Un super bacucco 

Benvenuti

Un super bacucco

Per la serie

Esopo news

Un super bacucco

Proteste sconclusionate

Il ’68 è passato e ai giovani conviene capirlo

VITTORIO FELTRI

Da quando sono nato, anzi da quando ho cominciato a capire qualcosa, sento discorsi relativi ai problemi dei giovani, che naturalmente cambiano col passare degli anni ma restano centrali nel dibattito nazionale.

Negli anni Cinquanta spadroneggiavano i teppisti, termine che deriva da teppa, cioè periferia.

Si trattava di giovanastri inclini a delinquere, piccoli reati, furtarelli, qualche rapina. Essi furono i primi in Italia ad indossare i jeans allo scopo di imitare gli americani, senza sapere che quel tipo di corredo di pantaloni fu inventato dai genovesi, uno dei quali peraltro scoprì l’America.

Se ci pensate è tutto da ridere.

Vabbè, ridiamo. Poi arrivarono gli anni Sessanta e dei teppisti non si è più neppure parlato.

I ragazzi sono sempre più svelti ad abbracciare le mode ma sono anche i primi ad abbandonarle per sposarne di nuove.

Infatti irruppero sulla scena i sessantottini, imbecilli eccellenti che misero a soqquadro il Paese.

Ne combinarono di ogni colore, nelle università e perfino nei licei.

La loro specialità era l’aggressione dei presunti avversari politici.

Nei loro settimanali cortei chi non era manifestamente di sinistra veniva picchiato a sangue. All’epoca ero cronista e mi toccava di raccontare le bravate collettive degli studenti che, per distinguersi indossavano l’eskimo.

Feltri è un bacucco

Ho messo il primo jeans negli anni 50… e non ero un teppista: Feltri è un bacucco.

Feltri è un bacucco bis

Ho fatto il ’68… e non ho mai preso a sprangate qualcuno: Feltri è un bacucco bis.

Hits: 38

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *