Cod.008LE Valery Chursanov – Cronache dalla città di una bestia e di un uccello.

Benvenuti

Cod.008LE Valery Chursanov – Cronache dalla città di una bestia e di un uccello.

Cod.008LE Valery Chursanov - Cronache dalla città di una bestia e di un uccello.

Cod.008LE

Valery Chursanov

Cronache dalla città di una bestia e di un uccello.

Ho diffuso immagini e testi su argomenti politici su Internet.
Secondo gli eventi in Russia (Federazione Russa).
Migliaia, decine di migliaia di argomenti.
La gente è entrata in questi argomenti e ha espresso le proprie opinioni sugli eventi nel paese.

Quindi, una mattina ho ricevuto una telefonata.
Una voce maschile si presentò come un addetto del Ministero degli Affari Interni (un ufficiale di polizia di un dipartimento speciale) e mi informò che erano interessati alle mie pubblicazioni sui social network.
Presumibilmente perché i miei insulti offendono: “L’esercito russo e il popolo russo e la loro dignità”. mi è stato chiesto gentilmente di andare da loro alla stazione e dare spiegazioni.

Al che ho rifiutato e ho aggiunto che è meglio per loro fare il loro dovere e catturare gangster e non raccogliere pettegolezzi dal World Wide Web.
Non sono affari loro ciò che scrivo.
E ho il diritto di esprimere liberamente i miei pensieri.
Ho smesso di parlare di questo.
Ma non sospettavo ancora di avere già affari con veri banditi in uniforme.
Avevo già dimenticato questa chiamata.
Ma una settimana dopo, alla sera, alle sette in punto fu bussato alla mia porta: “Aprire, la polizia!”.

Sulla soglia il poliziotto scuote un fascio di carte e mi invita ad andare nel loro dipartimento dove devo essere interrogato sui miei calcoli su Internet e dovrebbero anche guardare il mio computer. Ho risposto che non andrò da nessuna parte e non controllerò nulla, soprattutto senza documenti ufficiali.
L’agente ha detto che presto sarebbero arrivati con documenti per portarmi al dipartimento.
Alcuni giorni dopo (circa tre giorni dopo) hanno nuovamente bussato alla mia porta: “Apri la polizia!”
Non l’ho aperto, stavo parlando attraverso la porta.
C’erano diversi poliziotti.
Almeno due.
Una voce ha dichiarato di essere il capo del sito: Denis Vladimirovich Chernikov maggiore del dipartimento di polizia del distretto di Leninsky, ufficiale di polizia distrettuale di alto livello.
E ha detto che ero convocato al dipartimento del ministero dell’Interno secondo il capitolo “E” (estremismo).
Ha detto che mi stavano aspettando al dipartimento dove mi avrebbero interrogato sui miei incarichi politici.

A cui ho risposto che senza il mio difensore o avvocato dei diritti umani non sarei andato da nessuna parte senza documenti ufficiali da parte loro.
Il poliziotto fuori dalla porta ha chiesto ossessivamente quando avrebbero potuto prendermi e quando sarei stato a casa per prendermi.
Avendo ricevuto risposte evasive, se ne andarono.
Hanno promesso di venire dopo di me dopo una settimana, ma due giorni dopo c’è stato un altro bussare alla porta. “Apri la polizia!”
Spensi la luce e rimasi in silenzio come un topo.

Il poliziotto era apparentemente solo.
Ha chiamato i miei vicini. Loro hanno risposto qualcosa attraverso la porta. È andato dagli altri vicini, l’hanno aperto, gli hanno risposto qualcosa… dopo pochi minuti se ne è andato.
Ciò è andato avanti diverse volte.
Sono venuti in due, per tre giorni, a bussare e raspare alla porta.
Mia moglie ed io abbiamo raccolto le cose necessarie, soldi, telefoni mobili scollegati e siamo scappati via.
Ho vagato per due mesi tra amici e appartamenti.
Abbiamo preso con noi tre gatti.
Urlavano di notte come lupi.

La polizia venne chiamata dai nostri vicini e li interrogò su di me.
Sono in allarme.
Non ti dirò i dettagli delle mie peregrinazioni.
In breve: molti erano spaventati, amici e conoscenti.
Alle mie richieste di aiuto, tutti hanno riferito di essere improvvisamente in altre città, da qualche parte, che stavano partendo urgentemente o semplicemente hanno smesso di rispondere alle chiamate spegnendo i loro telefoni.
C’erano anche alcuni che mi offrivano aiuto e denaro e riparo, case e stanze.
E questi erano sia conoscenti che persone che non mi conoscevano affatto residenti in città e paesi diversi: da San Pietroburgo, da Mosca, dagli Stati Baltici, dall’Ucraina!
Grazie a loro!
Ora sono ancora a casa, non so cosa avverrà domani
Ho un piano…

(Traduzione di Liga Sarah Lapinska)

Narrativa – Finalisti premio

Cod.001LE

Cod.001LE Boriss Cilevičs – La scelta.

Cod.002LE

Cod.002LE Angela Maria Tiberi – Gioco d’amore a Sermoneta

Cod.003LE

Cod.003LE Caterina Guttadauro – La Storia siamo noi

Cod.004LE

Cod.004LE Liga Sarah Lapinska – Ritorna, Sulamith

Cod.005LE

Cod.005LE Ksenia Svetlova – Vestito

Cod.006LE

Cod.006LE Felice Maria Corticchia – Orrore giudiziario

Cod.007LE

Cod.007LE Liga Sarah Lapinska – Noi, sardine

Cod.008LE

Cod.008LE Valery Chursanov – Cronache dalla città di una bestia e di un uccello.

Cod.009LE

Cod.009LE Angela Maria Tiberi – Filomena Marturano

Cod.010LE

Cod.010LE Liga Sarah Lapinska – Ninnananna

DILA

Otto milioni

Lascia un commento