Così fu ottava puntata

Benvenuti

 

Bruno Mancini 

Così fu

 PARTE 1

Così fu

Ottava puntata

 CAPITOLO 12

Nel mio seguire un filo di intrecci meno folti, quasi una giungla casereccia, formato in prevalenza da liane di edere mediterranee e felci sovrastanti papaveri all’ombra delle ginestre (ginestra, fiore amato dalla mia donna) non ancora in fiore, la mole simmetrica del fabbricato, con i due balconi del primo piano poco distanti dagli angoli ed il portone di legno massiccio punteggiato alla estremità superiore da una nicchia votiva per un santo protettore, ad ogni passo, mi veniva incontro piano piano mostrando i segmenti di un puzzle che andavano continuamente ad accostarsi fino a formare la visone totale della sua struttura.

Finché, inaspettatamente, le piante e gli arbusti hanno finito di occupare parte del territorio, lasciando una chiazza semi desertica in corrispondenza del cortile antistante l’ingresso.

Un regalo della natura aveva permesso che il tavolo ed i sedili di lastroni lavici sistemati appena accanto al pozzo fossero soltanto ricoperti di muschio e piccoli fiori di campo, mentre, stupendamente incoronato da tralci di vite selvatica, il piano terra si confondeva con l’adiacente boscaglia.

Volevo, potevo, dovevo entrare?

“Che sia più semplice raggiungere una meta che non goderne i privilegi?”

Mancavano molte ore al tramonto, ed io ho avuto voglia di entusiasmarmi per ogni particolare di quel luogo, né brullo né antico, né vivo né solingo, così simile ai contorni che la vita mi offriva nella quotidiana stagnazione di affetti e prospettive di speranze.

Cos’altro erano le mie giornate tra scartoffie, progetti, bolli, scadenze, impegni, indirizzi, ripetitivi incontri, Mario l’usciere, Aniello il barbiere, Giuseppe l’autista, Vincenzo il praticante di studio, Cinzia la segretaria, Anna la collaboratrice domestica, Domenico il giornalaio, Teresinella la barista che mi porgeva il cappuccino al mattino, Rosa la bellina del bar all’ora dell’aperitivo, documenti, appuntamenti, relazioni, accordi, carte e poi di nuovo scartoffie… se non una lunga stagnante riproduzione della natura, ove le ginestre (ginestra, fiore amato dalla mia donna) continuino a fiorire nei periodi previsti, le edere seguitino senza sosta ad arrampicarsi verso i comignoli più alti, ed i papaveri contrastino un posto al sole alle margherite?

A Roma non avrebbe avuto senso che io ragionassi intorno all’ipotesi di potatura del grumo di spine, come non avrei impegnato più di un minuto per decidere se provvedere alla tinteggiatura del cancello ed al ripristino estetico dell’intero perimetro del muro di cinta.

A Roma, nel mio ufficio di Piazza Mergellina, la segretaria Gloria si faceva quotidianamente carico di risolvere ogni minimo dettaglio delle contingenze che mi si presentavano.

Una balia, una balia abruzzese, una balia abruzzese cui affidavo i figli illegittimi dei miei impegni professionali.

 

Il contatto fisico con la tenacia consistenza  delle assi d’ulivo scarnite dalle intemperie e poi increspate per il degrado dell’intero portone, offendeva e sfidava la leziosa morbidezza delle mie mani ben curate e prive di rughe.

Su di esso, fenditure profonde spaziavano in verticale, prevalentemente verso la parte bassa del legno con solchi profondi a forma di cunei e reticolati simili ai rivi della foce di un fiume tra lagune, stagni, e deviazioni per ostacoli formati da sedimenti venuti da lontano.

Intorno alla parte inferiore, principalmente a contatto con il suolo, il marciume dovuto alle pozze di acque stagnanti, ne aveva quasi polverizzato gran parte del bordo orizzontale strutturato come appoggio per le sette assi che componevano ciascun battente.

Non ho smesso di tastare, palpeggiare, annusare, sbirciare, fin quando non mi sono accorto che, dolcemente ma con caparbia determinazione, stavo sbriciolando i bordi consunti scavando nelle tane e tra le larve delle formiche.

Ho sentito, intanto che mi conformavo alle sensazioni tattili, olfattive, visive, prodotte dal connubio che andavo attuando con il luogo nel suo complesso, avanzare dentro di me, ma stranamente ancora più intorno a me, il respiro lento della precedente notte trascorsa tra veglia e sonno.

Una incipiente sensazione di completa immobilità, quasi mi stesse mancando la benzina nel motore e che fosse necessario avviare manualmente il ventilatore affinché rimanesse vivo il mio computer umano.

Molte altre volte al risveglio, in special modo dopo notti turbate da sogni troppo presto risultati evanescenti, mi ero accorto di simili sintomi e li avevo esaminati nel tentativo di poterli dominare, così che sentendoli sopraggiungere, pur nella completa veglia di quei miei primi passi nella cascina, mi sono meravigliato, ma ne ho tratte conclusioni logiche in sintonia con i riscontri oggettivi che mi erano sembrati prevalere nelle precedenti situazioni.

Accadeva che nessuna forzature riuscisse a smuovermi.

Per ogni completo risveglio dovevo necessariamente attendere quei pochi o molti minuti necessari ad umettare le labbra, stropicciare gli occhi, stendere le braccia, contrarre le dita dei piedi, respirare profondamente, sbadigliare rumorosamente, emettere una serie di colpetti di tosse, usare la mano come sipario scivolante dagli occhi al mento.

A volte avevo tentato di rifiutare questo rito pagano al dio “risveglio” nei modi più semplici, ed anche nelle maniere più astruse, rincoglionendomi intorno ad una sciarada che avrei voluto comporre con differenti soluzioni, raccogliendo però quasi sempre deludenti sconfitte.

Infatti, quando con impegno riuscivo a sbloccare la distensione delle braccia, di conseguenza, accumulavo piccoli rapidi movimenti delle spalle, e se pervenivo con successo ad impedire volutamente uno dei colpetti di tosse, allora una serie sorda e strozzata di mugugni mi saliva e scendeva dalla faringe allo stomaco.

Niente da fare.

Con semplicità non ero mai riuscito a risolvere il caso.

Se non cessava il respiro lento non iniziavo la marcia.

Non si attivavano le pattuglie di avanguardie preposte alla salvaguardia dei percorsi da delineare come struttura per il mio nuovo giorno.

Un mattino tentai una nuova soluzione temeraria.

Gilda.

Gilda tra le mie braccia come non era mai stata “riversa in mezzo ai fiori” – diceva Quasimodo -, “mi supera la luce e tocca le tue braccia ignude” – diceva Quasimodo-, “all’amata che in se agita un mio figlio” – diceva Quasimodo.

Con un movimento rapido, inatteso, ma per niente incoerente, invece di alzarmi e correre incontro al sogno, misi la testa sotto il cuscino per non rischiare di perdere un solo lembo d’immagine altrimenti sfocato dalla luce penetrata attraverso le giunture sconnesse della finestra, per non disperdere una sola briciola del suo odore di muschio e di ginestre (ginestre, fiore amato dalla mia donna) nel turbinio di effluvi di caffè e di fette biscottate che mi giungevano diffondendosi dalla cucina, per non dimenticare il null’altro importa che volevo rinchiudere in un profondo ed inaccessibile, anche a me stesso, scrigno di difesa.

Invece di schizzare dal letto ed andarla a cercare, sentii girarmi la testa, le palpebre pesanti, il suono di una nota alta di clarino tenuta continua come un fischio di richiamo, le mani gelate, il cuore fermo e Gilda che rideva, tra le mie braccia, con il volto ondulato dai frammenti di luce filtrati tra le foglie della magnolia, e rideva e rideva, tra le mie braccia, con il corpo adagiato in un groppo di papaveri e bacche di mirtilli, profumata di muschio e di ginestre e papaveri e mirtilli e gioia, come non aveva mai fatto…

Bruno Mancini

Bruno Mancini.

… segue. Titolo:

Per Aurora volume quinto

www.lulu.com

ID: 6595064

ISBN: 978-1-4092-8184-9

Prezzo:  €11.04
Così fu – Prima puntata

Così fu – Seconda puntata

Così fu – Terza puntata

Così fu – Quarta puntata

Così fu – Quinta puntata

Così fu – Sesta puntata

Così fu – Settima puntata

Così fu – Ottava puntata

Così fu – Nona puntata

Così fu – Decima puntata

Così fu – Undicesima puntata

Così fu – Dodicesima puntata

Così fu – Tredicesima puntata

Così fu – Quattordicesima puntata


Rubrica “La nostra isola”

01 Dicembre 2011

24 Novembre 2011

17 Novembre 2011

10 Novembre 2011

27 Ottobre 2011

20 Ottobre 2011

13 Ottobre 2011

06 Ottobre 2011

29 Settembre 2011

28 Settembre 2011

22 Settembre 2011

15 Settembre 2011

08 Settembre 2011

01 Settembre 2011

25 Agosto 2011

18 Agosto 2011

11 Agosto 2011

05 Agosto 2011

04 – Agosto – 2011

28 – Luglio – 2011

21 – Luglio – 2011

14 – Luglio – 2011

07 – Luglio – 2011

30 – Giugno – 2011

23 – Giugno – 2011

16 – Giugno – 2011

09 – Giugno – 2011

08 – Giugno – 2011

02 – Giugno – 2011

26 Maggio 2011

19 Maggio 2011

11 Maggio 2011

10 Maggio 2011

05 Maggio 2011

28 Aprile 2011

21 Aprile 2011

14 Aprile 2011

07 Aprile 2011

31 Marzo 2011

24 Marzo 2011

17 Marzo 2011

10 Marzo 2011

03 Marzo 2011

24 Febbraio 2011

17 Febbraio 2011

10 Febbraio 2011

03 Febbraio 2011

27 Gennaio 2011

20 Gennaio 2011

13 Gennaio 2011

06 Gennaio 2011

Anno 2010

Articoli vari

30 Dicembre 2010

23 Dicembre 2010

16 Dicembre 2010

09 Dicembre 2010

02 Dicembre 2010

25 Novembre 2010

18 Novembre 2010

11 Novembre 2010

04 Novembre 2010

 

Hits: 9

Lascia un commento