Più fine che amore – Una poesia tratta dalla raccolta “La Sagra del peccato” di Bruno Mancini

Benvenuti

Più fine che amore – Una poesia tratta dalla raccolta “La Sagra del peccato” di Bruno Mancini

Più fine che amore

Al dunque anch’io
mi affanno di domande
che sono il vento e il capitano
del mare e del vascello,
che sono penna
e sono carta,
che sono.

Io,
come nessuno
-già qui seduto
da giorni immobili-
che attende il cenno
dalle labbra aperte
oltre il languore
fisso
nei tuoi sensi.

Eri -non ieri-
profumo
immensa
siepe di coralli.

Troppi e inutili ricordi
per l’impossibile
di una lontana primavera.
Violento un mio uragano
quasi
a timore di tintinnii
di vicine campane
schizza chicchi di grandine sui vetri.

Staccasti un figlio
dall’albero
di melo biondo
di spore di speranze.
Era l’anno
del ferro e del fuoco
per Napoli
-Abele-.

Nenie e ninne nanne
tacquero per lui
matti boati di bombe.

Ora, la bocca
resa sottile dagli anni
dal male
inghiotte i suoni
perché io non soffra.

All’ultimo soffio di pensiero
alla forza di perderti
rinasco maturo.
Mi esco
mi alzo
e nel torpore
mi spengo la luce.

21.09.1999

La sagra del  peccato – anteprima Lulu

Bruno Mancini – vetrina Lulu

Alla ricerca di belle storie d’amore.

Racconti e poesie ambientati nella splendida Isola d’Ischia.

Per Bruno Mancini: brevi commenti amichevoli:

“… sincero, elegante, sempre aderente al soggettivismo letterario del particolare momento che attraversiamo.” “Le aperture liriche, più che segnare il passo dell’emozionalità, offrono un ulteriore invito a perdersi nei labirinti della parola scritta…” “Troverete un urlo e un soffio di amore, un vuoto, immersi nella forza e nella malinconia di chi comprende che…” “Quasi poesia cruda, percuote e carezza, giovane e antica…”

LA SAGRA DEL PECCATO – VIDEO 

La mia prima poesia
Lamento plebeo
Albore
Amico
Più fine che amore
Garanza rosa
Per Elena
Nessuno ha infranto
Conosco una storia
Nella foresta
Nel buio donna
Qualcosa
La mia ultima poesia

Sul palco si inizia
Lei bruna sedeva
Se non hai scritto mai
Le mummie e le vestali
Ancora hai voglia
Nebbia
La maschera e il cappello
Domeniche di folle
La carta e la pallina
Dio Burocrazia l’Artista
Volava in Viet Nam
Stordiamo ancora
Il fatto e la passione

Mentre andavamo in primo piano
C’è un patto
A Salvatore Quasimodo
Dissi
Soggiorno per uomini stanchi
La penna per nascere
Adone stanco
Io, forse ladro
Le ombre, per vivere 1,2,3
Mi danzi intorno
Ci fosse ancora
L’amore per essere
E Bruno stappa il Chianti

Poi guardo un giorno
e c’ero.
Poi guardo un giorno
tu c’eri.
Poi guardo un giorno
insieme.
Un giorno… un giorno… un giorno.



Dettagli del prodotto:

Stampato:
92 pagine,
6″ x 9″,
rilegatura termica rilegatura,
60# crema carta per l’interno,
B/N inchiostro per l’interno ,
100# bianco carta per l’esterno,
in quadricromia inchiostro per l’esterno

Editore: Bruno Mancini

Copyright:

© 2006 M.G. s.a.s. Ischia Standard Copyright License

Lingua: Italiana

Paese: Italy

Edizione: prima – Versione: 2 – Accessi: 198

La sagra del peccato

 

Nella foresta

di alghe marine

boccaglio e maschera,

furtivo, smuovo

a tana della murena;

è già maturala mia fobia.

La piccola occhi celesti

gote di rosso furente

inquieta,

sotto un monte

di gocce salate,

nella tana della murena;

è già deciso

il mio ritiro.

Ma quando andremo

a caccia di meduse?

Dove?

In cerca di tartufi,

a cogliere ciliegie?

E poi?

in giro in bicicletta,

al cinema all’aperto?

La mia passione

è pazza.

Se fosse figlia

la chiamerei Viviana.

Albore

E sono passate le tre

e sono

passate.

Ti manca l’attesa

– ricordo le notti –

resisti agli affetti

– più certa di me –

rovisti:

e a poco

la luna seduta sul mare.

Bannerc2

Nel buio, donna.

Stregone e mago

come nei giochi di me bambino

– di notte –

preparo ampolle

– con i ricordi –

di fogli strani

abbandonati -.

Nel sole, donna:

sul filo un colpo

di telefono,

sul libro un velo

di colori,

al cuore un laccio.

 

Le bambole sul letto

le foto alle pareti

i ciondoli

non temono distacchi.

 

Nel buio, donna:

sul labbro un colpo

di rossetto,

sul corpo un velo

opaco,

ai piedi un laccio.

 

Le bambole sul letto

le foto alle pareti

i ciondoli

non vedono distacchi.

 

Uno scrigno per te,

profumo intenso di malizia.

Banneracquista8oriz1

NEBBIA

Stasera preferisco

fumare.

La musica del bosco

evito.

Chi guardo?

Ancora rombi.

E l’alito della farfalla.

Di nostro

resta l’opera

e l’ira

e l’ultima falena

al neon.

Ritornano biondi capelli

Ritornano neri capelli

Ritornano rossi capelli

Ritorna il caimano

banner s10 vert 9 piccolo
Lasagradelpeccatocopfincomp

Ci fosse ancora un solo tabù

ancora un piccolo perché

l’ombra lunga di un

totem

la vergine fanciulla

il mio fucile ad aria compressa

un sogno (un velo)

una speranza (una visione)

un rischio

un inganno (un volo)

un soffio (un urlo)

il tuo rifiuto inutile.

Lasagradelpeccato3 
INFO – CONTATTI
tel: 3914830355 (tutti i giorni dalle 13 alle 23)
emmegiischia@gmail.com

Hits: 6