Per Aurora – volume secondo – La Notizia capitolo quindicesimo

Benvenuti

Per Aurora – volume secondo – La Notizia capitolo quindicesimo

TESTO COMPLETO IN LETTURA LIBERA

Per Aurora
volume secondo

Capitolo Quindicesimo

Edoardo: -«Sono tre notti finora, il nove il dieci e l’undici, che, mentre pilucco un grappolo di fragole di rara dolcezza, oppure sorseggio la penultima terzultima ultima birra ghiacciata, od anche aspiro quasi con voluttà l’unica sigaretta che mi concedo durante il giorno, e mi delizio acquattato in questa splendida villa dell’Isola d’Ischia nella quale sono ospite, all’assedio provocato dalle zanzare affamate assetate arrapate del mio sangue, ed al fastidio per il gatto nero invasore curioso fracassone, si sono aggiunti il rumore e la puzza di merda del camion dello spurgo pozzi neri.

—°°°—°°°—

Il lui di questo capitolo si potrebbe chiamare Robinson Crusoe numero due, per le analogie delle sue vicende con le straordinarie avventure dell’illustre numero uno di Daniel Defoe.
Gli si potrebbe anche conferire un titolo nobiliare se la parola “Snob” fosse compresa nell’araldica di uno dei tanti statarelli prodighi di riconoscimenti prestigiosi a favore delle folle di facoltosi e munifici questuanti.
Poiché sopravvivono ancora onorificenze feudali come i Cavalieri di Malta, i Cavalieri del Santo Sepolcro ed i paladini d’innumerevoli altre configurazioni statali cancellate, sia dai mappamondi (in quanto i territori di tali nazioni sono, sono stati, o furono, limitati spazi percorribili, a cavallo, in poche ore), e sia dagli atlanti di geografia socio politica (nonostante che, a tutela degli autonomi ed egemoni poteri oligarchici amministrativi, le loro gerarchie abbiano sempre profuso ogni

sforzo per imprimere, già nei sudditi bambini, comportamenti idonei alle sacre e secolari tradizioni – finanche fotografando i pargoli in sella alle copie di cartapesta rossa della giostrina paesana, a mo’ di condottieri -)… mi dilungo, prendo la rincorsa, smarrisco il filo del discorso passando dal titolo nobiliare al cavallo di cartapesta, e sono forzatamente costretto a dover ripetere… poiché esistono ancora i Cavalieri del Mistero, smuovendo la polvere degli archivi e delle segreterie eccellenti, potremmo imbatterci in un Signor Rossi insignito da un Gran Consiglio di un Eletto Mammasantissima con il titolo, ad esempio, di Super Snob della Certosa di Via Vincenzo Gemito 27.

Mi fermo un attimo per bere una birra.

—°°°—°°°—

Il fiato fieto del camion dello spurgo supera il terzo piano, il rumore va oltre ogni decibel consentito.
Ho chiuso le finestre sul bellissimo panorama notturno della piccola insenatura adiacente al porto borbonico, rischiando così di soffocare per la calura.
Ischia, splendida perla del Mediterraneo, nella zona più esclusiva, ad un palmo dal mare, ha il privilegio di tanti e rinomati alberghi a cinquanta stelle, nei quali, purtroppo, molta gente caca molto.

—°°°—°°°—

Il nostro Snob Rob beneficiava di fama nazionale per essere il primo e, nonostante innumerevoli imitatori, ancora l’unico in grado di penetrare, non giungle o foreste, bensì gli individui e le loro anime umane.
Godeva per il consenso nazional popolare, più di quanto non riuscisse a fare la sua natura di maschio penetrando le sette mogli e le cinquantatre amanti.
“Io non faccio televisione, Io sono la televisione.”
“Io non sono Presidente del Consiglio, Io faccio il Presidente del Consiglio.”
“Io non faccio e non sono imbecille, Io creo imbecilli.”
Le sue frasi celebri.
Poi vedremo come finirà.

—°°°—°°°—

Il camion continua a spandere una puzza di giuseppe.
“Senta, si può lavorare in silenzio a questa ora nonostante il fetore dell’uomo dei gettoni.”
“Dopo mezzanotte, non sono consentiti frastuoni, ed i porci come cecilia devono restare chiusi.”
“M’avit rutto o cazzo. Si n’a finisc t spar mocca, porca puttana viole’.”
I clienti del grande albergo a quarantacinque stelle ed i vacanzieri alloggiati nei “mega” appartamenti da cinquemila euro al mese (una stanza quarantacinque letti, un fornello ed il pertugio pisciatoio con un finestrino sfiatatoio sulla strada) loro tutti, alla terza notte si sono ribellati.
Un casino una violettata una cagnara una ceciliata, un bordello, un insieme di giuseppe la sorella di giuseppe il marito della sorella di giuseppe i loro due figli maschi e l’unica figlia femmina l’amante di giuseppe e lo schifoso figlio avuto da giuseppe con l’amante.
Un urlatoio squarciante gole strade finestre chiuse sigarette spente chicchi di fragole esplose birre prosciugate, nella meravigliosa oasi della più esclusiva baia modellata dal mar Mediterraneo nella stupenda perla dell’Isola d’Ischia.
Speriamo bene domani.
Che la condanna per loro sia eterna.»

 

Dedica – Brevi commenti amichevoli

La Notizia virgola – La Condanna punto

LA NOTIZIA

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

Capitolo 7

Capitolo 8

Capitolo 9

Capitolo 10

LA CONDANNA

Capitolo 1

Capitolo 2

LA NOTIZIA

Capitolo quattordicesimo

Capitolo quindicesimo

Capitolo sedicesimo

Capitolo diciassettesimo

Capitolo diciottesimo

Capitolo diciannovesimo

Capitolo 3

LA NOTIZIA

Capitolo ventesimo

Capitolo ventunesimo

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

LA NOTIZIA

Capitolo ventiduesimo

Capitolo ventitreesimo

Capitolo 7

LA NOTIZIA

Capitolo finale

Anche questa volta – Il Paradiso non esiste – Trama

Anche questa volta

Trama

Il Paradiso non esiste

Sembri

Per Aurora – volume secondo – TESTO COMPLETO IN LETTURA LIBERA

Per Aurora – volume secondo di Bruno Mancini

ACQUISTA COM www.lulu.com

Per Aurora – volume secondo – Vetrina LULU

Per Aurora volume secondo di Bruno Mancini

seconda edizione

ID wdnrww

ISBN 978-1-4710-7753-1


Dettagli
Data di pubblicazione 24 ago 2022
Lingua italiano
ISBN 9781471077531
Categoria Narrativa
Copyright Tutti i diritti riservati – Licenza di copyright standard
Collaboratori Di (autore): Bruno Mancini

Specifiche di Libro
Pagine 102
Parole chiave Amore passione Ischia paradiso storie

Libro Dimensioni: A5 (148 x 210 mm)
Colore del contenuto: Bianco e nero Standard
Tipo di carta: 60# Bianco
Libro Tipo di rilegatura: Libro a copertina morbida
Finitura di copertina: Lucido

Titolo Per Aurora volume secondo
Sottotitolo Alla ricerca di belle storie d’amore
Marchio editoriale/Casa editrice Lulu.com
Licenza di copyright Tutti i diritti riservati – Licenza di copyright standard
Titolare del copyright Bruno Mancini

Descrizione
Dopo una notte nera, di incubi ed insonnie, passata tra una poltrona, una finestra, una birra, un sigaro, un boccale di distillato al peperoncino, un panettone, una musica jazz, una pisciata, una telefonata alla stronzetta di turno, una mezza bottiglia di un così detto spumante, la notte dell’ultimo dell’anno, buttata via nel tentativo di darmi una spiegazione priva di alibi, incertezze, imprecisioni, ipocrisie, teoremi, assiomi, postulati, a caccia di una mosca, nera, grassa, sudicia, petulante, imprevedibile, una notte lunga, interminabile, inusuale, la notte dell’ultimo dell’anno, spiaccicata, tra pranzo e cesso, per un malessere sconosciuto.
Punto.
Per una frase non conclusa.
Note sui collaboratori

Tabella dei contenuti
Per Bruno Mancini: brevi commenti amichevoli.
“Percorso di memoria o ricerca di spazi temporali virtuali?”
“Il continuo intersecarsi di livelli di identità con ipotesi e incarnazioni simboliche…”
“…sembrano accarezzare un sogno lontano, una speranza che non sarà mai certezza, un miraggio di felicità che si perde oltre l’orizzonte illusorio di fragili esistenze.”
“…a volte lirismo crepuscolare, intriso di soffusa malinconia, di struggente tristezza.”
“Opera interessante per i contenuti e le tematiche affrontate, nonché per i valori estetici…”
“… seria preparazione, corredata da rimarchevole fantasia.” “… lavoro meditato, armonioso di buon afflato poetico.”
“… sincero, elegante, sempre aderente al soggettivismo letterario del particolare momento che attraversiamo.”
“Non racconto né romanzo, più che risolverli lascia aperti molti quesiti anche sul piano puramente tecnico linguistico.”
“Una prosa lacerata e sfuggente…”
“Le aperture liriche, più che segnare il passo dell’emozionalità, offrono un ulteriore invito a perdersi nei labirinti della parola scritta…”
“Quasi poesia cruda, percuote e carezza, giovane e antica…”
“Lavoro intenso, vissuto nella profondità della sua composizione, fatta di toni e di immagini…”
“Una voce nuova che chiama ad ascoltarla ed a giudicarla senza inibizioni, come liberamente essa è sviluppata.”
“Troverete un urlo e un soffio di amore, un vuoto, immersi nella forza e nella malinconia di chi comprende che…”

Categoria principale BISAC
POETRY / Subjects & Themes / Love & Erotica
Categoria BISAC 2
FAMILY & RELATIONSHIPS / Love & Romance

Info: Bruno Mancini
Cell. 3914830355 – tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

Hits: 11

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento