ART12 Liga Sarah Lapinska

Benvenuti

ART12 Liga Sarah Lapinska


ART12 Liga Sarah Lapinska

intervista la pittrice Irina Befa

D: -Nei tuoi dipinti racconti la storia della tua vita?
R: -Sono nata in Kazakistan nella città di Kizil – Orda, ho vissuto diversi momenti difficili, proprio come tutti noi. Sono arrivata in Germania nel 2003 e sei mesi dopo ho perso la mia figlia maggiore, Ludmila, in un incidente d’auto. Aveva 15 anni. In quel momento io sono morta spiritualmente. La vita è diventata priva di significato per me. Ma per l’altra mia figlia più giovane, mi sono imposta di combattere per la vita, e quindi ho deciso di dipingere in modo che Ludmila, in paradiso, fosse orgogliosa di sua madre. Dipingo quando ho ispirazione e uno stato mentale creativo, insomma dipingo con cuore, anima ed emozioni.
Amo questo mondo e il mondo dell’arte, ammiro la rugiada che riflette il sole in tanti colori, la pioggia, l’arcobaleno che sorge dopo la pioggia, i fiocchi di neve tutti unici e irripetibili.
Le astrazioni sono il mio stile. I miei dipinti non possono essere ripetuti, come la natura. Potrei dipingere per interi giorni.
I miei primi dipinti erano neri. Erano come il mio dolore e la mia tristezza per la figlia perduta. Dipingere è stata la mia salvezza: il ritorno alla vita. Ringrazio le persone che mi hanno supportata.
Sono grata al mio destino che mi ha dato l’opportunità di incontrare il grande personaggio e pittore Ajub Ibragimov che, vedendo le mie opere, creduto in me. Ajub mi ha aiutato molto. Ha anche lui incontrato molte difficoltà. Non è facile a 40 anni ricominciare la vita da zero. Poi il destino mi ha fatto un altro regalo facendomi conoscere te, Liga Sarah, che sei una meravigliosa giornalista dall’anima grande e pura.

D:- C’è forza interiore e speranza nei tuoi dipinti ed anche tragedia. Assomigliano alla musica. Cosa ti ispira?
R: -Sì, paragono i miei dipinti alla musica. Con sinfonie e suite. Quando dipingo, ascolto musica. Secondo il diverso umore. Ascolto Bach, Beethoven, Bellini, Lara Fabian, Alice. A volte canto mentre dipingo, imparando le lingue nello stesso tempo.
I miei dipinti sono unici, il tema è l’universo, ecco perché piacciano. Amo la natura e spesso dipingo nella natura quando splende il sole. Dipingo e mi rilasso.

D: -Dipingi solo?
R: -No, sto scrivendo anche un libro. O meglio, saranno diversi libri. Della la mia vita. Non ne rivelerò il contenuto per mantenere l’intrigo. Sono anche fotografa e come tale preferisco ritrarre gli anziani e le vedute.

D: -Sei stata in Italia?
R: – Non sono stata in Italia, ma sogno di andare anche nella vostra bella isola d’Ischia. Mia figlia è stata lì e si è innamorata di questa terra. Voglio innamorarmi anch’io dell’Italia. Perché c’è tanto sole in Italia e persone divertenti e reattive. Bella architettura, molti pittori, grandi cantanti e compositori.

D: – Come vivi in Germania?
R: – Cerco di realizzarmi come artista. Nel 2021 ho partecipato alla mostra internazionale di Zurigo. La mostra si è svolta nonostante i problemi della pandemia. Ha avuto luogo anche la mia prima mostra personale. Ho una piccola galleria, Kunst Schtube. Nel salone di bellezza, Bella Luna Thalasso Institut, non solo si ha l’opportunità di indossare una maschera, ma anche di godere e apprezzare l’arte.

D: -Hai nostalgia per i luoghi nativi?
R: -Sì, sono molto nostalgica della terra in cui sono nata. La mia infanzia è stato il periodo più importante della mia vita, quello in cui si forma il carattere e si sviluppa l’idea di come reagire in una situazione o nell’altra. Ma, soprattutto, è importante per l’amore che ricevi. È poi capire cosa significa amare e rispettare le persone. E un’altra fase della vita in cui ami tutti, ma in modo già diverso.

D: – Un tuo desiderio per noi tutti?
R: -Amatevi uno per l’altro perché la vita è breve. La pace sulla terra è fondamentale.

Premio RECITAZIONE 2022 Otto milioni

I seguenti dodici link portano agli articoli che esprimono una manifestazione di interesse operata da DILA tra tutte le pubblicazioni che sono state effettuate sulla pagina culturale del quotidiano IL DISPARI affidata alla Redazione dell’Associazione “Da Ischia L’Arte – DILA”.
Potranno essere votati nelle pagine che sono state loro dedicate su questo sito.
Poi, a fine novembre, se sarà confermata la nostra partecipazione al prossimo BookCity, verrà comunicata una classifica finale frutto della somma dei voti web e di un particolare sistema di votazione affidato ad una Giuria designata da DILA.
Complimenti e in bocca al lupo a tutti.

ART12 Liga Sarah Lapinska

Art01 Angela Maria Tiberi
LA VOCE DI CIRCE:
“A Ischia l’incanto ti punge gli occhi per quanto è immenso.”

ART02 Luciano Somma
Michela Zanarella torna in libreria con
“Recupero dell’essenziale” – Interno Libri

ART03 Flora Rucco
In ricordo di Paola Occhi

ART04 Adriana Iftimie Ceroli
SIMBOLICAMANTE IL CERVO

ART05 Alberto Liguoro
Cerimonia ad Acerra per il 25 APRILE 2022 con la partecipazione del Capo dello Stato.

ART06 Mauro Paolo Montacchiesi
LA POETICA DI BRUNO MANCINI

ART07 Luciana Capece
NAPOLI PUNTA DI DIAMANTE

ART08 Mauro Paolo Montacchiesi
AGLI ANGOLI DEGLI OCCHI di Bruno Mancini

ART09 Nicola Pantalone
Mi racconto ad Angela Maria Tiberi

ART10 Mauro Paolo Montacchiesi
La poesia “A Casablanca” di Bruno Mancini

ART 11 Luciana Capece
Tributo all’Artista Milena Petrarca – IL TRIONFO

ART12 Liga Sarah Lapinska
intervista la pittrice Irina Befa

Hits: 274

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento