Silenzi

Benvenuti

Silenzi

Poesia di Vito Iacono
Silenzi

Rammento silenzi,
seduti in un abbraccio
a guardarci
all’ombra d’un faggio.

Non soffiava il vento
e s’accendeva la sera.

Profondi,
per dare voce alle ore
poggiate sul finire di passi
fermi ad aspettare
che un alito si pronunciasse
sul pensiero.

E la mente vagava
per essere parola.

L’uno all’altro
senza fiatare,
senza demolire il sogno
costruito sull’intesa,
camminavamo
raggiungendo
la foschia d’uno sguardo
serrato dalla paura di scomparire.

Complici,
a galla,
sul vocio di contorni
che si zittivano
nel respiro insolente che taceva,
tagliavamo,
col solo battere di ciglia
i rami secchi del passato.

Hits: 0