Antonio Mencarini legge la poesia “Io resto” scritta da Bruno Mancini

Benvenuti

Antonio Mencarini legge la poesia “Io resto” scritta da Bruno Mancini

Io resto

Dalla raccolta di poesie
“Sasquatch”
(1968 – 2009):

Io resto

Chiamami.
Sfilacci d’insulso eterno
apparizioni asincrone
non rendono l’idea del tuo tormento.

Chiamami ancora.
Un molle ondeggio del tuo “Chi sono?”
ti veste a festa
nell’accecato controluce di un fu ritorno.

Chiamami ancora e forte.
Tu non fuggisti.
Tu non partisti.
Fosti.

Al luna park ruota multicolore
in tondo tra celeste ed indaco
sedile scomodo a due cuscini
il cielo sopra, ai piedi
la terra incerta al termine del giro
… e tanti bimbi a svolazzarti intorno
… e tante coppie col riso sulle labbra
… e donne con un fiore rosso in mano
… e maschi senza fretta di distacco.

Urlami “Vieni”.
Ventaglio d’illusione non mostra la mia immagine.
Per te la festa nemmeno è cominciata.

Nessuno torna indietro dal suo passato.
Io resto.

Hits: 80

Lascia un commento