cera
rinchiuse nell’antro dell’anima muta

…che
siano gli alberi adesso
a farne musica
come note di
luna,
tremore di baci
o neve di mare…calda e viva!

A
te Eolo
– freddo respiro del Nord-
affido gli arabeschi dipinti
del mio amore…
il ventre acerbo e dissolto del mio dolore…

 A
te affido per sempre
lo scrigno dei miei segreti…
il mio
ultimo volo d’airone
tra le braccia del vento del Sud!

alphander

 

Spiove
luce

 

spiove
luce

di
stelle gonfie di vento

col
tuo peso

greve
di limiti

ti
pare quasi vita sognata

il
vissuto già divenuto memoria

 

siamo
frecce

scagliate
nel futuro

o
il tempo che ci è dato è maya

e
si è immersi in un eterno presente?

 

Saverio
Chiti

 

Dentro
me

 

Nascondo
il dolore

in
antri bui del mio io

confondo
l’eresia, con l’acre suo sapore

credendo
invano, d’esser pio

 

Dentro
me, non sono solo

ma
più cose, più creature

che
della mia anima, si dividon porzioni

progettando
per me, fatuo destino

 

Esse,
comprendono al volo

tutte
le mie ferite, le smagliature

che
sovente, dilagano in illusioni

e
del mio viver, ne fanno festino.

 

orchideanera

 

La
luna di Dachau

 

Li
sento i calci del cavallo

il
loro nitrire

il
lavacro autunnale dell’orrore

il
drago che taglia bionde chiome

in
questa luna che balugina sbiadita

tra
l’oleandro e il limone

qui
a Dachau

 

si
torcono nel buio

gli
zoccoli di cristallo

nel
chiaroscuro di un lume

in
un mistico plenilunio

d’ombre
mai vibrate

 

spigolano
le anime

meste
in un cerchio d’ape

irriverenti
nel loro essere carne

morbide
d’amore

croci
abusate nella pace del solstizio

 

appoggiata
alle persiane

vedo
pietre grezze

folli
giumente

la
fibra indegna degli illuminati

occhi
di cani lupo

la
vita parcheggiata al limitare del campo.

 

E
una nera morte da invocare alla finestra

siamo
solo transiti

appoggiati
a uno spicchio di luna di talco.

 

tiziana
mignosa

 

Il
canto delle sirene

 

Ci
sono desideri

che
di te fanno il loro stupido balocco

quando
ad occhi spalancati

accompagni
la notte e le sue voglie al giorno.

 

Acqua
elettrizzante sul capo accalorato

passioni
allo stato solido

che
il bosco infiammano anche sotto zero

e
intanto il mondo dorme senza farci caso.

 

Ci
sono fantasie

che
per diletto la ragione affamano

immagini
interiori con la mano inesistente

che
la fiamma alle tue brame appiccano.

 

Eppure

almeno
a volte

sarebbe
meglio farsi incatenare

tappando
orecchie al fuggevole sentire

che
ammalia come canto d’incantevoli sirene.

 

Stefano
Lovecchio

 

Nemmeno
so

 

Nemmeno
so
come respirare
le mie nebbie.

Se una panchina
basti
a
riposar nello stupore
o se le luci fioche
sono acquerelli .
Se
le corse
sono un ritorno
o un fuggire dal giorno.
Se
restare
è sfiorire
o lasciarsi seminare.

Nemmeno
so
come masticare
questo sole.

Se l’indaco
è il
primo arco
o una faretra di sogni;
se la rugiada
è un
inchino
o un salire al cielo.

So solo
che mi abita la
gioia
e canta di cose poche
per intonar l’immenso.

 

Virginia Murru

 

Giocando
d’azzardo

 

T’eri
dissolto

in
avanguardie di ragioni

porte
scassinatedall’incuria-

dove
ogni andare

era
un cerchio di vili intenti

senza
uno spazio piano

per
saltare

il
meridiano dell’errore.

Non
eravamo numeri interi

e
non cercavo più

i
luoghi dell’essere stati-

troppo
densi di similitudini- noi

plurale
promiscuo

di
silenzi pronunciati forte

collisione
di vite affini.

Giocavamo
a dadi

con
numeri irrazionali

in
una scacchiera bugiarda

che
ci dichiarava vincenti

barando
sui decimali

 

Vincenzo

 


Verso primo-

 

Ascolto
Il Suono

in
una Agonia

priva
di voci.

Soffre
e si lamenta

nel
silenzio, il cuore.

Poi…
lentamente si assopisce.

Sogno…

Nell’Immenso
grido,

tutta
la rabbia del vissuto.

Rivoli
di riflessi sfociano

nel
mare della menzogna.

Ombre
di inutili parole,

squarciano
il cielo del bel creato.

 

papavero
rosso

 

all’Amore

  

Ora,
tranquillamente
mi
siedo
ed in versi d’amore
scrivo
semplicemente
come
tu
sia penetrato
nel profondo
della mia
anima,
archeologo,
tratto da essa
i miei antichi tesori,
da
tempo, sepolti
e di come
sia possibile, che,
per quanto io
faccia,
non riesco
a cacciare dalla testa,
il fragore di
te,
-sciabordio continuo
di sogni-
mio mare.

 

dolceglicine

 

Nell’attesa
di vederti

 

Aride
assenze e dolorose

le
mie sere a cui scampai

nel
rifugio dell’orlo

estremo
dell’essenza.

 

Notti
più miti e benedette

trascorse
fusa

tra
sassi e fiori.

 

Albe
– nuovamente –

incerte
e disperate

a
squadernare giorni

intrisi
di fisime e memorie.

 

Questo
è il tempo

che
a lungo accompagna

i
miei passi lenti e grevi

e
che racconto

senza
remora o pietà

(di
me)

nell’attesa
di vederti

(forse)

per
la prima volta

e
svincolarmi dal dolore

che
m’assedia.

 

Maria
Grazia Vai

 

Di
te che sei

 

Dal
cuore goccioli come foglia di cera
si slaccia la corda, di carta
il pensiero

Di tocchi e rintocchi, di seta e tramonti
sei
pioggia di luna sui tremuli sguardi

Carezza di cielo,
conchiglia di vento
Sei l’onda vermiglia, singhiozzo del mare

E
stilla d’amore, tormento e languore
di me sei la goccia, e di te
ho sete

ancora.


Di
te che sei – del mio canto, la musa

e
l’aurora –

 

ondagomma

 

Brescia
Parigi e ritorno via Timisoara

 

Parigi
è una luce sospesa

nel
rameggio indiviso del sogno

che
porta i mattini a volare

sui
buoni versi dispersi nel sonno

e
rimanerne fuori non si può

 

Parigi
è quei momenti messi lì

che
ti alita sul viso

i
suoi baci più grandi, un’overture

sul
mio quaderno a righe in via dei tigli

che
per fortuna non esiste a Brescia

ma
c’è il viale con le rose, ed io

non
saluto che lampioni

e
una rumena intermittente

 

nunziobuono

 

La
piccola ragazza

 

Sparecchio
il tuo silenzio
e quel che resta,

tre rose, il tuo
giardino
e questa notte;
che non vuole perdersi nel
giorno.

Di te ho, le mani accarezzate sulla tavola
i tuoi
occhi, e il pensiero
dietro, a quel guardare i miei;

la
luna,
lasciata alla tua bocca
con in tasca il suo sapore
fragola.

Cade il cielo con il sole
e ti ricordo

amore.

 

Alessandro
Moschini

 

Rubami
il cuore

 

Rubami
il cuore
prima che venga sera
e che l’imbrunire
col suo
nero mantello
inghiotta il nodo che sento in gola
nel
guardarti rapito
aggrappato
ad una corda di lacrime
sull’orlo
del precipizio
dei miei pensieri

Rubami il cuore
ma
fallo in fretta
perché non c’è tempo.
Fallo prima che le
foglie
cadano all’affacciarsi
dell’autunno della nostra
esistenza
e che la curva del tempo
con la sua sfera
disegni
una ruga più profonda
e incancellabile
sui nostri
volti

Rubami il cuore
senza far rumore
dolcemente
senza
scassinare…
…hai le chiavi.

 

Lina Sirianni

 

Antico
male

 

L’antico
male intriso
svillaneggia astutamente

arride
al mondo ciarliero
che strabico travisa

Volti
a saccheggiar
sacri sacelli

con
untuose parole
e meschine povertà

Per
non soccombere
programmano
fuggevole destino

 

è
sera

 


veronica


occhi
velati
d’incanto
esplodono
di rosa e d’azzurro
tra
vapori
d’arancio infuocato

strisce di
diamanti
liquefatti
accarezzano
di luce
l’onda
lungadove
spengendo il suo calor
l’enorme
fuoco
rotola
dalla cima del monte
sino al mare
e in
lui
si tuffa e muore.

flebile
il cinguettar
adesso
sfuma
sino al silenzio
figlio della sera
che arriva
piano
trainandosi la luna

lucente e pallida
regina della
notte
raccoglie
le preghiere degli amanti
conserva
i
segreti del cuore
illudendoci ancora
con un sogno d’amore.

Lascia un commento