Davanti al tempo – Poesie di Bruno Mancini

Benvenuti

Davanti al tempo – Raccolta poetica di Bruno Mancini

Bruno Mancini – Un taglio – Legge Antonio Mencarini

BRUNO MANCINI – UN TAGLIODAVANTI AL TEMPO

Antonio Mencarini legge “E sento bestemmiare il cielo” dalla Raccolta poetica “Davanti al tempo” di Bruno Mancini


http://www.lulu.com/product/a-copertina-morbida/davanti-al-tempo/470724?showPreview
bannerok

lulu

.

Davanti al tempo - Raccolta poetica di Bruno Mancini

Dettagli del prodotto:

Stampato:
188 pagine,
6″ x 9″,
rilegatura termica rilegatura,
60# crema carta per l’interno,
B/N inchiostro per l’interno ,
100# bianco carta per l’esterno,
in quadricromia inchiostro per l’esterno
Editore: bruno mancini
Copyright:

© 2006 M.G. s.a.s. Ischia Standard Copyright License

Lingua: Italian
Paese: Italy
Edizione: prima
Versione: 2
Classifica delle vendite di Lulu: 59,742
Accessi: 216
Euro 16.00

Siconio innamorato
“Al cuor non si comanda”
dirò
schioccandole il becco sulla bocca.

Un taglio

Un taglio alla fune del timone
sobbalza come la trottola sulle molliche di pane.
Sfugge corda indefinita.
Movenza soffice d’ora di sole.
E’ vortice di fantasia di specchi.
Se invece sei colpevolee mentisti
se sei colpevole
e fuggi
e verso luci te ne fuggi
ossessive,
se sei colpevole
e premi
respiri e sangue
t’annulli avvilendoti
tu mi rincontrerai
acerbi altari a lustrare
indifferenti vuoti a credere
parole a piangere
sfide a creare
curvi colori oscuri e matti a muovere
in malinconie
tossiche
più di un fumo giallo e denso.

Ed io ti parlerò
di cani e di animali
delle mie pallide albe di sconfitte
di ore mai vissute
di stelle.
Ed io ti creerò bellezze
e ti richiamerò ricordi
e la mia mente
lenti accordi espia.

Davanti al tempo

Vanire in dolcezza di forma,
nel gorgo di volute fughe
è l’ultimo ponte.
E tutto si genera nuovo
sparso tra fossili addii.
Poi l’ombra assorbe.
Ora che odi
o schiudersi del labbro
stimoli palpiti inganni”.
Acuminata nullità
passione senza pensiero

Fingiamoli coriandoli
questi brandelli di giorni
stelle filanti queste ossessioni di vano.

Vivi e morti

La morte su quel colle
stette in agguato un’ora.

“La morte è su quel colle.”
“La morte è tra quei vivi.”

La morte fu sul colle
la morte fu tra i vivi;
ma morti son quei vivi
che temono la morte.

Lascia un commento