The New England Joural of Medicine

Benvenuti

The New England Joural of Medicine

The New England Joural

Transmission of 2019-nCoV Infection from an Asymptomatic Contact in Germany

TO THE EDITOR:
The novel coronavirus (2019-nCoV) from Wuhan is currently causing concern in the medical community as the virus is spreading around the world.1 Since identification of the virus in late December 2019, the number of cases from China that have been imported into other countries is on the rise, and the epidemiologic picture is changing on a daily basis. We are reporting a case of 2019-nCoV infection acquired outside Asia in which transmission appears to have occurred during the incubation period in the index patient.

The New England Joural of Medicine

The New England Joural of Medicine

A 33-year-old otherwise healthy German businessman (Patient 1) became ill with a sore throat, chills, and myalgias on January 24, 2020. The following day, a fever of 39.1°C (102.4°F) developed, along with a productive cough. By the evening of the next day, he started feeling better and went back to work on January 27.

Figure 1. Timeline of Exposure to Index Patient with Asymptomatic 2019-CoV Infection in Germany.Before the onset of symptoms, he had attended meetings with a Chinese business partner at his company near Munich on January 20 and 21. The business partner, a Shanghai resident, had visited Germany between January 19 and 22. During her stay, she had been well with no signs or symptoms of infection but had become ill on her flight back to China, where she tested positive for 2019-nCoV on January 26 (index patient in Figure 1) (see Supplementary Appendix, available at NEJM.org, for details on the timeline of symptom development leading to hospitalization).

On January 27, she informed the company about her illness. Contact tracing was started, and the above-mentioned colleague was sent to the Division of Infectious Diseases and Tropical Medicine in Munich for further assessment. At presentation, he was afebrile and well. He reported no previous or chronic illnesses and had no history of foreign travel within 14 days before the onset of symptoms. Two nasopharyngeal swabs and one sputum sample were obtained and were found to be positive for 2019-nCoV on quantitative reverse-transcriptase–polymerase-chain-reaction (qRT-PCR) assay.2 Follow-up qRT-PCR assay revealed a high viral load of 108 copies per milliliter in his sputum during the following days, with the last available result on January 29.

On January 28, three additional employees at the company tested positive for 2019-nCoV (Patients 2 through 4 in Figure 1). Of these patients, only Patient 2 had contact with the index patient; the other two patients had contact only with Patient 1. In accordance with the health authorities, all the patients with confirmed 2019-nCoV infection were admitted to a Munich infectious diseases unit for clinical monitoring and isolation. So far, none of the four confirmed patients show signs of severe clinical illness.

This case of 2019-nCoV infection was diagnosed in Germany and transmitted outside Asia. However, it is notable that the infection appears to have been transmitted during the incubation period of the index patient, in whom the illness was brief and nonspecific.3

The fact that asymptomatic persons are potential sources of 2019-nCoV infection may warrant a reassessment of transmission dynamics of the current outbreak. In this context, the detection of 2019-nCoV and a high sputum viral load in a convalescent patient (Patient 1) arouse concern about prolonged shedding of 2019-nCoV after recovery. Yet, the viability of 2019-nCoV detected on qRT-PCR in this patient remains to be proved by means of viral culture.

Despite these concerns, all four patients who were seen in Munich have had mild cases and were hospitalized primarily for public health purposes. Since hospital capacities are limited — in particular, given the concurrent peak of the influenza season in the northern hemisphere — research is needed to determine whether such patients can be treated with appropriate guidance and oversight outside the hospital.

The New England Joural of Medicine

Camilla Rothe, M.D.
Mirjam Schunk, M.D.
Peter Sothmann, M.D.
Gisela Bretzel, M.D.
Guenter Froeschl, M.D.
Claudia Wallrauch, M.D.
Thorbjörn Zimmer, M.D.
Verena Thiel, M.D.
Christian Janke, M.D.
University Hospital LMU Munich, Munich, Germany
rothe@lrz.uni-muenchen.de

Wolfgang Guggemos, M.D.
Michael Seilmaier, M.D.
Klinikum München-Schwabing, Munich, Germany

Christian Drosten, M.D.
Charité Universitätsmedizin Berlin, Berlin, Germany

Patrick Vollmar, M.D.
Katrin Zwirglmaier, Ph.D.
Sabine Zange, M.D.
Roman Wölfel, M.D.
Bundeswehr Institute of Microbiology, Munich, Germany

Michael Hoelscher, M.D., Ph.D.
University Hospital LMU Munich, Munich, Germany

Disclosure forms provided by the authors are available with the full text of this letter at NEJM.org.
This letter was published on January 30, 2020, and updated on February 6, 2020, at NEJM.org.

TRADUZIONE GOOGLE

The New England Joural of Medicine

Trasmissione dell’infezione 2019-nCoV da un contatto asintomatico in Germania

ALL’EDITORE:
Il romanzo coronavirus (2019-nCoV) di Wuhan sta attualmente causando preoccupazione nella comunità medica in quanto il virus si sta diffondendo in tutto il mondo.1 Dall’identificazione del virus a fine dicembre 2019, il numero di casi dalla Cina che sono stati importati in altri i paesi sono in aumento e il quadro epidemiologico sta cambiando su base giornaliera. Stiamo segnalando un caso di infezione 2019-nCoV acquisita al di fuori dell’Asia in cui sembra essersi verificata la trasmissione durante il periodo di incubazione nel paziente indice.

Un uomo d’affari tedesco di 33 anni in buona salute (Paziente 1) si ammalò di mal di gola, brividi e mialgie il 24 gennaio 2020. Il giorno seguente si sviluppò una febbre di 39,1 ° C (102,4 ° F), insieme a una tosse produttiva. La sera del giorno successivo, iniziò a sentirsi meglio e tornò al lavoro il 27 gennaio.

Figura 1. Cronologia dell’esposizione al paziente indicizzato con infezione asintomatica 2019-CoV in Germania Prima dell’inizio dei sintomi, aveva partecipato alle riunioni con un partner commerciale cinese nella sua azienda vicino a Monaco di Baviera il 20 e il 21 gennaio. Il partner commerciale, Shanghai residente, aveva visitato la Germania tra il 19 e il 22 gennaio. Durante il suo soggiorno, stava bene senza segni o sintomi di infezione, ma si era ammalata durante il suo volo di ritorno in Cina, dove era risultata positiva per 2019-nCoV il 26 gennaio (indice paziente in Figura 1) (vedere Appendice Supplementare, disponibile su NEJM.org, per dettagli sulla linea temporale dello sviluppo dei sintomi che porta al ricovero).

Il 27 gennaio ha informato la compagnia della sua malattia. È stata avviata la ricerca dei contatti e il suddetto collega è stato inviato alla Divisione delle malattie infettive e della medicina tropicale a Monaco per ulteriori accertamenti. Alla presentazione, era afebrile e bene. Non ha riportato malattie precedenti o croniche e non ha avuto anamnesi di viaggio all’estero entro 14 giorni prima dell’inizio dei sintomi. Sono stati ottenuti due tamponi rinofaringei e un campione di espettorato che sono risultati positivi per il 2019-nCoV sul dosaggio quantitativo di reazione a catena trascrittasi inversa-polimerasi (qRT-PCR ).2 Il test di follow-up qRT-PCR ha rivelato un elevato carico virale di 108 copie per millilitro nel suo espettorato nei giorni seguenti, con l’ultimo risultato disponibile il 29 gennaio.

Il 28 gennaio, altri tre dipendenti dell’azienda sono risultati positivi per 2019-nCoV (Pazienti da 2 a 4 nella Figura 1). Di questi pazienti, solo il paziente 2 ha avuto contatti con il paziente indice; gli altri due pazienti hanno avuto contatti solo con il paziente 1. In accordo con le autorità sanitarie, tutti i pazienti con infezione confermata 2019-nCoV sono stati ricoverati in un’unità di malattie infettive di Monaco per il monitoraggio clinico e l’isolamento. Finora, nessuno dei quattro pazienti confermati mostra segni di grave malattia clinica.

Questo caso di infezione 2019-nCoV è stato diagnosticato in Germania e trasmesso al di fuori dell’Asia. Tuttavia, è da notare che l’infezione sembra essere stata trasmessa durante il periodo di incubazione del paziente indice, in cui la malattia era breve e non specifica.3

Il fatto che le persone asintomatiche siano potenziali fonti di infezione 2019-nCoV può giustificare una rivalutazione della dinamica di trasmissione dell’epidemia attuale. In questo contesto, il rilevamento di 2019-nCoV e un’elevata carica virale di espettorato in un paziente convalescente (Paziente 1) destano preoccupazione per il rilascio prolungato di 2019-nCoV dopo il recupero. Tuttavia, la vitalità del 2019-nCoV rilevata su qRT-PCR in questo paziente rimane da dimostrare mediante coltura virale.

Nonostante queste preoccupazioni, tutti e quattro i pazienti che sono stati visitati a Monaco hanno avuto casi lievi e sono stati ricoverati principalmente per scopi di salute pubblica. Poiché le capacità ospedaliere sono limitate – in particolare, dato il picco concomitante della stagione influenzale nell’emisfero settentrionale – sono necessarie ricerche per determinare se tali pazienti possono essere trattati con una guida adeguata e un controllo esterno all’ospedale.

Camilla Rothe, M.D.
Mirjam Schunk, M.D.
Peter Sothmann, M.D.
Gisela Bretzel, M.D.
Guenter Froeschl, M.D.
Claudia Wallrauch, M.D.
Thorbjörn Zimmer, M.D.
Verena Thiel, M.D.
Christian Janke, M.D.
University Hospital LMU Munich, Monaco, Germania
rothe@lrz.uni-muenchen.de

Wolfgang Guggemos, M.D.
Michael Seilmaier, M.D.
Klinikum München-Schwabing, Monaco, Germania

Christian Drosten, M.D.
Charité Universitätsmedizin Berlin, Berlino, Germania

Patrick Vollmar, M.D.
Katrin Zwirglmaier, Ph.D.
Sabine Zange, M.D.
Roman Wölfel, M.D.
Bundeswehr Institute of Microbiology, Monaco, Germania

Michael Hoelscher, M.D., Ph.D.
University Hospital LMU Munich, Monaco, Germania

I moduli di divulgazione forniti dagli autori sono disponibili con il testo completo di questa lettera su NEJM.org.
Questa lettera è stata pubblicata il 30 gennaio 2020 e aggiornata il 6 febbraio 2020 su NEJM.org.

Contatti:

Bruno Mancini
emmegiischia@gmail.com
Cell. 3914830355 tutti i giorni dalle ore 14 alle ore 23

DILA

EMMEGIISCHIA

NUSIV

VIRUSISCHIA

Hits: 5

Lascia un commento