Prose Panizza

Benvenuti

Copia di Banner PeD1 223 59 ok

Il risveglio fu peggiore del solito quel giorno.

L’umidità della sabbia e la brezza mattutina mi scuotevano di brividi. Aperti gli occhi vidi torreggiare al mio fianco il grande castello di sabbia che la sera prima non ero riuscito a terminare crollando sfinito con gli strumenti in mano.

Quasi l’alba, ma non ancora.

Da dove veniva allora il chiarore che sembrava avvolgere il maniero? Guardai meglio e con sorpresa mi avvidi dello straordinario cambiamento avvenuto: le guglie svettavano non più di sabbia ma pietrose, così come i muri. Anche le vetrate alle finestre luccicavano sottili.

Incredulo scorsi, oltre una di queste, una figura che si muoveva freneticamente. Un minuscolo uomo correva esagitato da una parte all’altra implorando la mia attenzione. Si dimenava indicando prima il mare e poi la spiaggia.

Non capivo.

Provai a forzare il vetro, ma una pellicola impenetrabile sembrava avvolgere tutto. La mia agitazione cresceva insieme alla sua. Ora, in preda alla disperazione, fissava il mare stringendo convulsamente la corona che portava in testa.

Improvvisamente mi resi conto del problema.

Ciò che lui tentava di indicare non era la spiaggia ma il luogo in cui doveva esserci l’entrata al castello che io non avevo ancora terminato. Mi misi subito al lavoro scorgendo vera felicità sul viso coronato. Un raggio di sole mi colpì all’improvviso e di nuovo lo vidi sprofondare in ginocchio in preda alla più nera disperazione.

Ecco cosa temeva! Il sole che stava sorgendo oltre il mare.

Freneticamente ultimai il portone d’entrata mentre il sole saliva lento. Appena dato il tocco finale all’opera, il chiarore innaturale del castello, che era andato via via aumentando, esplose in un lampo accecante che mi stordì mentre il portone si aprì impetuosamente sputando all’esterno il piccolo principe che solo un attimo indugiò rivolto all’astro e poi si gettò in una folle corsa verso una direzione a me sconosciuta.

Era molto piccolo, ma correva come non avrei mai pensato possibile per un così minuscolo uomo. Correva a perdifiato ed io lo seguivo a piccoli passi non osando distoglierlo dalla sua gara, neppure con una proposta di aiuto. Rapito dalla sua fretta, mentre il sole inesorabile saliva, solo all’ultimo istante mi avvidi della sua meta, un piccolo castello di sabbia costruito e dimenticato da un bambino e che, come l’altro, aveva mutato la sua natura sabbiosa.

Scorsi sulla soglia una fanciulla dall’abbigliamento dimesso ma ordinato. Finalmente lui la raggiunse e, nell’impeto dell’abbraccio, la corona gli cadde dalla testa rotolando sulla sabbia fino a me. Mentre il sole si staccava dall’abbraccio del mare feci appena in tempo a vedere l’inchino e il sorriso con cui mi ringraziarono, poi una luce accecante avvolse tutto mentre felici agitavano le mani in segno di saluto.

I castelli furono poi di nuovo solo sabbia e sogni. A me rimase la minuscola corona che infilai pensosamente al dito poi, deciso, cominciai a correre.

————————————————-

 

Le mille porte

Poesie Trentine

Tra Capri e Sant’Angelo

 

M.G. s.a.s. Via Gemito 27

80077 Ischia Porto (Na) Italia

emmegiischia@gmail.com

www.emmegiischia.com

Non esiste oggetto che più di un libro possa
aggiungere valore al vostro augurio.

La mia isola

CATALOGO

Vi prenoto

Racconti

01

Bruno Mancini

Per Aurora
volume primo

lulu

 

pag.

112

13.0

02

Bruno Mancini

Per Aurora
volume secondo

lulu

 

pag.

126

13.0

03

Bruno Mancini

Per Aurora
volume terzo

lulu

 

pag.

166

15.0

014

Bruno Mancini

Come i cinesi volume primo

lulu

 

pag.

146

14.0

05

Bruno Mancini

Come i cinesi volume secondo

lulu

 

pag.

116

12.0

112

Bruno Mancini

Per Aurora
volume quarto

lulu

 

pag.

124

13.0

114

Bruno Mancini

Per Aurora
volume quinto

lulu

 

pag.

108

15.0

19

Elena-mancini

Vertigini

pag.

176

15.0

359

Alberto
Liguoro

La
Maschera del Tempo

pag. 250

15.0

360

Alberto
Liguoro

Il
Vecchio
Teatro

pag.

194

12.0

361

Alberto
Liguoro

Rumore
di passi nei giardini imperiali

pag.

384

24.80

Poesie

06

Bruno Mancini


Dedicate e
preferite

lulu

 

pag.

100

11.0

07

Bruno Mancini

Agli angoli
degli occhi

lulu

 

pag.

100

11.0

08

Bruno Mancini

Segni

lulu

 

pag.

56

8.0

09

Bruno Mancini

Davanti
al tempo

lulu

 

pag.

188

16.0

10

Bruno Mancini

La sagra del
peccato

lulu

 

pag.

92

9.0

11

Bruno Mancini

Incarto caramelle
di uva passita

lulu

pag.

56

8.0

15

AA.VV.

Ischia,
un’isola
di poesia

lulu

 

pag.

pag.

121

18.0

16

Bruno Mancini

Non rubate
la mia vita

lulu

 

pag.

55

9.0

18

Elena Mancini

Senza
poesia

pag.

135

13.0

20

Bruno Mancini

Io
fui mortale

lulu

 

pag.

90

9.0

22

AA.VV.

Ischia,
un’isola
d’amore

lulu

 

pag.

168

18.0

40

AA.VV.

Ischia,
un’isola di…

28

Italo Zingoni

Al
mattino stropicciando il sole

pag.

108

13.0

32

Luciano Somma

Immagini

pag.

48

10.0

314

Luciano
Somma

Alba
di domani

pag.

70

10.0

35

Roberta Panizza

Le
mille porte

pag.

62

10.0

350

Alberto
Liguoro

Radici

pag.

100

10.0

351

Alberto
Liguoro

Differenti
ispirazioni

pag.

70

9.0

352

Alberto
Liguoro

Esplosivo

pag.70

10.0

353

Alberto
Liguoro

A
questo
punto

pag.

115

12.0

354

Alberto
e Dalila
Liguoro

Poesie

pag.

44

12.0

Disegni

13

Vera Mancini


Non bagnare i sassi

pag.

110

28.0

Varie

31

Luciano
Somma

Brividi di ricordi

pag.

60

10.0

357

Alberto
e Dalila
Liguoro

DVD Poesie

pag.

50

16.0

358

Alberto
Liguoro


Le stagioni –
Racconti e poesie

pag.

150

11.0

Verserò l’importo, maggiorato da spese postali, a

vostra semplice richiesta.

Nome…………..

Cognome………….

Indirizzo……………

Città…………….

Data…………

Firma…………….

 

 

Hits: 410

Lascia un commento