Napoletano Luciano Somma

Benvenuti

Napoletano Luciano Somma

Traduzioni poesie di Bruno Mancini

Dalla raccolta di poesie “Non rubate la mia vita”

(2005 – 2007)

QUANDO SARÒ PENSIERO

Quando sarò pensiero
su cigli di visioni
dagli orizzonti nitidi
verso stele di mie antiche iscrizioni,
oppure anche
il tempo in cui sarò passione
nel buio ottuso
per lunghi sguardi amorosi
lasciati illanguidire dalle mie tristezze,
di certo o forse
il giorno che sarò ricordo
tra vociare arruffato
di vecchi amici alticci
sulle note matte delle mie sortite,
non posso, voglio,
quando sarò pensiero,
quando sarò pensiero
la docile coerenza
strappata a mani unite
dai cesti di delizie
per gli epigrammi delle tue certezze,
non posso, voglio,
il tempo in cui sarò passione,
il tempo in cui sarò passione
la mascherata tenerezza
oltre effimere apparenze
di abbracci mafiosi
interrata sotto il magna del tuo vulcano,
non posso, voglio,
il giorno che sarò ricordo,
il giorno che sarò ricordo
il giorno voglio
il nostro giorno voglio
intero
dal primo all’ultimo minuto
dal primo all’ultimo sorriso
dal primo all’ultimo tuo bacio.

 

QUANDO SARÒ PENSIERO
Tradotta in napoletano da Luciano Somma
QUANNO SARRAGGIO PENZIERO

Quanno sarraggio penziero
‘ncopp’a nu cornicione addò se vede
n’orizzonte chiaro
oppure
chillu tiempo quanno sarraggio passione
int’a na scema oscurità
pe’ llonghe serate d’ammore
lassate affugà dint’’e tristezze
certamente, o forze,
‘o juorno che sarraggio ricordo
tra ‘e vvoce ‘mbriache ‘e viecchie amice
nun pozzo ma voglio
quanno sarraggio penziero
‘o ddoce penzà
levate ‘a mmane aunite
dint’’e sporte d’’e ddelizie
nun pozzo ma voglio
‘o tiempo addò sarraggio passione
‘int’’a mascherata tenerezza
e’ apparenza inutile
d’abbraccie mafiuse
sotterrato sotto’’a lava d’’o vulcano
nun pozzo voglio
‘o juorno che sarraggio ricordo
‘o juorno voglio, chino
da ‘o primmo all’urdemo minuto
da ‘o primmo all’urdemo suonno
da ‘o primmo all’urdemo vaso.

Dalla raccolta di poesie “Agli angoli degli occhi”

(1962 – 1964)

AGLI ANGOLI DEGLI OCCHI

Agli angoli degli occhi
sotto pigrizie amiche
prepara a morte
nostalgia.
Passa più parti
lampo di tempo indietro
indietro secoli
e sempre come sempre.
Cambia
se non adesso
a morte.
Alla viola nasce il pensiero
e posso ancora muovermi
venirti accanto
e senti la corteccia
vecchia e inutile

 

AGLI ANGOLI DEGLI OCCHI
Tradotta in napoletano da Luciano Somma
ALL’ANGULE ‘E LL’UOCCHIE

All’angule ‘e ll’uocchie
na musciaria amica
pripara ‘a morte
nustalgia.
A cchiù parte
‘o lampo d’’o tiempo areto
areto ‘e secule
e sempe comme a sempe.
Cagna
ma no subbeto
‘a morte.
‘Nccopp’’a viola nasce ‘o penziero
me pozzo ancora movere
venì vicino
‘e senti ‘a scorza
vecchia e inutile.

Dalla raccolta di poesie “Non rubate la mia vita”

(2005 – 2007)

NON RUBATE LA MIA VITA
Tradotta in napoletano da Luciano Somma
NUN M’ARRUBBATE ‘A VITA

Nu surriso ‘e mare smeraldo
nu prufumo d’urtensia ‘mmaculata
‘o scampanà d’’e turiste
‘o sciacquio d’’e granite janche

TIEMPO

‘a sposa nun me cerca nient’ato
l’ammuina adda aspettà ancora
tra n’onna senza fine a ‘o tramonto
tra albere e sirene

Nun m’arrubate ‘a vita
pigliateve ‘e suonne.

 

 

 

QUANDO

Quando quest’ora
mattutina e grigia
s’infiammerà
filtrata dai tuoi occhi
quando colombi tuberanno
nel mio deserto nido
e tu trapasserai
nel gelo della mia vita oscura
quando le mani mie, le mie dita
non più si nutriranno d’aria
nel vano supplicare
amore amore…

Dalla raccolta di poesie “Davanti al tempo” (1960 – 1963)

QUANDO
Tradotta in napoletano da Luciano Somma
QUANNO

Quanno chest’ora
‘e primma matina griggia
appicciarrà
spèrcianno all’uocchie tuoje
quanno ‘e palumme
farranno ‘ammore
int’’o nivo deserto
e tu trapassarraje
int’’o ggelo ‘e chesta vita scura
quanno ‘e mmane meje, ‘e ddete
nun mangiarranno cchiù ll’aria
inutilmente suppliccanno
ammore ammore…

 

SONO QUELLA CORNICE VUOTA

Sono quella cornice vuota:
quel vuoto incoronato.
Sotto un vento d’incanto
sono un curvo pastore d’illusioni.
Sono quel tronco cavo che vidi un mattino,
in sofferenza d’arsura,
nero d’insetti:
ma in lui bucava, estrema reliquia
la povertà silente nel perdono.

 

SONO QUELLA CORNICE VUOTA
Tradotta in napoletano da Luciano Somma
SONGO CHELLA CORNICE VACANTE

Songo chella cornice vacante:
vacante cu’’a curona.
Sotto a nu viento ‘ncantato
sto chiato pastore d’illusione.
Songo chillu tronco ‘ncavato che vedette na matina,
n’arsura ‘e sofferenza,
niro ‘e furmicule
ma se bucava d’isso,
estrema reliquia,
‘a quieta puvertà d’’o perdono.

 

E SENTO BESTEMMIARE IL CIELO

E sento bestemmiare il cielo
e sento l’aria pungermi la carne
e sento quel malvagio gallo
in vicinanza di morte
di Cristo ricordarmi il tradimento.

E suona ancora la mia campana
e sono ancora sulla mia pelle vive
le sinfonie di quei silenzi d’alba,
ma ora mi riporta il primo sole
la sola angoscia di sentirmi osso.

 

E SENTO BESTEMMIARE IL CIELO
Tradotta in napoletano da Luciano Somma
E SENTO JASTEMMÀ ‘O CIELO

E sento jastemmà ‘o cielo
e sento l’aria che pogne sta carne
e sento ‘o gallo ‘nfame
vicino ‘a morte ‘e Cristo
ca me ricorda ‘o tradimento.

Sona ancora ‘a campana mia
sona ‘ncopp’’a sta pelle
‘a sinfonia ‘e nu silenzio d’alba,
ma me riporta mo cu’’o primmo sole
l’angoscia ‘e me sentì sultanto n’uosso.

POESIE

Bruno Mancini

 

Visits: 94

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *