Cod.001LE Boriss Cilevičs – La scelta.

Benvenuti

Cod.001LE Boriss Cilevičs – La scelta..

Cod.001LE

Cod.001LE Boriss Cilevičs - La scelta.
Boriss Cilevičs

La scelta

Doveva andare via già mezz’ora fa.
Victor era molto in ritardo, rischiando di non avere il tempo per l’ultimo autobus.
Non voleva lasciare suo padre.
Ha provato a pensare a qualcosa da dire per giustificare il suo ritardo…
Sembra che suo padre si sostenga come fosse un agile ragazzo, disse scherzando, ma i suoi movimenti sono lenti e insicuri sebbene 70 anni non sia un’età giovanile.
Sì, e la salute è normale.
Solo un mese fa ha fatto un test completo, insistette Victor.
E l’ha pagato, ovviamente.

I suoi occhi diventano turbati, estinti, guardando da qualche parte dentro, come se mio padre fosse altrove.
Davvero è tutto?
Le mani di suo padre erano d’oro.
Colleghi e subordinati lo rispettavano per la sua generosità e onestà.
Ma per tutta la vita gli è stato difficile adattarsi e padroneggiare nuove condizioni.
E non ha abilità per le lingue.
Ha provato ad imparare il lettone negli anni ’70, ma non è andato lontano.
Quando sono iniziati i cambiamenti, ha onestamente cercato di capirli per adattarsi ad essi.
Non vi è riuscito.
Victor ha provato a visitare suo padre spesso, è andato a malincuore a Riga, riferendosi ad una schiena malata.
Ha cercato di trovare argomenti, incoraggiare suo padre, ha portato un computer portatile abbastanza decente.

Dopo un po’, il padre ha imparato a padroneggiare internet, come un tecnico esperto, ma non ha mostrato alcun interesse particolare.
Victor sospettava che il computer fosse previsto solo per il suo arrivo.
La nostalgia è una sensazione comprensibile, umana, calda, ma quando la nostalgia diventa uno stile di vita – guai…
Victor fu tormentato dalla consapevolezza che gli era impossibile aiutarlo.
Lui stesso è entrato in una nuova vita, con relativa facilità.
Una classe media stabile, non solo apparente.
Per i figli, e in generale per tutto il mondo, è aperto.
L’anziano è un programmatore freelance, ha trascorso un anno in Tailandia, ha incontrato una ragazza lì, è andato da lei in Olanda, ora loro due saluteranno per andare in Australia – dice che a Lotte piacciono molto i canguri.
Il più giovane sta ancora finendo i suoi studi, ma è già in completa autosufficienza.
Se ci fosse l’opportunità di restituire tutto… il padre tornerebbe ad essere una persona rispettata. Va bene, tutti i tipi di bonus, lettere e permessi del comitato sindacale.

E i bambini?

Dalla Tailandia a lavoro sui Motorola – nella scuola sovietica, università e poi mns, nell’SRI a 155 rubli?
Quindici anni dopo – un appartamento a Plyavnieki, e a 20, forse, un comitato di partito schizzinoso permetterà di andare in Bulgaria per una settimana.
Questo sarebbe sorto proprio ora davanti a te… Mefistofele, genio, pesce rosso, veleno e avrebbe chiesto: “Vuoi? Deciditi! Come dici tu, sarà così! Scegli!”
Victor scosse la testa, tirò fuori il cellulare e controllò l’orario.
La rete qui è piuttosto debole, carica lentamente.
Dietro la curva apparivano i raggi che rimbalzavano dai fari.
Victor andò al trotto.

Neve umida cosparsa ai lati, mordendo vendicativamente le gambe sopra i calzini.
Raggiunto all’ultimo momento, l’autista aveva già attivato l’indicatore di direzione.
Con la coda dell’occhio notò un cartello – sì, un viaggio, Riga.
Qualcosa gli ha graffiato gli occhi, saltando sul bus.
Ho capito: è scritto in russo.
Internazionale, dalla Russia o dalla Bielorussia?
Non vanno qui, ed è improbabile che l’internazionale si fermi in questo angolo sordo.
Un vecchio di bell’aspetto sul sedile anteriore frusciava lentamente una carta.

Girata la pagina, la testa si precipitò a capofitto “Cīņa”.
Nella parte posteriore, due signore con ansia parlavano di una certa Tamara.
Victor si guardò intorno.
L’e-ticket del terminale non è visibile, con un salto è andato alla cabina del conducente.
L’autista accese un fiammifero, accese una sigaretta, senza voltarsi indietro, disse: “Quaranta cotini da qui.”
Prima che il conducente trovasse un rotolo di biglietti, opaco, caratteri rossi su carta giallastra, lattine vuote, monete tintinnanti, pila sottile di note ingiallite, intercettato farmacia gomma.
Sulla nota superiore sono state segnate lettere stilizzate viola: un rublo.
L’autobus si agitò sulla buca successiva, Victor non ebbe il tempo di afferrare il corrimano, colpì forte la fronte e perse conoscenza.

Quando il paziente chiuse la pesante porta bianca, il dottore sospirò e di nuovo sfogliò la storia di quel caso.
In realtà, il paziente non era il suo, era stato portato dall’ambulanza con un problema al cranio.
Va tutto bene, una leggera commozione cerebrale, ma la storia circa le circostanze della lesione – si suol dire – ha richiesto la consultazione di uno psichiatra.

Il dottore era esperto e sentiva qualcosa di insolito.
Il ragazzo è vestito un po’strano. Confuso, un po’ disorientato.

Il dottore si strinse nelle spalle. Ok, guarda.

Il dottore si strinse nelle spalle. Ok, vediamo. Forse la psicosi? Sulla base della Judophobia? Perché il nome è per il denaro: l’euro…

Narrativa – Finalisti premio

Cod.001LE

Cod.001LE Boriss Cilevičs – La scelta.

Cod.002LE

Cod.002LE Angela Maria Tiberi – Gioco d’amore a Sermoneta

Cod.003LE

Cod.003LE Caterina Guttadauro – La Storia siamo noi

Cod.004LE

Cod.004LE Liga Sarah Lapinska – Ritorna, Sulamith

Cod.005LE

Cod.005LE Ksenia Svetlova – Vestito

Cod.006LE

Cod.006LE Felice Maria Corticchia – Orrore giudiziario

Cod.007LE

Cod.007LE Liga Sarah Lapinska – Noi, sardine

Cod.008LE

Cod.008LE Valery Chursanov – Cronache dalla città di una bestia e di un uccello.

Cod.009LE

Cod.009LE Angela Maria Tiberi – Filomena Marturano

Cod.010LE

Cod.010LE Liga Sarah Lapinska – Ninnananna

DILA

Otto milioni

Lascia un commento