European Academy of Religion 2020

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020  Rimandata la conferenza per 1500 studiosi

European Academy of Religion 2020

Bologna, 7 aprile 2020. A causa dell’emergenza sanitaria in corso, e in ottemperanza alle disposizioni istituzionali in merito alla sospensione di ogni forma di aggregazione, è annullata l’edizione dell’European Academy of Religion (EuARe) prevista per il 22-25 giugno 2020 a Bologna.

Ideata dalla Fondazione per le scienze religiose (Fscire) e avviata nel dicembre 2016 sotto il patrocinio del Parlamento europeo, della Commissione europea, della Commissione nazionale UNESCO, dell’Università e del Comune di Bologna, la European Academy of Religion è diventata in questi anni una straordinaria occasione d’incontro di studiosi e studenti diretta a favorire la ricerca, la comunicazione, lo scambio e la lettura critica delle principali tematiche religiose. L’interesse e la sensibilità crescenti per questi temi sia nel mondo accademico, sia nella società civile, sono dimostrati dal trend che a ogni nuova edizione ha visto aumentare le presenze del 50%.

Grazie al sostegno di MIUR, MAECI, Emilia-Romagna, Fondazione Cariplo e Fondazione Carisbo, il progetto della European Academy of Religion ha rappresentato in questi anni non solo un momento di circolazione delle idee e di confronto culturale ma anche un’occasione di partecipazione e di socialità che ha avuto al suo centro la città Bologna, che ha ospitato migliaia di persone con rilevanti ricadute sul sistema economico cittadino. Nelle sole giornate dell’edizione 2019, grazie al sostegno economico e culturale di Regione, Comune, Università, e donors bolognesi, Fscire ha potuto accogliere oltre 1.300 partecipanti nelle diverse sedi della conferenza disseminate nell’area urbana.

Oggi, mentre tutto il Paese sta affrontando un nemico invisibile e l’uomo sta mostrando le sue fragilità, Fscire, nella consapevolezza della centralità della riflessione sul “religioso”, mai come adesso impegnato a misurarsi con le trasformazioni epocali del nostro mondo, non vuole abbandonare il percorso intrapreso e si propone fermamente di continuarlo con altri mezzi e strumenti. Ciononostante, i vincitori della seconda edizione del Premio “Giuseppe Alberigo”, sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna, avranno modo di presentare le opere premiate. Di questo si darà comunicazione nelle prossime settimane.

La prossima edizione delle Conferenze Annuali è in programma dal 30 agosto al 2 settembre 2021 e si terrà a Münster, in Germania.

Fscire è un’istituzione attiva dal 1953 che pubblica, forma, serve, organizza, accoglie e comunica la ricerca nell’ambito delle scienze religiose, con particolare riguardo al cristianesimo e alle religioni con cui esso è venuto a contatto. È riconosciuta come infrastruttura di ricerca di eccellenza per le scienze religiose ed è l’unica nominata verbatim dal PNR 2015-2020 in ragione della produzione di ricerca, strumenti, alta formazione, disseminazione e networking svolta su scala nazionale e internazionale da oltre sessant’anni.

Ufficio stampa Stilema – stampa@stilema-to.it

Contatti:

Bruno Mancini
emmegiischia@gmail.com
Cell. 3914830355 tutti i giorni dalle ore 14 alle ore 23

DILA

EMMEGIISCHIA

NUSIV

VIRUSISCHIA

Hits: 52

Supermercato Sebon di Barano d’Ischia chiuso per lavoratore positivo al COVID-19

Supermercato Sebon di Barano d’Ischia chiuso per lavoratore positivo al COVID-19

Per la serie Esopo news:

5 Aprile 2020

Supermercato Sebon di Barano d’Ischia

Photo_ Dayana Chiocca

A tutti coloro che vogliano apprendere le migliori tecniche per favorire la diffusione di un’epidemia consiglio di informarsi su questa vicenda… avete letto bene ho scritto FAVORIRE perché ciò che viene fuori dall’attività messa in atto in questa situazione (ed in tante altre delle quale non tutti abbiamo conoscenza) è l’assoluta inadeguatezza delle norme, delle loro applicazioni e delle attività poste in essere a contrasto di una così dirompente epidemia.

Basta con le prudenze e con il rispetto di privilegi e di “diritti” più o meno opportunamente riconosciuti.

In questa fase di pandemia, comunicare i nomi dei soggetti sfortunatamente infettati, e le circostanze utili a capire la dinamica dei loro contatti,ritengo che sia un diritto assoluto da riconoscere alla salvaguardia della salute collettiva.

Quando sono stati rilevati i primi sintomi di possibile infezione nel lavoratore dell’azienda ischitana?

Quali funzioni svolgeva il lavoratore nel ciclo distributivo dell’azienda?

Quando è stato messo in isolamento?

Queste sono solo alcune delle domande che, se correttamente prese in considerazione, potrebbero fornire risposte utili al miglior contrasto collettivo nei confronti del nemico COVID-19

Barano d’Ischia – Coronavirus, il supermercato Sebon chiuso per lavoratore positivo al COVID-19


Indirizzo
Sebon Supermercati – Barano d’Ischia Via Vincenzo Di Meglio 119 – Località Molara
80077

Photo_ Dayana Chiocca

Coronavirus, Sebon chiuso per sanificazione e lavoratori in quarantena

Il settimanale Ischia City, in occasione dell’inaugurazione avvenuta nel mese di Luglio 2017 scriveva

GIGANTESCO SEBON INAUGURA A ISCHIA – Ischiacity

Il più grande ed attrezzato supermercato di tutta l’isola ha aperto a Barano d’Ischia, in località Molara: 1600 metri quadri di superficie in cui accanto al tradizionale assortimento per la cucina e la casa (oltre 7000 referenze complessive), sono dedicati ampi spazi all’ortofrutta, al banco freschi, alla gastronomia, ai piatti pronti, per poter consumare un pasto leggero e gustoso anche se non si ha tempo di cucinare, alla pescheria con arrivi giornalieri, e ancora macelleria, congelato sfuso, panetteria e una ricca selezione di prodotti che soddisfano i nuovi stili di vita, vegani, bio, per celiaci. Inoltre, una fornita enoteca. Tutto questo è SEBON Supermercati, una struttura modernissima, che annovera anche quattro casse automatiche per rendere più veloci i pagamenti, apertura no stop tutti i giorni (domenica solo la mattina) e un funzionale parcheggio, servizi che trasformano la spesa quotidiana in un momento di svago.

Intervista televisiva a Massimo Lombardi

Esopo news si chiede se non sia assolutamente inaccettabile (ed anche inconcepibile)  che una notizia così importante come lo è questa del contagio di un dipendente della struttura commerciale sia rimasta per tanto tempo priva di diffusione… e pèraticamente lo sia ancora.

Contatti:

Bruno Mancini
emmegiischia@gmail.com
Cell. 3914830355 tutti i giorni dalle ore 14 alle ore 23

DILA

EMMEGIISCHIA

NUSIV

VIRUSISCHIA

Hits: 62

In tempo di guerra i traditori si fucilano

In tempo di guerra i traditori si fucilano.

In tempo di guerra i traditori si fucilano.
In tempo di guerra i traditori si fucilano.

Io sono un pacifista

e mi accontenterò, se la notizia sarà confermata, che siano licenziati in tronco e cancellati da TUTTI gli ordini professionali.

Medici in guerra contro il coronavirus, 300 dipendenti dell’ospedale di Crotone si mettono in malattia

Con l’Italia in guerra contro il coronavirus, all’ospedale di Crotone su 1600 dipendenti ne mancano ben 300 che si trovano in questi giorni in malattia.

A tuonare contro questa situazione anomala è lo stesso il direttore dell’Azienda Sanitaria che non ha utilizzato mezzi termini per stigmatizzare il comportamento dei dipendenti.

Con il dovuto rispetto per tutti coloro che legittimamente stanno usufruendo di un beneficio di legge, occorre tuttavia sottolineare l’anomalia del dato, stranamente coincidente con l’acuirsi dell’emergenza coronavirus”.

Il dato, rivelato a Sky Tg24 dal direttore generale dell’Asp di Crotone, Francesco Masciari, si riferisce ai 300 dipendenti dell’Azienda sanitaria che “si trovano attualmente in regime malattia”.

La situazione dell’ospedale di Crotone non era florida neanche prima che scoppiasse la pandemia coronavirus in Italia, con dati preoccupanti anche in Calabria.

Se su 1.600 dipendenti ne mancano 300 e buona parte sono infermieri in servizio in ospedale, il rischio è di un collasso: “In questo momento, – spiega il direttore generale dell’Asp Masciaricon il nuovo reparto Covid quelle degli infermieri e degli oss sono le figure di cui abbiamo bisogno. Sulla carenza storica si è inserita l’emergenza. Grazie alla gestione integrata dei vari reparti, per quanto riguarda i medici stiamo tenendo bene. Quello che ci sta dando da penare è l’assenza di infermieri e oss”.

Contatti:

Bruno Mancini
emmegiischia@gmail.com
Cell. 3914830355 tutti i giorni dalle ore 14 alle ore 23

DILA

EMMEGIISCHIA

NUSIV

VIRUSISCHIA

Hits: 15

Lutto nazionale ad oltranza

Lutto nazionale ad oltranza

Lutto nazionale ad oltranza

Quando ci decideremo a dichiarare il LUTTO nazionale ad oltranza?

Lutto nazionale ad oltranza

21 marzo 2020

Dati forniti dalla Protezione civile:

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus ad oggi 21 marzo 2020, le persone che  hanno contratto il virus Sars-CoV-2 sono 53.578 (6.557 in più rispetto a ieri con un incremento del +13.9%).

Di esse ne sono morte 4.825 (793 in più rispetto ad ieri con un incremento del  +19.7%)

Quando ci decideremo a dichiarare il LUTTO nazionale ad oltranza?

Contatti:

Bruno Mancini
emmegiischia@gmail.com
Cell. 3914830355 tutti i giorni dalle ore 14 alle ore 23

DILA

EMMEGIISCHIA

NUSIV

VIRUSISCHIA

Hits: 33

COVID-19 più coglioni ambulanti che malati

COVID-19 più coglioni ambulanti che malati

TUTTA L’ITALIA, dalle Alpi alla Sicilia è piena coglioni ambulanti

COVID-19 più coglioni ambulanti che malati

21 marzo 2020

Ecco alcuni casi, regolarmente denunciati all’autorità giudiziaria, e le statistiche relative al mancato rispetto dell’UNICO rimedio alla diffusione del coronavirus attualmente disponibile, ossia la permanenza nelle proprie abitazioni.

In provincia di Siracusa (Sicilia), nel Comune di Belvedere, i Carabinieri hanno fermato un gruppo di giovani che si preparavano a giocare una partita di calcetto.

A Milano (Lombardia)

i Carabinieri hanno denunciato un uomo di 37 anni che intento a pescare nella Darsena il quale ha giustificato la sua attività dicendo: “A casa mi annoiavo”,

A Napoli (Campania)

la Polizia ha denunciato marito e moglie che si stava scattando foto alcune in compagnia di altri due amici.

A Genova (Liguria)

la Polizia ha dapprima fermato, e poi denunciato per il reato di violazione del decreto, un tizio che aveva presentata l’autocertificazione in cui aveva motivato la sua uscita con la necessità di andare a “comprare stupefacente”. Ovviamente è stato anche segnato alla alla Prefettura come assuntore di droghe.

A Mezzolombardo (Trentino)

sono state denunciate sette persone che, prive di autocertificazioni, stavano facendo un picnic in un parco.

A Trento (Trentino)

è toccato a una donna l’essere denunciata in quanto trovata a passeggiare in una località distante circa 10 chilometri dal proprio domicilio.

A Cappelle sul Tavo (Abruzzo)

i Carabinieri hanno denunciato undici persone perché erano insieme, in un giardino attiguo alla loro proprietà, intente a festeggiare la nascita di un bambino.

Il sindaco di Arezzo (Toscana)

Alessandro Ghinelli ha dato notizia che dieci persone sono state trovate mentre erano in giro senza una precisa giustificazione specifica aggiungendo che “La cosa più grave è che due persone che dovevano essere in quarantena sono state trovate fuori di casa.

Isola d’Ischia (Campania) I Carabinieri di Casamicciola Terme hanno denunciato un 71enne di Ischia, trovato sulla spiaggia dei Maronti mentre prendeva il sole. Sul modulo di autocertificazione aveva dichiarato esigenze lavorative in quanto impiegato in una ditta di fornitura di alimenti e di bevande per i distributori automatici.
Alla domanda della ragione per la quale stese in spiaggia lui si è giustificato dicendo di aver trovato chiuso il locale dove erano posizionati i distributori  e di aver pensato valesse la pena di approfittare della splendida giornata primaverile per godersi la spiaggia completamente deserta.

Riepilogo coglioni ambulanti denunciati

Nella giornata del 20 marzo 2020 le Forze dell’Ordine hanno controllato 223.633 persone, delle quali 9.888 sono state denunciate.

Gli esercizi commerciali controllati sono stati 91.129, denunciati 104 esercenti e sospesa l’attività di 19 esercizi commerciali.

I diecimila denunciati in un giorno sono un record dall’avvio dei controlli iniziati l’11 marzo.

Il totale dei controlli arriva a 1.650.644.

COVID-19 più coglioni ambulanti che malati

L’isola d’Ischia precipita nell’incubo COVID-19

Contatti:

Bruno Mancini
emmegiischia@gmail.com
Cell. 3914830355 tutti i giorni dalle ore 14 alle ore 23

DILA

EMMEGIISCHIA

NUSIV

VIRUSISCHIA

Hits: 12