Cod.004LE Liga Sarah Lapinska – Ritorna, Sulamith

Benvenuti

Cod.004LE Liga Sarah Lapinska – Ritorna, Sulamith

Cod.004LE

Liga Sarah Lapinska – Ritornarti, Sulamith!

Qualcuno lo chiama Dio, un altro dice l’Amore.
Ha visto un pescatore, e penso che si senta molto solitario in tutte le sue vite.
Dio ha avuto la bontà di renderlo felicissimo ora e per sempre.

I suoi occhi, neri di Shlomo e verdi di Mara, s’incontravano sulla spiaggia di Murias.
Shlomo racconta a Mara che lui andrà a Falias con una missione diplomatica e propone a Mara di andare insieme a lui.
I

l palazzo di Bjorn è decorato con specchi inclinati.
Da bambino Bjorn ha visto una pietra che tremava nel gelo.
Lui ha strappato il suo cappotto e la coprì.

Poi Bjorn è diventato un pirata.

Hilde, prendendo la collana regalo di re Simone, ne calcola il valore approssimativo e poi, con lo stesso sguardo studia Shlomo, vestito in un indumento quasi trasparente.
Hilde subito accetta la proposta di diventare la moglie di Simone.

In Falias vivono tre streghe sorelle, che sono abili in entrambe la bianca e nera magia.
Le bianche magie non sono a richiesta, ma se qualcuno ha bisogno, paga poco, e poi dice “grazie!”
Le streghe sono in grado di trasformarsi in draghi che sputano fuochi pericolosi per la vita, pieni di gas.

Tre giovani Mara, Hilde e Shlomo, ben presto si precipitarono indietro.
In una delle caverne sono volati tre corvi, e si inginocchiarono vicino alla Mara riflettente e gracchiando, parlarono dei segreti dell’attacco al castello beige.

Poi i corvi strillavano: “Non rivelare a nessuno ciò che abbiamo detto qui tra di noi, ahi, sorellina! Altrimenti tu diventerà simile alle silenziose sculture nel giardino del tuo padre.
Mara si precipitò verso la tenda di Shlomo, ma non lo trovò lì.

Mara con lui parlerà nel giorno del matrimonio reale.
Il matrimonio è stato celebrato con gran lusso.
Shlomo si addormenta davanti alla porta della camera reale prima della mezzanotte, stanchissimo.
Né Shlomo né Simone venivano ammoniti prima.
Il re Simone nella sua camera reale va da solo.

Hilde rilegge nel suo ufficio la copia del contratto di matrimonio.
Hilde vede vicino a Mara il vecchio soldato Asher.
Poi vediamo quali pettegolezzi e accuse contro Mara, denunzie gratis, saranno creduti.
Suona il potente ronzio e gli alberi verso il castello si rompono.

I draghi uccidono e feriscono tanti.

Simone si rivolse a Dan, il suo giudice più onesto “Devo sapere chi è il colpevole dell’attentato contro di me, appena fatto. I colpevoli devono essere puniti, ma i salvatori, invece, premiati. Tutti sanno che io non sono avaro.”

Le seguenti parole espressive sono spronanti per tutti i denunzianti.

La Regina Hilde annota dai suo rotoli di pergamena nomi e nick dei suoi agenti.
Hilde completa la sua lista nera.
Ole, l’agente di Bjorn, dice “Uno dei leader dell’opposizione contro di te è Shlomo. Raccomando di far torturare Shlomo dai tuoi carnefici più abili, perché, forse, conosce la verità sui draghi neri. Mara, i soldati e le guardie sono i tuoi salvatori.”
Il soldato Asher racconta la storia vera.
Quello, che racconta il soldato Asher è confermato da un gran numero di presenti.
Levi attende quando il processo noioso finirà.

Shlomo viene legato alla ruota della tortura, nudo, e frustato.

Per il suo terzo crimine, l’attentato contro di me, gli taglierò la testa.”
“La testa, oh re Simone, è più colpevole, tu non puoi ridurre la pena”.

E Mara espressivamente guarda al collo massiccio di Hilde
“Tre corvi mi hanno dichiarato che, esattamente a mezzanotte, un gran pericolo minaccia sia te, sia Shlomo”.

Mara si siede sul trono decorato dei fiori dolci.
Il freddo del marmo sale fino a raggiungere il suo cuore.
Poi la scultura di Mara viene trasferita al giardino di suo padre scultore.

“Punirò Shlomo per un anno ai lavori forzati. Per un anno, e tutto fatto.
S’avvicina il giorno, quando ritornerà Shlomo.
Il viso di Mara diventa radiante, e le sue labbra ancora sono fiori per il suo sorriso di farfalla.
Hilde invita al galà Levi che nella sua carrozza aspetta Shlomo davanti alle alta mura.
Misuriamo il tempo con la speranza.

Ritorna, dunque, Sulamith , tale come eri, così come io tornerò da te, Shlomo, le ha detto.
Un giudice onesto assomiglia a un buon medico, che combatte in favore di ogni vita predestinata alla morte, contro il colera e contro l’ascia del carnefice.

Più a lungo sulla terra di Murias s’infuria Hilde, più spesso a Dan sembra, che lui combatte inutilmente.
Come sta Mara?” Shlomo chiede al suo amico Levi.
Mara è in uno dei giardini pubblici del re Simone e mostra la collezione reale di oggetti d’oro. Non parla con nessuno, perché è stata presuntuosa.”
Mara per tutta la giornata splende e gli uccelli cantano attorno a lei, i loro canti alti per l’amore eterno.

Allora Shlomo tornerà da lei dopo un anno.

Le gemme dei fichi nella prossima primavera invischiati in una mattina chiarissima.
Le gambe di Shlomo lo portano sul giardino ombreggiato.
Lui s’avvicina a Mara.
Lui piange lacrime calde di rimorso.
Sarà l’anima di Shlomo abbastanza forte dopo troppi anni di attesa?

Adesso Shlomo sa tutta la verità.

Cod.004LE Liga Sarah Lapinska - Ritorna, Sulamith

Narrativa – Finalisti premio

 

Cod.001LE

Cod.001LE Boriss Cilevičs – La scelta.

Cod.002LE

Cod.002LE Angela Maria Tiberi – Gioco d’amore a Sermoneta

Cod.003LE

Cod.003LE Caterina Guttadauro – La Storia siamo noi

Cod.004LE

Cod.004LE Liga Sarah Lapinska – Ritorna, Sulamith

Cod.005LE

Cod.005LE Ksenia Svetlova – Vestito

Cod.006LE

Cod.006LE Felice Maria Corticchia – Orrore giudiziario

Cod.007LE

Cod.007LE Liga Sarah Lapinska – Noi, sardine

Cod.008LE

Cod.008LE Valery Chursanov – Cronache dalla città di una bestia e di un uccello.

Cod.009LE

Cod.009LE Angela Maria Tiberi – Filomena Marturano

Cod.010LE

Cod.010LE Liga Sarah Lapinska – Ninnananna

DILA

Otto milioni

Lascia un commento