Enzo Monti

Benvenuti

Enzo Monti

Golfo 12062010 Enzo Monti
Golfo 12062010 Enzo Monti 001DAVANTI1DIETRO2
Vincenzo (Enzo) Monti – Poeta
aderisce al progetto “La mia Isola”
Antologie Poetiche a cura di Roberta Panizza e Bruno Mancini

PRESENTAZIONE ‘O TRIATO ‘E VICIENZO
Raccolta poetica in vernacolo
Nell’introdurre questo libro, la Professoressa Roberta Panizza, che cura la Direzione Artistica del progetto “La mia isola”, pone nella giusta luce la particolare struttura fonetica, grammaticale e sintattica proposta dall’autore, e precisa le ragioni che l’hanno indotta a non intervenire con modifiche sull’elaborato proposto, ritenendo “in ogni caso sicuramente stimolante ascoltare nella sua spontaneità e nei suoi propri contenuti cromatici questa voce del vernacolo ischitano “.
Opera in tal modo, nonostante la consapevolzza che a qualche lettore possa risultare poco agevole accettare alcune forme lessicali, le quali, avulse da una precisa idea propositiva, potrebbero essere intese come eccessive trasgressioni nei confronti della nostra lingua, dalla vita propria e dal profilo ben definito
A mio avviso, giusta e saggia decisione tanto più in presenza di un esordiente il quale avverte, in anticipo, di non aver voluto scrivere nel nostro linguaggio codificato, né tanto meno in un dialetto provvisto di una specifica schematica composizione scolastica.
Cosa propone Enzo Monti?
Enzo Monti vuole presentare le sue poesie in un “Dialetto Personale”, finanche tanto spregiudicato da non utilizzare, in alcune occasioni, la stessa forma scritta per una identica espressione.
Lui vuole proporre una lingua parlata, e noi sappiamo bene che non esistono né lingue né dialetti immobili, mentre, in essi tutti, noi non ci comportiamo, a parole o per iscritto, nello stesso modo.
E mentre Roberta Panizza ha fatto benissimo a chiarire che anche le virgole e gli accenti dei testi riproducono l’esatta scrittura proposta dall’Autore, io completo la sua analisi affermando che Enzo Monti non ritiene importante la coerenza della presentazione grafica della sua scrittura.
Lui punta alla sostanza, all’idea, alla dinamica di un rapporto con i suoi lettori, assimilabile ad un comune pellegrinaggio verso la faticosa ricerca di una lingua che non esiste.
Vincenzo (Enzo) Monti è nato a Casamicciola nel 1939, e si è diplomato perito elettronico all’Istituto Alessandro Volta di Napoli.
Un anno in Svizzera, Lugano, per specializzazione.
Assunto ad Ischia, presso l’allora SET con incarico di controllo dei ponti radio, diventata poi dipendente SIP ed in seguito TELECOM ,con qualifica di capotecnico.
Ha lasciato l’incarico all’età di 57 anni.
Dalla tecnica a valvole ai semiconduttori, e via via fino alle fibre ottiche, ha seguito l’intero progresso tecnologico acquisendo una esperienza notevole.
Grande passione per la pesca subacquea… e per altre attività nei più svariati campi, ha continuato ad operare con il “fai da te “ mettendo le sue competenze a disposizione della famiglia e degli amici.
La sua famiglia… una moglie, tre figli e quattro splendidi nipoti.
Nato nel periodo bellico dell’ultima guerra mondiale, è cresciuto tra le luci e le ombre della storia del popolo italiano modellando via via il suo carattere che ora possiamo dire avergli suggerito sempre di essere al servizio di un unico padrone:
“Il Dovere d’essere Onesto”.
E’ facile riassumere in poche parole i destinatari di questa sua incrollabile determinazione, basta scrivere: Famiglia, Lavoro, Società.
Una persona, quindi, “normale” come in teoria dovremmo essere tutti!
Ma un poeta può essere una persona “normale”?
Certamente no!
Quindi parrebbe logico dedurre che Enzo Monti non abbia la “costituzione emozionale” di un poeta, né la “procellosa e trepida (qui mi permetto di cambiare un termine per rendere i versi di Alessandro Manzoni più pertinenti alla sua indole) ansia di un gran disegno”!
Eppure, nella sua speciale normalità, Enzo Monti è riuscito a trovare un modo discreto di proporsi Poeta!
Lui, l’uomo della totale disponibilità, dell’altruismo, del self control, della onestà morale cercata ma non indotta da dogmatismi di qualsiasi natura, l’uomo dei sentimenti placidi e virulenti, che poco ha chiesto, ma molto ha dato… lui non ha mai affidando i suoi pensieri alla retorica oppure (Peggio? Meglio?) alla polemica.
Ha sempre pensato, consegnando ogni volta in custodia idee e sentimenti ed emozioni, a ciò che di meno “normale” esiste nella formulazione dello spirito umano, sì, li ha sistemati sotto le ali protettrici della Poesia!!
Ho molto a cuore suggerirvi di leggere queste sue strofe seguendone la genesi priva di qualsivoglia indottrinamento letterario o politico o religioso che sia.
I versi di Enzo Monti sono puro succo di una mente libera che onora la poesia.
Leggiamolo con il rispetto che si deve ai semplici, agli onesti… ed a chi è riuscito ad essere il “Poeta della normalità”.
Bruno Mancini

bannerok
Enzo Monti e Nunzia Zambardi

‘O triato ‘e Vicienzo – Testo

 

‘O triato ‘e Vicienzo copertina

Foto Trani Mareblù spettatori 1

449 Traccia 49

48 Traccia 48

47 Traccia 47

46 Traccia 46

45 Traccia 45

44 Traccia 44

43 Traccia 43

42 Traccia 42

41 Traccia 41

40 Traccia 40

39 Traccia 39

38 Traccia 38

37 Traccia 37

36 Traccia 36

35 Traccia 35

34 Traccia 34

33 Traccia 33

32 Traccia 32

31 Traccia 31

30 Traccia 30

29 Traccia 29

28 Traccia 28

27 Traccia 27

26 Traccia 26

25 Traccia 25

24 Traccia 24

23 Traccia 23

22 Traccia 22

21 Traccia 21

20 Traccia 20

19 Traccia 19

18 Traccia 18

17 Traccia 17

16 Traccia 16

15 Traccia 15

14 Traccia 14

13 Traccia 13

12 Traccia 12

11 Traccia 11

10 Traccia 10

09 Traccia 9

08 Traccia 8

07 Traccia 7

06 Traccia 6

05 Traccia 5

04 Traccia 4

03 Traccia 3

02 Traccia 2

01 Traccia 1

bannerok

p25

’O juoco da rota

Giro giro tondo, quanto è gruosso ’o munno.

Strigneva ’e mmana ’e cumpagnielle

e a ogne giro ere sempa chiu contento.

Mò, ogne tante è comma si facessap36

’o stesso juoco senza ca ’e mmane stregneno,

e a ogne giro, veco na cosa e penzo…

Veco duje nnammurate ca se guardena dind’all’uocchie

e ’o core me tremma.

a n’ato giro veco na perzona ca soffre e patesce

e je pure stregno ‘e diente.

Gire ancora , e veco ‘na festa addò cantano e ballano

e je pure so cuntento.

Po’ veco ’o mare addo’ nu piscatore se sta p’affuca nganna

e me s’accappona ‘a pelle.

Eppò… eppò…

Eppò doppe sti ggire, agge arrapute ll’uocchie

e m’è venute ammenta

ca ’e tutte sti cose, dint’  ’a vita mia,

n’aggio scanzato niente.

E aggio penzate: vuo vedé

ca si campo nate poco

stu joco m’appara ’o buone cu tutto ’o malamento!

Po’ aggio avutata ’a capa e guardanno ’ngoppa

aggio visto ’a ricchezza, l’abbondanza

’e risate ‘e certa genta.

 

Ammore che d’è

 

Nce sta forse nu metro p’ammesurà ll’ammore

ll’ammore è chell’ch’è!

E’ zucchero è profume è quanno stai sott”a luna?

Comm”o vurria sapè!!

Quanno mme sento allero nzieme ‘a guagliona mia

forse chisto è ll’ammore? Comme ‘o vurria pesà!

E’ nu quintal e mmiezo o quaccos”a fora

pecchè si stonghe ‘a sotta

quanno è vere Ddio je sti chile ‘e troppe

‘e vurria pruà

ma ll’ammore è chell’ch’è…

e ì mo quase nce prove: ammore è comm’a luce

chiu bell”e tutt”e luce c’appena essa te coglie

t’abbampa e nte fa fermà ‘o core

ma quanno ritorna a vattere ammanca chist’ammore…

o nu chilo e mmiezo ‘e cchiu’?

Ll’ammore è chell’ch’è…

003

Hits: 9

Lascia un commento