Camille, le famose merendine alle carote e mandorle

Benvenuti

Camille, le famose merendine alle carote e mandorle

Camille

Dato che in questo periodo sono in vena di dolci alle carote, dopo la Torta di carote senza mandorle, vi propongo anche le Camille. Chi le conosce ? Sono le famose merendine ! Delle mini tortine alle carote e mandorle. Deliziose, delicate e morbidissime. Perfette a colazione e a merenda. Da impacchettare per i bimbi quando vanno a scuola. Da gustare alla sera dopo cena.

A dire la verità avevo già fatto delle simil Camille con i Muffin Bugs Bunny. Solo a posteriori mi ero accorta che quello che mancava era proprio lo stampo con le semisfere ! Finalmente qualche mese fa l’ho comprato e ora non mi ferma più nessuno!

Questa volta ho voluto provare la ricetta della bravissima Monique del blog “Miel & Ricotta”. Uno splendido blog sia per le ricette, che per le super foto, che per le storielle che racconta ad ogni ricetta. E spesso c’è davvero da divertirsi ! Ringrazio Monique per l’ottima ricetta delle Camille !
INGREDIENTI (14 Camille)
250 g di carote
140 g uova (poco meno di 3 uova medie)
100 g di farina di mandorle
100 g di succo d’arancia (ca. 1 arancia)
80 g di olio di semi
220 g di zucchero a velo
200 g di farina
1 bustina di vanillina
la scorza di ½ arancia
1 bustina di lievito per dolci (16 g)
1 pizzico di sale

Preparazione delle Camille, le mini tortine alle carote e mandorle

Pulite e pelate le carote e tagliatele a pezzetti. Il peso delle carote è indicato “al netto”, quindi sono da pesare solo dopo averle pulite.
Accendete il forno a 170° (statico).
Mettete le carote tagliate a pezzetti in un mixer o in robot da cucina insieme all’olio di semi e al succo di arancia. Dovrete ottenere una crema.

Pesate le uova. A parte, montate le uova con lo zucchero a velo, utilizzando delle fruste elettriche o la planetaria (frusta K o a foglia). Aggiungete la farina di mandorle, la vanillina, la scorza di arancia e il pizzico di sale. Amalgamate bene. Aggiungete la “crema di carote” e la farina setacciata con il lievito.

Per realizzare le Camille ho utilizzato lo stampo di silicone con 5 semisfere del diametro di 8 cm. Con questo stampo ve ne verranno fuori ca. 14, mentre se avete gli stampi di alluminio (come quelli che ha usato Monique), ve ne verranno ca. 10, dato che sono un pochino più profondi. Se non li avete, potete utilizzare gli stampi per muffin.
Imburrate gli stampi e versate all’interno il composto, fino ad arrivare ad 1 cm dal bordo. E’ importante trovare la giusta quantità in modo che il fondo non vi venga a cupoletta, ma rimanga piuttosto piatto.
Infornate a 170° per 25 minuti. Fate la prova stecchino.

Quando sono pronte, estraete lo stampo e appoggiate subito sopra della pellicola trasparente. In questa maniera, se la superficie era leggermente tondeggiante, tornerà magicamente piatta. Provare per credere. L’umidità che rimarrà all’interno vi garantirà anche una merendina morbidissima.

Aspettate che si raffreddino prima di assaggiarle !
Conservate le Camille all’interno dei “sacchetti gelo”. Potete anche congelarle.

Nota Nella ricetta di Monique è stato indicato 200 g. di zucchero a velo.

Personalmente ho preferito aggiungerne un pochino perchè mi sembravano un pochino poco dolci. Ma penso che dipenda anche dalle carote e dai vostri gusti.

Camille, le famose merendine alle carote e mandorle

Lascia un commento