Letture d’estate lungo le sponde del Tevere a Roma.

La magia dell’estate accompagna gli appuntamenti della manifestazione che si svolge nell’ambito del progetto Letture lungo il Fiume di Federazione Italiana Invito alla Lettura in convenzione con Municipio I Roma Centro

Nella circolarità di un tempo dove il passato riemerge nel presente dando respiro ad emozioni taciute o dimenticate, le parole scritte segnano luoghi di ascolto e incontro con memorie e pensieri appartenenti ad un vissuto che non si spegne, ma accompagna l’individuo nel suo percorso di vita guardando ad una costante evoluzione in cui tutto quello che è accaduto produce pensieri di rinnovamento se accolto e rielaborato entro una nuova prospettiva.

Verso questa visione di rielaborazione e ascolto delle emozioni accompagnano le pagine di libri dove abitano storie, vicende reali e immaginarie legate al passato, al presente, ma anche proiettate verso un ipotetico futuro, con sullo sfondo atmosfere ogni volta diverse.

Dal romanzo storico a quello di azione, dal giallo al sentimentale, compresi quelli legati ai racconti fantastici e alle fiabe, ma anche alle poesie, il lettore entrando nella vicenda di un personaggio può ricontattare stati d’animo ed emozioni che fino a quel momento erano rimaste silenti in attesa di trovare un’occasione per riemergere. Grazie alle trame di storie possibili o di fantasia, di viaggi alla scoperta di tradizioni, culture, luoghi e ambienti paesaggistici di rara bellezza, chi legge ha la possibilità di uscire dai ritmi monotoni della routine quotidiana, cogliendo momenti unici in cui lasciarsi catturare dalla vicenda di un personaggio con cui riconoscersi ed entrare in empatia o magari da cui distaccarsi completamente, restando in linea con il proprio modo di essere e pensare.

FARINACCIO_ph. Claudio Sforza

La lettura di un libro può aprire nuovi mondi interiori e quindi suggeriamo di non perdere l’occasione di visitare uno degli appuntamenti della manifestazione “Letture d’Estate” che inaugura il 23 giugno 2022 al Bibliobar di Roma bar “rivestito” di libri che è centro bookcrossing e biblioteca sul Lungotevere Castel Sant’Angelo. Progettato dalla Federazione Italiana Invito alla Lettura, in convenzione con il Municipio I Roma Centro e a cura di Margherita Schirmacher. l’evento aperto fino al 5 agosto 2022, offre l’occasione di assistere –  lungo la passeggiata che costeggia il fiume Tevere, tra i banchi alla francese che sorgono all’ombra dei platani-  ad un susseguirsi di presentazioni di libri, incontri per i più piccoli e meditazioni per tutti. Agli appuntamenti letterari fa da sfondo Castel Sant’Angelo decorato dalla nuova serie illustrativa di Lucio Villani dal titolo “Dragotopia”.

Ad aprire la manifestazione il 23 giugno è il ciclo di incontri del giovedì “Dante per tutti” a cura di Luca Maria Spagnuolo, che attraverso le terzine del Sommo Poeta conduce il pubblico dall’Inferno verso il Paradiso.

Il ciclo di presentazioni e incontri letterari prendono il via il 24 giugno con orario alle 21.00 in cui si potrà spaziare dalle anteprime di romanzi, come ‘Le tre figlie’ della scrittrice Anna Dalton (Garzanti) che presenterà il suo libro accompagnata da Margherita Schirmacher, allo street poetry de I Poeti Der Trullo con Graziano Graziani. Di interesse anche le storie di sport, con la campionessa Silvia Salis che con Noemi Serracini parlerà de ‘La bambina più forte del mondo” (Salani), e la saggistica con ‘Vademecum per i mecenati della cultura’ di Giulia Silvia Dia (Gangemi edizioni).

DALTON1_Nikolai Selikovsky

Di grande impatto visivo i libri illustrati come ‘Esercizi di leggerezza’ (Rizzoli) di Luca Laudito e Marco Rocco autori del seguitissimo fumetto ‘Intimo distacco’, mentre le riflessioni sulla storia d’Italia sono affidate alla penna di Pino Arlacchi autore di “Giovanni e io” (Chiarelettere), presentato dall’ex premier Giuseppe Conte. L’attore Paolo Calabresi presenterà il suo romanzo “Tutti gli uomini che non sono” (Salani) accompagnato da Alberto Caviglia, mentre la romanziera Valentina Farinaccio sarà ospite della rassegna con il suo nuovo libro “Non è al momento raggiungibile”(Mondadori) e ne parlerà con Margherita Schirmacher. E ancora con “Factory Girl” di Nadia Busato, attraverso la figura femminile dimenticata di Ultra Violet, si entra nella New York del secolo scorso. A parlarne con l’autrice è Barbara Tomasino.

Ad ogni libro presentato sotto le stelle è dedicato un cocktail particolare che può essere degustato.

Anche per i più piccoli presso il Bibliobar vi sono incontri pensati appositamente per loro durante le domeniche tra giugno e luglio curati da Stefania Cane e Lucia Parisi: a partire dalle ore 11.00 i bambini dai 3 anni in su, oltre ad assistere a divertenti letture seguite da laboratori. hanno l’opportunità di dare voce alla propria creatività tagliando, incollando e colorando. Essendo l’individuo formato da corpo, mente e spirito o anima, non poteva mancare l’incontro rivolto alle meditazioni di Sahaja Yoga aperte a tutti in programma ogni martedì alle ore 19.00.

Silvana Lazzarino

Letture d’Estate

dal 23 giugno al 5 agosto 2022

Sito ufficiale www.letturedestate.it

Facebook https://www.facebook.com/LetturedEstate

Info info@letturedestate.it // 06 6873676 – 340 941 9288

Alcuni articoli di Silvana Lazzarino

Il Dispari: Silvana Lazzarino partecipa al convegno “Le donne raccontano”

Emmegiischia: Roberta Damiata-prima-donna

Emmegiischia: La solitudine nei film di Philip Groening

Emmegiischia: Gli scatti di Llisetta Carmi documentano il senso della vita

Il Dispari 20180423 – Redazione culturale

Ischia. Patrizia Canola al Museo Etnografico del Mare

Roma: i Musei si aprono alla musica

Mirò. Sogno e colore a Bologna

Massimiliano Bartesaghi e le sue prospettive urbane

L’uomo e le contraddizioni nelle sculture di Roberto Barni

https://www.emmegiischia.com/wordpress/98293-2/

 

 

Hits: 66

Miranda e l’ossessione di Giorgio e Roberto…….E’ uscito il romanzo “Nel mio destino” dii Silvana Lazzarino edito da Kairos

Miranda, Giorgio e Roberto……

Questo romanzo catturerà il lettore per l’intreccio avvincente e intrigante dove il destino non sempre è prevedibile, Un mix di desiderio, passione, giochi di potere e ossessione travolgeranno la protagonista fino a condurla a scoprire un’altra sé

Protagonista è la bella e sensuale Miranda, quarantenne, sposata con Riccardo comandante di aerei con il quale ha un figlio adolescente appassionato di calcio e violino. A scuotere la monotona eppur significativa vita dell’affascinante e brillante Miranda, determinata nell’affermarsi come ricercatrice nel campo dell’archeologia presso l’Università di Roma dove non mancano possibili prospettive per la sua carriera, sono due incontri che suscitano in lei nuove vibrazioni e desideri che rapiscono completamente il suo corpo e la sua mente quasi da non riconoscersi in quella nuova Miranda.

Eppure, la scoperta dell’altra sé, la mette innanzi a sensazioni mai provate prima che con grande coinvolgimento condivide quasi parallelamente con i due amanti. Ma anche il marito pilota nei suoi scali tra Roma e Bangkok si lascia incantare da una giovanissima donna tailandese pronta a donarsi completamente a lui con amore sincero.

Dapprima centro del desiderio di Giorgio il bel giovane tenebroso ventottenne e poi di Roberto l’imprenditore cinquantenne dal sexappeal irresistibile anche per quegli occhi color ghiaccio magnetici, Miranda non può sapere di essere preda di due personaggi dalla mente distorta, accomunati da una certa maniacalità e abilissimi nel loro gioco di potere e seduzione, specie il secondo da cui la donna viene totalmente ipnotizzata senza immaginare di ritrovarsi completamente ….

Diverse scene del romanzo si soffermano nel tratteggiare, con descrizioni a tinte hard, gli incontri della protagonista con i due uomini. Pagina dopo pagina l’intreccio da romanzo “rosa nero” avvolgerà il lettore sempre più, invitandolo a non fermarsi in questa carrellata di fotogrammi che scorreranno innanzi a suoi occhi …e potrà vedere Miranda e i suoi amanti come fossero in un film.

La prima presentazione di questo avvolgente romanzo sarà a Napoli il 27 maggio 2022 alle ore 17.30 presso la Libreria Raffaello (in Via Kerbaker. 35).

QUI DI SEGUITO IL TRAILER DEL ROMANZO “NEL MIO DESTINO” EDITO DA KAIROS

Hits: 50

Il Dispari 20211129 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211129 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211129

Il Dispari 20211129 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211129 – Redazione culturale DILA

Dal libro di Bruno Mancini “Per Aurora volume terzo”

La sesta firma. 4a puntata

Capitolo secondo
[…]

Poco alla volta, con gli zoccoli duri di un elefante, un’ambizione inqualificabile avanzò sui ciottoli delle mie abitudini per nulla tranquille.

Perché, poche ore prima, giunto sul molo della mia isola avevo seguito la viuzza acciottolata che attraversando la pineta passava davanti al bar di Gilda?
Così, distrattamente?
E perché senza aver intenzione di bere o di trascorrere qualche minuto in compagnia, mi ero avvicinato al banco mescita?
Senza motivo? Come un automa telecomandato?
Per una simile ragione avevo preso posto su uno degli sgabelli di plastica rossa con struttura in acciaio satinato?

La successiva breve conversazione era stata o non era stata responsabile, almeno in parte, della confusione mentale che stavo invano tentando di addestrare?
Nella logica adatta ai rapporti tra un domatore ed il suo leone, la mia ossessiva ambizione di libertà era o non era la forza che stava intendendo imporre, alla ribelle bestialità della mia natura, un insensato salto da eseguire passando attraverso la strozzatura del cerchio infuocato di un assurdo autocontrollo?
Quelle brevi frasi responsabili di tanto trambusto?

Mi aveva chiesto:
La solita?»
Sì grazie.»
Gianni, dai una birra ghiacciata al dottor Bruno.»
Non sono dottore. Quante volte devo dirtelo?»
Dotto’, per me voi siete tutto: dottore, farmacista, avvocato, medico, pure onorevole…»
Se mi chiami onorevole cambio bar.»
Ma che è stasera, nun se po’ pazzia nu poco?
È il quattro agosto e state nervoso per la gente che allucca a tutte le ore per la strada e non vi fa pensare? Non potete scrivere?
State arrabbiato?
Ecco la birra gelata.
Non ci pensate, i guai sono il contrario delle femmine.
È vero che tutti e due vanno e vengono, però le femmine se le pensate assai se ne fuggono, i guai invece più li credete importanti più aumentano.
Ve li scordate, e i guai passano; ve le dimenticate, le femmine tornano.
Fate come me, con tutto il rispetto dotto’, io non li penso e non le penso proprio, né di giorno né di notte.»
Stai parlando delle femmine o dei maschi?»
Tutti la stessa razza, uguali, i maschi e le femmine, fuggono uguali se li accarezzate.
Dotto’, accussì si sta troppo buono!»
Sei pazza!
Pazza sconclusionata.
Potresti avere eserciti di uomini, alti biondi bruni ricchi belli giovani…»
Sì Dotto’ questa canzone me l’hanno già cantata mille volte.
Voglio sta’ sola!
Nun voglio a nisciuno.
Un bastardo è bastato.
Prima mi faceva piangere e poi mi asciugava il naso, prima mi faceva ridere e poi mi sputava in faccia, “Ti amo.” diceva “Sei tutto per me.”, e si prendeva veramente tutto: amore e soldi.
E nemmeno questo è bastato!
Bastardo.
La pollanchella gli disse “vieni” e lui venne, la pollastrella gli disse “andiamo” e lui andò. Né più tornò.
Vigliacco bastardo.
Dotto’ un’altra volta… sapete, non mi chiamo Speranza né mi chiamo Vendetta, ma il mio nome è Certezza.»
Io so che ti chiamano Gilda e so pure che non c’è tana senza ingresso.
Posso avere una birra?»
Gianni, la birra più fredda per il dottor Galante.
Vi chiamate Galante? Porfirio Galante? Valentino Galante? Galante Rubirosa? Rodolfo Valentino? Porfirio Rubirosa? Rodolfo Galante Porfirio Rubirosa Valentino?»
Chiamami Bruno, sarò la tua vita.»
Ma questa è la reclame di una birra.
‘Mbroglione.
Ci avevo quasi creduto!
Ecco la birra, bionda fredda trasparente e senza bollicine.
Mi rassomiglia.
Dotto’ io sono una birra che non potete bere in un sorso solo.»

Segue lunedì prossimo

Il Dispari 20211129 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211129 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211129 – Redazione culturale DILA

Lucia Fusco ad Ischia con “Come acqua amara”

A fine estate ho avuto il piacere di incontrare Lucia Fusco, presente a Ischia per una vacanza che ripete ogni anno, e ne ho ricevuto in dono una copia del suo interessante lavoro letterario “Come acqua amara“: 280 pagine di storie di Sezzesi, Susaroli, Pipernesi e Cispadani.

Opera prima pubblicata da Sintagma (ISBN 978894465211), “Come acqua amara” è il racconto di una saga familiare italiana che si sviluppa in una corposa parte del secolo scorso ed è ambientato, come si legge in quarta di copertina “… in un mondo duro, spesso crudele che però attraverso il vissuto dei protagonisti, sa mostrare quale e quanta ricchezza c’è nella povertà, quanta unione può restare anche nella lontananza, quanta forza e tenacia possono nascere nella disperazione, quanta speranza può crescere da ogni piccola azione.” che poi continua con “Così le storie di Filomena, Silvia, Lucia, Lidia, Costanza e delle loro famiglie tornano a vivere, soffiando via la polvere del tempo passato”.

La prefazione di Fabrizio Agostini, Direttore di “Lepini Magazine” e la presentazione del Prof. Luigi Zaccheo, storico e ricercatore, contribuiscono alla focalizzazione degli aspetti tematici e lessicali del profondo lavoro letterario di Lucia Fusco.
Infatti, tra l’altro, scrive Agostini: «… il prezioso contributo di Lucia Fusco ci ha aiutato a fotografare una realtà che non tutti conoscevamo. Spaccati di vita quotidiana che in un modo o nell’altro ci accomunano tutti.» E poi ancora: «Tutto questo raccontano le storie di Lucia Fusco, nelle quali ognuno di noi può identificarsi o soltanto confrontarsi per trarre un insegnamento poiché la vita è un viaggio sulle montagne russe. Per ottenere un tale risultato è stato determinante la sensibilità dell’autrice, la quale ci ha donato tessere di se stessa per renderci partecipi dei suoi ricordi mostrandoci il mosaico nella sua totalità»..
E Zaccheo completa il quadro della presentazione scrivendo: «Lucia Fusco, fiera combattente per l’emancipazione della donna e per l’affermazione delle pari opportunità dei sessi nella società, ha realizzato un libro importante, istruttivo, piacevole a leggere, ricco di figure maschili e femminili, che, con tenacia e grande forza di volontà sono riuscite a creare un loro spazio specifico all’interno di una società chiusa, dominata dalle gerarchie e spesso da potenti, facilmente resisi prepotenti”.
Per entrare immediatamente nel vivo della vis narrativa di Lucia Fusco vi basterà leggere una frase del racconto intitolato “La prima Repubblica”, uno degli ultimi della serie di cui è composto il libro, che inizia così “Roma – anni settanta. Stretta nel cappottuccio cammello, foulard blu, la borsetta fuori moda, Adelina, una giovane susarola, passeggiava guardando con desiderio i vestiti nelle eleganti vetrine di Via del Corso».

Lucia Fusco è nata a Roma nel 1963, laureata in lettere, insegna a Pontinia.
In gioventù ha viaggiato per l’Italia, l’Europa e l’Africa con un gruppo di amici, con spirito di conoscenza e semplicità, con zaino e sacco a pelo.

Un lungo elenco di premi e di riconoscimenti vari rende merito alle sue attività didattiche, culturali e sociali.

Da alcuni anni è Ambasciatrice di Pace nonché Presidente della Sede operativa della Regione Lazio per conto dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”.

Bruno Mancini


Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211122

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Dal libro di Bruno Mancini “Per Aurora volume terzo”

La sesta firma. 3a puntata

Se vi piace leggere racconti a puntate, questa pagina fa al caso vostro, poiché da lunedì 1 novembre abbiamo iniziato a pubblicare (ogni lunedì) una parte del racconto “La sesta firma” inserito nel terzo volume della serie “Per Aurora”.

Capitolo secondo

[…] Non vale nascondere i paradossi della quotidianità utilizzando scampoli di pseudo epocali avventure.

Sarebbe un sistema in grado di funzionare per il brevissimo periodo, ma che in definitiva lascerebbe ancora più scoperto il nervo dolente.

Quella sera, come tutte le sere, Geltrude mi augurò “Buonanotte Dottore”, così scoccando, involontariamente, la scintilla che avrebbe fatto esplodere la contraddizione della mia vita.

Io mi sentii solo.

Radicalmente.

Ciò, nonostante il soffocante abbraccio della totalizzante invasione che l’elettromagnetismo d’origini ignote mi chiedeva di ricambiare.

Avrei potuto ascoltare le frequenze 120 130 140 150 160 1357…, austriache, giapponesi, eritree, sud tirolesi, saigonesi, etiopi, baranesi, del cinquantaduesimo anniversario della rivoluzione cubana, ventisei luglio 2005, oppure telefonare ai numeri di appello pubblico per frodi commerciali, richieste di informazioni dei nostri concittadini dispersi negli attentati egiziani, inglesi, afgani, iracheni, pachistani, serbi, israeliani, giordani, siriani, libici, algerini, tunisini, sud tirolesi, irlandesi, baschi, turchi, americani, genovesi, rodesiani, indonesiani, giapponesi, americani, americani, americani, finanche ai numeri di appello pubblico contro te, contro lui, la strada sconnessa, i predatori di tartarughe sperdute, lo sciopero selvaggio dei reduci dalla cassa integrazione, il tassista furbacchiotto, il controllore scostumato, il vigile urbano acquattato nella sala giochi del bar gelateria, le cacche sulla strada dei cani randagi, le caccone sui marciapiedi lasciate da cani liberi provvisti di medaglietta e collare, le caccacce agli ingressi di case e negozi defecate comodamente da cani al guinzaglio di signore profumate abbronzate sculettanti smorfiose sussiegose tamarre, tamarre,  tamarre, tamarrissime.

Ero, al contrario, sedotto dal volere cercare rifugio in una paradossale autosufficienza.

Lentamente, iniziai ad entrare in una sfera d’impermeabilità, ove si ergeva sovrana l’inibizione a montare sui salvagenti, infiocchettati da suadenti programmi pubblicitari e resi indispensabili nella globalizzazione dell’era elettromagnetica.

Ciambelle di salvataggio adatte ad appigliarvi fittizi bisogni. Cinture protettive utili per fungere da ripari ad esigenze artatamente indotte. Elementari manuali di sopravvivenza dei cittadini metropolitani proposti da sedicenti esperti.

Essa, l’inibizione, aveva radici in un’apparentemente semplice sensazione di libertà.

Ogni volta che si tenta di superare una linea di demarcazione, c’è un elemento dalle coordinate XYZTIO (ics ipsilon zeta tau io) che si trova a cavallo, in equilibrio, tra un lato ed un altro, tra due dimensioni differenti, tra un prima ed un poi, tra l’io e il non.

In bilico su un concetto, non riuscii a decidere se l’allontanarsi di Geltrude aveva insinuato in me la necessità di una compagnia, oppure se, al suo lasciare la stanza, non mi ero sentito avvampato per il sospetto che, vuoto, era tutto quanto mi contornava.

Specchio specchio delle mie brame chi è il più solo del reame?

Segue lunedì prossimo

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Angela Maria Tiberi scrive al Sindaco di Pontinia

Illustrissimo Dottor Eligio Tombolillo, Sindaco del Comune di Pontinia,
mi complimento vivamente per il suo successo politico che le ha consentito di essere eletto Sindaco del Comune di Pontinia con ampia maggioranza e, come promesso, sono qui a proporre un’iniziativa culturale a beneficio della collettività dell’Agro Pontino.

Con i poteri che riconosciuti dalla mia funzione di Presidente della sede “Nazione Italia” dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA“, desidero richiedere il patrocinio del Comune di Pontinia per la realizzazione e la pubblicazione di un’antologia di Arti Varie avente per oggetto la “Storia di Pontinia… conosciuta nel mondo“.

Tale opera letteraria sarà composta con pagine dedicate alla storia, non solo artistica e delle tradizioni artigianali ma anche civile e politica, di Pontinia con foto di arti grafiche, e con brani di poesia, letteratura, giornalismo ecc., e si avvarrà dell’adesione di numerosi artisti della Provincia di Latina oltre che degli artisti amici dell’associazione internazionale “Da Ischia L’Arte – DILA”.

Il progetto editoriale riceverà, tra l’altro, la costante collaborazione del quotidiano IL DISPARI di Gaetano Di Meglio distribuito insieme al Mattino di Napoli, e potrà contare sulla disponibilità del sito www.emmegiischia.com che riceve milioni di visite ogni anno.

Ne faranno parte, inoltre, artisti nazionali ed internazionali aderenti alle numerosissime associazioni ed accademie con cui mi pregio di collaborare personalmente.

Restando a completa disposizione per ogni ulteriore chiarimento e documentazione, in fiduciosa attesa di una Sua favorevole risposta Le invio distinti saluti.

Angela Maria Tiberi
Presidente sede Italia dell’Associazione DILA

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Michela Zanarella al Tuscania Libri

il salone dell’editoria indipendente alla terza edizione

Dal 29 ottobre al al 1°novembre a Palazzo Fani, nella prestigiosa sede nel centro storico di Tuscania, si è svolta la terza edizione di TuscaniaLibri, salone del libro dedicato agli editori e agli autori indipendenti.

L’evento, promosso da ACTAS, associazione presieduta da Claudio Patrizi, in collaborazione con Edizioni Penne e Papiri, con il patrocinio del comune di Tuscania, provincia di Viterbo, Le Ragunanze, A.Gi.Mus sez. Roma Est, Hotel Tuscania, ha visto la partecipazione di autori ed editori provenienti da diverse regioni italiane.

L’inaugurazione ha visto la presenza del sindaco di Tuscania, Fabio Bartolacci, della presidente dell’associazione Le Ragunanze, Michela Zanarella, autrice e giornalista, e dell’attore, regista e scrittore Giuseppe Lorin, entrambi promotori culturali attivi sul territorio nazionale e internazionale, collaboratori dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA“,

L’iniziativa ha consentito la presentazione di racconti brevi, romances, thriller, storie autobiografiche, fantascienza, saggi e poesie e favorito l’incontro tra intellettuali e turisti nella splendida cittadina della Tuscia.

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211122 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211115

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

Cerimonia premiazione OTTO MILIONI

Il 4 dicembre 2021, alle ore 17, nello spazio magico “Interno 4” di Chiara Pavoni in via Della Lungara 44 a Roma, a conclusione della decima edizione del Premio internazionale di arti varie “Otto Milioni” si terrà la cerimonia di premiazione con la comunicazione delle classifiche finali e la consegna dei relativi attestati di merito.

I primi cinque classificati delle due sezioni (poesia e Arti grafiche) saranno avvisati in privato.
Saranno inoltre premiati i seguenti personaggi che, durante i dieci anni del Premio, si sono maggiormente distinti nella sua divulgazione.

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

Alberto Liguoro, Andrea Del Buono, Angela Barnaba (alla memoria), Anna Fermo, Antonio Di Nauta, Antonio Mencarini (alla memoria), Carmen Di Lustro, Chiara Pavoni, Clementina Petroni, Dalila Boukhalfa, Emanuela Di Stefano, Enzo Salvia, Gaetano Di Meglio, Gennaro Savio, Giulio Menichelli, Giulio Tarro, Giuseppe Lorin, Guerino Cigliano, Guido Arbonell, Guillermo Lopez Alonso De Linaje, Hotel Parco Verde, Jeanfilip, Katia Massaro, Lucia Annicelli, Lucia D’ambra, Luciano Somma, Maria Luisa Neri Mariagrazia Casola, Mariapia Ciaghi, Marina De Caro, Massimo Colella, Michela Zanarella, Natalia Benedetti, Nicola Pantalone, Nunzia Zambardi, Paola Occhi, Pasquale Di Costanzo, Pasquale Scotti (alla memoria), Raffaele Pagliaruli, Rita Cuccaro, Roberta Panizza, Roberto Prandin, Rosalba Grella, Sacha Savastano, Salvatore Lauro, Santina Amici, Silvana Lazzarino, Stefano Degli Abbati, Tiziana Mignosa,Umberto Maselli (alla memoria), Vincenzo Savarese (alla memoria), Vito Nicola Paradiso, Ylenia Pilato.

In considerazione dei disagi particolarmente rilevanti ai quali andrebbero incontro i numerosi premiati residenti sulla nostra isola d’Ischia per recarsi a Roma (condizioni meteorologiche invernali, green pass per i trasporti ecc.), grazie alla disponibilità offerta dal Comune di Ischia, avremo l’opportunità di effettuare nella locale Biblioteca Comunale Antoniana un contemporaneo incontro, con relativa diretta streaming dalle ore 17,15 alle ore 17,45, riservato ai premiati ischitani e condotto dal Direttore della testata giornalistica Il Dispari, Gaetano Di Meglio.

In tale occasione saranno presentate le due antologie collegate al premio.
La prima, dal titolo“XEdizione”, contiene tutte le opere di arti grafiche e tutti i testi delle poesie finaliste delle due sezioni del Premio, oltre a contributi culturali proposti da Artisti di varie discipline;.
La seconda, dal titolo “Sinfonia con l’Africa due”, realizzata in sinergia con l’Associazione algerina “ADA” di Dalila Boukhalfa, presenta una raccolta di Artisti internazionali i cui testi sono stati tradotti in diverse lingue: arabo, francese, inglese, lettone e russo.

Come è facilmente comprensibile, perdurando l’incertezza sulle restrizioni imposte per il contenimento della pandemia COVID, e in considerazione dello spazio disponibile, la partecipazione all’incontro potrà avvenire solo previa prenotazione che dovrà essere richiesta a mezzo e-mail inviata a dila@emmegiischia.com, oppure telefonando al 3914830355 (tutti i giorni dalle 14 alle 23) entro il 25 novembre.

Un caloroso ringraziamento va riservato, fin da ora, all’attrice Chiara Pavoni che, non solo metterà a disposizione il suo spazio magico “Interno 4”, con tutta la sua organizzazione, in una situazione piuttosto problematica, ma svolgerà anche funzioni di Madrina speciale della cerimonia in nome e per conto della nostra Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”.
La decima edizione del Premio “Otto milioni” è stato, anche questa volta, organizzata dall’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA” con la collaborazione della testata giornalistica IL DISPARI di Gaetano Di Meglio, dell’Associazione algerina ADA di Dalila Boukhalfa, del magazine EUDONNA e della casa editrice IL SEXTANTE di Mariapia Ciaghi,
Convinti che tutti i premiati saranno in prima linea per diffondere i progetti culturali Made in Ischia e che ne vorranno far parte ancora per il futuro, concludiamo questa decima edizione del Premio “Otto milioni” complimentandoci con tutti finalisti ai quali vanno sinceri auguri di meritati successi.

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

SEZIONE POESIA:

Angela Maria Tiberi, Anita Ķēķe, Anita Zvaigzne, Anna Rancāne, Broņislava Dzene, Eduards Aivars, Elīna Zālīte, Elita Viškere, Emanuela Eleonora Di Stefano, Eva Mārtuža,
Flora Rucco, Ināra Gaile, Ingrīda Zaķe, Invar El-Voron, Janis Jan Zarins, Liga Sarah Lapinska,
Ligija Kovaļevska, Luciana Capece, Lucio Rinaldini, Mairita Ķērpe-Dūze, Maria Francesca Mosca, Milena Petrarca, Modris Andžāns, Natalina Stefi, Orietta Bellomo, Rosaria Zizzo, Vera Roķe, Viesturs Āboliņš, Virginio Sannino.

SEZIONE ARTI GRAFICHE

Abu Pahaev, Adam Ilyasov, Ajub Ibragimov, Alessia Gaveglia, Art Linh, Astra Empele, Chijia He, Daniel Hooper, Dita Dīķe, Ēriks Bāris, Frank W. Tansey, German Vizulis, Gianfranco Cilento, Guillermo Lopez Alonso De Linaje, Guna Oškalna-Vējiņa, Heino Blum, Herminia Mesquita, Ingvar El Raven, Jeanfilip, Jelena Plotnikova, Kārlis Īle, Liene Liepiņa, Liga Lapinska, Makka Ilyasova, Miguel Pinero, Milena Petrarca, Miriana Milanovic, Nunzia Zambardi, Osama Salama, Safa Bn, Sebastiano Grasso, Sergey Kyrychenko, Sigal Bali, Simasilver Konya, Thamer M. Alhiti, Tomas Fernandez, Valerien Bressy, Vera Roķe, Vilis Vizulis, Yair Aharon, Yuri Serebryakov, Zara Ilyasova.

Bruno Mancini
Presidente DILA

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20211115 – Redazione culturale DILA

DILA

NUSIV

Hits: 54

Il Dispari 20210726 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20210726 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20210726

La menopausa di mia sorella

Racconto a puntate – quarta parte

 Se vi piace leggere racconti a puntate, questa pagina fa al caso vostro, poiché da alcune settimane abbiamo iniziato a pubblicare (ogni lunedì) una parte del racconto “La Menopausa di mia sorella” inserito nel quinto volume della serie “Per Aurora” scritto dal sottoscritto e acquistabile tramite ISBN 9781409281849  al prezzo di USD 13.36 più spese di spedizione
 
https://www.lulu.com/en/en/shop/bruno-mancini/per-aurora-volume-quinto/paperback/product-1zmn68dj.html?page=1&pageSize=4,
 
oppure facendone richiesta all’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA dila@emmegiischia.com al prezzo di € 14.00 comprese spese di spedizione.

La menopausa di mia sorella

Racconto a puntate – quarta parte

Capitolo 3
Il Dispari 20210726 – Redazione culturale DILA


Ma io non ho mai dato questi attestati!
Né ho chiesto aiuto per propagandare il nome mio!
Neppure ho offerto difese ai cialtroni ed agli imbonitori di povere anime ingenue!
Io non impongo preghiere! Io non ho lamenti per la mia solitudine, né patisco l’ignoranza di chi sfugge a se stesso, e poi, e poi, e poi, e poi.
è però certo senza poi e senza ma che io schifo profondamente l’ignavia dei vostri comportamenti incoerenti, finanche con la truffa sfacciata che vi rende sovrani
Gilda non poteva non udire, dovunque fosse, e non voleva tacere nei confronti di qualunque provocazione io producessi, quindi, lasciò che terminassi il proclama, e punse l’evidente allitterazione verso cui non ponevo remore:
Ciascuno è re dei sudditi che riesce a conquistare.
Ciascuno è dio dei fedeli che riesce a creare.
Vuoi ricrearti re, dio, suddito o fedele?
Non credo che tu lo sappia, e non lo scoprirai urlando
Ma io aspettavo da lei lozioni odorose, dolci linimenti, melasse e dolcezze, infusi inebrianti, vibrazioni sottocutanee, suadenti passionali serenità, il volo silenzioso di abbracci mai privi di… mai privi di tutto intero il nostro passato!
Ciò non avvenne neppure quando iniziai a scrivere un capitolo nel quale riportavo di aver fermato la mia attenzione su un profilattico usato e lasciato per terra, in una calda giornata autunnale, accanto al muro di cinta di un parcheggio confinante con un terreno incolto.
“… qualcuno al mio posto l’avrebbe fatto segno di considerazioni dai vaghi risvolti cannibaleschi?
Dal mio totalizzatore la risposta positiva non è data vincente.
Eppure di un così fetente gesto d’inciviltà – parcheggio Cava dell’isola 14 ottobre 2006 ore 13 – per me sarebbe stato divertente parlarne con lo strafottente autore.
Egli, senza dubbio sfacciato e prepotente, incolto e superficiale, maschio ma per niente uomo, forse sarebbe rimasto disorientato se fosse stato condotto a vedere le migliaia di formiche nere freneticamente impegnate a distruggere annientare e trasportare nei loro depositi alimentari i poveri resti dei suoi spermatozoi.
Eppure, quasi certamente, egli fa sua la fede che assegna a quella schifezza – da lui lasciata in balia dei fieri predatori – i diritti inalienabili riconosciuti a beneficio delle forme vitali preposte alla riproduzione della specie umana, negli stessi termini nei quali, questa ultima, riceve gloria per essere stata plasmata personalmente dal creatore in cui lui, lurido zozzone, finge di credere.
I massimi requisiti della fertile potenza di quel porco eiaculatore, i codici del suo patrimonio genetico, assaliti da legioni di formiche nere, devastanti distruttrici dell’unico elemento di civiltà che gli era dato di possedere! Lo sperma è spesso migliore dell’uomo”.
Maniacale ricerca dell’orrido”, fu il commento che Gilda lasciò a margine della pagina.
Ed allora iniziai, solo iniziai, per mia fortuna iniziai soltanto, a cercare di ricavare un nesso dal fatto che a mia sorella dopo la menopausa crebbero le unghie.

Una spuma d’onda sgocciolò nel tubo della maschera richiamandomi a riprendere il cotrollo della situazione in cui mi trovavo.
Quasi a fuggire da questi nuovi e vecchi invadenti ed inopportuni pensieri, effettuai di botto un profondo respiro, spinsi la testa sottacqua, ruotai il capo verso il basso, e, dando un deciso colpo di pinne, mi lasciai cadere nella profonda fenditura tra due masse rocciose.
Nel chiarore indeciso delle strisce di sole che, penetrando i circa otto metri di profondità, in una prospettiva parevano sciamare entro gruppi aghiformi tra i filari delle posidonie, mentre invece, in un angolo opposto, squarciavano il fondale trafiggendo l’incastro della falda sulla scogliera, come un fantasma di pura luce, seguendo la corrente sottomarina con un docile movimento a pendolo che non ne spostava granché la posizione, un fantastico enorme agglomerato, perfettamente mimetizzato tra le rare pietre, le variegate alghe, e gli spigoli di sabbia, giaceva come un polpo.

Un polpo?
Una piovra!

Il Dispari 20210726 – Redazione culturale DILA

Otto metri circa sotto di me, un polpo di dimensioni mai prima affrontate sbatacchiava fra i suoi enormi tentacoli una macchia nerastra simile ad una delle rotondeggianti rocce laviche stracciate dai bordi del magma solidificato.
A meno che non si fosse trattato di un riccio gigante o di un grappolo di cozze, la macchia non mi sembrava giustificata in quel luogo.
Non ebbi in mente altre ipotesi.
Neppure che potesse trattarsi di un totano.
Le pulsazioni m’incalzavano risucchiando quanto più ossigeno possibile dai polmoni, l’adrenalina mi eccitò rendendo secchi e decisi i movimenti con i quali proseguii la discesa, gli occhi sbarrati dietro il vetro perlato della maschera molto compressa sulla faccia puntarono il centro dell’ammasso spiaccicato indifeso sul fondo, la mano destra strinse l’asta d’acciaio del tridente fino a procurarmi dolore per l’improvvida compressione, il braccio sinistro si mosse a cavare il pugnale dalla guaina legata al polpaccio.

Non ebbi un pensiero.
Che fosse un totano.

Agii come un plotone di armigeri. In una azione simultanea, un unico sincronismo, un insieme fatto di singoli particolari, in un unico tutto, il mio corpo non mi appartenne, ma si comportò, nelle sue diverse strutture, come un gruppo formato da numerose entità, ciascuna decisamente separata da tutto il resto, ma che attuava un canovaccio a lungo studiato e provato e riprovato.
Il sincrono meccanismo di una squadra d’incursori movimentò ogni singolo muscolo di ogni azione della mia persona, anche sensoriale, tattile, visiva, preposta al controllo della fulminea immersione d’attacco che andavo attuando.

Era lì.
La bestia più grande e fascinosa che avessi mai affrontato nella vita.
Con tutti i pericoli.
Era lì.
Con tutte le insidie.

Certo, non tradussi in un ragionamento logico l’immagine del cefalopode mentre si dibatteva, trafitto dall’arpione, brandendo i tentacoli alla ricerca di un aggancio con l’assalitore per trattenerlo sul fondo fino alla morte per esaurimento delle sue risorse d’aria.
Nemmeno mi dettai la prudenza di non avvicinarmi tanto da consentirgli di ferrarsi ad una qualsiasi sporgenza voluminosa, sfilacciando un tentacolo sulla mia mano che impugnava l’arma. Neppure, neanche, nemmeno ricordai per un attimo la nube nero inchiostro che avrebbe potuto spargermi intorno, impedendo, così, che vedessi i pericoli portati dai suoi contrattacchi.
Era lì.
Con tutte le insidie.
Era lì.
Con tutta la potenza del suo mostrarsi padrone in un regno che non concedeva superflui respiri, forze e movimenti.
Un mondo senza poesia.
Un mondo che non accoglieva benevolo l’infido luccichio del mio sguardo, né il barlume del mio pugnale.
Con me veloci, le punte del tridente, meticolosamente affilate, fenderono l’acqua alternando bagliori nella discesa.
Tutte le forze del braccio teso e del corpo trascinato nell’apnea dai pesi che portavo agganciati alla cintura, furono guidati dall’incosciente volontà di una conquista che di conquista non aveva nulla. Per la cattura più esaltante da mostrare che da possedere gelosamente, fosse anche solo nei ricordi.
Per una morte che se fosse giunta sarebbe stata solo una morte.

Era lì.
Anche io.

Non ero stato sempre da sempre ai bordi di quel promontorio, non mi ero di abitudine tuffato con tanta foga, repentinamente, verso una situazione imprevista, non avevo mai subito l’ansia per la scoperta di una chimera, né ero mai stato succube di una simile crudeltà immotivata.
Gilda diceva “Il tuo malvezzo è un presuntuoso orgoglio”.
In tante occasioni sarei stato tentato di spingerla a ridimensionare, utilizzando esempi concreti, un giudizio che non avendo nulla di concettuale, alla fine di ogni discussione, lei m’appiccicava sul muso come un’aringa affumicata.

Il Dispari 20210726 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20210719 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20210719 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20210719

La menopausa di mia sorella

Racconto a puntate – terza parte

Se vi piace leggere racconti a puntate, questa pagina fa al caso vostro, poiché da due settimane abbiamo iniziato a pubblicare (ogni lunedì) una parte del racconto “La Menopausa di mia sorella” inserito nel quinto volume della serie “Per Aurora” scritto dal sottoscritto e acquistabile tramite ISBN 9781409281849  al prezzo di USD 13.36 più spese di spedizione

https://www.lulu.com/en/en/shop/bruno-mancini/per-aurora-volume-quinto/paperback/product-1zmn68dj.html?page=1&pageSize=4,

oppure facendone richiesta all’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA” dila@emmegiischia.com al prezzo di € 14.00 comprese spese di spedizione.

La menopausa di mia sorella

Racconto a puntate – terza parte

Il Dispari 20210719 – Redazione culturale DILA

Capitolo 3

Optai per stanare una murena, credo seguendo la tentazione cosparsa mellifluamente dallo stesso piffero magico che aveva accompagnato da protagonista l’inizio della mia immersione, ed effettuai un rapido controllo, sia degli agganci tra la sagola, la cintura, ed il pallone, e sia della posizione in cui era avvitato il tridente all’asta d’acciaio.

Pigiai con due dita sui baffi per agevolare l’aderenza della maschera fra la bocca e il naso.

Spinsi leggermente il tubo del boccaglio verso il punto di contatto tra la molla della Pinguino ed il lato frontale della mia tempia.

Per un attimo, di sfuggita, immaginai ancora che il totano originato dalla mia fantasia stesse penzolando a mezza acqua, poco sovrastante il fondo, proprio in un preciso punto sul quale mi si era fermata l’attenzione durante una precedente immersione per avervi visto intrattenere numerosi sciami di novellame, brulicanti con movimenti sincronizzati, e ciascuno sempre nella stessa buca.

Tuttavia, subito dopo, volgendo una rapida occhiata al sacchetto per le catture che portavo agganciato al pallone di segnalazione, partendo dalla ricostruzione di come, alcuni giorni prima io avessi in parte modificato il sistema di aggancio del pallone-boa alla cintura che stringevo in vita per gravarmi dei pesi necessari ad una comoda e veloce discesa, mi arruffai nel ricordo di quando, parlando con uno dei fratelli di Gilda, abile sì nella pesca subacquea, però di una fortuna sfacciata, mi ero lamentato che la conformazione di quel fondale, altalenante, con grossi promontori quasi emergenti ed immediate cadute a picco, non solo rendesse problematica una buona visione e costringesse quindi ad immersioni prive di riferimenti, ma in alcuni casi configurasse degli ostacoli, tra il pallone stesso ed il sub, in grado di bloccarne la discesa.

La parte superiore del cavetto legato al pallone incagliava tra gli interstizi e le protuberanze degli scogli emergenti, opponendo resistenza alla immersione.

Quel mio cognato, esperto fortunato predone delle profondità marine, che aveva un suggerimento per ogni situazione, non mancò l’occasione per dimostrarmi la sua maestria mettendomi a conoscenza di un trucco, a suo dire segreto, che lui usava praticare.

Metti la cintura con i pesi intorno alla vita.

Giusto?

Leghi ad essa la fune del pallone boa.

Vero?

Per far sì che il pallone non s’incagli nelle fenditure degli scogli affioranti, devi legare ad un anello un peso tra i cento ed i centocinquanta grammi e farlo scorrere liberamente sulla corda tra la cintura che hai in vita ed il pallone.

Guarda ti faccio un disegno.

In questo modo hai più di un beneficio.

In primo luogo, durante il nuoto in mare aperto, se tu galleggi il pallone sarà quasi attaccato a te in quanto il gancio che sostiene il piombo, spostandosi attraverso l’anello scorrevole, affonderà gran parte della corda, impedendo al pallone di allontanarsi; in secondo luogo, se vorrai immergerti, questo stesso movimento di pesi spingerà la boa a stazionare precisamente sulla tua verticale.

Nell’uno e nell’altro caso, il sistema contribuirà finanche ad una maggiore sicurezza, per quanto riguarda eventuali tardivi avvistamenti da parte di natanti a motore.

Ma ciò che a te interessa è che la boa da segnalazione non si blocchi tra le cime degli scogli, e con il mio artifizio il risultato positivo è sicuro, perché il pallone, non essendo trascinato dalla corrente, seguirà docilmente, da vicino, il tuo percorso, il quale, ovviamente, non andrà in collisione con speroni emergenti. »

Bella idea.

Un piombo, un anello.

Semplice. »

Il Dispari 20210719 – Redazione culturale DILA

Esauriti i pensieri intorno all’argomento piombo-anello-sagola, immediatamente, come in un rosario monotono, ripetitivo, inutile, sciocco, allucinante, altri momenti di vita antecedente, altre meditazioni, altri altari alla ragione incontrastata scompaginarono il già disordinato approccio per il controllo relativo alla corretta sistemazione delle attrezzature che mi portavo appresso nuotando, lentamente, nel profondo mare azzurro cupo, steso come un velo d’odalisca sotto il dirupo digradante dall’antico borgo rurale di Campagnano.

Ed allora mi coinvolsi nel tentare di chiarirmi il giusto e l’ingiusto dei comportamenti che avevo posto in atto negli ultimi tempi.

Forse tentando di risalire ai motivi, se non ai moventi, della crisi che ormai opprimeva il mio rapporto con Gilda.

Una analisi in piena solitudine, tra cielo e mare, tra sole ed abisso.

Da quando ero tornato in maniera definitiva sull’isola d’Ischia, lasciando via via deperire ogni precedente contatto con il mondo dei viaggi e degli incontri, non rispondevo al telefono e, peggio, neanche leggevo un libro o ascoltavo una musica che fossero prodromi di nuovi interessi culturali. D’altra parte schifavo da sempre la televisione, non avevo mai smesso di considerare i giornali come “impapocchia menti” della verità, e l’unico modo intrigante per trascorrere il tempo, oltre ad utilizzarlo nella normale amministrazione familiare, mi era parso utile scorgerlo nella ricerca di inezie complementari ai flussi delle vite che mi passavano accanto.

Da amplificare con tale parossismo da far sì che esse mi provocassero valanghe di vertigini.

Gilda non mancò di notare questi precipitii, a volte staccati dall’algido massiccio della mia ragione, in altri casi appiccicati ad una parte della mia epidermide sentimentale, quasi sempre sviluppatisi nell’apparentemente definitiva discesa di uno yo-yo, le quali tutte mi spingevano comunque verso il centro di singole attività umane, quasi che in esse fossero stipati i segreti del bello e dell’amore.

Lei seguì con cura le tracce che tali mie innocue divagazioni mentali lasciavano attraverso gesti, parole e frasi inserite nel racconto che stavo scrivendo, ed appena ne ebbe certezza, indicò con l’indice il centro della mia fronte e scandì con eccezionale chiarezza, lentamente:

Niente di più falso. Nel piccolo non risiede il complesso, e niente è più complesso del bello e dell’amore

Mi ero certamente esaltato.

Avevo di sicuro dilatato la tranquillità a volte grigia e passiva di un rapporto consolidato, trasferendo su di essa, pur senza volerlo, ciò nondimeno in maniera automatica ma indubbiamente con pensieri ed atteggiamenti, sfilacciati brandelli di una inarrestabile sindrome distruttiva della ipocrisia e delle colpevoli prevaricazioni.

Se io fossi il loro dio – pensavo, proponendomi un particolare del rapporto tra un dio ed i suoi uomini – m’incazzerei tremendamente per quanta irrisoria partecipazione personale pongono nella difesa della mia universalità.

Urlando nel giardino di casa, iniziai ad urlare che, al suo posto, avrei urlato per tutte le galassie: —«Cosa discutete con quei peccatori originari delle province romane!

Così agendo vi prestate al gioco di profeti che non ho mai annunciati e che hanno ignorato il figlio mio e le mie colombe bianche, imbecilli.

Va bene… vediamo… forse… non ho detto questo… ogni religione è figlia del creatore… il mio creatore è più antico del tuo… il tuo modello è senza barba bianca… vogliamoci bene… siamo tutti nella stessa barca… nessuno deve prevaricare l’altro… una moschea a te, una basilica a me… grande rispetto reciproco per le nostre fedi… una porpora in più, un cappellino in più… un pellegrinaggio… una devozione… una statuina… un libricino… una via…un muro… una sinagoga… un altare… un muro… una cappella… una campana… un muro… un’ostia che significa inganno.

Avete raggiunto la comodità?

Poltroncine, tronetti, portantine, limousine, schiavetti, frocetti, chiavetti, chiav…

Volete altro?

Potere, ricchezza, santità, alleluia, adorazione, potenza, fetenziacce, fetenziaccissime…

Theutto in nome mio.

Restando al riparo della mia invincibilità.

Con in bocca le palline di un rosario c appartengono alla mia verità.

Per effetto di un disonesto proclama e di collettivi auto riconoscimenti d’imbecillità.

Ma io non ho mai dato ques…

Il Dispari 20210719 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20210712 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20210712

Il Dispari 20210712 – Redazione culturale DILA

Capitolo 2

… 
Senza aver catturato neppure una preda nonostante le numerose calate in cui mi ero impegnato durante quella ora iniziale, ancora mi distraevo fantasticando intorno al dialogo improbabile tra un totano ed una pantegana!

Il totano: -«Che tu, tracotante, sia silente, aggiunge infimo blasone alla forestiera origine da cui provieni e che ci accingiamo, con giusto impegno e faticoso esame, ad irridere o laudare, a confinare nei ghetti della vergogna oppure a sdoganare da calunniose erculee maldicenze. Negarsi il nesso tra rimorsi e sorsi di discorsi infissi nei fossi messi tra i sassi dei troppi “io fossi”, non ritara la rara misura della tenue natura, né ritarda la sorda onda che ti conduce alla luce.

La sorella di quel mio conoscente (un pescatore subacqueo che vedo spesso in giro, un sub con grosse pinne rondine del quale odo vibrazioni mentali durante le sforzate apnee che usa fare da queste parti), venti tempi dopo la nascita, per effetto delle sue “cose” fu serrata, allegra giovinetta, tra quattro mura sette alberi e cinque gatti, e, tuttavia, nessuno ha mai venerato il monastico dolore delle sue progressive privazioni al cospetto di Apollinee forme esibite da fustolenti fustacchi.

Come faccio a non impegnare la tue deludente sapienza verso la dicotomia di una follia e di una folle: lame dai bordi affilati, innocue se divaricate su un cuscino d’appoggio, bensì taglienti quando attacchino unite nel frangere il tessuto?

Allora mi intrigo ad appiccicare le ventose dei miei sette (ne manca uno che ho perso in combattimento) tentacoli sui diversi strati di questo privato mondo sotterraneo e sottomarino, mutando colore e dimensione, mimetizzandomi.

Poi vedremo insieme come finirà… ».

Il Dispari 20210712 – Redazione culturale DILA

E poi la mia fantasia continuava spostandosi sulla figura silenziosa del ratto…

la pantegana non capiva un tubo.

Essa, da sempre abituata agli sparagnini termini rivieraschi – fame scogli venti gatti – nascondeva l’imbarazzo di fronte all’incomprensibile magniloquente eloquio abissale, spruzzando perfide puzze ad ogni passaggio dei ghirigori che ripeteva intorno al capoccione smisurato del totano poeta.

Ad ogni giro alzava la coda un po’, di più, un po’ di più, di più di un po’, un po’ di più di un po’. Sfiorava i vettini terminali dei suoi tentacoli appassiti mostrando, ad ogni giro, un po’ di più, di più di più il sottocoda schioppettate.

Disse il totano: -«Melliflua tenebrosa, la seduzione è un’arte degli arti abbarbicata nei rovi incastrati tra i detriti degli orti, conserta, con serti, nei cesti concerti di gesti per cupidi musicanti alati.

Vai vaneggiando per vezzeggiate vezzose villiche promiscuità!

Promiscuità è il tocco di un tentacolo di totano nella pelvica passera di una patente pantegana. Riduci i giri, risparmia i sogni, ripensa al tuo delirio di femminilità un dì concupita, ed ora in ansia per asfittici orgasmi.

Rimedia al torto dell’offesa carnale con la ragione degli istinti naturali. Io sono il totano, se voglio… se voglio io sono Poeta.

La sorella dell’imprudente apneista dalla maschera appiccicata al volto di cui ti ho detto, a trenta tempi dalla nascita usava cospargere di miele e di nettare le rotonde bigliette dei suoi capezzolini, dai pizzi puntuti, per avvampare l’infimo piacere del trucido compagno: assatanato assassino dei viaggi in nuvoletta.

Ancora mi stupisce, procace ammasso di nefande nequizie, il vano turpiloquio che gli slabbrati ondeggiare dei tuoi chiapponi sbudellano dal mio teorema concettoso.

Vedrai, insieme, inoltre, infine, sarà tutto facile… ».

Il Dispari 20210712 – Redazione culturale DILA

Capitolo 3

Quella mattina mi ero immerso, era inizio settembre, con il sole delle prime ore non ancora velato dalla parte basa dell’atmosfera.

Esatto, mi ero immerso.
Mi ero immerso e basta.
Contava poco come, quasi niente dove, ancora meno per cosa, assolutamente non mi chiedevo perché.
Mi ero immerso e basta.
Più o meno come seguissi il piffero di una magia lusingatrice che mi spingesse lontano verso abissi di strane dimensioni, astratte, immateriali, quasi da vivere in altri tempi cosmici.
Magia dissimile certo, forse opposta, rispetto all’irripetibile incantesimo che, durante l’indolente sfrontata giovinezza, sentii trascinarmi semplicemente verso un altrove, corposo, multiforme, edonistico, attimizzato in ogni sfaccettatura.

Sapore di sale.

Una melodia, intrufolatasi per vie misteriose nella parte della mente addetta agli addobbi acustici delle decisioni importanti, prima che io cominciassi a nuotare aveva suonato il tema “maestoso” che caratterizza la sinfonia numero sette di Beethoven, cui aveva fatto seguire, senza alcuna soluzione di continuità, le prorompenti battute iniziali che aprono l’Uccello di fuoco di Stravinsky. Prepotentemente, questi ultimi accordi, come una esplosione d’artiglieria narrata in tante vecchie storie di trincee e di orgogliosi disprezzi del pericolo, mi scoppiavano intorno e dentro, mentre la mia testa traboccava d’immagini e ripeteva l’ultima frase con la quale Gilda, la sera prima, uscendo di casa, aveva sbattuta la porta. “Il tuo scetticismo uccide la tua fortuna”.
Volevo, sapevo di volere, e sapevo di poter volere.
Cosa?
Volevo volere.
Io non mi ero bardato con cinture e boccaglio per inseguire pesci impauriti o sconvolgere come fulmine tra i licheni nel bosco, le alghe e gli avannotti.
Neppure avevo armeggiato intorno ai tridenti allo scopo d’infilzarne le punte limate e stralimate, molate, scartavetrate e lucidate, nelle squame di scorfani immobili o nei morbidi opercoli delle seppioline…

Ancora non sapevo che un flauto magico mi spingeva verso di lei.
In effetti, senza averne coscienza, non altro che per lei mi ero gravato in vita con tre chili di piombo.
Un simbolo, la murena. l’immobile predatrice.
La bestia mai impaurita dal progressivo avvicinamento della morte che si accosta mimetizzata in una macchia scura: la tuta nera del subacqueo che piomba in discesa dal cielo.
Feroce se mostra la bocca spalancata, già pronta a ghermire.
Tenace, lascia scoperti i denti arcuati: ganci indeformabili come l’acciaio.
Solitaria.
Rinchiusa in una tana in cui lo spazio è minimo.
Arrotolata su se stessa in modo da aderire con forza alle pareti al fine d’impedire alla preda azzannata di fuggire trascinandola con sé.
Volevo la murena: una poesia.
Ne andavo alla ricerca.
Senza averne consapevolezza.
Attende il momento atto a coglierti di sorpresa, e se ti morde un dito, non puoi far altro che tagliarlo per non restare ancorato al fondo dalla tenacia del suo aggancio.
Molti Cacciatori sono stati cacciati, cioè molti Pescatori sono stati pescati, voglio dire che molti Sub sono rimasti sub, molti Poeti non hanno mai affrontato una murena.
Molti Traditori sono stati traditi.

Quella mattina, come ho già detto era inizio settembre, Gilda era rincasata quasi all’alba perseguendo a suo modo l’intento di dare un segnale concreto ed immediato alla ennesima litigata che avevamo protratto per tutta la sera precedente, prima che sbattesse la porta uscendo:
Hai chiamato l’idraulico?»
No. »
Perché?
Quanto tempo dovremo stare con la goccia che cade nel lavello?
Possibile che la casa non debba mai essere in ordine?
Mi senti?
Mi ascolti?
Dico a te, mi odi?
Non solo non gli hai telefonato, ma fai pure l’offeso.
Il silenzioso.
L’insofferente.
Quando mi portavi le rose rubate, ai tempi del nostro amore, non aspettavi due volte per accontentare un mio desiderio!
Era bello.
Ero bella.
Ti piaceva.
Ti piacevo.
è sempre stato solo questo.
Piacere.
La molla che fa girare il mondo attraverso i coglioni…»
E basta.
Appena ti mollo, cazzo, non la finisci più.
Non l’ho chiamato.
Capito?
Non l’ho chiamato.
E non lo chiamo.
E basta… »
No, basta lo dico io.
Che molli, che cazzo, che basta.
Che basta, che cazzo, che molli.
E una, e due, e tre, e insomma quanto pensi che potremo andare avanti così?
Un giorno litighiamo per il cibo, una sera discutiamo per la gente, una notte sbuffiamo per una toccata, e poi gli orari, e poi la macchina, e poi, e poi l’idraulico.
Sono stanca. »

Quella mattina di settembre, giunto ormai a quasi la metà del tempo che di solito prevedevo di utilizzare per l’immersione, mi resi conto che dovevo almeno per un attimo tentare di designare, sebbene posticcio, un qualche obiettivo da prospettare per la mia battuta di caccia, ed occuparmene, tralasciando sia le immagini del totano filosofeggiante e dell’attigua pantegana in attenta adorazione, e sia le considerazioni relative alle ossessioni che mi stavano procurando le ultime vicende affettive.

Il Dispari 20210712 – Redazione culturale DILA

 

Il Dispari 20210607 – Redazione culturale DILA

DILA

NUSIV

Hits: 61