La solitudine nei film di Philip Groening

La solitudine del mondo tra smarrimento e

straniamento nell’opera di Philip Groening

Un particolare modo di porre attenzione all’uomo, al suo percorso emotivo tra la ricerca di autentici legami e risposte al senso del suo destino, la sua tendenza ad isolarsi per fuggire Philip Groeninga situazioni di disagio, e ancora il soffermarsi sul tempo che passa e che resta, che crea distanze e avvicina, sono affrontati in modo personale e originale dal grande regista Philip Groening nei suoi film. Autore di fama internazionale, affermatosi con il documentario Il grande silenzio che gli valse anche l’European Film Award 2006, e vincitore del Premio Speciale della Giuria nel 2013 al festival di Venezia con La moglie del poliziotto, Groening (Düsseldorf, 7 aprile 1959) esplora le emozioni dell’uomo tra ansie e paure, conflitti interiori e desiderio di cambiamento, dando risalto ai difficili rapporti tra le persone, alla violenza che spesso divide gli stessi uomini, toccando anche questioni legate al disagio della società tedesca prima della caduta del Muro.

Sommer

Roma dedica a questo cineasta tra i più apprezzati del cinema contemporaneo internazionale una rassegna di tre giorni presso il Cinema Trevi a Roma dal 27 al 29 novembre 2015 ad ingresso libero. L’evento LO SGUARDO DI PHILIP GROENING, patrocinato da MiBACT- Direzione Generale Cinema, Ambasciata Tedesca, Regione Lazio, Roma Capitale, Roma Lazio Film Commission, cui parteciperà lo stesso autore, presenterà nel corso delle tre giornate cinque lungometraggi e due cortometraggi per entrare nel vivo del pensiero di questo regista che guarda con attenzione e senza giudizi alla solitudine del mondo in cui l’uomo è tormentato, chiuso in un proprio universo interiore e in conflitto con la realtà esterna.

Si procede così dall’entrare nei meccanismi complessi del difficile, delicato e commovente rapporto tra un padre e un figlio autistico come in Sommer, suo primo film del 1986 alla descrizione di fatti di cronaca come quella del terzo film Die Terroristen su un tentato attacco terroristico, spia del disagio della società tedesca al tempo della riunione delle due Germanie, per arrivare all’analisi di situazioni estreme legate a scelte di vita come in Opfer. Zeugen del 1993 dove una coppia di punk rocker viene aggredita da una banda di naziskin, o a situazioni di fuga dal proprio mondo come in L’amour, l’argent, l’amour. Qui i protagonisti il giovane David e Marie una prostituta sono infatti in fuga dal proprio mondo, uniti in un viaggio da Berlino verso la Normandia. Due solitudini unite dall’amore verso ciò che è ancora da scoprire. Il film è stato premiato per la miglior interpretazione femminile al festival di Locarno del 2001. Scelte di vita estreme sono anche, in termini diversi, quelle dei frati certosini relegati alla vita del convento tra preghiera e ascolto mistico come presentato dal documentario Il grande silenzio. girato presso Grenoble a cogliere gli spazi austeri e silenziosi dai ritmi lenti di uno dei monasteri più antichi del mondo. Entro queste sequenze dove si respira una vita mistica, misteriosa e di conforto insieme, si intrecciano quasi a fondersi il canto e la preghiera, l’impercettibile movimento dell’acqua in superficie del fonte battesimale e il buio delle arcate a suggerire un’altra possibilità per ritrovare se stessi e salvarsi, ormai lontani da malesseri e situazioni difficili.

Silvana Lazzarino

LO SGAURDO di Philip Groening

Cinema Trevi

Vicolo del Puttarello 25-  Roma

Proiezioni lungometraggi e cortometraggi del regista

Tre incontri con il regista. Modera Mario Sesti

27 e 28.11.2015 alle ore 20.00  e 29.11.2015 alle ore 18.00

Per informazioni: www.bluedesk.it; telefono: 06 678 1206

Ingresso libero

Programma dei film e cortometraggi durante le tre giornate 27-28-29 novembre

 venerdì 27

ore 18.00 Sommer di Philip Groening (1986, 105′)

Un uomo passa l’estate su un lago di montagna con il figlio di sei anni, autistico dalla nascita. In un bianco e nero espressivo assistiamo al tentativo di un padre di stabilire una comunicazione impossibile con il proprio figlio. Rapportandosi con un mondo senza regole, senza parole che abbiano un significato.

ore 20.00 Incontro moderato da Mario Sesti con Philip Groening

a seguire

Il grande silenzio di Philip Groening (2005, 160′)

Uno dei documentari più premiati della storia del cinema. Un ritratto potente e delicato di un mondo immerso nel silenzio e nell’austerità. Groening ha ottenuto il privilegio di essere il primo ad entrare nel monastero dei Certosini con una telecamera, riuscendo nell’intento di raccontare la vita monastica scandita dal ritmo della ripetizione.

sabato 28

ore 18.00 Opfer.Zeugen di Philip Groening (1993, 25′)

Il film fa parte della serie Neues Deutschland, viaggio nella Germania degli anni ’90 a firma di cinque registi molto eterogenei. Tema unificante è la rinascita della violenza nazista. Groening, nel suo segmento Opfer.Zeugen, racconta attraverso l’occhio del documentario una coppia punk rocker attaccata e quasi uccisa dai naziskin.

a seguire Stachoviak di Philip Groening (1988, 35′)

Bernhardt Stachoviak è quello che definiremmo un normale cittadino. Impiegato alle poste, celibe, di buona salute. Questa è la sua storia, la storia di un uomo che sogna solo di essere come gli altri, a tutti i costi. Anche contro se stesso.

ore 20.00 Incontro moderato da Mario Sesti con Philip Groening

a seguire La moglie del poliziotto di Philip Groening (2013, 175′)

Una giovane coppia, una bambina dolcissima, una casa accogliente e una bellissima campagna che li circonda. Implacabilmente dietro i volti puliti e gli sguardi sorridenti matura la violenza. Premio Speciale della Giuria al Festival di Venezia, 59 quadri di grande rigore estetico che hanno fatto innamorare il presidente della giuria Bernardo Bertolucci.

domenica 29

ore 18.00 Incontro moderato da Mario Sesti con Philip Groening

a seguire L’amour, l’argent, l’amour di Philip Groening (2001, 128′)

Inverno. Berlino. Un ragazzo e una ragazza. Un incontro tra due solitudini senza identità. David vaga per la città in bici, con il braccio ingessato. Marie si guadagna da vivere sul marciapiede. David lascerà la città e Marie lo seguirà. Grande interpretazione dell’esordiente Sabine Timoteo, che ha vinto il Pardo per la miglior attrice al Festival di Locarno.

a seguire Die Terroristen di Philip Groening (1992, 93′)

Durante la riunificazione delle due Germanie, Claudia, Jürgen e Michael – tutti intorno ai vent’anni – pianificano un attentato per uccidere un importante uomo politico. Si finanziano con una rapina, affittano un appartamento per studiare il percorso e le abitudini dell’uomo, preparano una macchina telecomandata piena di esplosivo. Il giorno fatidico arriva, ma qualcosa va storto…

Hits: 0

Il Dispari 2015-11-23

    Il Dispari 2015-11-23

    Il Dispari 2015-11-23

    Editoriale

    Sabato 21 e domenica 22 Novembre le Associazioni DILA, AICS e Il Germoglio hanno realizzato le prime due serate d’incontri culturali previsti nel programma di celebrazione dei vincitori della quarta edizione del premio internazionale di poesia “Otto milioni”.

    Nella Casa dei Popoli di Barano (Circolo Dragone) si sono ritrovati scrittori, pittori, musicisti ed appassionati delle sette muse, tutti insieme intorno al progetto di amicizia nel nome dell’Arte che si è avvalso della Direzione Artistica di Roberta Panizza.

    Pasquale “Dragon” Di Costanzo, campione del modo ed eclettico anfitrione, ha introdotto le serate a tema dedicate, la prima alla premiazione dei vincitori di “Otto milioni”, e la seconda alla mostra “Cinque elementi per i cinque sensi: legno, metallo, terra, fuoco, acqua” allestita insieme ad una interessante rassegna fotografica di luoghi e tradizioni cinesi.

    Vincenzo Savarese, storico personaggio delle iniziative che Roberta Panizza ed io andiamo proponendo dal quasi un decennio, e Ylenia Pilato giovane Socia Fondatrice di DILA, hanno curato lo svolgimento delle serate.

    Molto apprezzati dai numerosi invitati sono stati i due concerti eseguiti dal soprano Paola Occhi accompagnata al pianoforte da Santina Amici.

    La poetessa Silvana Lazzarino ha sfidato, in compagnia del marito, le intemperie meteorologiche e il forte mare di scirocco per venire da Roma a ritirare personalmente la pergamena vinta per aver conquistato il secondo posto assoluto nella classifica del premio Otto milioni.

    La ringraziamo per la grande considerazione che ha dimostrato nei confronti del nostro premio!

    Durante le prossime settimane sarà nostra cura approfondire il valore culturale, turistico e spettacolare di queste performance, mentre ora ci limitiamo a pubblicare le notizie relative ai premi consegnati e qualche foto.

    Vi ricordiamo che il programma continuerà nei giorni 27, 28 e 29, sempre nella Casa dei Popoli, con altri simpatici incontri d’amicizia e di Arte.

    Bruno Mancini

    Paola Occhi

    Il Dispari 201511123

    Angela Maria Tiberi, che ha ottenuto il primo posto nella quarta edizione del premio internazionale di poesia “Otto milioni”, desolata per non aver potuto partecipare alla cerimonia di premiazione, ha voluto omaggiarci scrivendo queste due bella poesie che pubblichiamo volentieri in anteprima assoluta.

    Grazie Angela.

    ISCHIA

    Isola dei sogni e dell’amore.
    Fai sognare anche gli increduli,
    i depressi per l’avidità del mondo
    malvagio senza limiti che
    spoglia gli oppressi fino al midollo osseo.
    Sei un incanto!
    Neanche i poeti e i pittori illustri potranno immortalare
    in parole e colori la tua bellezza infinita.
    Sai farti amare anche dai rei
    riconvertendoli ai valori eterni di vita.
    T’amo per i ricordi che lasci anche a me…
    povera mortale.
    LIBERO DE LIBERO

    Declamavi l’amore ai luoghi da te amati.
    La bella Ciociaria era nelle tue vene.
    Roma era nel tuo cuore.
    Fondi era impressa nella tua anima.
    Eri un poeta incompreso dai tuoi concittadini
    amati come la pula al vento.
    Le viuzze e il castello di Fondi
    sono stati riscattati dai tuoi versi ermetici.
    Un poeta d’amare sei tu.
    Eternamente ai miei sogni senili,
    insieme al mio passato di gioventù
    felicemente trascorso nell’AGRO PONTINO.
    Tutto scompare nell’imbrunire della sera.
    Ama, resta soltanto il tuo divenire
    trasformato in versi
    come la sofferenza umana in gioia di vivere.
    Mio divino poeta, resti dentro il mio cuor affranto nella parvenza umana.

    ANGELA MARIA TIBERI

    Pergamena Angela Maria Tiberi

    Il Dispari 201511123 tutto comp

    Classifica finale quarta edizione premio internazionale di poesia “Otto milioni

    Prima classificata
    Cod. 24
    Angela Maria Tiberi
    ARTISTA

    Seconda classificata
    Cod. 04
    Silvana Lazzarino
    INASPETTATAMENTE L’AMORE

    Terza classificata
    Cod. 32
    Franco Maccioni
    UNA SPERANZA DI PACE

    Quarta classificata
    Cod. 12
    Antonio Mencarini
    IL TUO RICORDO

    Quinta classificata
    Cod. 05
    Elisa Ruthenberg
    SONNO TRANQUILLO

    Sesta classificata pari merito
    Cod. 22
    Antonella Ronzulli
    ANGOLI DI CUORE

    Sesta classificata pari merito
    Cod. 11
    Rosanna Affronte

    Da Sinistra Silvana Lazzarino secondo premio Otto Milioni - Paola Occhi soprano - Santina Amici Pianista

    La Giuria composta da Marcello De Rosa, Marco Pinto, Ida Trofa, Ugo De Rosa, Ignazio Di Frigeria, Maria Funiciello, in tutta autonomia e in assoluta indipendenza dalle votazioni già effettuate ha premiato le seguenti cinque poesie tra quelle finaliste del premio “Otto milioni -2015″ (tutte a pari merito). Ciascuna di esse ha ricevuto una pergamena e riceverà la successiva pubblicazione della lirica su questa pagina.

    Marcello De Rosa, nominato Presidente della Giuria, poche ore fa ci ha comunicato l’esito della votazione che ha designato all’unanimità le seguenti poesie come meritevoli dei premi suddetti:

    Cod. 09
    Celestina Carofiglio
    FOGLIA ARSA DAL SOLE

    Cod. 14
    Marta Zemgune
    IN QUALCHE LUOGO TRA…

    Cod. 25
    Calogero Pettineo
    NEI MOMENTI BUI, HO TE

    Cod. 28
    Liga Lapinska
    TI TACERò

    Cod. 31
    Emanuela Di Stefano
    IL BOZZOLO

    DILA Il Dispari EXPO

    EXPO Bruno 3

    Il Dispari 2015-11-20

    Foto opere esposte mostra 20151121 (2)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (4)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (5)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (6)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (7)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (8)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (3)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (11)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (12)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (14)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (16)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (26)

    Foto opere esposte mostra 20151121 (27)

    Il Dispari 201511120 comp

    Le Associazioni L’AICS – CONI & Da Ischia L’Arte – DILA,

    con l’alto patrocinio della Regione Campania, presentano il programma d’incontri culturali relativo alla cerimonia di premiazione delle poesie vincitrici della

    IV edizione del Premio internazionale di poesia “Otto milioni”

    (ideato da Bruno Mancini con la direzione artistica di Roberta Panizza)

     21/29 Novembre 2015

    Casa dei Popoli (Circolo Il Dragone) di Barano d’Ischia

    Sabato 21 ore 19.00

    Cerimonia di premiazione dei vincitori di

    Otto milioni” 2015.

    Presenta Vincenzo Savarese.

    Nel corso della serata  il soprano

    Paola Occhi,

    accompagnata al piano da

    Santina Amici,

    eseguirà il concerto

    “Meravigliosamente Retrò”.

    Domenica 22 ore 19.00

    Inaugurazione della mostra

    “Cinque elementi per i cinque sensi:

    legno, metallo, terra, fuoco, acqua“.

    A seguire, concerto del soprano

    Paola Occhi.

    Venerdì 27 ore 19.00

    I chakra e la filosofia orientale

    a cura di

    Gianni Vuoso

    (Associazione culturale “Il Germoglio”).

    Sabato 28 ore 19.00

    Reading di prose e poesie tratte dell’antologia

     

    “Da Ischia L’Arte”

    edita dalla LITHO commerciale.

    Attori, scrittori, performers potranno intervenire liberamente alla serata interpretando uno o più testi scelti dall’antologia.

    A cura di

    Katia Massaro,

    con la partecipazione di

    Pasquale “Dragon” Di Costanzo.

    Domenica 29 ore 19.00

    Gran galà del Premio Otto Milioni

    con le musiche di

    Enzo Salvia

    tratte dal c.d. “Nelle bugie dei sogni”

    _______________________________________________________________________________________

    La mostra “Cinque elementi per i cinque sensi:

    legno, metallo, terra, fuoco, acqua” resterà aperta tutti i giorni dalle 17.00 alle 19.00 fino al 29 Novembre

    Le serate saranno animate dal pianista

    Jenny Depp

    È annunciata la presenza di Autori partecipanti al premio “Otto Milioni” e di Artisti di varie discipline.

    Casa dei Popoli (Circolo culturale Il Dragone) Via Corrado Buono 42 – Barano d’Ischia

    Info: tel. 330443964 – e-mail emmegiischia@gmail.com

    Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”

    Circolo sportivo culturale “Il Dragone”

    Associazione culturale “Il Germoglio”

     

    Il Dispari 201511120 tutto comp

    EXPO Bruno 3

    Il Dispari 2015-11-16

    Editoriale

    Durante la settimana che è trascorsa sono accaduti avvenimenti degni di essere citati in questo editoriale, così come sono tantissime le iniziative prossime e future che avrebbero diritto ad essere qui indicate, però, questa volta, desidero tornare alle mie origini di “narratore” proponendovi un bozzetto di vita che mi ha davvero emozionato molto.

    Meraviglioso
    Per la serie Esopo news

    Tutti noi sappiamo che possono esserci milioni di modi per apprezzare il bello della vita e, chi più chi meno, tutti noi abbiamo uno o numerosi aneddoti da raccontare se vogliamo metterci in bella mostra entrando nell’argomento.
    Quel grande trascinatore di masse che fu Domenico Modugno, celeberrimo per il suo sogno di “Volare”, forse si avvicinò alla poesia con

    “Meraviglioso, ma come non ti accorgi
    di quanto il mondo sia meraviglioso
    meraviglioso, perfino il tuo dolore
    potrà apparire poi meraviglioso
    ma guarda intorno a te
    che doni ti hanno fatto
    ti hanno inventato il mare
    tu dici: “Non ho niente”
    ti sembra niente il sole
    la vita, l’amore.
    Meraviglioso, il bene di una donna
    che ama solo te. meraviglioso
    la luce di un mattino
    l’abbraccio di un amico
    il viso dì un bambino, meraviglioso.

    Ed è proprio questa parola “Meraviglioso” che desidero assegnare ad un avvenimento che abbiamo vissuto a Milano durante i giorni in cui siamo stati giullari tra piazze e teatri cittadini proponendo i nostri progetti culturali con i sigilli dell’EXPO e di Bookcity.
    Che io sia un tifoso del Napoli da quasi tre quarti di secolo è fuori dubbio allo stesso modo di come è certo che i napoletani tifosi del Napoli, ma residenti in altre regioni/nazioni, siano morbosamente attenti e partecipi a tutto ciò che i mezzi d’informazione trasmettano della nostra squadra /passione.
    Per chiarezza preciso che, nella particolare situazione della quale sto scrivendo, mi riferisco alle partite di calcio trasmesse dai canali televisivi.
    Quando in TV c’è il Napoli, i napoletani (tifosi del Napoli) emigrati e residenti lontano da Napoli non ammettono distrazioni: quelle due ore (almeno due ore) sono dedicate al “ciuccio”.

    Durante il nostro tour milanese, siamo venuti in contatto con una famiglia composta da tre napoletani e da una siciliana residenti a Olginate.
    Si tratta di una sorella e di un fratello napoletani felicemente sposati con un napoletano ed una siciliana: tutti tifosi del Napoli fino al punto d’aver costituito nell’anno dello scudetto un club “Forza Napoli”.
    Arrivo, infine, alla ragione per la quale desidero assegnare il titolo di “Meraviglioso” all’avvenimento che abbiamo vissuto, Pasquale “Dragon” Di Costanzo ed io, in casa di Michele Cozzolino.
    Al momento della cena, la tavola era un tripudio di cibi consoni alla nostra tradizione culinaria, non mancava nulla: dalle lasagne all’uva e dal pane casereccio alla Falanghina dei campi Flegrei.
    Naturalmente, poiché il Napoli giocava una delle partite più importanti del suo campionato confrontandosi con la Fiorentina, anche la tv era accesa e faceva a gara con le prelibatezze della tavola per catturare l’interesse di tutti noi.
    Il “Meraviglioso”si è evidenziato allorquando ho preso la videocamera e ho iniziato ad interloquire con tutti loro proponendo argomenti collegati alle nostre tradizioni “paesane” in intrecci con le proposte poetiche e culturali “internazionali” che loro avevano avuto modo di conoscere durante le precedenti tappe del nostro tour EXPO-Bokcity.
    A quel punto è accaduto l’incredibile perché tutto l’interesse collettivo si è spostato sulla lettura delle poesie.
    Le lasagne non hanno fatto più gola.
    La partita Napoli-Fiorentina è diventata un opzional.
    La poesia, per una volta, ha vinto.
    Questo è meraviglioso.

    Bruno Mancini

    Da Ischia L'Arte copertina bozza 6

    Le Associazioni L’AICS – CONI & Da Ischia L’Arte – DILA,

    con l’alto patrocinio della Regione Campania, presentano il programma d’incontri culturali relativo alla cerimonia di premiazione delle poesie vincitrici della

    IV edizione del Premio internazionale di poesia “Otto milioni”

    (ideato da Bruno Mancini con la direzione artistica di Roberta Panizza)

     21/29 Novembre 2015

    Casa dei Popoli (Circolo Il Dragone) di Barano d’Ischia

    Sabato 21 ore 19.00

    Cerimonia di premiazione dei vincitori di

    Otto milioni” 2015.

    Presenta Vincenzo Savarese.

    Nel corso della serata  il soprano

    Paola Occhi,

    accompagnata al piano da

    Santina Amici,

    eseguirà il concerto

    “Meravigliosamente Retrò”.

     

    Domenica 22 ore 19.00

    Inaugurazione della mostra

    “Cinque elementi per i cinque sensi:

    legno, metallo, terra, fuoco, acqua“.

    A seguire, concerto del soprano

    Paola Occhi.

     

    Venerdì 27 ore 19.00

    I chakra e la filosofia orientale

    a cura di

    Gianni Vuoso

    (Associazione culturale “Il Germoglio”).

     

    Sabato 28 ore 19.00

    Reading di prose e poesie tratte dell’antologia

    Da Ischia L'Arte copertina tutto bozza 4 OK comp

    “Da Ischia L’Arte”

    edita dalla LITHO commerciale.

    Attori, scrittori, performers potranno intervenire liberamente alla serata interpretando uno o più testi scelti dall’antologia.

    A cura di

    Katia Massaro,

    con la partecipazione di

    Pasquale “Dragon” Di Costanzo.

     

    Domenica 29 ore 19.00

    Gran galà del Premio Otto Milioni

    con le musiche di

    Enzo Salvia

    tratte dal c.d. “Nelle bugie dei sogni”

    _______________________________________________________________________________________

    La mostra “Cinque elementi per i cinque sensi:

    legno, metallo, terra, fuoco, acqua” resterà aperta tutti i giorni dalle 17.00 alle 19.00 fino al 29 Novembre

    Le serate saranno animate dal pianista

    Jenny Depp

    È annunciata la presenza di Autori partecipanti al premio “Otto Milioni” e di Artisti di varie discipline.

    Casa dei Popoli (Circolo culturale Il Dragone) Via Corrado Buono 42 – Barano d’Ischia

    Info: tel. 330443964 – e-mail emmegiischia@gmail.com

    Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”

    Circolo sportivo culturale “Il Dragone”

    Associazione culturale “Il Germoglio”

    Locandina premiazione Otto milioni 2015

    Il Dispari 201511116 1 comp

    LA POESIA DELL’ANIMA: Rosanna Affronte

    Il panorama poetico è interessante, perché vario, ricco di sfumature interiori, di sentimenti , emozioni intense e variegate.

    Tra le poetesse contemporanee  che maggiormente spiccano  per la profondità del loro sentire  e la capacità di portare alla luce i moti dell’anima, squarciando i veli del ricordo, sicuramente si distingue Rosanna Affronte, vincitrice di numerosi premi nazionali ed internazionali.Rosanna Affronte

    Chi si trova a leggere, per caso, una sua poesia non potrà fare a meno di seguirla con attenzione nel suo percorso poetico, magicamente attratto dall’intensità dei suoi ricordi, dalla profondità dei suoi sentimenti, dall’uso di un linguaggio originale e vario, con accostamenti, a volte strani, ma efficacissimi.

    La sua poesia parla all’inconscio di ognuno di noi e risveglia, “nostalgiche malinconie di inafferrabili respiri di memorie… presenze impercettibili depositarie del pensiero”,  con le quali la poetessa Rosanna Affronte riesce a dialogare in modo unico e originale.

    Rosanna Affronte è nata a Bovalino Marina (RC) e risiede a Messina. Laureata in biologia, insegna nella scuola media. Da pochi anni, scrive racconti e poesie e ha collaborato in passato con riviste letterarie. Nel 2009, pubblica la sua opera prima:“Un angelo clochard”- Armando Siciliano Editore, un libro di racconti sull’universo femminile, oggetto di trattazione da parte della scrittrice Sveva Casati Modignani nella rivista “Donna Moderna”.  A Novembre 2012,  viene pubblicata una silloge dal titolo: “La luna di Meg”- Aletti Editore e a febbraio 2015 un’altra raccolta di poesie: “La casa dipinta di rosa”.

    Il 22 giugno, a Pedara (CT), viene insignita del “Premio Donna Siciliana 2014”, riconoscimento conferito alle donne siciliane che si sono distinte nei vari settori culturali, professionali ecc. Dal 2009, inizia a partecipare a vari concorsi letterari, ottenendo numerosi premi e riconoscimenti in Italia e all’estero.

    Ne riportiamo solo alcuni:

    PREMIO SOTTO L’EGIDA DELL’AMORE 2015 – PRIMA classificata con “PERDERE SE  STESSI”; PREMIO COLAPESCE 2014 – PRIMA classificata con “CI SONO SERE”; PREMIO UN MESSAGGIO PER LA PACE 2013 – PRIMA Classificata con “CANTI DI UGUAGLIANZA”; PREMIO ARTE D’AMARE  2013 – VINCITRICE assoluta Sezione In Lingua con “LUI NARRATORE DI AQUILONI”; PREMIO FERRAU’ 2013  – VINCITRICE assoluta sezione adulti con “DONNE DEL SUD”; NOBEL DELL’ARTE MONTECARLO 2012 – VINCITRICE assoluta con “QUELLO STRANO MALESSERE”.

    Potremmo continuare ancora per molto, ma dobbiamo fermarci per motivi di spazio.

    Credo di avere stuzzicato abbastanza la vostra curiosità, per consigliarvi di seguirci anche la prossima settimana su «Il Dispari», al fine di conoscere ancora meglio l’itinerario artistico di una poetessa che merita tutta la nostra attenzione.

    Enzo Salvia

    Il Dispari 201511116 tutto rid

    Enzo Salvia EXPO

    Il Dispari 2015-11-09

    Il Dispari 201511109 comp

    Editoriale

    Che nell’ultimo secolo la critica dell’Arte pittorica abbia destituito il valore della piacevolezza estetica per abbracciare, con più o meno determinazione, la progettualità concettuale delle opere, è un dato abbastanza condiviso che si può leggere nei processi di apprezzamento resi pubblici dalla nomenclatura culturale importante in ambito critico ed accademico.

    Il sottile e continuo piacevole coinvolgimento, riconducibile ai dipinti dalle forme e dai cromatismi idealizzati con la pittura impressionista dell’ottocento, godono oggi, da parte delle lobby che determinano il mercato delle arti visive, di scarsa attenzione ancorché le opere siano espressione verace di pathos e di tecnica.

    Capita quindi sempre più spesso di imbatterci in personaggi dalle forti passioni che non trovano migliore collocazione per i loro quadri se non le pareti buie e fuligginose delle cantine, delle officine e dei garage delle loro abitazioni.

    EXPO – Bookcity, Milano 20/25 Ottobre 2016. Durante il lungo tour effettuato  con il “Carro di Tespi” abbiamo cercato, e siamo venuti in contatto con Artisti operanti in tutte le discipline dell’Arte.

    Uno in particolare, Walter Maggi, ha focalizzato la nostra attenzione con la semplicità della sua attività pittorica e per il fatto d’essere “innamorato” dell’isola d’Ischia.

    Con l’intervista che potrete vedere in questo video  https://youtu.be/zqf2VfGyMmc ve lo presentiamo, credendo di non sbagliare nel ritenere Walter Maggi un vero Artista… purtroppo relegato ad esprimersi secondo le attuali tendenze che lo isolano nella sfera dello stereotipo pittorico fin qui descritto come il limbo dei nuovi orfanelli della pittura.

    In una diversa dimensione si sta accreditando Ylenia Pilato che fa parte dei Soci Fondatori della nostra Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA” ed è, nel contempo, membro IAR – affiliate artist italian art in Russia.

    Infatti, la tenacia con la quale da alcuni anni si dedica a proporre la sua arte, ha fatto sì che, pur nella sua giovane età, ella abbia ottenuto in questi giorni il privilegio di esporre al “Russian Art Week”.

    Durante una breve conversazione telefonica Ylenia ci ha detto che si tratta di “Una grande mostra-concorso di pittori, scultori, grafici, designer, e arte popolare all’interno della quale si svolge un vasto programma educativo di masterclass, conferenze, seminari e tavole rotonde, in cui i maggiori esperti condividono idee ed esperienze uniche.
    Russian Art Week – un evento eccezionale nel mondo dell’arte – forum e fiera d’arte su larga scala, rappresenta la variegata tavolozza di opere provenienti da diverse regioni della Federazione Russa e da più di 25 paesi stranieri.

    La XVIII edizione internazionale della mostra-concorso di arte contemporanea “Russian Art Week” si terrà presso il Centro Internazionale per il Design Art Play, zona particolarmente rinomata e conosciuta a Mosca come fulcro creativo della capitale, dall’8 al 15 novembre 2015 presso International Design Center ARTPLAY Lower Syromyatnicheskaya street, 10 Mosca, Russia.

    Le è stato assegnato il numero 145, ed è stata collocata nella categoria RITRATTI e genere AUTODIDATTA.

    Auguriamo ad Ylenia un grandissimo in bocca al lupo, anche perché ha voluto scegliere di esporre un collage di stoffa al quale ha dato il titolo di “Colazione ad Ischia” in quanto in esso si intravede il Castello Aragonese d’Ischia “Come simbolo” lei precisa “della nostra isola, al fine di omaggiare la sua bellezza”.

    Bruno Mancini

    Walter Maggi comp

    Atelier di Walter Maggi

     

    Il Dispari 201511109 1 comp

    Bruno Mancini

    Qualche nota biografica ed Artistica di Ylenia Pilato

    Ylenia Pilato è nata a Lacco Ameno il 16 ottobre del 1986 e vive a Forio.

    Da una sua autobiografia leggiamo: “Le persone che guardano le mie creazioni spesso mi domandano come mi sia venuto in mente di realizzarle in stoffa… proprio in stoffa. Tutto nasce ai tempi delle scuole medie, durante i laboratori di educazione artistica. Dopo aver tracciato uno schizzo, semplicemente un contorno su una tela, lo riempii con frammenti di tessuto.

    In un catalogo dedicato alla matrice artistica di Ylenia è scritto che “Nella creazione artistica di Ylenia questo materiale duttile e materico (la stoffa) trascende dalla sua naturale collocazione quotidiana per diventare quadro.

    I ritagli di stoffe che compongo le opere si compenetrano in nuove geometrie di forte impatto cromatico nella loro calda morbidezza corporea.

    Da paesaggi a svariati soggetti e scene, la sua arte si snoda in oniriche essenze colorate.

    Abiti dismessi, stoffe vecchie, usate e recuperate raccontano la sua interiorità, mettendo da parte le parole e lasciando parlare soltanto le sensazioni…

    Tutte le creazioni sono sempre frutto di un’ispirazione riscontrabile sia nell’ambiente che la circonda, ovvero l’isola d’Ischia, sia nel suggestivo mondo della fantasia.

    Filo conduttore, oltre alla passione per i tessuti, è rappresentato dal recupero.

    Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma: la celebre frase di Antoine Lavoisier diventa il suo motto. Da pochi anni ha iniziato a partecipare alle collettive d’arte isolane.

    Elenco alcune delle sue partecipazioni alle mostre d’arte:

    Premio Caracalè  Art contest Procida; Mostra Lineadarte officina creativa c/o Museo Masseria Luce a Napoli; Mostra c/o le Antiche Terme Comunali di Ischia; Mostra sulla Cina c/o Casa dei Popoli a Barano d’Ischia; Collettiva d’arte Madre Terra II IAC c/o Teatro Capasso; Mostra collettiva L’arte incontra il benessere c/o Terme di Ischia; Mostra presepiale c/o ex bar Elio a Forio; Mostra c/o le Antiche Terme Comunali di Ischia Porto in occasione dei  160 anni del Porto d’Ischia; Mostra d’arte c/o il Capricho di Casamicciola Terme; 1° Mostra d’arte Estemporanea presso Palazzo Pezzillo a Forio; Esposizione presso Otto Caffè Artgallery Gusto Piscina e Palestra a Mariglianella; Esposizione c/o la Casa della Cultura Lenois del Coquille a Ischia; Mostra c/o il Museo Civico del Torrione a Forio; Mostra d’arte TABLETS c/o il Museo archeologico dell’antica Allifae; Mostra Telethon in piazzetta S. Girolamo a Ischia; 1° Edizione di Aspettando S. Anna c/o il Borgo di Ischia Ponte; Incontri nel verde a Lacco Ameno.”

    Ylenia Pilato comp

    Ylenia PIlato

     

    Il Dispari 201511109 tutto rid

    Ultim’ora: Premio “Il Dispari” 

    Come forse avrete già letto in precedenti edizioni on-line, Gaetano Di Meglio, nella sua qualità di Direttore di questo quotidiano “Il Dispari”, in considerazione del notevole successo ottenuto dalla quarta edizione del premio internazionale di poesia “Otto milioni”, e in accordo con me, nei giorni scorsi ha deciso di costituire una Giuria composta da Marcello De Rosa, Marco Pinto, Ida Trofa, Ugo De Rosa, Ignazio Di Frigeria, Maria Funiciello, affinché, in tutta autonomia e in assoluta indipendenza dalle votazioni già effettuate scegliesse cinque poesie tra quelle finaliste del premio “Otto milioni – 2015″ da premiare (tutte a pari merito) ciascuna di esse con una pergamena e con la pubblicazione della lirica sulla pagina culturale del quotidiano “Il Dispari”.

    Marcello De Rosa, nominato Presidente della Giuria, poche ore fa ci ha comunicato l’esito della votazione che ha designato all’unanimità le seguenti poesie come meritevoli dei premi suddetti:

    Cod. 09
    Celestina Carofiglio
    FOGLIA ARSA DAL SOLE

    Cod. 14
    Marta Zemgune
    IN QUALCHE LUOGO TRA…

    Cod. 25
    Calogero Pettineo
    NEI MOMENTI BUI, HO TE

    Cod. 28
    Liga Lapinska
    TI TACERò

    Cod. 31
    Emanuela Di Stefano
    IL BOZZOLO

    Nel rivolgere calorosi complimenti ai vincitori, invitiamo tutti voi alla cerimonia di premiazione che avverrà il 21 Novembre p.v. alle ore 19.00 nella Casa dei Popoli (Via Corrado Buono – ex Hotel Da Franceschina – Barano d’Ischia) in concomitanza con la cerimonia di premiazione delle poesie vincitrici del Premio.

    Un vibrante IN BOCCA AL LUPO a tutti gli Autori/Autrici in gara!

    DILA Il Dispari EXPO

    Bruno EXPO 11

    Bookcity foto finale

    Bruno EXPO 11

    DILA Il Dispari EXPO

    Partecipazione antologie LENOIS

    Il Dispari: una pagina per DILA

    Il Dispari 2015 – 05 – 25

    Il Dispari 2015 – 06 – 01

    Il Dispari 2015 – 06 – 08

    Il Dispari 2015 – 06 – 15

    Il Dispari 2015–06–22

    Il Dispari 2015–06–29

    Il Dispari 2015-07-06

    Il Dispari 2015-07-10 bus

    Il Dispari 2015-07-13 foto

    Il Dispari 2015-07-20

    Il Dispari 2015-07-27 Sam – Zanarella

    Il Dispari 2015-08-03

    Il Dispari 2015-08-10

    Il Dispari 2015-08-17

    Il Dispari 2015-08-24

    Il Dispari 2015-08-31

    Il Dispari 2015-09-07

    Il Dispari 2015-09-14

    Il Dispari 2015-09-21

    Il Dispari 2015-09-28

    Il Dispari 2015-10-05

    Il Dispari 2015-10-12

    Il Dispari 2015-10-19

    Il Dispari 2015-10-26

    DILA

Hits: 8

Video 21 Novembre 2015

Video 21 Novembre 2015

Il servizio televisivo realizzato da Mirna Mancini alla Casa dei Popoli di Barano in occasione degli eTeleischia logo compventi organizzati dall’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – Dila” per celebrare la premiazione dei vincitori della quarta edizione del premio internazionale di poesia “Otto milioni“, andrà in onda tramite l’emittente televisiva Teleischia mercoledì 2 Novembre subito dopo il telegionale della sera.

Sigla cerimonia premiazione Otto milioni 2015

Cerimonia premiazione “Otto milioni” Mostra arti visive

Cerimonia premiazione “Otto milioni” Angela Maria Tiberi

Sigla delle “Interviste di Ylenia Pilato”

Ylenia Pilato intervista Silvana Lazzarino

Ylenia Pilato intervista Paola Occhi e Santina Amici


Video 21 Novembre 2015

Ylenia PIlato intervista Francesco Mazzella – Poesia “Non solo un nome” di Bruno Mancini

Teleischia registra uno servizio sulla mostra per il suo telegiornale

Ylenia Pilato intervista Magda Kismet – Poesia “Non solo un nome” di Bruno Mancini

Ylenia Pilato intervista Fermina Migliaccio – Poesia “Non solo un nome” di Bruno Mancini

Ylenia Pilato intervista Enrica Soligon – Poesia “Non solo un nome” di Bruno Mancini

Pasquale Dragon Di Costanzo Premiazione Otto MIlioni – Non sono un nome, poesia di Bruno Mancini

Vincenzo Savarese consegna i premi ai vincitori della quarta edizione del premio di poesia “Otto Milioni”

Sigla concerti Paola Occhi – Bruno Mancini

Interviste di Ylenia Pilato a Magda Kismet Fermina Migliaccio Gabriele Sandra Scherer

Ylenia Pilato intervista Annamaria Di Meglio – “Non solo un nome” poesia di Bruno Mancini

Hits: 1

Le pergamene premio poesia “Otto milioni – 2015”

Le pergamene premio poesia “Otto milioni – 2015”

Le pergamene

Pergamena Angela Maria Tiberi

La poesia di Angela Maria Tiberi

Pergamena Silavana Lazzarino

Pergamena Silavana Lazzarino

La poesia di Silavana Lazzarino

Pergamena Franco Maccioni

Pergamena Franco Maccioni

La poesia di Franco Maccioni

Pergamena Antonio Mencarini

Pergamena Antonio Mencarini

La poesia di Antonio Mencarini

Pergamena Elisa Ruthenberg

Pergamena Elisa Ruthenberg

La poesia di Elisa Ruthenberg

Pergamena Rosanna Affronte

Pergamena Rosanna Affronte

La poesia di Rosanna Affronte

Pergamena Antonella Ronzulli

Pergamena Antonella Ronzulli

La poesia di Antonella Ronzulli

Pergamena Paola Occhi

Pergamena Paola Occhi

La pagina di Paola Occhi

Antonio Fiore

Pergamena Antonio Fiore

La Pagina di Antonio Fiore

Enzo Salvia

Pergamena Enzo Salvia

La pagina di Enzo Salvia

Pergamena Santina Amici

Pergamena Santina Amici

La pagina di Santina Amici

Pergamena Katia Massaro

Pergamena Katia Massaro

La pagina di Katia Massaro

Pergamena Alberto Ghirardini

Pergamena Alberto Ghirardini

La pagina di Alberto Ghirardini

Pergamena Alberto Liguoro

Pergamena Alberto Liguoro

La pagina di Alberto Liguoro

Pergamena Aniello Buonocore

Pergamena Aniello Buonocore

La pagina di Aniello Buonocore

Pergamena Pasquale Dragon Di Costanzo

La pagina di Pasquale Dragon Di Costanzo

Pergamena Antonella Ronzulli collaborazione

Pergamena Antonella Ronzulli collaborazione

La pagina di Antonella Ronzulli

Pergamena Ludovica Zoli

Pergamena Ludovica Zoli

La pagina di Ludovica Zoli

Pergamena Liga Lapinska copertine

Pergamena Liga Lapinska copertine

La pagina di Liga Lapinska

Pergamena Enzio Strada

Pergamena Enzio Strada

La pagina di Enzio Strada

Pergamena Celestina Carofiglio

Pergamena Celestina Carofiglio

La pagina di Celestina Carofiglio

Pergamena Calogero Pettineo

Pergamena Calogero Pettineo

La pagina di Calogero Pettineo

Pergamena Emanuela Di Stefano

Pergamena Emanuela Di Stefano

La pagina di Emanuela Di Stefano

Pergamena Liga Lapinska Il Dispari

Pergamena Liga Lapinska Il Dispari

La pagina di Liga Lapinska

Pergamena Marta Zemgune

Pergamena Marta Zemgune

La pagina di Marta Zemgune

Pergamena Roberta Panizza

Pergamena Roberta Panizza

La pagina di Roberta Panizza

Hits: 29

Facebook non sa contare

Facebook non sa contare

Per la serie Esopo news

Qui di seguito pubblico un’immagine dalla quale si evince che nello stesso momento, in due finestre aperte dallo stesso account, i potentissimi cervelli elettronici in dotazione al super social Facebook indicano due valori differenti per il numero di “post in attesa di approvazione”.

Infatti, mentre a sinistra nell’immagine ne sono segnalati 50, in realtà, andando ad aprire il link per approvarli/cancellarli, non ne ho trovato NEMMENO UNO.

Chiarisco subito che l’immagine NON è un fotomontaggio e che questa non è la prima volta che noto corbellerie nei numeri usciti dal cappello a cilindro gestito dai super cervelletti di questo social.

Forse face si sta trasformando in “cartomante” e “da” i numeri sui quali puntare nel gioco del lotto?

Può darsi!

Ma se così non fosse e se invece, come credo, si trattasse di banali errori di calcolo, come potremmo credere esatti i numeri a nove cifre con i quali loro osannano ai risultati conseguiti?

Cioè, se sbagliano a contare da 1 a 50 cosa combinano quando sono impegnati a darci i valori dei “mi piace”, o delle condivisioni, o di tanti altri elementi che determinano successi o insuccessi delle nostre proposte? E poi, se non sanno contare da 1 a 50  con quale autorevolezza ci mettono in “castigo” se in alcune attività superiamo gli standard da loro stessi stabiliti? Senza parlare dei miliardi che ricevono dalla pubblicità sulla base dei dati numerici che, è facile intuirlo, sono indicati da loro stessi con identica imprecisione..

Esopo non conobbe Virgilio (nato alcuni secoli dopo la sua morte), ma Esopo news ha conosciuto Virgilio leggendo i suoi poemi, e ricorda che Virgilio (Georg. IV, 176).scriveva “Si parva licet componere magnis”..

Bruno Mancini

P.S.  Se è lecito confrontare le cose piccole con le grandi. è una traduzione corretta della frase “Si parva licet componere magnis” usata da Virgilio allorquando ha paragonato il lavoro delle api e le fatiche dei Ciclopi.  Noi, dopo qualche millennio, continuiamo a ripetere l’espressione virgiliana utilizzandola per mettere in evidenza che stiamo accostando o paragonando cose, fatti, argomenti alquanto diversi tra loro per valore o importanza.

La pazienza è finita

Face da i numeri... 1

Hits: 2