NA05 – Liga Sarah Lapinska – Fiaba bianca

Benvenuti

NA05 – Liga Sarah Lapinska – Fiaba bianca

NA05 Liga Sarah Lapinska – Fiaba bianca pdf

Fiaba bianca

Siamo nati per creare questo mondo più felice.
La star di David è stata a lungo vestita con il vestito di Sarah.

La radio è permesso ascoltarla, ma a lei non piace sentire le intonazioni di lei stessa o di quelli che lei conosce bene.

Bravi, coloro che protestano contro le vivisezioni dei topi bianchi.

È, in nome della scienza, per i chimici identificare i medici più efficaci.

Noi, umani, non siano più protetti.

Troppo curiosi guardano che cosa vediamo morendo o in vertigini.

Nirvane?
Dei?
I nostri cari?

Sarah riceve persino le lettere nel campo in cui è stata imprigionata.

Da più di un anno il suo telefono era bloccato.
Con le pause.

Troppo curiosi vogliono sapere a chi Sarah avrebbe chiamato e scritto per primo.
Come si sentiva leggera nei pini di Rumbula.

Il terreno è in fessure e le cortecce degli alberi piangono silenziose, ma non c’è da ridicolizzare le vittime.

Kaddish.

L’amore di Sarah è stato portato in un campo in cui i visitatori non sono ammessi.
Nessuno le impedisce di accarezzare il muro quasi bianco.

Gabriel, il suo amico, entra nella baracca.

Ha sempre vissuto con uno slogan sulle labbra: “Tutto ciò che cambia sta cambiando in meglio” e ha Sarah, che lo starà sempre aspettando, quindi deve sopravvivere.

Inoltre morire insieme a tutti.

Forse Gabriel fu trascurato nella sua vita e, come uomo vero, ha picchiato qualche gran signore, ma lui non è un terrorista o un assassino.

Il campo è più o meno lo stesso come nelle storie dei sopravvissuti dell’Olocausto.

Qualcuno piange o prega i suoi Dei.
-Perché piangi, ragazzo? Mi chiamo Gabriel. Domani, definitivamente, impareremo a conoscerci.
“Hava Nagila, Nagila Hava”, canta Gabriel.
Non una canzone di lutto.

Gabriel è convocato per un interrogatorio il mattino seguente.

Gabriel sa chiaramente che l’invito è un equivoco che è probabile si chiarisca nell’ufficio il giorno stesso.

Dalle chiare pareti nessuno è stato in grado di lavare le macchie di sangue.

Il sarto dice che ha le volpi e persino la pelliccia di leopardo, le pelle di cervo e di maiale.

Si può regalare un paio di pelli di cervo all’interrogante.

Dopo una settimana, il sarto viene sparato e il suo laboratorio in quanto nascondiglio dei partigiani, viene confiscato.

Gli atleti con fruste nelle mani stanno alle spalle delle vittime.

L’investigatore non rivela a Gabriel la causa dell’arresto.

Gabriel ha gli occhi grandi, il naso d’aquila e la bocca di linee graziose.

Con molto piacere gli atleti, spogliandolo, frustano Gabriel e poi uno dai loro con il suo stivale pesante colpisce la faccia di Gabriel.

Solo nella baracca, Gabriel sente l’accusa d’essere un complice ostile di un killer politico, poiché ebreo.

In realtà, sua madre è ebrea, ma il padre russo.

Chi ha inventato quel killer politico?

Certo, costruttori dei campi e dei sistemi di ghetto e di torture.

Gabriel parla con Roberts, il ragazzo che ha pianto prima.

Ha la tubercolosi e teme di essere sparato subito se gli atleti sapranno della sua malattia.

Usa un trucco per mascherare la sua pelle pallidissima.

Gabriel sorride con le labbra sanguinanti e dice che Robert si riprenderà definitivamente.

Qualcuno è riuscito a far visitare il campo al personale della Croce Rossa con giornalisti coraggiosi, provenienti da un altro paese, perché l’esistenza dei campi di sterminio in questo paese è negata.

I prigionieri ricevano i vestiti nuovi.
Nella baracca si sposta un palmo nell’angolo, mentre sulla parete viene appesa la riproduzione di “Guernica”

Nella sera blu attraverso la finestra, il 4 aprile, una farfallina bianca vola direttamente da Gabriel.

Temendo che si brucerà sulla fiamma, Gabriel insieme con un altro prigioniero, Laimonis, salvano l’anima bianca.

Le ali piccole vibrano nella braccia di Gabriel come il cuore.

Poi la farfallina bianca vola via nella notte scura.

Alla fine di aprile, tutti i prigionieri furono rilasciati e, forse dopo dieci anni, sarebbero stati risarciti, non a causa delle ossa che erano già aumentate, ma perché erano detenuti senza prove sufficienti.

Profumano i gelsomini già.
Gabriel si precipitò da Sarah con un cappellino bianco.

Sarah era una di quelle che non solo desideravano, ma scrisse e scrisse per liberare Gabriel e gli altri.

Uno dei vicini di Sarah, Sergey, mostra a Gabriel la tomba di Sarah, morta il 4 aprile.
Probabilmente, per un attacco drl suo cuore agitato.

Un giorno prima, sorridente, ha dato il suo dipinto appena finito “White Waterfall Music” a un suo vecchio amico impiegato, con la speranza che egli pensasse a quelli che cantano nei campi della morte.

Liga Sarah Lapinska

NA05 – Liga Sarah Lapinska – Fiaba bianca

Lascia un commento