Per Aurora – volume terzo – Così o come Parte Terza CAPITOLO PRIMO

Benvenuti

Per Aurora – volume terzo – Così o come Parte Terza CAPITOLO PRIMO

Così o come Parte Terza CAPITOLO PRIMO

Parte terza

CAPITOLO PRIMO

Toc toc.
Pausa.
Toc toc toc.
Crcrrrrrrrrr
-«Signor Bruno!»
-«Ciao Petrus, come stai?»
-«Grazie, bene, come un vecchietto.
Entrate presto, fuori è pericoloso.»
-«Pericoloso?»
-«Forse non lo sapete ancora, di là è scoppiata una guerra nucleare.
Potrebbero arrivare delle radiazioni fin quassù.»
-«Non sei per nulla cambiato, mattacchione.»
-«Il signore è Vostro amico?
Sì?
Prego entrate…
…Signor…?»
-«Ignazio di Frigeria e D’Alessandro… grazie.»
-«Aurora c’è?»
-«Certo per Voi, Signor Bruno, c’è sempre.
Vado a chiamarla.
Intanto gradite una birra ghiacciata?
La solita popolare?»
-«Grazie ma non ghiacciata… inizia a darmi problemini… fredda, popolare… anche per Ignazio.
Vero?
E tu non bevi un boccale con noi?»
-«Certo!
Se Vi è gradito, certo.
Vengo subito, accomodatevi, siete a casa Vostra.
Sapete bene quanto
Vi stimi la nostra “Signora”.
Vado e vengo. Subito.»
-«Non correre Petrus, non abbiamo fretta, siamo in anticipo.»
Appena Petrus si allontanò, Ignazio:
-«Siamo?
Perché siamo?
Io, sono convocato.
Io sono.»
L’assegnazione dei personaggi agli interpreti è un’arte che solo l’esperienza insegna.
Il ruolo del burbero, del tirchio, del bello Antonio, della serva, non vengono sempre carpiti con immediatezza da tutti i figuranti.
Si è bravi generici quando si è propensi all’adattabilità.
Chi soffia nel flauto ne cava le note.
Conoscevo il luogo nei dettagli.
La facciata della vecchia villa schiusa dal cancello di ferro battuto, la sala d’attesa con l’angolo bar: divani di pelle nera e pianoforte sulla pedana semi tonda.
La terrazza dalla bella vista sulle cascate sul monte e verso le foreste.
Sapevo bene che nessuno avrebbe osato fermare i miei passi.
Ero in anticipo.
Ero un amico.
Di Aurora.
La “Signora”.
Ansioso irrequieto schizzato nevrotico, mi dimenavo come un leone in gabbia durante lo spettacolo circense della vigilia di Natale.
Ero anche certo che in nessuno si sarebbe mai, neppure lontanamente, insinuato il sospetto che le mie palesi curiosità fossero, in qualche modo, substrato d’indagini negative, oppure, peggio, potessero essere di contrasto alla migliore immagine del perfetto regno diligentemente diretto dalla Donna Guascona, Aurora, la Signora.
Avevo tempo, potevo farlo, mi spinsi oltre il cartello “Uffici, Vietato Entrare”.

-«Vieni con me e taci» così intesi rispondere al silenzio inquietato di Ignazio.
In epoche recenti, il nobile vezzo antico dell’esplorazione, è “scompisciato” in una grande collettiva scientifica analisi di percorsi (variabili, variati, allusivi) tra “supposte supposizioni”.
Per scoprire l’Antartide, il bel sistema mondo visivo attuale ne assegna la ricerca in porzioni, non superiori ad un metro quadrato, a favore di ciascuno dei milioni di prezzolati assistenti degli assistenti dei ricercatori assistiti.
I dominatori dei laboratori vincenti, chiedono ottanta zecchini, per una manciata di polveri medicamentose.
Le puttane di Venezia la davano per meno al Grande Casanova.
Altra razza altra gente.
Non avrei mai immaginato che fosse possibile rendere funzionale un centro operativo come quello presente nei locali delimitati dal cartello “Uffici ecc…”.
Dimensioni enormi.
Assolutamente unico.
Non siate tristi piccoli fiori di loto dagli enormi occhi a mandorla, artefici di tante applicazioni tecnologiche, in quanto il vostro impegno al banco di lavoro non è mai responsabile per gli utilizzi del grammo di silicio che intrappolate ed irreggimentate.
Lì, nei locali “Uffici. Vietato Entrare.”, né granelli di polvere, né minimi corpi estranei avrebbero potuto intrufolarsi più avanti degli innumerevoli sbarramenti chimici nucleari biologici.
Concepiti per rimanere immacolati, gli ambienti si aprirono, accogliendoci, immediatamente dopo che alcuni specifici addetti ebbero provveduto a sterilizzare completamente ogni parte del nostro corpo, seguendo un elaborato procedimento senza dubbio previsto dal protocollo d’accesso.
Lì dentro tutti i cablaggi si visualizzavano mediante raggi laser diversificati per bande cromatiche.
-«Segui me.
Non parlare.
Non toccare.
Non ora.»

“Centro elaborazione dati DNA.”
Entriamo.

Non ho particolare soddisfazione nella stesura di questa sezione della storia, in quanto, la didascalica semplificazione che necessita la comprensione dei cardini ad essa relativi, opprime fantasiosi movimenti letterari che da sempre considero maggiormente piacevoli delle gabbie di coerenze stilistiche che ne limitano l’espressività.
Comunque, Aurora tardava a raggiungerci e noi frattanto consentivamo che zelanti burocrati incappucciassero le nostre teste con l’ultima novità nata nel settore delle trasmissioni audio visive.
Parlo del nobile “Cip-Ciop”, commercializzato successivamente ai vari ex (tam tam telefono telefonino radiografia ecografia radar televisore infrarosso infra tutto) che erano già invecchiati da tempo.
A detta della pubblicità intergalattica: “Cip-Ciop ti fa parlare con chi vuoi e controllare visivamente anche i neutroni.
Cip-Ciop è senza fili e senza antenne.
Il rivoluzionario apparecchio, Cip-Ciop opera mediante un rivoluzionario collegamento neurologico.
Cip-Ciop, se vuoi, non parli e la tua lei ti ascolta.
Oppure se preferisci, tu vedi lei, vedi e lei non lo sa.
Cip-Cip, è in vendita nei migliori negozi spaziali.
Cip-Ciop, apre il tuo futuro”.
La nuova Venere di ambiziose conquiste digitali!
Per la verità, nei locali del regno di Aurora, esso, l’aggeggio, discendente dell’illustre “tam tam”, assolveva un compito particolare: consentire la trasmissione delle informazioni tra gli stagionati impiegati fossilizzati nelle specifiche sezioni, non creando nel contempo spiacevoli turbolenze verso i comunicati provenienti dall’esterno.
Insomma, con “Cip-Ciop”, i pensieri miei si sarebbero trasferiti nel cervello di colui o coloro che avrei selezionato quale ricevente, e soltanto nel loro.
Nessun altro avrebbero potuto in alcun modo intercettarli.
Al solo scopo di non deludere l’aspettativa di aiuto richiestomi in lacrime da Ignazio, feci in modo che i silici dei nostri strumenti stabilissero, unicamente tra noi due, un permanente contatto reciproco.
Lo sviluppo di un bruco in farfalla.
Le sensazioni furono di trovarmi ad Atene nella Placa piuttosto che nell’Acropoli, nella curva sud durante la celebre partita tra Napoli e Verona (sotto lo striscione “Giulietta è una zoccola”), nello sguaiato flusso di scioperanti incazzati, invece che al seguito di un rassicurante crocifisso esposto, durante religiosi festeggiamenti, in occasione dell’anniversario relativo alla resurrezione dell’uomo seminudo che ne aveva patita la sofferenza.
Mi sedetti alla prima postazione vacante nell’arena delle futuribili tecnologie, confuso fra una quasi interminabile schiera di professionisti di ogni razza proiettati in complesse, ed apparentemente astruse analisi, utilizzando visualizzatori in grado di introdurli in dimensioni temporali e spaziali prive di ogni limite.
Seguendo una semplice informazione, digitai un clic che consentiva l’accesso a tutte le possibili informazioni -scientifiche, grafiche, genetiche, storiche, ed altre ancora-, riguardanti la complessa struttura fisica, chimica e biologica, sia della totalità e sia dei particolari riferibili al mio DNA.
-«Eccolo».

Nell’ottocento, per non andare oltre e scomodare così l’archeologia del sociale, quasi nessuno sarebbe stato in grado di riconoscere fisicamente il Grande Capo di un paese limitrofo:
-«Chi sei?»
.«Sono il Re dei Canneti.»
-«Dimostralo.»
E che vuoi dimostrare!
Il Re dei Canneti bisognava si affidasse ad un amico comune, un messaggero di professione, un principotto viaggiatore, una rinomata donna di compagnia notturna, cinquecento fucilieri in divisa giallo – rossa (Romani Papalini), nero – azzurra (Longobardi di Moratti), gialla o verde (Padani per Bossi), celeste cielo (Brigate Maradona).
Nell’ottocento, meno di duecento anni fa, i riconoscimenti si perfezionavano attraverso conoscenze di terzi.
C’è sempre stato un poi a tutto, e il poi di questa gestione dei rapporti personali si andò evolvendo con devastante, collettiva, sistematica, indolore, subdola, lenta classificazione ed appropriazione pubblica di minime peculiarità personali.
I documenti di riconoscimento o le impronte digitali possono agevolmente servire da esempio.
Una minima oggi una minima domani una minima dopodomani, dopo duecento anni io tu lei noi voi essi colui coloro costoro chi altro non so, siamo stati infine schedati ed incatenati con il nostro DNA, non falsificabile, non ripetibile, indiscutibile.
Le foto tessere, i gruppi sanguigni, i riconoscimenti vocali, olfattivi, il neo sulla guancia destra, sono ormai strumenti di controllo relegati nelle bacheche dedicate ai nobili ante – nati.
La nuova agnizione avviene mediante il personalissimo,
affidabilissimo DNA.
Io sono un DNA
Tu sei un altro DNA
Ripeto “Nessun uomo è paragonabile ad una donna.
Non c’è uomo simile ad un altro uomo.
Non esistono due gravidanze uguali.
Nelle belle famiglie campagnole il gatto era gatto.
L’agnello, agnello
Il cavallo, cavallo.”

-«Eccolo. Arriva.»
Sul visore invisibile, le immagini si materializzarono simili ad
ectoplasmi, pura luce in movimento… ma non voglio dilungarmi su queste particolari teorie teorio teoritu teorilui… l’effetto collaterale di un loro rinvio sine die, mi consente di ritornare alla rotella essenziale per liberare dalla clandestinità il ricamo filigranato che ho celato fino a questo momento.
-«Eccolo, arriva, ci siamo».
Insieme ad una catena incomprensibile di simboli numeri sigle spazi vuoti tratti trattini tratteggi tortuose concezioni, insieme alla visione tri quadri dimensionale del mio DNA, una freccetta indicante “Continua” (non lampeggiava né splendeva), riuscì, ugualmente ad incuriosire la mia ormai prossima rassegnazione.
-«Manca poco alle venti.
Manca poco.
Manca.
Però manca».
-«Ecco le birre Signor Bruno e Signor Ignazio.
La nostra Signora Vi chiede di scusarla, poiché il recente conflitto mondiale le sta procurando molto lavoro supplementare.
Accogliere tanti in così breve tempo necessita grande organizzazione e professionalità.
Posso bere con voi?
Un boccale di birra popolare?
Salute.
Hic!»
-«Petrus cosa significano tutti questi bip che sentiamo?»
-«Energie finite, terminate.
Segnali di arrivi: Un bip, una fine.
Hic!
Prego, signor Bruno, spostiamoci nell’angolo bar dove ci sono due vostri amici che mi hanno pregato di potervi incontrare prima del passaggio di là.
Hic!»
Dissi:
-«Manca poco, è tardi.» poi aggiunsi «Chi sono?» e quasi meccanicamente feci clic sulla freccetta, non lampeggiante e non splendente, che indicava “Continua”.
Il clic aprì una finestra di presentazione della logica in ragione della quale era stato messo a punto il programma relativo agli arrivi: “…… l’efficiente tecnologia elaborata ed in seguito trasportata fino a noi da opportunistiche appendici umane, decide arrivi e partenze sulla base di speciali analisi dei campioni di DNA.
Essi vengono diversificati con probabilistici fattori di rischio indicati da generalizzati rapporti statistici (ambientali ereditari assicurativi sociali asociali climatici tellurici professionali), e quindi inseriti in un unico complesso disegno di arrivi e partenze adeguato alle direttive inflazionistiche, finanziarie, multinazionali, politiche, ed ambientali che, comunque rispettoso dei diritti delle minoranze linguistiche e religiose, opera in assoluta indipendenza da gerarchie, titoli nobiliari, accademici, professionali -veri o falsi-, da corruzioni o da inganni.
Così decidendo in maniera indiscriminata ecc. ……”
Per fuggire dal saccente pragmatismo di quelle astruse alchimie, accettai l’invito di Petrus, ritenendo che per me sarebbe stato più piacevole spendermi insieme ad amici, tra birre e canzoni.
-«Andiamo Petrus.
Tu vieni Ignazio?»
-«Se mi è consentito, preferirei rimanere qui, dove mi sento poco coinvolto, asettico.»
-«Puoi.
Andiamo Petrus.»
È bello dopo un lungo periodo di assenza, tornare a casa, a condizione che i luoghi e le persone abbiano conservato almeno una goccia dei sentieri d’acqua che avevano infiammato, prima che partissimo, i nostri sentimenti.
Riprovare a leggere al lume della lampada verde, quasi mia coetanea, dopo violenze di neon internazionali sbattuti oltre i filtri di lenti brunite!
Lo paragono alla vincita di un bonus da utilizzare quale recupero per i giorni gettati in inutili sfide.
Il feudo abbandonato libera proprie energie ed accetta confronti, pur senza pretese di successi.
Non sempre è così.
Tornassi ora, dopo una lunga assenza, le mie Pinete (non erano mie), i miei Canneti (non erano miei), il mio Castello (non era mio), mi procurerebbero solo dolore e delusione.
Seguendo Petrus mi preparavo alla spiacevole eventualità di aprire la porta su una scena differente da quella del mio ricordo.
Con cautela, con la discrezione di chi non intendeva disturbare, mossi, lentamente, la maniglia, e spinsi.
Nulla era diverso.
Nulla.
Quasi si fosse trattato di un’antica scultura.
Il pianoforte, le luci, il lampadario, le piccole anse ricavate sul lato del banco bar, le rustiche grotte dei desideri con al centro la chitarra rossa di Elvis, i trecento quasi invisibili ciondoli tra i rami di una ginestra (ginestra, fiore amato dalla mia donna) che io, anni prima, avevo interpretato come ricordi di melodie assimilate in altri luoghi ed in altri tempi.
La fantasia della fantasia.
Le più belle scelte, messe in ordine dalla più eccentrica stravaganza.
Al centro del soffitto l’antico lampadario a cinquanta bracci, di una mescola ottenuta con sabbia e petrolio, ancora troneggiava, aprendo la porta, riflesso nello stesso specchio, irregolare, ambrato.
Gigantesco padrone assoluto dell’intera parete frontale, continuava a sbalordirmi come la prima volta.
I due amici che mi stavano aspettando, due cari compagni, non si erano accorti del mio ingresso e più innamorati di mai, nella naturalezza del tenero sentimento che li univa, seguitavano a creare atmosfere musicali difficili da dimenticare.
Lui, con l’immancabile ginestra (ginestra, fiore amato dalla mia donna) al bavero, e lei con l’identico ventaglio giapponese che aveva nel giorno del loro ricongiungimento.
Per me, erano stati la mia Anima e il mio Cervello.
Ebbi forte la tentazione di effettuare un balzo ed abbracciarli con un simpatico effetto sorpresa.
Tutto ciò durò solo qualche attimo, poiché all’improvviso, guardando la mia figura nell’immenso specchio, ebbi un sussulto.
Un tremore generalizzato dalla testa ai piedi.
Gli occhi impietriti, le labbra sbiancate, la testa un macigno, il respiro ansimante.
Pareva stessi morendo.
Sentivo un’eccitazione simile a quella che avevo vissuto nel Viet Nam, quando per sopravvivere uccidevo uomini donne bambini animali tutto quanto si muoveva uscendo da un fosso una palude un tronco d’albero.
Ma non ero io, Ignazio aveva combattuto nel Viet Nam!
Mi stava aggredendo l’ansia che anni addietro avevo percepita al tavolo da gioco “Rien ne va plus” in quell’ultimo colpo, o vincente o prodromo del proiettile terminale.
Ma non ero io, Ignazio era stato preda di ogni azzardo!
Ignazio.
E l’eroina schiaffata nella vena?
Lo stupro?
Il maledetto inganno?
Tra me e Ignazio si andavano via via cancellando i confini.
Non avendo mai chiuso tra noi due il collegamento “Cip-Ciop”, ero ancora in grado di vedere ciò che lui guardava e udire i suoi pensieri.
Ignazio, seduto al posto che avevo lasciato vacante nell’arena delle futuribili tecnologie, ripeteva le stesse azioni che erano state compiute da me in precedenza, e in quel preciso momento stava fissando con curiosa attenzione la rappresentazione tridimensionale del suo DNA.
Incredibile!!
Assolutamente incredibile!
È perfettamente identico al mio!
… quindi… forse… devo controllare… subito… subito… di corsa…
-«Non farlo!» gli urlai mentalmente «Non farlo!
Non toccare niente.»
-«Aurora, Aurora aiutami» ripetei più volte con tutta la voce che avevo «Aiutamiiiiiiiii.»
La Donna guascona giunse in un attimo:
-«Come?
In che modo?
Certo.
Che succede?
Sono pronta.»
-«Quanto manca?»
-«Trentacinque minuti.»
-«Cazzo! Devo sbrigarmi. Andiamo nella sala controllo.
Chiama il Capo Burocrate.
Petrus, prego, una birra ghiacciata super popolare.
Uomo dal fiore di ginestra, suona per me «indifferentemente». Signora dalle mani ambrate rinfrescami la nuca con il soffio del tuo ventaglio giapponese a strisce di bambù.
Fatemi sentire i cuori pulsare per amore.
Corriamo, corriamo.
Il tempo è tiranno.»

Anticipando le reazioni di loro tutti:
-«Il nostro DNA è totalmente uguale» urlai con la voce profonda di mio padre.

Io per natura non accetto gratuite caramelle, ma non sopporto neppure che mi svuotano il frigorifero senza consenso.
Il mio cervello matematico aveva suonato la carica…
«AVANTI…» per un soldato solitario contro un potere generale.
Io sono un essere.
Io sono napoletano.
Masaniello era napoletano.
I poteri sono dovunque.
Fece una brutta fine il Masaniello a Napoli, però!
Io sono napoletano.
Il mio cervello matematico e la mia anima poetica, da giovani se le erano date di santa ragione.
Paccari coltellate e sputazzate in faccia.

-«Voglio diventare un fisico nucleare»
-«Desisti, regaleremo emozioni»
-«Che vuoi regalare, non regalo niente»
-«Piccolo provincialotto»
-«Grande illusa»

e via a scaricarsi le peggiori offese.
Tante se ne dissero e tante se ne dettero che non giunsero ad alcun accordo, ed ora mi guadagno da campare facendo il “Lettore di giornali in pubblico”.
Non esiste?
Forse non esisteva.
Esiste, esiste.
Mi sono inventato una libera professione con molta dignità e talento, seguendo un ragionamento diciamo “pragmatico”.
Perché, mi chiedevo, i giornali pagano la pubblicità per se stessi su altre forme di comunicazione ed anche su testate a volte acerrime concorrenti?
Risposta: per farsi leggere.
Perché, mi chiedevo, un quotidiano di tiratura nazionale viene distribuito gratis annesso ad un foglio di cronaca locale?
Per farsi leggere, rispondevo.
Per quale ragione, nel mio paese di origine, il notiziario di pettegolezzi comunali, unito ad uno storico giornale filo monarchico e ad un quotidiano politico nazionale affiliato alle gerarchie di un potente costruttore finanziere editore presidente politicante, perché mi chiedevo, tutti e tre insieme vengono venduti al prezzo di un solo?
Si sa bene che non bada a spese il potente costruttore finanziere editore presidente politicante proprietario del quotidiano politico nazionale, e che neppure sono in cerca di soldi i referenti politici dello storico vessillo monarchico.
Il notiziario locale di pettegolezzi comunali, li regala entrambi ed acquisisce nuovi lettori.
O.K.
Perché?
Risposta: vogliono essere letti…
Ed io mi sono proposto nella specifica mansione di “Lettore di giornali in pubblico”.
Il loro ufficio gestione rapporti col pubblico mi fissa un itinerario, con rotazione mensile, per la cui precisa attuazione i dirigenti addetti alla struttura finanziaria mi pagano viaggi trasferte pernottamenti cene pranzi e colazioni, scarpe nuove ogni mese, venti consumazioni il giorno ai tavoli dei bar più prestigiosi, due concerti a settimana, ventuno pacchetti di sigarette marca… (omissis)… a settimana (poi vi spiego perché), un nuovo accendino ed un orologio ogni cambio di stagione, e, considerato il disagio dei continui trasferimenti, l’Azienda mi concede una femmina a piacere ogni quindici giorni, un mese di ferie l’anno, ed il barbiere quotidiano.
La mia giornata lavorativa di solito inizia alle otto di mattina e termina alle sedici.
Al mattino, nella portineria della locanda albergo pensione residence villaggio in cui ho trascorso la notte, trovo un mucchio di giornali: stessa marca stavo per dire, stessa testata è invece corretto.
Li ripongo in una borsa busta contenitore carpetta, ne lascio fuori uno, mi reco ad una vicina fermata di autobus tram metro funicolare sciovia traghetto e, come se attendessi un particolare mezzo di trasporto, spiego il giornale in bella vista, con la prima pagina ed il titolo in perfetta evidenza, e fingo di leggere con interesse fingendo di aspettare.
-«Perbacco, i C.R.I.C. vogliono le elezioni…»
-«Come? Berlisco ha detto che…»
-«… sono una vera schifezza questi P.R.O.C.».
Coloro che mi sono vicini sbirciano, incamerano, si schierano.
Un attivista di avversa parte politica, nemico dichiarato dei padroni della testata e della sua impostazione socio economica, mi guarda e mi sfida.
Fine della prima tappa, anzi no, perché, ancora fingendo, in questo caso distrazione, lascio il giornale sulla spalla della pensilina, così che altri possano continuare sbadatamente ad appropriarsi delle notizie che mi pagano per far leggere.
Seconda tappa, estraggo dalla borsa un secondo giornale identico al primo, e mi avvio a ripetere la funzione verso il parco pubblico.
Terza sosta, identico cerimoniale ed uguale messa in scena, al bar salotto buono, poi alla mensa ferroviaria, al circolo del ludico paranormale, dei baffoni giganti, dei coglioni in motocicletta.
Alle ore sedici, stop.
Serata libera.
Domani, un nuovo itinerario, forse pomeridiano serale, con sosta a cinema o a teatro.
Domani un nuovo posto per guadagnare i miei trenta denari. Sì, è vero, ho dimenticato di chiarire che anche le sigarette fanno parte del patrimonio di furbizie utilizzate dal dirigente organizzatore, il quale, scegliendone la marca, merita una “cagnotta” (tangente?) (provvigione?) simpaticamente offerta da quell’azienda di tabacco, naturalmente all’insaputa dell’editore per il quale lavora.
Cose che capitano anche in televisione.
A me che importa?
Trenta denari e fingo di fumare (ho smesso da tre anni) perfino la paglia secca degli ex Canneti della mia ex Isola Verde.

Ho costruito questa lunga divagazione, per introdurre il sunto di un ampio e dotto saggio che il mio cervello matematico aveva fatto rimbalzare, con perfetto tempismo, non appena si era reso conto della incoerente identicità del mio DNA con quello di Ignazio.

Lo sfoglio quotidiano di giornali previsto dalla mia ultima relativa professione, tra tante baggianate e scempiaggini bazzecole e pettegolezzi di rado, ma a volte, mi aveva concesso l’opportunità di aggiungere un tassello alla collezione delle teorie preferite.
Un fedele scudiero dei miei pensieri mi aveva fornito una lancia.
Un’idea che avevo attinta dalla quinta pagina dell’organo di stampa nazionale utilizzato per il mio lavoro durante l’ultimo mese di agosto.
Pareva forgiata apposta!
Da quel concetto ero rimasto particolarmente colpito.
Per la sintesi e per il rigido schematismo, amalgamato ad un probabilismo assolutamente incontrollato, che esso avvalorava come imparziale strumento decisionale.
Un dotto estensore di cui non ricordo il nome, l’aveva espresso scrivendo (ed io avevo recepito il testo come la sfacciata seduzione di un tango argentino nello struggente abbandono di ogni illusione):
“…Ogni azione che compie ogni individuo, fisica mentale o di qualunque altro tipo, trasferita nel super elaboratore della natura, riduce, di una determinata percentuale, il carburante attivo (come nei video giochi) a svantaggio dello stato vitale complessivo.
In proporzione, ciò avviene anche per le parti, una o più di una, oppure infinite, che compongono il presente di chiunque (uomini, animali, vegetali, minerali ecc.).
Quindi il cuore, le ossa, no meglio, la sopravvivenza del cuore, delle ossa, insomma di ogni elemento, ad ogni azione che lo vede coinvolto, restituisce una porzione della vis vitale di sua pertinenza, fino al completo esaurimento.”

Due più due fa quattro.
Quattro più quattro fa otto.
Io volevo capire se un’analoga valutazione era alla base della nostra convocazione.
Ad ogni azione una diminuzione di carburante.
Ciò per ogni individuo identificato comparando il suo esclusivo DNA.
Il mio DNA identico a quello di Ignazio.
Perché coincideva l’anno il mese il giorno e l’ora delle nostre convocazioni?
Perché non supporre la… … ….

Sììììì.
Sììììì.
È così.
Sìììì è cosììììì.
-«Aurora. Auroraaaaaa… … aiutami.
Rendi efficienti tutti i sistemi d’informazione, convoca i direttori dei reparti, i responsabili di zona, gli analisti, i tecnici e tutti i grandi burocrati.
FERMA IL TEMPO.
Ne resta poco.
Non può bastarmi.
Blocca i bip.
Fidati.
C’è un grosso sbaglio.»
E lei: -«Una sola volta ho deciso l’interruzione dello sviluppo naturale della evoluzione e, grazie a te, essa risultò provvidenziale.
Ripeterla, potrebbe significare per me l’angoscia di un irrimediabile errore.
È vero, anche i regni più antichi possono finire.
Sappi comunque che la mia decisione di dare credito alla tua sicurezza, ha origine dalla stima che ho per te, più che dal nostro affetto.
FERMATE IL TEMPO.
Per quindici minuti nessuno arrivi e nessuno parta.
Non ci siano bip.
FERMATE IL TEMPO.
Quindi, se non verificherete errori di funzionamento del nostro sistema… allora… allora nominerete un altro responsabile al mio posto.
I milioni d’anni della mia coscienza non accettano di deludere un amico.

A qualunque costo.
FERMATE IL TEMPO.
HO DETTO.»

Meno quindici:

Tornai sulla schermata che al mio arrivo avevo attivato, quasi meccanicamente, facendo clic sulla freccetta (non lampeggiante e non splendente) indicante “Continua”: e potei rileggere il messaggio allo scopo di controllare se ne risultava specificato il collaterale modello di attuazione: “L’efficiente tecnologia trasportata di là da nostre opportunistiche appendici… … ecc. ecc.”
Altro clic, ancora, altro clic e, proprio come avevo letto in quell’articolo nel mese di agosto, sullo schermo fu indicata la struttura operativa del progetto: “Ogni azione che compie ogni individuo, fisica mentale o di qualunque altro tipo, trasferita nel super elaboratore, riduce di una percentuale il carburante attivo (come nei video giochi) per una sua singola forma vitale; per una o più di una, od anche per tutte insieme.
Cioè il cuore, le ossa, no meglio, la sopravvivenza del cuore, delle ossa. Insomma ogni elemento a seguito di ogni azione restituisce una parte della sua vis vitale, fino ad esaurimento ecc.”

Meno dodici:

-«Compariamo Il mio DNA e quello di Ignazio.»
-«Comparazione in atto.
Comparazione eseguita.»
-«Risultato?»
-«Perfettamente identici.»
Aurora si accostò alla mia spalla.

Meno dieci:

-«Confrontiamo, i diagrammi di decremento energetico relativo a tutte le mie funzioni, con gli stessi assegnati ad Ignazio.»
-«Elaborazione in atto.
Diagrammi elaborati.»
-«Risultato?»
-«Le loro funzioni sono assolutamente identiche nello spazio, nel tempo, e nella quantità.»
Aurora, mi respirava nei capelli.

Meno otto:

-«Analizziamo il diario di Aurora.»
-«Impossibile, è segreto.»
Aurora, la Donna Guascona, non permise la mia sconfitta, puntò l’indice contro il Capo Burocrate:
-«Prima, fermando il tempo, ho detto di farlo a qualunque costo.
Eseguite.
Nessun segreto potrà impedirmi di rispettare l’impegno assunto.
Nessuno.
Distruggete il sigillo.
Aprite il mio diario»
Il tesoriere dei segreti, scattò sull’attenti, ed ubbidì impartendo il comando.

Meno sei:

Una voce disse:
-«Diario in rete.
Diario aperto.»

Meno quattro:

-«Aurora, ricordi la volta che venni a presentarti “L’Appuntamento” tra l’uomo dal fiore di ginestra e la donna dalle mani ambrate?
Che giorno era?»

Meno cinque:

-«Cercatelo.
Ditemi la data.»

Meno quattro:

–«Ricerca in corso.
Ricerca ultimata.»
-«Risultato?»
-«Ventiquattro marzo mille novecento novanta due, ore diciotto.
Annotazione: ospite Bruno.»
-«Aurora, vuoi chiedere se c’era anche Ignazio?»
-«Controllate.»

Meno tre:

-«Controllo in corso.
Controllo effettuato.»
-«Risultato?»
-«No, non c’era.»

Meno due:

-«È certo?»
-«Confermato.
Non c’era.»
-«Aurora hai inteso?
Non c’era Ignazio insieme con noi quando accompagnai da te l’uomo dal fiore di ginestra e la donna dalle mani ambrate che sai considero la mia Anima e il mio Cervello.
Giusto?
Chi potrà spiegarmi perché nel diagramma del suo DNA viene scaricato questo incontro?
Ed anche nel mio?
O lui o io!»

Meno uno:

-«In quanti eravamo, Aurora?
Ricorda e decidi, manca un attimo.»
-«STOP. Tutto fermo.
Tutti fermi.
Si faccia avanti il responsabile.
SUBITO!»

Non furono parole, furono imperativi categorici ed io pensai: “Si salvi chi può, è l’ora del giudizio universale”.

Un suono di ciaramelle accompagnò la mia anima deliziosa che ancora prima del verdetto, senza indugio, iniziò a declamare i versi, dedicati un tempo al nostro “Arrivederci”:

Ed oggi ascoltare
venerdì di piazze
domeniche di folle
e il resto,
tutto rifatto
scotto:
segna nuovo equilibrio
per non staccare stampe
da muri di nuovo imbiancati.

Sedersi su un albero,
presso un’onda chiara, scura,
ai piedi del viale del nostro viaggio,
nella poltrona di fronte al fuoco,
su un angolo del letto
a luci ancora spente,
non oltre,
noto:
lasciamo ad altri
tratteggi di scie di lumache
storie di applausi e di avventure
scolpite… per Uno.

Ora se vuoi è l’ora di andare.

Il nostro DNA assolutamente identico aveva richiamato nell’elaboratore, senza distinzione, le mie e le sue azioni!
Ecco la ragione della nostra chiamata simultanea.
Lo stesso fatto era stato assegnato sia a me sia a Lui, quindi, noi due, avevamo subito il carico del logorio non solo nostro proprio, cioè io della mia e lui della sua vita, ma io della mia più la sua e lui della sua più la mia.
Concorrendo quindi, essendo gemelli, ad esaurire entrambi nello stesso momento!
Eccitato e sollevato, non persi di vista Aurora neppure un istante, intanto che lei, la mia Amica immensa, nella riconfermata autorità di una “Signora”, ancora più potente, ordinava di effettuare innumerevoli verifiche, controlli, prove e contro prove.
Fino a quando, accertato l’errore, la vidi giudicare i responsabili, licenziare, degradare, defenestrare.
Infatti, “L’efficiente tecnologia trasportata di là da nostre opportunistiche appendici… … ecc. ecc.” le cui caratteristiche operative mi era capitato di leggere nella schermata, quando quasi meccanicamente avevo attivato il clic sulla freccetta (non lampeggiante e non splendente) indicante “Continua”, affidata alla decrepita fossilizzata burocrazia onnipresente, “così o come” da sempre avviene a seguito di questo innaturale connubio, aveva elaborato, essa l’efficiente tecnica spersonalizzata, decisioni certo indiscriminate, ma purtroppo prive della luce di una intelligente, umana, morale e sofferta, responsabile valutazione.
Basta così.
Gli insensibili mezze maniche avevano combinate “cose dell’altro mondo”.

TESTO COMPLETO IN LETTURA LIBERA

Dedica – Brevi commenti amichevoli

Only you

Only you

Così o come

Parte Prima

CAPITOLO PRIMO

CAPITOLO SECONDO

CAPITOLO TERZO

CAPITOLO QUARTO

CAPITOLO QUINTO

CAPITOLO SESTO

Così o come

Parte seconda

CAPITOLO PRIMO

CAPITOLO SECONDO

Parte Terza

CAPITOLO PRIMO

CAPITOLO SECONDO

CAPITOLO FINALE

Only you 2

Only you 2

La sesta firma

CAPITOLO PRIMO

CAPITOLO SECONDO

CAPITOLO TERZO

CAPITOLO QUARTO

CAPITOLO QUINTO

CAPITOLO SESTO

CAPITOLO FINALE

Poesia sporca

Poesia sporca

Per Aurora – volume terzo – TESTO COMPLETO IN LETTURA LIBERA

Per Aurora – volume terzo di Bruno Mancini

ACQUISTA COM www.lulu.com

Per Aurora – volume terzo – Vetrina LULU

Per Aurora volume terzo di Bruno Mancini

seconda edizione

ID 29y6wr

ISBN 9781471074813


Bruno Mancini
ISBN 978-1-4710-7481-3
Versione 2 | ID 29y6wr
Creato: 26 ago 2022
Modificato: 27 ago 2022
Libro, 135 Pagine
Libro stampato: A5 (148 x 210 mm), Standard Bianco e nero, 60# Bianco, Libro a copertina morbida, Lucido Copertina
Prezzo di vendita: EUR 14.00

Informazioni sul copyright
Revisiona le informazioni sul copyright
Titolo
PER AURORA volume terzo
Sottotitolo
Alla ricerca di belle storie d’amore
Collaboratori
Bruno Mancini
ISBN
978-1-4710-7481-3
Marchio editoriale
Lulu.com
Edizione
Edizione arricchita
Dichiarazione dettagliata di edizione ( / 255)

Licenza
Tutti i diritti riservati – Licenza di copyright standard
Titolare del copyright
Bruno Mancini
Anno del copyright
2022


Descrizione
Alla telefonata di Gilda seguì lo sferragliante rumore del chiavistello divenuto rugginoso per essere rimasto a lungo inutilizzato.
Geltrude, entrando con la cautela e la discrezione di chi non deve disturbare:
-«Dotto’ già sveglio?
Come mai?
State bene?»
-«Sì. Tutto a posto.
Tu sei mai stata sola?»
-«Dotto’ per stare soli, bisogna essere soli.
Io non sono mai stata niente, figuriamoci se mi potevo permettere il lusso di essere sola.
Stare sola?
La solitudine!
Voi ve la potete permettere.
Io no.»

Tabella dei contenuti
Per Bruno Mancini: brevi commenti amichevoli.

“Percorso di memoria o ricerca di spazi temporali virtuali?”
“Il continuo intersecarsi di livelli di identità con ipotesi e incarnazioni simboliche…”
“…sembrano accarezzare un sogno lontano, una speranza che non sarà mai certezza, un miraggio di felicità che si perde oltre l’orizzonte illusorio di fragili esistenze.”
“…a volte lirismo crepuscolare, intriso di soffusa malinconia, di struggente tristezza.”
“Opera interessante per i contenuti e le tematiche affrontate, nonché per i valori estetici…”
“… seria preparazione, corredata da rimarchevole fantasia.”
“… lavoro meditato, armonioso di buon afflato poetico.”
“… sincero, elegante, sempre aderente al soggettivismo letterario del particolare momento che attraversiamo.”
“Non racconto né romanzo, più che risolverli lascia aperti molti quesiti anche sul piano puramente tecnico linguistico.”
“Una prosa lacerata e sfuggente…”
“Le aperture liriche, più che segnare il passo dell’emozionalità, offrono un ulteriore invito a perdersi nei labirinti della parola scritta…”
“Quasi poesia cruda, percuote e carezza, giovane e antica…”
“Lavoro intenso, vissuto nella profondità della sua composizione, fatta di toni e di immagini…”
“Una voce nuova che chiama ad ascoltarla ed a giudicarla senza inibizioni, come liberamente essa è sviluppata.”
“Troverete un urlo e un soffio di amore, un vuoto, immersi nella forza e nella malinconia di chi comprende che…”

Per Aurora volume terzo

seconda edizione

Info: Bruno Mancini
Cell. 3914830355 tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

 

Hits: 15

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento