NOTE CHE PROFUMANO D’ETERNO

Benvenuti

https://vetrinadelleemozioni.blogspot.com/2022/02/note-che-profumano-deterno-cura-di.html

Note che profumano d’eterno a cura di Gioia Lomasti e Luciano Somma La canzone italiana offre un ricco ricamo d’interpreti soprattutto attraverso la vetrina della città dei fiori, che vibra e ne dimora della memoria canora. Armonie unite alla maestosità dei profumi, innalzano un percorso che segna e disegna passaggi artistico melodiosi, e che, incessante, ne preserva quella vibrazione che accompagna l’InCanto e la musicalità. Tanti gli artisti che spaziano negli anni, lasciando immutato l’eco di testi colmi di poesia avvalorando la storia del panorama sonoro. Arte che circonda la maestria della canzone italiana. Le canzoni del festival sono da ricordare un po’ come lo specchio del tempo, in quanto mentre nel passato alcune restavano segni indelebili ed impressi nella memoria, proprio perché erano scritte da emozioni sentite e non da obbiettivi commerciali, col passare degli anni sono state apportate molte modifiche creando parametri che attraverso la modernità stessa, ed unendo le esigenze delle nuove generazioni, si affrontano con criteri diversi grazie ai testi e musiche spesso costruite per avere un attinenza commerciale e meno avvezza al sentimento del testo che la consegue. Anche l’abbigliamento ha attuato canoni molto diversi e maggiormente basato alla modernità e alle nuove generazioni evidenziando il totale cambiamento di epoche precedenti. Questo comunque non riteniamo possa sminuire la sua attrattiva attraverso la trasformazione ma dare vita ad altri stili che offrono ottime strade da intraprendere per molti cantautori e cantanti del panorama odierno. Il suono resta tra le esecuzioni che sanno colmare e rendere vive le emozioni, oggi domani e per sempre grazie alla musica. A cura di Gioia Lomasti in collaborazione con Luciano Somma

Hits: 42

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento