Per Aurora – volume primo – L’appuntamento capitolo 4

Benvenuti

Per Aurora – volume primo – L’appuntamento capitolo 4

L’appuntamento capitolo 4

Per Aurora

volume primo

CAPITOLO QUARTO

L’isola era un frutto acerbo nel contesto dei luoghi limitrofi.

Nata dal botto di un novello dio vulcano, mostrava, in ogni aspetto, segni evidenti della sua natura.

Le colline tondeggianti e prive di asperità, le spiagge formate da sabbie a grana doppia che neppure aderivano alla pelle, sulla riva del mare scogli sporgenti dal classico colore scuro del magma solidificato.

Trine di anse e picchi e grotte, e dirupi e bordi di intagli di volute e di plaghe, formavano la parte sottostante al cono capovolto del vulcano che si ergeva con cime frastagliate a forma di una cresta.

Vista dal mare ricordava la linea tracciata tra la testa e la coda di un dromedario.

Non appena si lasciava la fascia costiera modellata dall’erosione marina, il poco terreno sedimentato appariva ingabbiato da muri di pietre scure sovrapposte che non avevano subito deformazioni evidenti con il passare degli anni.

Limoni, mandorli, alberi da frutta, e poi pini, oleandri, mimose, a formare un vasto campionario di vegetazione mediterranea.

Oltre il gradino del vecchio cancello la villa, per anni abbandonata, successivamente era diventata splendido ritrovo per personaggi in attesa di definitiva gloria.

La sala di ricezione, ovattata, dalle luci soffici, configurata per accogliere, come in una stazione ferroviaria durante l’ora di punta folle di viaggiatori in arrivo e partenza di diverse razze, sesso ed età, concedeva lo stesso tempo allo stupore per l’imponenza e per l’eleganza.

Nascosta alla vista ed all’udito, celata, la cucina, entrandovi, poteva apparire quasi infernale per ordini ed urlacci disumani, fumi intensi e bruciati, e spezie polverizzate, nebulizzate, per calori umidi ed asfissianti e pericoli di scoppi e di braci, di tagli e di cadute, di urti, di trappole, di inganni.

Una terrazza offriva la vista sulla bella cima del monte più alto, solcato dal greto di un torrentello, da boschi a chiazze asimmetriche e da burroni incisi come rughe sul volto di un vecchio pescatore ischitano.

Una terrazza con la vista sulla bella…

  • con trenta pizzi ad angolo giro; con foreste di alberi sconosciuti; con tre soli per i riflessi delle cascate, con tre voci per i rimbombi degli echi; con tre bionde, tre rosse, e tre nere; tre bionde, tre gialle, e tre nere; tre alte, tre basse, tre nere; tre magre, tre grosse, tre nere; tre donne, tre suore, tre nere.”

Erano le parole dello spiritual proveniente, con gradevolezza di sottofondo, dalla pedana ad angolo accanto al banco bar.

Fui io ad accompagnarlo nella carrozza con il mantice aperto che aveva, mesi prima, fatto restaurare in maniera perfetta, maniacale.

Un particolare impianto stereo ripeteva la musica di Felix Mendelssohn: Concerto in mi minore.

Una coppia di cavalli dal mantello rabicano con lunghe code e criniere sciolte, le ruote, i mozzi, il morso, finanche le redini riflettevano la poca luce del sole al tramonto e gli improvvisi bagliori scatenati dagli agrumi pendenti sui filari che incorniciavano la strada.

Non ricordo di averlo visto mai prima così bello e sicuro.

Non avrei potuto trovare una piega fuori posto allo smoking bianco senza sfumature, alla camicia sbottonata sul collo, alla barba tondeggiante, alle dita con l’inseparabile anello di rubino, alle mani adagiate sul bavero che inserivano all’occhiello una ginestra (ginestra fiore amato dalla mia donna).

Neppure le sue fantasticherie, le sue ostinazioni, i suoi dubbi, le sue speranze, se fossero venuti in superficie avrebbero tolto bellezza alla sfida che si accingeva ad accettare.

Verificare.

In maniera definitiva.

Senza alibi.

Senza veli.

Verificare.

Sapeva bene che andando all’appuntamento si sarebbe in modo irreversibile preclusa la possibilità di salire sull’ultimo battello in partenza dall’isola verso la certezza della sua vita.

Eppure mentre posava il piede sul primo gradino della villa… non so, mi turba l’ennesima incertezza.

Come se non bastasse, da solo, lo scivolare continuo di nuovo su nuovo che comprime prima, e sopprime poi, gran parte dei granuli essenziali alla composizione della mia storia.

Un giorno vidi una lucertola verde al sole, ne sono certo, ricordo anche di averlo scritto, ma se un altro Adamo o un’altra Eva si fosse trovato sulla riva di quel ruscello (era un ruscello?), e come calando un velo affermasse che era rossa?

La mia lucertola potrebbe tranquillamente immergersi nel ruscello (era un ruscello) e trasformarsi nella più bella delle fanciulle bionde con un nastro nei capelli, per poi sfrecciare sulla Ferrari rossa (sarebbe rossa?) nel centro di Parigi tra i Campi Elisi e la torre Eiffel (se i campi fossero di Elisa, cambierebbe qualcosa?) (e se la torre fosse di Michele?).

Eppure, mentre poggiava il piede sul primo gradino d’accesso all’antica villa, mi turbò l’anima il sentirlo pensare:

Quel giorno era un pomeriggio del mese di marzo o aprile: gli alberi proiettavano le ombre lunghe delle ultime ore sul prato già umido, poco curato e frammezzato a sassi squadrati in modo empirico da uno dei vari custodi che si erano succeduti nel tempo.

Pasqua era passata da pochi giorni.

Da allora ogni volta le immagini, scorrendo a ritroso, si

fermano un attimo sulla cintura in cuoio grezzo del mio blue jeans con la borchia rettangolare di ottone scuro rappresentante il LAZO in volo verso una preda invisibile.

Aveva intorno la scritta a rilievo I AM.

Perché?

Poi inquadrano l’orizzonte, minimizzato dal muro di cinta, sagomato tra i tronchi rugosi dei pini e gli arabeschi mediterranei dei ferri battuti che orlano l’imponente cancello, ed esso appare per niente mortificato, bensì sgargiante nei contrasti di toni rosso–azzurro, anzi finanche sfacciato nell’irrispettoso insinuarsi tra il vuoto di un arco e lo slargo di una colonna.

Sempre le luci si bloccano sul volto di lei, ancora acerbo, spigoloso, spaurito, stupito; sui suoi occhi increduli, incredibili, innocenti; sulla bocca, carnosa, carnale, candida.

Quella sera di marzo o forse di aprile, sul prato bagnato, sotto i tronchi dei pini, con l’orizzonte limitato a pochi squarci, la mia cintura lontana dal suo viso e dai suoi occhi, la sua bocca giurava.

Giurava il nostro appuntamento.»

Qualcuno ha detto che il paradiso può attendere, loro lo lasciarono in quel pomeriggio del mese di marzo o forse di aprile.

In apparenza dimenticato come un guanto, abbandonato come un giocattolo rotto.

Sul prato bagnato tra strisce di orizzonte insinuato nei ferri

battuti di un vecchio cancello.

Per una voglia di nuovo.

Egoisti?

Possessivi?

Neppure quella devozione palese e priva di pudori era stata sufficiente ad impedire la costituzione di una spinta verso nuove frontiera del mondo.

Sognando il paese dove tutto è possibile.

Un mesto abbandono.

L’anoressia dei sentimenti.

Ancora una volta giovani genti fuggivano, abbandonando i luoghi dei padri in cerca di fortuna.

è della gioventù tagliare i ponti e spingersi in voli non sempre sicuri.

Rappresenta parte essenziale del suo sviluppo.

Egoisti.

Verso il limite estremo consentito all’espandersi dell’ansia di libertà, fino al punto di non ritorno.

Possessivi.

Egoisti e possessivi, ciascuno di loro non solo voleva essere scevro da condizionamenti non sempre espliciti e dichiarati, ma negava, con repulsione epidermica, finanche di accettare proprie rigide strutture esistenziali.

Con semplicità posso dire che volevano essere liberi sopra tutto da se stessi.

Cosa significa?

Non so, vedremo.

Egoisti possessivi, giovani.

 

TESTO COMPLETO IN LETTURA LIBERA

Dedica – Brevi commenti amichevoli

Così o come.

L’Appuntamento

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

Capitolo 7

Capitolo 8

Capitolo 9

Capitolo 10

Capitolo 11

Capitolo 12

Vasco e Medea

Parte prima

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

Capitolo 7

Capitolo 8

Capitolo 9

Capitolo 10

Capitolo 11

Capitolo 12

Capitolo 13

Parte seconda

Capitolo A

Capitolo B

Capitolo C

Capitolo D

Capitolo E

Capitolo F

Capitolo G

Capitolo H

Capitolo I

Capitolo dopo fine

Per Aurora – volume primo – TESTO COMPLETO IN LETTURA LIBERA

Per Aurora – volume primo di Bruno Mancini

ACQUISTA COM www.lulu.com

Per Aurora – volume primo

seconda edizione

Version 3 | ID 29772m

ISBN 978-1-4710-8114-9

Bruno Mancini
ISBN 978-1-4710-8114-9
Version 3 | ID 29772m
Creato: 20 ago 2022
Modificato: 20 ago 2022
Libro, 93 Pagine
Libro stampato: A5 (148 x 210 mm)
Standard Bianco e nero, 60# Bianco
Libro a copertina morbida
Lucido Copertina
Prezzo di vendita: EUR 14.00

Titolo Per Aurora volume primo
Sottotitolo Alla ricerca di belle storie d’amore
Collaboratori Bruno Mancini
ISBN 978-1-4710-7278-9
Marchio editoriale Lulu.com
Edizione Nuova edizione
Seconda edizione
Licenza Tutti i diritti riservati – Licenza di copyright standard
Titolare del copyright Bruno Mancini
Anno del copyright 2022

Lasciargli sul corpo e nella mente i segni squassanti di una passione artificiale, artatamente impudica e violenta, tenera e vendicativa, ponendo in un solo amplesso tutti i registri delle sue esperienze, tutta la prorompente eccessiva sfacciata bellezza del suo corpo di donna non più bambina, i giochi estremi di mani esperte di labbra avvampate di pelle di luna, tenerezze ossessioni, morbidezze stupori, in una altalena di grida e di sussurri che per anni la sua mente aveva elaborato, posizionato, montato come in un film… … con arte e per vendetta.

Per Aurora volume primo

seconda edizione

Il libro contiene

Così o come

L’appuntamento

Vasco e Medea

Aurora volume primo

Info: Bruno Mancini
Cell. 3914830355 – 3914830355 tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

Info: Bruno Mancini
Cell. 3914830355 tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

DILA

Premi Otto milioni

 

Hits: 30

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento