Enzo Boffelli

Benvenuti

Enzo Boffelli

Nuovo amico del progetto culturale “La nostra isola” ideato da

Bruno Mancini

Una cena per la ricerca

Astronave

Giornata ischitana dei senza teatro

 Turismo invernale

Davide Conte

Attenti al teatro: nuoce gravemente alla salute

Ci avviamo all’ennesima stagione turistica senza teatro

Fiori nel cemento( nuovo progetto teatrale dei senza teatro Ischitani)

Il teatro… il sogno di un’isola da sogno

Il teatro e’ un nostro diritto!

Pezzi di merda

Piaga

Pseudo amministratori vergognosi

Piove sui teatri ischitani

Presso: Web, Edicola Giornali

  • relatori: Enzo Boffelli
  • rilascio attestato: NO
  • QUANDO
  • dal 27/10/11 al 31/03/12

Diario di una battaglia- Piove sui teatri Ischitani-

pubblicata da Enzo Boffelli il giorno mercoledì 26 ottobre 2011 alle ore 18.44

Ciao amici del Diario, un’altra settimana senza teatro è passata, e come sempre mi ritrovo a dover riempire questo spazio che, la buonanima  di Domenico Di Meglio, mi concesse per portare avanti una battaglia che lui stesso reputava sacrosanta. In quasi tre anni, in questo spazio ho scritto di tutto, ho usato termini forti, ironici, accondiscendenti, sempre e unicamente con lo scopo di attirare l’attenzione delle istituzioni verso la cronica e scandalosa mancanza di un teatro, che tuttavia avvolge la nostra comunità. Fiato e tempo sprecato,vista l’esiguità dei risultati conseguiti, e il perdurante disinteresse delle istituzioni che, nonostante le promesse fatte a più riprese, anche pubblicamente,   si sono dimostrate  fino ad oggi assolutamente incapaci di intraprendere iniziative serie e concrete. Le uniche due strade che sembravano essersi aperte, ossia   la sala del polifunzionale del sindaco Ferrandino, e  i trecentomila euro dell’ assessore Davide Conte e ,dell’ onorevole Martusciello si sono fino ad oggi rivelate chiacchiere elettorali e null’ altro. Siamo quindi assolutamente fermi, bloccati dall’indifferenza ,sia della classe politica, che dell’opinione pubblica che sembra aver delegato al sottoscritto l’ingrato compito di ricordare alle istituzioni  il clamoroso diritto negato. Le stesse compagnie teatrali ,con le quali all’ inizio avevamo deciso di portare avanti il progetto, si sono alla fine dimostrate poco coese e coerenti, togliendo in questa maniera credibilità allo stesso. Infatti, quando  rimettemmo in funzione  Amici del Teatro, ci proponemmo di riprendere  la rassegna teatrale in maniera da mostrare quella compattezza che ci permettesse  di  veicolare all’ appuntamento  la battaglia per il teatro. In effetti, con IschiaTeatroFestival, abbiamo ripreso la kermesse, ma abbiamo mostrato una compattezza assolutamente di comodo, come del resto é  prassi sulla nostra isola. Sicuramente la colpa è mia che non sono stato capace di unire, ma  mi sento assolutamente tranquillo  in merito ad impegno ed energie profuse. E’ quindi giunto il momento di fare chiarezza, prima di intraprendere qualsiasi iniziativa, almeno da parte del sottoscritto. A breve convocherò l’assemblea di Amici del Teatro , di cui sono ancora presidente pro tempore  chiarendo ai soci la mia posizione ed il mio pensiero, in maniera da confrontarci serenamente e decidere il da farsi. E’ chiaro che indipendentemente da quello che decideremo il mio impegno in merito alla battaglia resta assolutamente lo stesso, sia attraverso questo spazio che attraverso altre iniziative che comunque per correttezza renderò note pubblicamen te solo dopo aver convocato l’ assemblea dei soci di Amici del Teatro ed essermi confrontato con la stessa. A breve quindi potrò anche rispondere alle tante richieste di partecipazione ad IschiaTeatroFestival che mi sono pervenute in queste ultime settimane. Inoltre ho in questi giorni intenzione di chiedere un’ appuntamento al sindaco Ferrandino per cercare di capire a che punto si trova la situazione polifunzionale e soprattutto per cercare di capire che fine hanno fatto i fondi che dovevano essere eleargiti alle compagnie teatrali partecipanti al festival del 2009 in maniera da dare alle stesse la possibilità di completare il pagamento della sala del cinema Excelsior fittata per l’ occasione, proprio in virtù della presenza  di questi fondi mai elargiti. Il percorso resta quindi assolutamente ancora lungo ed in salita  e puo’ essere solo affrontato con   fatti reali e concreti e soprattutto con una volontà reale e concreta che va’ decisamente oltre le chiacchiere elettorali. Per adesso non ci resta che continuare a vergognarci  di non avere un teatro,  nella speranza che l’ onta della vergogna avvolga pure i nostri pseudo amministratori e li risvegli dallo schifosissimo disinteresse mostrato ultimamente verso le arti teatrali. In chiusura voglio fare i miei personali complimenti a Eduardo Cocciardo e Giuseppe Gifuni che a Roma hanno trionfato con lo spettacolo Due autori in cerca di Troisi ,spettacolo bello ed emozionante, andato in scena in anteprima assoluta nella  passata edizione del festival, confermando, ove ve ne fosse ancora bisogno la bontà  del progetto dei due attori. Vi saluto dandovi come sempre appuntamento alla prossima settimana sempre … A PALLA verso il teatro che ci SPETTA.

http://ischia.italiadellacultura.it/eventi/incontri/piove-sui-teatri-ischitani/

 

Frammenti di cuore

all’Ischia Teatro Festival

 

Enzo Boffelli

POLITICI VIRTUALI E TEATRI VIRTUALI

Ciao amici del Diario, eccoci nuovamente giunti all’appuntamento settimanale con lo spazio, che da quasi tre anni, si occupa di ricordare alle istituzioni, la clamorosa e vergognosa mancanza di strutture teatrali sulla nostra bella isola.

In questo lungo periodo, ho sempre cercato di destare le coscienze dei nostri amministratori, in modo da trovare una strada che potesse garantire almeno un minimo di struttura, dove iniziare quel discorso di teatro stabile e pubblico che  sull’isola manca da sempre. Fino ad oggi purtroppo risultati concreti non ce ne sono, anche se il sindaco Ferrandino mi ha assicurato il suo massimo impegno in merito alla sala congressi del polifunzionale, proposta dallo stesso qualche anno fa ma tuttavia ancora avvolta nelle dense nubi dei collaudi mancanti.

A dire il vero, è difficile capire come intenda  il nostro primo cittadino sbrogliare una matassa tanto complicata  quale quella dei collaudi mancanti, tenendo anche conto delle parole pronunciate a più riprese dall’ Ing Michele Califano, capo della commissione collaudi. Il professionista, ha sempre spiegato con chiarezza, che esistono difficoltà insormontabili e che nessuna commissione sana di mente si sognerebbe di assumersi una tale responsabilità collaudando una struttura ormai vecchia di quasi trent’ anni e mancante di molti certificati di fondamentale importanza per poter compiere l’operazione. Il sindaco,  sta comunque  cercando, attraverso l’ interlocuzione diretta con la regione, di arrivare ad una soluzione che permetta di risolvere  le problematiche esistenti, ed avviare in questa maniera, l’ iter per rendere utilizzabile la struttura. Questo mi è stato confermato dallo stesso in un breve scambio di battute avvenuto durante il concerto di Tullio De Piscopo in piazzetta e mi ha anche preannunciato importanti novità in senso positivo. Sono queste chiaramente le parole di un politico, alle quali bisogna dare come  sappiamo un peso specifico particolare,  ma  personalmente non ho mai dubitato delle sue reali intenzioni di porre un rimedio all’ atavica mancanza e quindi aspetto con ansia notizie in merito. Per quanto riguarda invece gli accorati appelli delle scorse settimane al resto della classe politica isolana nessuna risposta è tuttavia pervenuta, come del resto era prevedibile. Non resta dunque che aspettare mestamente, avviandosi  alla nuova “ stagione teatrale” con le problematiche di sempre e le difficoltà di sempre.

Ciò nonostante, il movimento non smette di crescere e di produrre, sono già in fase di preparazione diversi allestimenti teatrali che, come sempre, regaleranno serate diverse al lungo inverno Ischitano. Inoltre  è in procinto di partire il nuovo laboratorio diretto da Eduardo Cocciardo che, nella stupenda cornice dell’ Accademia dei ragazzi , propone quest’ anno un interessante percorso  legato al grande Eduardo De Filippo. E’ un progetto ambizioso, che il mio amico e coach, Eduardo intende portare avanti partendo da un’audizione per la scelta degli attori che si svolgerà domenica 18 settembre alle 10 proprio nei locali dell’Accademia  dei ragazzi  in  Forio. L’ idea di lavorare su  un testo e allo stesso tempo fare laboratorio è una scelta coraggiosa e dimostra la serietà e la bontà del progetto. Conosco bene Eduardo, e il suo modo di lavorare, per questo motivo mi sento di consigliare questo percorso a tutti coloro vogliono fare teatro sia come divertimento che come professione perché hanno l’occasione di lavorare con un professionista serio e preparato, oltre che con un vero uomo di teatro.   Prima di chiudere vi informo che, sabato 17 settembre, presso l’ Hotel Ulisse di Ischia , avverrà la presentazione della nuova antologia poetica La nostra isola, progetto ideato da Bruno Mancini al quale già dallo scorso anno  ho dato la mia collaborazione artistica, ricambiando l’ appoggio incondizionato che da sempre Bruno e i suoi amici danno alla battaglia per il teatro. Quest’appuntamento, che si e’ potuto realizzare grazie alla squisitezza del proprietario della struttura, Signor Scotti Pasquale , prevede lo sviluppo dell’ idea lanciata con successo quest’ inverno alla Biblioteca Antoniana che vedeva unirsi arti e artisti in un unico contenitore capace di spaziare tra poesia , pittura, teatro, musica in maniera da ricordare alle istituzioni che non esistono solo sagre e feste in piazza e che bisognerebbe prestare un’ attenzione diversa alla cultura.  Vi saluto, ricordando a tutti ,che la nostra meravigliosa isola e’ ancora senza un teatro e che, anche quest’ inverno, chi vorrà assistere ad una rappresentazione in un teatro vero dovrà come sempre prendere l’ aliscafo e recarsi a Napoli  per la gioia della massima espressione politica isolana che si ricorda di esserlo solo quando bisogna recarsi alle urne. Vi abbraccio e come sempre…. A PALLA VERSO IL TEATRO CHE CI SPETTA!!

http://www.lulu.com/product/a-copertina-morbida/ischia-unisola-di/11280350?showPreview
teatro la vendemmia 1969teatro la vendemmia 1969 001

Il progetto culturale La nostra isola affianca Enzo Boffelli nella lotta per ottenere un Teatro ad Ischia. Da ora inizia il DIARIO DI UNA NUOVA BATTAGLIA / Ischia 24 Novembre 2010.Chi vuole partecipare si faccia avanti, si accettano solo volontari!!!

Boffelli Golfo 24112010 - Bruno comp

Continuiamo a gridare

“Il teatro e’ un nostro diritto!”

Ciao amici del Diario, la scorsa settimana vi ho messo al corrente del mio pensiero in merito alla battaglia che da ormai due anni porto avanti unitamente all’ associazione Amici del Teatro. Era giusto e doveroso da parte mia assumermi la responsabilità degli insuccessi derivanti dal fallimento, almeno temporaneo, del progetto polifunzionale.

Avevo infatti spesso da queste colonne comunicato che ormai per la sala era fatta e che si trattava solo di “dettagli burocratici”; ingenuamente, non avevo pensato che in Italia le due paroline virgolettate possono significare anche diversi lustri. Quindi ci ritroviamo al punto di partenza ,con la sola forza di un movimento rinvigorito e cresciuto ma con la disperata necessità di reperire una sala ove poter svolgere il prossimo IschiaTeatro Festival .

Proprio per questa ragione alcune settimane fa’sono entrato in contatto con l’ ON De Siano al quale ho esposto l’ impellente necessità ricevendo interessanti proposte che, in linea di massima, potrebbero garantire un tetto al prossimo festival Nelle prossime settimane sarò più preciso al riguardo.. Occorre quindi proseguire nel progetto cercando proprio attraverso la rappresentazione di spettacoli di sensibilizzare l’ opinione pubblica in maniera da coinvolgerla nella battaglia , facendo così intendere a chi ancora non lo avesse capito che la mancanza di una struttura teatrale e’ una vergogna per tutta la nostra comunità . In questo momento serve l’ apporto di tutti, e’ necessario infatti creare un vero e proprio movimento collettivo che sproni quotidianamente le istituzioni utilizzando tutti gli strumenti di comunicazione disponibili; bisogna infatti sia attraverso la rete che attraverso tutti gli altri canali disponibili diffondere la vergognosa situazione in cui versa una comunità di oltre sessantamila residenti.

Proprio in queste ore attraverso facebook ho ricevuto un apporto concreto dal Signor Bruno Mancini che ha iniziato a pubblicare su diversi blog il messaggio disperato indirizzato alle istituzioni, che ancora fingono di non capire che e’ arrivato il momento di dare risposte concrete, iniziando seriamente a prendere in considerazione l’ ipotesi di colmare quest’ atavica mancanza che, proprio un isola importante come la nostra non può subire .

E’ necessario farsi sentire , in primo luogo facendo teatro sempre ovunque e comunque e in secondo luogo utilizzando tutti gli strumenti in nostro possesso per smuovere la statica situazione. Chiediamo quindi aiuto a tutti gli uomini che lavorano nel campo della comunicazione, a tutti coloro che gestiscono blog ,a tutti quelli che credono nell’ importanza del teatro…. facciamo sentire la nostra voce, scriviamo a tutti quelli che riteniamo possano aiutarci, facciamolo quotidianamente, tempestiamoli di mail ,scriviamo sui blog, ai giornali ai programmi televisivi, affinché il trambusto risvegli dal decennale letargo le istituzioni. Non bisogna arrendersi ne segnare il passo, bisogna continuare con forza e determinazione a reclamare quella struttura teatrale a cui abbiamo assolutamente diritto. Non e’ un obiettivo facile de raggiungere questo lo abbiamo capito, ma unendo le forze alla fine il muro insormontabile inizierà a vacillare fino a cadere sotto i colpi dell’ amore per la cultura e per il teatro .LOTTIAMO TUTTI PERCHE’ UN TEATRO SPETTA A TUTTI!!. Vi abbraccio e vi do’ appuntamento alla prossima settimana sempre ….. A PALLA

bannerok

 

DIARIO DI UNA BATTAGLIA DEL  DICEMBRE 2010

Ciao amici del Diario, benvenuti al nostro consueto appuntamento del mercoledì con lo spazio dedicato al teatro che non c’e’.

La scorsa settimana vi anticipai che, a seguito di un incontro avuto con l’ amministrazione comunale di Lacco Ameno, in particolare con l’ On Domenico De Siano, ci e’ stata palesata un interessante possibilità’, ossia di utilizzare per il prossimo festival la sala congressi Angelo Rizzoli.

Fatti gli opportuni sopraluoghi e presa visione della struttura e’ emerso che la stessa può assolutamente essere utilizzata per la kermesse, e quindi si può dire in maniera ufficiale che il prossimo IschiaTeatroFestival si terrà nella location del comune all’ ombra del fungo.

Ora chiaramente bisogna mettere in moto la macchina organizzativa ,e’ necessario quindi conoscere il prima possibile quali sono le compagnie che intendono partecipare in maniera da poter programmare il tutto in maniera migliore. Per questo motivo avvertiamo chi e’ interessato a prendere parte alla manifestazione a contattarci al 3496502057, oppure attraverso il profilo facebook AMICI DEL TEATRO ISCHIA. Nella prossime settimane inizieremo ad entrare nello specifico e non appena saremo in grado di formulare il cartellone lo renderemo noto dando così inizio al prossimo festival.

Bene, a questo punto vorrei da questo spazio rendere omaggio ad un giovane attore compaesano che sta facendo cose egregie in quel di Roma. Antonello Pascale sta infatti ormai da un decennio percorrendo il suo sogno, quello di lavorare nel mondo dello spettacolo e soprattutto in quello del teatro.

Nell’anno 2001 si diploma presso il Liceo Scientifico di Ischia (NA).

Nel luglio 2007 si laurea in Discipline dello Spettacolo (DAMS) presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Roma Tre, discutendo una Tesi di Laurea in organizzazione, promozione e marketing di Festival Teatrali e Cinematografici dal Titolo: L’ISCHIA FILM LOCATION FESTIVAL : UN EVENTO DELLA COMUNICAZIONE. Durante questi anni frequenta numerosissimi laboratori teatrali e cinematografici, affinando la tecnica e iniziando gradualmente ad entrare nel complesso e difficile mondo del teatro professionistico. Dal 1997 anno dell’ esordio in Miseria e Nobilta’ Antonello non ha mai smesso di fare teatro partecipando a numerosissime piece, sia come attore comico che come mimo. Ha lavorato in tanti teatri della capitale ,senza contare le partecipazioni come spalla comica al fianco di quello che lui considera il suo vero maestro Renato Fattore. Attualmente e’ impegnato al presso il Teatro 7 di Roma con lo spettacolo Titolo da definire scritto da Gianni Quinto, per la regia di Marco Simeoli, interpretando un importante ruolo e riscuotendo lusinghieri consensi. Non sto qui a illustrarvi il suo nutritissimo curriculum per motivi di spazio, ma vi assicuro che si tratta di cose importanti e soprattutto che spaziano tra tutte le forme di teatro, infatti sta anche lavorando con una compagnia di attori danzatori per un progetto di teatro danza. Ho voluto parlarvi di Antonello perché nonostante sia nato in un posto senza un teatro, grazie alla volontà e alla determinazione e’ riuscito a trovare una collocazione in questo difficilissimo mondo, dimostrando che con la volontà e l’ umiltà nessun traguardo e’ precluso. Per questo invito i giovani che hanno voglia di teatro a non lasciarsi spaventare dalla sordità delle nostre istituzioni, e dalla mancanza di strutture, ma a provare ad avvicinarsi alle tante compagnie del territorio, a prendere parte ai numerosi laboratori che comunque sull’ isola non mancano, a cercare dunque tutti i modi possibili di sviluppare quella che può partire da una passione ma che alla fine può divenire una professione così come e’ stato per Antonello.

Prima di salutarvi voglio ringraziare Antonello per la disponibilità e per il continuo apporto che fornisce a progetto teatro, e voglio ricordare di non abbassare la guardia …continuiamo ad urlare in faccia alle istituzioni il nostro sdegno di popolo senza teatro… vi abbraccio e vi do’ appuntamento alla prossima settimana …. Sempre A PALLA….

Enzo Boffelli

bannerok


Watch live streaming video from lanostraisola at livestream.com

“La nostra isola
Presentazione antologia poetica

“Ischia, un’isola di…”

PREMIO POESIA PED- IL GOLFO

MIRAMARE 2010 – LULU

MIRAMARE 2010 – LOCANDINA

MIRAMARE 2010 – Il Golfo inaugurazione Prima pagina

MIRAMARE 19 LUGLIO 2010

MIRAMARE 20 LUGLIO 2010

MIRAMARE 21 LUGLIO 2010

MIRAMARE 22 LUGLIO 2010

MIRAMARE 23 LUGLIO 2010

MIRAMARE 24 LUGLIO 2010

MIRAMARE 2010 VIDEO

MIRAMARE 2010 FOTO

Hits: 33

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento