Poste italiane blocca postepay

All. n. 1a Poste it. postepay Bruno l'utente non possiede carte valide

All. n. 1a Poste it. postepay Bruno l’utente non possiede carte valide

All. n. 1b Poste it. postepay nuova Giugno 2021

All. n. 1b Poste it. postepay nuova Giugno 2021

All. n. 1c Poste it. Bruno postepay con Codice fiscale

All. n. 1c Poste it. Bruno postepay con Codice fiscale

All. n. 1d Poste it. Postepay rinnovo Giugno 2021 7

All. n. 1d Poste it. Postepay rinnovo Giugno 2021 7

All. n. 1e Poste it. risposta precauzione data

All. n. 1e Poste it. risposta precauzione data

All. n. 1f Poste it. risposta precauzione tutto

All. n. 1f Poste it. risposta precauzione tutto

All. n. 2a Poste it raccomandata rr

All. n. 2a Poste it raccomandata rr

All. n. 2b Poste it. ricevuta Racc

All. n. 2b Poste it. ricevuta Racc

All. n. 2c Poste it. ricevuta ritorno 1

All. n. 2c Poste it. ricevuta ritorno 1

All. n. 2d Poste it. ricevuta ritorno 2

All. n. 2d Poste it. ricevuta ritorno 2

All. n. 3 Poste it. risposta PI alla racc.

All. n. 3 Poste it. risposta PI alla racc.

All. n. 4 Revoca fallimento tribunale mancanza passivo

All. n. 4 Revoca fallimento tribunale mancanza passivo

All. n. 5 Revoca fallimento giornale

All. n. 5 Revoca fallimento giornale

All. n. 6 Revoca fallimento casellario giudiziario

All. n. 6 Revoca fallimento casellario giudiziario

Poste italiane blocca postepay

Spettabili

Avv. Alessandro Gambardella

Studio Fiscale S.E.R.A.D.A. alla c.a. di Salvatore Mazzella

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – Piazza Giuseppe Verdi 6/A –  00198 Roma

Altroconsumo Edizioni Srl – Via Valassina, 22 – 20159 Milano

Striscia la Notizia – Via Cinelandia 5 – 20093 – Cologno Monzese – Mi

Testata giornalistica IL DISPARI – Via Michele Mazzella, 202 – 80077 Ischia (Na)

Casa Editrice IL SEXTANTE di Mariapia Ciaghi – Via Calvet 14 – 38086 Pinzolo

Associazione DILA  Via Gemito 27 – 80077 Ischia (NA)

Webmaster www.emmegiischia.com

Agenzie di stampa italiane

Social:  fb – twitter – linkedin – istagram – whatsApp –

 

e p.c. Spett. Poste Italiane S.p.A.                                                                

Sede Legale Viale Europa 190 – 00144 Roma

Att.ne Sig. Bonasoli

 

Mi chiamo Bruno Mancini (nato a Napoli il 30/04/1943 CF MNCBRN43D30F839Z).

Ritenendo di essere vittima di un comportamento illegale e comunque lesivo della mia reputazione, vi invito a valutare la vicenda che mi accingo ad esporre al fine di suggerirmi corrette azioni di rivalsa anche con la vostra auspicabile collaborazione.

 

I fatti:

 

1) In una data antecedente al 2 luglio 2021 Poste Italiane S.p.A., senza preavviso, senza una comunicazione e senza una spiegazione (All. n.1a) ha bloccato l’utilizzo della carta postepay n. 4023601015968557 scadenza 04/27 emessa come rinnovo della postepay n. 4023600925626386 scadenza 06/21, entrambe a me intestate (allegati n.1b – 1c – 1d) rendendomi impossibile l’accesso alla somma ivi depositata.

 

2) Alla mia richiesta scritta di supporto, inoltrata tramite la procedura prevista sul sito istituzionale dell’Azienda Poste Italiane S.p.A., è stata data risposta (All. n. 1e – 1f) in data 3 luglio 2021 ore 10:26 con oggetto <Richiesta numero 6083514909> dalla casella NO-REPLY@posteitaliane.it) con il seguente testo

Gentile Cliente, in riferimento alla sua richiesta con Oggetto: carta non attiva dal giorno 01.07.2021, le comunichiamo quanto segue: La carta è stata bloccata da Postpay in via cautelativa.

Saluti
Assistenza Clienti Retail
(eventuale firma del Responsabile)”.

 

3) Con Raccomandata ricevuta di ritorno datata 28 Luglio 2021 (allegati n. 2a- 2b – 2c – 2d) indirizzata a Spett. Poste Italiane S.p.A. Sede Legale Viale Europa 190 – 00144 Roma, ho comunicato all’Azienda la mia determinazione a tutelare i miei interessi in ogni modo legittimo e in tutte le sedi opportune in mancanza di una rapida soluzione della vicenda.

 

4) Con lettera ordinaria datata 8/9/2021 (allegato n.3) pervenuta il 30 settembre 2021, firmata in modo illeggibile dal “Responsabile Gestione reclami finanziari”, Postepay prot. PB-21902149, mi è stato risposto che il blocco sulla carta è stato apposto in automatico da un non meglio specificato “sistema” poiché in data 14/01/1987 si rileva presso il Tribunale di Napoli fallimento a mio carico, specificando poi una serie di adempimenti per ottenerne lo sblocco.

 

5) Il suddetto fallimento fu dichiarato in contumacia (non mi dilungo a spiegare come e perché fu ingiusto e la situazione è ben nota alla S.E.R.A.D.A che mi legge in copia), e la relativa procedura fallimentare fu immediatamente chiusa in data 27/5/1987 per “mancanza di passivo” così come certificato in data 27/5/1987 dal Cancelliere Ufficio fallimenti Tribunale di Napoli II divisione di cancelleria civile sezione terza(allegati n. 4).

 

6) Con annuncio N.4823 della settima sezione del Tribunale di Napoli, in data 13/12/1988 il Direttore di Divisione di Cancelleria R.E. Dott Francesco Izzo provvide alla pubblicazione legale a mezzo stampa della revoca del fallimento depositata l’8 aprile 1988 (allegato n. 5).

 

7) In data 22/3/1990 Il Cancelliere Direttore di sezione Angelo Errico ha rilasciato certificato del Casellario Giudiziale della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli in cui si attesta che a carico di Bruno Mancini nel Casellario di Napoli risulta “N U L L A” (allegato n. 6).

 

Le domande:

 

1) Chi è il gestore del “sistema” indicato da P.I. come responsabile del blocco della mia postepay?

2) Per quale motivo il blocco è intervenuto molti anni dopo l’attivazione della carta?

3) Cosa intende P.I. per blocco cautelare?

4) In che modo P.I. ha utilizzato i fondi bloccati?

5) Quali attività di riscontro P.I. ha attivato per ricevere conferma della correttezza del blocco, anche dopo le mie due segnalazioni?

6) P.I. ha effettuato qualche controllo per accertarsi che la somma bloccata non fosse riconducibile ad una pensione sociale addirittura non pignorabile?

7) In quale modo P.I. ha comunicato alla Autorità Giudiziaria l’avvenuto blocco e la relativa disponibilità della somma?

8) P.I. ha informato il Curatore dell’avvenuto blocco e della relativa disponibilità della somma?

9) In che modo è stata rispettata la privacy?

10) Sono giustificabili tali iniziative in relazione a fatti avvenuti oltre 34 anni fa?

11) Quale copertura di legittimità può riscontrarsi nell’appropriazione di somme di denaro affidate ad un’Azienda privata, come lo è Poste Italiane S.p.A., senza che essa disponga di alcun atto giudiziario che ne autorizzi il prelievo?

12) Manca qualcosa per accusare P.I. di appropriazione indebita?

13) Ecc.

 

Ringraziando per l’attenzione resto a vostra completa disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

 

Cordiali saluti

Ischia 4 ottobre 2021

Bruno Mancini

Poste italiane PT – Raccomandata ricevuta ritorno

Hits: 146