Così fu sesta puntata

Benvenuti

Bruno Mancini 

Così fu

 PARTE 1

Così fu

Sesta puntata

 CAPITOLO 11

«Neppure adesso, a cosa fatte, sarebbe facile inserirla, Gilda, con connotati essenziali in quegli anni amorfi nei contenuti e stupidi nelle forme.

Dov’ero quando nacque?
Ero nella sala d’attesa, insieme a mia madre che andava e veniva freneticamente da una stanza all’altra portando bacili d’acqua calda e tovaglie bianche, oppure camminava nervosamente, rumoreggiando, quasi contando i passi a voce alta dall’ingresso all’ultima porta in fondo al corridoio… e lo ricordo tutto piastrellato per mezzo di mattonelle esagonali, poste inseguendo linee parallele alle pareti, che apparivano del tipico colore grigio ottenuto mescolando in acqua, ora lo so, calce, cemento, pozzolana, con l’aggiunta di un pugno di polvere raccolta intorno alle pareti prevalentemente di creta formanti i margini dei sentieri verso l’Eremo del Monte Epomeo.
C’era scritto SALA TRAVAGLIO.
Non conoscevo quel termine TRAVAGLIO, non mi spiegavo il nervosismo di mia madre, e neppure davo peso ai gridi che arrivavano, quantunque smorzati, ben oltre le sedie di plastica rossa poste in due gruppi di quattro intorno alle pareti della minuscola saletta fino a riempirla quasi del tutto.
Seduto, silenzioso, composto, leggendo l’ultima avventura di Topolino contro Gambadilegno, non mi era concesso sapere che mia madre si trovava lì, ed io con lei, nella attesa che la ”Signora Aurora”, la reale “Dominus” del paese, partorisse Gilda.
Gilda, da lattante non era stata la più carina neonata della maternità, da bambina non veniva vezzeggiata come la più bella figliola della famiglia “Dominus”, da signorinella, alta e smunta, non richiamava gli sguardi appetitosi dei maschietti del rione.
Da quando, e come fosse avvenuto in lei il cambiamento fisico che mi dava i brividi finanche nel ricordo, non mi sembrava di averlo mai esaminato.
Eppure, a ripensarci, ero stato certo importante durante tutta la sua vita, dalla culla alle calze a rete, ma anche disperatamente incapace di percepire i flussi di attenzioni tipici delle diverse aspettative connaturate alla sensibilità delle sue differenti età, e ciò poiché li lasciavo sempre rimbalzare sugli schermi protettivi che alzavo a difesa delle mie convinzioni.
Dovrei, ma non posso.
Inventarmi una ragione per eludere il bisogno d’entrare nel covo dei ricordi sbiaditi perché lasciati, da soli, alle intemperie cadenzate secondo il monotono rincorrersi di stagioni assolutamente uguali da un anno all’altro, alle muffe nercrofobe degli insetti e dei piccoli animali – roditori, lucertole, bisce – vissuti tra le pieghe dei mobili e dei lumi e dei ninnoli sulle credenze così come nei massicci cassetti mai chiusi a dovere, alle polveri screanzate venute su da chi sa dove e penetrate attraverso gli interstizi tra gli infissi e tra le canne fumarie dei camini: memorie abbandonate come figli tra i cassonetti dei rifiuti. Dapprima per scarso amore e poi per il collare di ferro che impone al vinto il vincitore.
Potrei, ma non voglio.
Scontrarmi con la mia coscienza ed accettare l’inizio e la fine, il guado e la stenosi, la fiera ribellione e il docile, accattivante ozio, tutti i passaggi segreti, ogni caduta nei pozzi dei desideri, miracoli, tradimenti, egoismi; ammettere, appunto, l’inizio e la fine dei giorni e delle notti che io solo conosco io solo ammansisco, io solo uccido.
Il nocciolo duro che respinge le mie pavide titubanze e mette a nudo l’inconsistenza delle mie aleatorie prese di coscienza, il nerbo crudele che mi fustiga verso lo spazio antico e noto, contro spezzoni di azioni già fatte, nel buio visibile oltre il portone di legno massiccio, il sibilo lancinante che dalla mia testa m’impone di andare per “CAPIRE”, è il dubbio.
Lo stesso dubbio.
Sempre lo stesso dubbio.
Sempre lo stesso dubbio di quando partii.
Sempre lo stesso dubbio di quando partii con un sacco vuoto di cose ma pieno di speranze.
Ormai è l’alba, la terra non torna indietro.
Il sole attende immobile».

Bruno Mancini

Bruno Mancini.

… segue. Titolo:

Per Aurora volume quinto

www.lulu.com

ID: 6595064

ISBN: 978-1-4092-8184-9

Prezzo:  €11.04

Così fu – Prima puntata

Così fu – Seconda puntata

Così fu – Terza puntata

Così fu – Quarta puntata

Così fu – Quinta puntata

Così fu – Sesta puntata

Così fu – Settima puntata

Così fu – Ottava puntata

Così fu – Nona puntata

Così fu – Decima puntata

Così fu – Undicesima puntata

Così fu – Dodicesima puntata

Così fu – Tredicesima puntata

Così fu – Quattordicesima puntata

 

Rubrica “La nostra isola”

01 Dicembre 2011

24 Novembre 2011

17 Novembre 2011

10 Novembre 2011

27 Ottobre 2011

20 Ottobre 2011

13 Ottobre 2011

06 Ottobre 2011

29 Settembre 2011

28 Settembre 2011

22 Settembre 2011

15 Settembre 2011

08 Settembre 2011

01 Settembre 2011

25 Agosto 2011

18 Agosto 2011

11 Agosto 2011

05 Agosto 2011

04 – Agosto – 2011

28 – Luglio – 2011

21 – Luglio – 2011

14 – Luglio – 2011

07 – Luglio – 2011

30 – Giugno – 2011

23 – Giugno – 2011

16 – Giugno – 2011

09 – Giugno – 2011

08 – Giugno – 2011

02 – Giugno – 2011

26 Maggio 2011

19 Maggio 2011

11 Maggio 2011

10 Maggio 2011

05 Maggio 2011

28 Aprile 2011

21 Aprile 2011

14 Aprile 2011

07 Aprile 2011

31 Marzo 2011

24 Marzo 2011

17 Marzo 2011

10 Marzo 2011

03 Marzo 2011

24 Febbraio 2011

17 Febbraio 2011

10 Febbraio 2011

03 Febbraio 2011

27 Gennaio 2011

20 Gennaio 2011

13 Gennaio 2011

06 Gennaio 2011

Anno 2010

Articoli vari

30 Dicembre 2010

23 Dicembre 2010

16 Dicembre 2010

09 Dicembre 2010

02 Dicembre 2010

25 Novembre 2010

18 Novembre 2010

11 Novembre 2010

04 Novembre 2010

Hits: 8

Lascia un commento