Il Dispari 2015-09-14

Benvenuti

Il Dispari 2015-09-14

Il Dispari 20150914 comp

Editoriale

Poiché mi sono reso conto del fatto che, dopo 16 puntate di questa rubrica, ancora non ho pubblicato una mia poesia; ed approfittando anche della circostanza per la quale questa settimana non proponiamo poesie ma assegniamo grande spazio alle interviste; mi è sembrato naturale utilizzare l’editoriale per proporvi, appunto, una delle mie poesie.

Scelgo “Brulichio”, che ho scritta più di 50 anni fa, sperando che riesca a suscitare emozioni in qualche lettore.

Ecco a voi

BRULICHIO

Brulichio di tante palline
buttate a caso insieme per terra.
Come fai a parlarmi?
Quel fiore che vive una notte
per ogni
cent’anni.
Come fai a parlarmi?
Ricordarmi qualcosa.
A quest’ora. A quest’ora.
La pelle ubbriacata
come s’io stessi ancora
ad ungerla di gin
nell’ombelico vuoto piccola coppa,
e a grande mano
stendessi al seno,
al collo.
Girati.
Tutta la schiena
e natiche.
Piuma.
Sulle montagne
un forte vento di neve
ha ricoperto gli alberi.
Come fai a parlarmi?
Quella tua lunga verginità
presa in due ore
su un letto di tovaglie.
Brulichio di tante palline
buttate a caso insieme per terra…

Bruno Mancini

Il Dispari 20150914 1 comp

In virtù della disponibilità di spazio che il quotidiano “GHIl Dispari” offre ai notri progetti culturali, da alcune settimane stiamo pubblicando un reportage quanto più ampio possibile in riferimento aò concordato gemellaggio tra ischia e Torrenova. Oggi proponiamo l’intervista che ci ha rilasciato Roberta Panizza, vicepresidente Roberta Panizza, vicepresidente dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”.

Per iniziare vuole spiegare ai nostri lettori quale è stato il ruolo da lei ricoperto in questo progetto e, in particolare quali sono stati gli ostacoli maggiori da superare?

Come Vicepresidente dell’associazione DILA ho potuto seguire da vicino passo passo tutte le fasi che hanno riguardato il gemellaggio. Quando si mette in gioco il desiderio di avvicinarsi, conoscersi e fare qualcosa insieme come accade quando due località si gemellano, ostacoli non ce ne dovrebbero essere. . Può succedere che i tempi di realizzazione di progetti simili a volte si dilatino più del previsto a causa di qualche lungaggine burocratica e forse del fatto che chi si deve occupare di queste situazioni sia troppo preso dalle emergenze che il governare la cosa pubblica comporta. Ma la costanza e il desiderio di portare a termine il progetto poi, fanno miracoli.

In un mondo sempre più trainato dai potentati economici e finanziari, non capita spesso di assistere al coinvolgimento delle realtà politiche (siano esse d’importanza nazionale o comunale come in questo caso) nella realizzazione di progetti nati e sviluppati in ambito culturale ed artistico. Il gemellaggio tra la Città di Ischia ed il Comune di Torrenova pare risponda perfettamente a tale anomalia. Vuole illustrare ai nostri lettori la sua opinione su questo gemellaggio e le sue idee relative alle sinergie tra Arte/Cultura e Amministrazioni pubbliche?

Vedo molto favorevolmente questo gemellaggio perché in un mondo che comunque è strettamente collegato grazie ai media, capita purtroppo che le divisioni prevalgano a volte ancora sull’unione e la collaborazione. Le Amministrazioni pubbliche, oltre che occuparsi delle necessità urgenti di ciò che governano è bene che contribuiscano a coltivare nella società l’amore per l’arte, il bello e la cultura. Sono necessità umane anche queste, sebbene capiti di dimenticarsene.

Ora che il gemellaggio ideale, in pratica già esistente da alcuni anni tra le comunità artistiche e culturali di Ischia e Torrenova, è stato trasformato in due DELIBERE approvate entrambe all’unanimità dai due Consigli comunali, quali sono gli sviluppi che intende raggiungere affinché alle parole ed alle carte seguano i fatti, e quale ritiene possa essere il calendario delle prossime attività in tal senso.

Nel campo dell’arte e della cultura le possibilità sono infinte. Ciò che spero sarà possibile realizzare sono contatti regolari tra le due località con scambi culturali di artisti da entrambe le parti che facciano conoscere le ricchezze culturali di ognuno con la realizzazione di almeno un evento culturale al mese in ognuna delle due località.

La ringraziamo per la disponibilità e ci piacerebbe chiudere questa intervista con un suo augurio… a chi preferisce!

L’augurio lo faccio a Torrenova e Ischia perché questo gemellaggio sia solo un trampolino da cui spiccare il salto verso meravigliose possibilità per tutti.

Miramare Gaetano .jpg

Il Dispari 20150914 tutto


Nello Fiorillo (2)

Nello Fiorillo: “Ischia è una piccola fetta di Paradiso”

Da buon cantautore campano, Nello Fiorillo non smette mai di ricordare le sue origini e ci sta regalando proprio in questi giorni un nuovo singolo in napoletano, creato in collaborazione con Amedeo Perrotta.

Ed è sempre l’amore il tema dominante dei testi di Nello Fiorillo, che ha all’attivo già diversi album, tra cui l’ultimo di successo “Il cuore non si arrende” che lo ha visto protagonista in tour in numerose città italiane. Con uno stile che lo identifica, nonostante la sua giovane età, Nello si è messo in gioco anche per Sanremo 2015 con il brano “Qualcosa di più” anche se non è riuscito a salire sul palco dell’Ariston.

Da allora, ancora più motivato, ha trovato la grinta per non fermarsi e continuare a comporre testi per i tanti fan che lo seguono da anni nei concerti. Nella sua città, a Sant’Antimo, è recente un evento in piazza che lo ha visto cantare tra la sua gente. Oggi lo incontriamo per la nostra rubrica e per i lettori de Il Dispari.

Stai lavorando in questi giorni ad un nuovo singolo in napoletano. Cosa ti ha spinto verso questa nuova prova in studio di registrazione? Che cosa è racchiuso in questo pezzo?

 Più che una prova era una richiesta che mi veniva fatta già da parecchio tempo, ho sempre rimandato per trovare un brano che potesse rispecchiare la mia idea di musica Napoletana… in unmomento particolare della mia vita, ho preferito raccontare scrivendo in dialetto perché penso sia più immediato e sincero; la nostra lingua arriva al cuore direttamente. Il pezzo è strettamente autobiografico, parla della mia storia, e spero possa diventare un inno al perdono nelle storie d’amore. In amore riconoscere i propri errori è un gesto nobile e chi ama dovrebbe tenerne conto.”

Ischia, isola d’arte e cultura, che cosa ti lega a questo luogo?

Ischia è un’isola unica nel suo genere, ci sono stato un paio di volte per lavoro, l’impatto paesaggistico è unico, la gente del posto è molto accogliente, insomma è una piccola fetta di paradiso terrestre.” 

Dove ti ha portato la tua musica? Qualche anticipazione dei tuoi prossimi impegni? 

“Stiamo continuando il “Qualcosa di più tour”, le cui ultime date sono state il 21 Agosto a S. Arpino (CE) durante la tappa di Miss Italia, ed il 6 Settembre a Brusciano (NA).

Michela Zanarella

Michela Zanarella

DILA  Il Dispari EXPO

Il Dispari 2015-09-07

Editoriale

Per la presenza di un unico articolo nella pagina odierna, l’ormai consuetudinaria introduzione agli argomenti che vi accingete a leggere, cede il posto ad una considerazione che ha molte attinenze con l’intervista rilasciataci dal Professore Enzo Salvia.

Infatti, ciò che Enzo Salvia, persona oltremodo discreta, non dice nell’intervista che segue desidero scriverlo, non certo per amore della polemica ma per un maledetto orgoglio di appartenenza che mi spinge alla protesta ogni volta che assisto a discrepanze negative tra la nostra forma di vita e quella di altre comunità.

Il concetto che desidero esprime è piuttosto semplice.

A me non sembra plausibile che, nell’attuale magnificazione di un’epoca della globalizzazione, dove ciò che è grande vince e ciò che è piccolo soccombe, sia accettabile che l’Amministrazione di un piccolo Comune (piccolo va inteso SOLO per il livello di interessi economici che gestisce) operi in maniera più efficiente, più efficace e più sollecita di quanto non faccia la nostra mitica “Città d’Ischia” rinomata nel mondo e, per nostro vanto, inserita nelle fasce alte dei Comuni maggiormente produttivi d’Italia.

In sintesi, poche date bastano a spiegare il motivo per cui mi sento in dovere di rivolgere le mie scuse agli amici di Torrenova per i ritardi burocratici che stanno penalizzando l’iter dell’auspicato gemellaggio.

  • Ischia 13/11/2013: con una lettera sottoscritta dall’Assessore Delegato Dott. Giosuè Mazzella, dal Presidente del Consiglio Comunale Dott. Gianluca Trani e dal Sindaco Ing. Giuseppe Ferrandino, l’Amministrazione della Città di Ischia ha risposto ad un invito di gemellaggio ricevuto da parte del Comune di Torrenova. Lo ha fatto accettando con entusiasmo la proposta e scrivendo, tra l’altro: “… Con l’auspicio che tutto possa definirsi in tempi celeri…”.
  • La realtà è che il Comune di Torrenova ha deliberato il patto di Gemellaggio pochi mesi dopo, ed esattamente durante la riunione del Consiglio Comunale del 2 Maggio 2014, mentre la Città di Ischia ha provveduto a deliberare lo stesso oggetto dopo circa 18 mesi (oltre un anno dopo Torrenova) precisamente durante la riunione del Consiglio comunale del 28 Maggio 2015
  • Il 30/7/2015 è stata protocollata alla Città di Ischia una lettera in partenza dal Comune di Torrenova con le firme dell’Assessore al Turismo Rag. S. Rubino, L’Assessore alla cultura Ennio Esposito, il Presidente del Consiglio Comunale Dr Massimiliano Corpina e Il Sindaco Dr Salvatore Castovinci, destinata al Al Sig. Sindaco f.f. del Comune di Ischia nella quale, tra l’altro, è precisato che “.. Restiamo quindi in attesa di sottoscrivere il definitivo accordo di gemellaggio istituzionale tra il Comune di Torrenova ed il Comune di Ischia da sancirsi attraverso una cerimonia ufficiale con giuramento di un patto di amicizia e gemellaggio allo scopo di intrattenere, per i motivi ampiamente esposti in narrativa, rapporti di collaborazione e di reciproca amicizia…
  • Fino ad oggi 3 Settembre 2015, dopo oltre un mese, non mi risulta che sia stato dato un seguito alla lettera indicata nel punto precedente da parte dell’Amministrazione della Città di Ischia.

Ora vi lascio con due belle immagini che ritengo siano l’emblema di questo gemellaggio.

Riuscirete a distinguere Torrenova da Ischia?

Ischia 1932 2

torrenova 2

Enzo Salvia, siciliano di Brontè e residente da quasi sempre a Torrenova, professore di filosofia e cantautore per hobby, ha saputo tessere la rete di relazioni adatta ad istituzionalizzare il gemellaggio tra Ischia e Torrenova, gemellaggio peraltro già operativo da un bel po’ di tempo in ambiti prettamente culturali tra le due comunità.

Bruno Mancini

DILA  Il Dispari EXPO

Il Dispari 20150907 1 ridim

Intervista ad Enzo Salvia.

Enzo Salvia (2)

Enzo Salvia, siciliano di Bronte e residente da quasi sempre a Torrenova, professore di filosofia e cantautore per hobby, ha saputo tessere la rete di relazioni adatta ad istituzionalizzare il gemellaggio tra Ischia e Torrenova, gemellaggio peraltro già operativo da un bel po’ di tempo in ambiti prettamente culturali tra le due comunità.

Buongiorno professore Enzo Salvia, questa  intervista, con domande uguali per tutti gli invitati che vorranno rispondere, ha per argomento, come già sa, l’avvenuto gemellaggio tra la Città di Ischia e il Comune di Torrenova. Per iniziare vuole spiegare ai nostri lettori quale è stato il ruolo da lei ricoperto in questo  progetto e, in particolare quali sono stati gli ostacoli maggiori da superare?

Buongiorno a tutti voi e a tutti i lettori del quotidiano “Il Dispari”, con un saluto particolare al Direttore Gaetano Di Meglio che segue con attenta partecipazione questo argomento.

Mi chiamo Enzo Salvia, sono un ex docente, cantautore e compositore per passione.

Per mia natura cerco sempre di trovare il fattore determinante che è in grado di generare un’evoluzione, un cambiamento in positivo, in una determinata situazione.

Un giorno, mentre tornavo da Bronte(CT), il mio paese d’origine, il mio sguardo casualmente si è soffermato   su un grande cartellone su cui c’era scritto: “Gemellato con…” . Immediatamente, mi venne in mente l’idea di attuare la stessa iniziativa coinvolgendo Torrenova con una località che però fosse fortemente trainante. Così ho scelto Ischia, perché terra di grandi risorse artistiche, culturali, turistiche, storiche ecc.

Inoltre, ad Ischia vi era un mio amico, lo scrittore e poeta Bruno Mancini, col quale in precedenza avevo attivamente collaborato a livello artistico, soprattutto musicale.

A Bruno, la mia idea sembrò inizialmente un po’ azzardata, non semplice da realizzare e mi propose delle alternative che però non accettai, perché il mio obiettivo era esclusivamente un gemellaggio con Ischia. Tra amici ci si comprende senza tante parole, così, vista la mia decisione e l’impossibilità di convincermi a cambiare parere, anche lui con grande senso di amicizia rivolse i suoi pensieri nella mia stessa direzione e, insieme, abbiamo cominciato a programmare l’iter che ci consentisse di raggiungere la nostra ambiziosa meta .

Iniziai io, per primo, a proporre l’iniziativa al Sindaco di Torrenova (ME), Dott. Salvatore Castrovinci, il quale pieno di entusiasmo per i risvolti positivi che si sarebbero potuti ottenere, mi affiancò il Vicesindaco Dott. Ennio Esposito e conferì la nomina di esperto per il gemellaggio all’amico Bruno Mancini, il quale, in tempi brevi, contattò l’Amministrazione di Ischia che rispose in senso affermativo e con entusiasmo alla richiesta di gemellaggio con Torrenova.

Sembrava tutto concluso, invece eravamo appena agli inizi. Dopo una vera e propria campagna pubblicitaria su Facebook, attraverso i vari mass-media, sull web ecc., finalmente il Consiglio comunale di Torrenova, votava all’unanimità il gemellaggio con Ischia. Si aveva l’impressione che tutto si potesse risolvere rapidamente, ma le nostre attese si allungavano sempre di più, malgrado l’impegno al gemellaggio del Comune di Ischia venisse spesso ribadito al nostro Vicesindaco dall’ Assessore Giosuè Mazzella. 

Bruno, cercava di ripresentare ripetutamente l’iniziativa in svariati modi, ma la situazione continuava ad essere come paralizzata. Periodi di avvilente silenzio si alternavano a momenti di entusiasmo, ma alle parole non seguivano i fatti, vi erano sempre difficoltà di ogni tipo ed il punto all’ordine del giorno relativo al gemellaggio non veniva mai presentato, ad Ischia, in Consiglio. Un’attesa stressante che si è prolungata per mesi e mesi, aggravata anche da inattesi e gravi situazioni che logoravano me, Bruno ed il nostro Vicesindaco, Ennio Esposito. Alla fine, grazie all’aiuto del Consigliere Salvatore Mazzella, amico di Bruno, dopo non pochi sforzi siamo riusciti a fare inserire il punto relativo al gemellaggio nel Consiglio Comunale di maggio e finalmente in data 28-05-2015, il Consiglio comunale di Ischia approvava, all’unanimità, il patto di amicizia tra i due Comuni.
Erano trascorsi quasi due anni dalla stesura iniziale del progetto.
Il gemellaggio Ischia – Torrenova è oggi una realtà concreta.

In un mondo sempre più trainato dai potentati economici e finanziari, non capita spesso di assistere al coinvolgimento delle realtà politiche (siano esse d’importanza nazionale o comunale come in questo caso) nella realizzazione di progetti nati e sviluppati in ambito culturale ed artistico. Il gemellaggio tra la Città di Ischia ed il Comune di Torrenova pare risponda perfettamente a tale anomalia. Vuole illustrare ai nostri lettori la sua opinione su questo gemellaggio e le sue idee relative alle sinergie tra Arte/Cultura e Amministrazioni pubbliche?

A prima vista sembrerebbe che sia un’anomalia la collaborazione tra due comunità che si aprono politicamente, dopo essersi intersecate artisticamente e culturalmente. Io sono del parere, che tutto ciò è possibile: le idee, l’arte, la cultura sono delle molle sensibilissime e potentissime, per fare in modo che anche le ideologie politiche diventino convergenti. La cultura e l’arte sono capaci di influenzare anche lo sviluppo politico, sociale ed economico, dal momento che le idee plasmano anche la capacità di governare, di produrre o migliorare beni e servizi. Non basta avere; per crescere bisogna, prima di tutto, essere soggetti capaci di produrre idee nuove, originali ed efficaci.

Quello che potrebbe e dovrebbe avvenire tra Ischia e Torrenova (ME) è, se portata avanti seriamente, una vera e propria rivoluzione globale su livelli diversi per entrambi. Torrenova è, per usare un termine filosofico, Ischia “in potenza”. Le comuni caratteristiche a livello storico, climatico, produttivo e, in generale, economico rendono le due comunità “gemelle”. Ovviamente, Torrenova dovrà fare ancora parecchia strada, ma io sono del parere che presto raggiungerà obiettivi veramente apprezzabili a tutti i livelli e che si trova già sulla buona strada per affiancarsi alle località siciliane più apprezzate e amate dagli stranieri e dai nostri stessi connazionali, grazie ad una classe politica di tutto rispetto, capace di garantire tranquillità e benessere a noi cittadini.

Ora che il gemellaggio ideale, in pratica già esistente da alcuni anni tra le comunità artistiche e culturali di Ischia e Torrenova, è stato trasformato in due DELIBERE approvate entrambe all’unanimità dai due Consigli comunali, quali sono gli sviluppi che intende raggiungere affinché alle parole ed alle carte seguano i fatti, e quale ritiene possa essere il calendario delle prossime attività in tal senso.

Non è facile elencare tutte le iniziative che potrebbero apportare vantaggi alle due comunità.
In sintesi:
– scambio di esperienze artistiche e culturali;
– scambio di esperienze scolastiche significative;
– vicendevole ospitalità per gli anziani;
– scambio di esperienze costruttive che servano ad incrementare il turismo;
– preparazione vicendevole di festeggiamenti e feste per particolari ricorrenze;
– incontri sportivi a livello dilettantistico e professionale;
– creazione di un circuito turistico concordato;
– acquisto degli stessi beni e servizi ai fini di un risparmio economico;
– scambio di flussi turistici;
– utilizzo delle risorse del luogo ai fini di un risparmio economico.
Quanto prima, dopo i festeggiamenti e l’accoglienza, si potrebbe dare inizio all’organizzazione di eventi concordati.

La ringraziamo per la disponibilità e ci piacerebbe chiudere questa intervista con un suo augurio… a chi preferisce!

Un grosso in bocca al lupo ad Ischia e Torrenova (ME).
Il Dispari 20150907 tutto

Il Dispari 20150907 compIl Dispari 20150907 1 comp

 

DILA  Il Dispari EXPO

 

Editoriale

Con le poesie che pubblichiamo questa settimana termina la serie di cinque puntate nella quale, in assoluta anteprima, vi abbiamo offerto in  lettura tutte le poesie finaliste della quarta edizione del Premio Internazionale di Poesia “Otto milioni che vedrà il suo epilogo durante il lungo evento di sei giorni, dal 20 al 25 Ottobre 2015, che proporremo nell’ambito dell’EXPO e del Bookcity di Milano.

Inizia, da questa settimana, una mini rubrica nella quale pubblicheremo immagini che hanno ricevuto l’autorizzazione ufficiale da parte del Comitato EXPO di Milano per essere divulgate in abbinamento con il loro logo.

Il banner con il quale questo quotidiano “Il Dispari” verrà divulgato in tutte le manifestazioni connesse al nostro suddetto progetto (che vi ricordo compare con il nome “Otto milioni” e con il numero 1625 nel calendario della fiera) non poteva non ottenere il primo posto in questa speciale primizia. Ad esso abbiamo aggiunto quello di una bella immagine contenuta in uno dei volumi che andremo a pubblicizzare.

Questo editoriale sarà leggermente differente dai precedenti, poiché è nostra intenzione dare la maggiore visibilità possibile ad un’iniziativa che, pur essendo totalmente di carattere culturale e completamente priva di lucro, può essere annoverate tra quelle che tendono a realizzare un impatto sociale, riconoscendo meriti a chi, all’arte e alla cultura, quotidianamente mette a disposizione grosse energie ed impegni anche di carattere economico.

Roberta Panizza ed io desideriamo gratificare Liga Lapinska, poetessa-pittrice-traduttrice, vincitrice della terza edizione del premio internazionale di poesia “Otto milioni” mettendo a sua disposizione tutti i ricavi derivanti dal seguente progetto “Dall’Italia alla Lettonia”.

Il nostro augurio è che siate in molti da Ischia ad iscrivervi, così da dimostrare che il “lavoro” capillare che stiamo effettuando da tanti anni sul nostro territorio ha ottenuto qualche pur minimo riscontro.

Grazie!

Ecco il comunicato stampa che abbiamo elaborato per invitare i lettori alla partecipazione.

“In omaggio ai nostri tanti amici lettoni, abbiamo intenzione di pubblicare un libro contenente poesie tradotte, appunto, in lingua lettone.

Il volume intitolato “Dall’Italia alla Lettonia”, composto da un totale di 96 pagine, conterrà 20 poesie nostre e/o di Autori da noi invitati (le poesie saranno pubblicate sia in italiano e sia in lettone) e 24 poesie di autori che chiederanno di partecipare aderendo a quanto qui di seguito riportato (anche queste 24 poesie saranno pubblicate sia in italiano e sia in lettone).

Il costo di formattazione e di stampa (compreso ISBN) dei singoli volumi è fissato in 5 euro, mentre il prezzo di vendita sarà di 9 euro (più spese di spedizione).

Tutti gli utili ricavati dalla vendita effettuata tramite qualsiasi sistema di distribuzione, ed anche tramite web, saranno devoluti in favore dell’Ambasciatrice DILA in Lettonia, Liga Lapinska, la quale, da oltre un lustro, sta operando disinteressatamente affinché gli Artisti lettoni abbiano una visibilità tramite i progetti culturali che proponiamo.

Per entrare a far parte di questo nuovo progetto dovrete inviare i vostri testi (editi o inediti, tema libero, max 30 righi spazi e titolo compresi) entro il prossimo 10 Settembre, accettando  contemporaneamente il “contratto autore” e “l’autorizzazione al trattamento dei dati” che potranno essere richiesti a

emmegiischia@gmail.com.

Nessuna tassa di lettura e/o balzelli vari, nessun obbligo di acquisto volumi.

Le 44 poesie prescelte, ove non disponessero già di una traduzione lettone, potranno ottenerla dietro un piccolo compenso di 10 euro per ciascun testo. Anche questi importi verranno interamente versati a Liga Lapinska che si prenderà cura personalmente di realizzare le traduzioni. 

Giova precisare che Liga Lapinska parla e scrive perfettamente l’italiano ed è la vincitrice della terza edizione del Premio Internazionale di Poesia “Otto milioni” sponsorizzato dall’Istituto Agostino Lauro.

Per l’invio dei testi:

emmegiischia@gmail.com

INFO:
Cell. 3935937717 (tutti i giorni dalle 14 alle 24. con l’avvertenza che NON rispondo a numeri segnalati come anonimi.)

Bruno Mancini – Roberta Panizza”

DILA  Il Dispari EXPO

Il Dispari 20150831 1 ridim

EXPO FEMME

EXPO FEMME

 

Cod. 13
Daniella Pasqua
AMICO MIO …

Iscrizione annullata.

Cod. 14
Marta Zemgune
IN QUALCHE LUOGO TRA…

In qualche luogo tra
essere e non essere.
L’aria? Per respirarla.
Le pareti? Dove ripararsi.
L’eternità? Per superarla.
Solo un sentimento,

che si può avere
insieme con le stelle nascenti,
portandolo attraverso
le porte dei cortili nel crepuscolo
e custodirlo dai venti vagabondi.
Prenderlo per la mano e non lasciare
fino alla mattina
come un amico notturno e sincero.

In qualche luogo tra
essere e non essere
fino al tramonto della notte
sto con l’amico notturno e sincero,
per tuffarmi di nuovo nel groviglio
nei miei giorni lunghi e senza ombre

Cod. 21
Maurizio Tocchi
DISLESSICO

Iscrizione ritirata.
Cod. 22
Antonella Ronzulli
ANGOLI DI CUORE

Nel mio cuore
da ieri
da sempre
fidati – complici – partecipi
Pochi
fuggiti spogli di perché
altri
stupendamente presenti
Attimi preziosi
m’inondano l’anima
mani tese
nella sorpresa del silenzio
Rivelazioni
d’amicizie sconosciute
sopprimono
un triste tempo andato
Rinvigoriscono
coscienza di me
concretezza e fulgore
Amici miei
per voi – con voi
io ci sono
sempre ci sarò.

Cod. 27
Vera Roķe
Il COMANDAMENTO DELLA NATURA

Sono come una goccia d’acqua
che scorre nella terra e così
dà la forza per la vita nuova.

Sono come una gonfia gemma
che spezza il guscio duro
e saluta la sua fresca libertà.

Sono come un germoglio sul campo
che, nonostante la primavera avara,
si veste d’un abito intensamente verde.

Sono tre i comandamenti della terra
la garanzia dell’armonia illimitata,
più forte di ogni altra speranza.

Stai calmo! Fermati! Senti!
Per sapere in questa circolazione
come l’erba cresce insieme con te.

Cod. 31
Emanuela Di Stefano
IL BOZZOLO

Un sospiro leggero
di calore onesto
pare tingere anche l’anima,
mentre nelle calde
ed accoglienti braccia
sparisce dal ricordo ogni dolore.
Gli occhi socchiusi
si lasciano portare in quel prato,
dove attende una mano tesa che
si raccoglie come un bozzolo
intorno al tenero frutto.

Cod. 35
Mariella Cardinale
MADRE DI GAZA

Volto di madre siede
all’ombra di un cedro
sfiorata da aspro profumo
in attesa
che un canto
un abbraccio
un bacio
lenisca il dolore che scorre
tra i rivoli delle sue rughe.

Volto di madre, turbato
da rombo sfrecciante
tra cielo e terra
chiede pietà
per un’umanità ferita,
aliti giovanili
strappati alla vita.

Volto di madre,
scavato da solchi del tempo
supplica il mondo intero
che l’accompagni
nel canto di una nenia
con ornamenti di fiori,
di pace e di speranza.

coupon 20150831

Il Dispari 20150831 1 compScrivi poesie EXPO

Il Dispari 2015-08-24

Il Dispari 20150824 premio 4 1 comp

Editoriale

Questa settimana, al penultimo gruppo di poesie finaliste della quarta edizione del premio internazionale di poesia Otto milioni”, affiancheremo una delle tante interviste che abbiamo realizzato intorno all’argomento “Gemellaggio Ischia – Torrenova”.

Così come la cultura non può aver sviluppo senza confronto di idee e di esperienze, identicamente anche le più complesse forme di vita che sono i motori delle civiltà moderne resterebbero relegate in uno sterile provincialismo ove mai decidessero di recintare le proprie zone di attività allo stesso modo di come avveniva nei ranch raccontati dall’epopea del west.

Prima l’Amministrazione comunale di Torrenova (in data 5 Maggio 2014) e poi, a distanza di un anno, l’Amministrazione comunale della Città di Ischia (nella seduta consiliare del 28 Maggio 2015), hanno definitivamente deliberato, con voti unanimi dei rispettivi Consigli comunali, di gemellare Ischia con il Comune di Torrenova in provincia di Messina.

Questa che, a una prima e superficiale lettura, potrebbe apparire come una normale e legittima operazione politica realizzata unitariamente dalle locali Amministrazioni di Ischia e di Torrenova, in realtà  è il risultato ottenuto dalle attività sociali, culturali ed artistiche, anche esse legittime, ideate, proposte, difese e realizzate dai due gruppi di cultori della cultura (certamente numericamente insignificanti ai fini elettorali) attivi nelle due comunità.

Enzo Salvia, siciliano di Brontè e residente da quasi sempre a Torrenova, professore di filosofia e cantautore per hobby, ha saputo tessere la rete di relazioni adatta ad istituzionalizzare il gemellaggio tra Ischia e Torrenova, gemellaggio peraltro già operativo da un bel po’ di tempo in ambiti prettamente culturali. artistici e sociali tra le due comunità.

A partire da questo numero proporremo le risposte a quattro domande che abbiamo rivolte a  molti di coloro che hanno operato per la realizzazione del gemellaggio.

Inizierà il Presidente del Consiglio della Città di Ischia, Gianluca Trani, ad esternare le sue considerazioni relative alla valenza del deliberato gemellaggio.

Bruno Mancini

Il Dispari 20150824 premio 4 2 comp

Cod. 09
Celestina Carofiglio
FOGLIA ARSA DAL SOLE
 
Foglia arsa dal sole
Scricchioli sussurrando qualcosa
Forse un ritornello o un assolo

Ti ascolta il passero
che echeggia al sole
Il tuo cantico di dolore

Anche tu amica mia
Sussurri al vento
Inutilmente
Le tue parole d’amore.

Cod. 10
Artista di Strada
ANIME SORELLE

Guardando intorno alle umane messi
mi accorgo quanto si è spogli e mesti
ricchi d’oro o poveri e lesti
giriamo intorno a cercar noi stessi

Tutti quanti a parlar di pace
e pochi realizzano la prece
ma la direzione è quella
ogni anima è unica e sorella

Uniti sempre su questa via
scacciamo l’odio che è moria
solo allora sarà fatta pace
e fratellanza sarà verace

Cod. 19
Modris Andžāns
GLI OCCHI
 
Mi sto fermando per guardare più attentamente
tutte le cose intorno a me. Tutti i respiri.
Mi viene in mente che non si è mai soli
mentre, attraverso i nostri occhi vivi, vedono il mondo
tutti quelli che sono andati via.

I miei occhi sono anche gli occhi loro
e noi guardiamoci, guardiamoci,
ancora amici, ancora uniti, non sapendo
i colori sotto la patinata della eternità.

Io sono ancora qui, ma loro chissà dove,
sotto la patinata della eternità, tutto:
respiri, pensieri, speranze ed inganni.
Solo i suoi occhi sono qui, attraverso i miei.

Quando sarò da loro, di nuovo vedrò
i suoi respiri profondi come la campana
le sue speranze, sventolando sopra la torre,
i suoi inganni come le polveri sul pavimento,
il pavimento della recuperata eternità.

Cod. 20
Calogero Pettineo
CREATI UGUALI

Negare mai dovrebbe
l’uomo all’uomo
l’autarchia della vita
tenendo schiavo il pensiero
nel gelo dell’ego
ne mai pagar libertà
dopo i sciolti nodi al ventre.
E dove prevale l’infelicità
cosparsa da parole
che mutano ogni diritto
non rallentare mai l’andatura
e lottare affinché il sole
illumini ogni viso d’uguaglianza
per la pace del mondo.

Cod. 26
Gino Iorio
I RIFUGIATI
 
Si confondono gli sguardi tra il luccichio dell’acqua
e il sole che la sfiora.
All’orizzonte, tra Ponza e Ventotene,
i pescatori raccolgono le reti a bordo.

Questo momento di pace mi consola,
mentre si rattrista il pensiero mio
per posarsi là, dove vittime di un potere che non capisco,
popoli fuggono per approdare nell’isola della speranza.

Ho parlato con te rifugiato, ho saputo di te.
Sapessi quanto vorrei regalarti la pace che vivo in questo momento
per compensare le tue pene.
Mio caro amico, mio caro uomo che vieni da lontano.
19 Febbraio 2015 ore 14,00
Così continuo, continuo a pensare.
Sul tavolo due libri: Evtusenko e Prevert.
Il sole non accarezza più l’acqua.
I pescatori sono tornati a riva.

Solo il pensiero mio resta vivo.
Intanto continuo a non capire:
Politici che parlano, Califfi che si ribellano, Ricchi che partono per mete sicure
e il popolo che scappa in cerca di pace.

Cod. 30
Jānis Lapinskis
L’EREMITA

Tutti loro-gli uomini, le donne,
i cani, i topi, gli animali domestici
di tutte le specie sono andati a meditare
in un deserto lontano.

Sono rimasto unico nella vuota città di marmo
sulla scala del tempio pagano,
mangiando l’erba che cresce
tra le rovine della città lasciata,
bevendo l’acqua della pioggia,
attinta nell’unico antico altare
dalla mia manciata sicura.
Quando il mio ultimo vestito
si sdraierà su di me
prenderò il cuoio della capra
per avvolgermi di nuovo,
per aspettare, per non aspettare
la mia gente e il vento della primavera
dal deserto finalmente fiorito.
La pace.

Cod. 34
Natalya Kalynovskaya
LA MIA FIABA
 
Voglio avvolgermi nella nuvola
per dimenticarmi,
che porta verso l’arcobaleno,
alla riva di risparmio e di pace.
Voglio sapere dei suoi colori, dei desideri
per nascondermi dietro le maschere
e cosi avere il successo abbagliante,
e aprirmi in tutta la luce possibile,
diventando una fiaba, gettando
scintillii come piccole meteore
e, quasi trasparente, spostarmi nell’erba.
Voglio svanire nell’orizzonte cattivo,
lasciando tutto il resto qui,
sul foglio stanco.
Mi sveglierò di mattina, non dimenticando
il sogno mio e sentendo il respiro
della rosa nella mia mano, sorpresa.

Il Dispari 2015-08-24

Questa  intervista, con domande uguali per tutti gli invitati che vorranno rispondere, ha per argomento l’avvenuto gemellaggio tra la Città di Ischia e il Comune di Torrenova. Per iniziare vuole spiegare ai nostri lettori quale è stato il ruolo da lei ricoperto in questo  progetto e, in particolare quali sono stati gli ostacoli maggiori da superare?

“Il mio, nella qualità di presidente del consiglio comunale, è stato un ruolo di natura istituzionale. Ma non solo: ritengo che i gemellaggi siano anche un’occasione di scambio culturale e non solo, e rivestano un valore fondamentale per una realtà come la nostra. Ischia è una località turistica, sotto certi aspetti resta una sorta di ombelico del mondo: qui sono passati e continuano a passare ospiti illustri che hanno contribuito non poco alla crescita ed all’emancipazione del territorio e della sua comunità. Ed ogni gemellaggio va esattamente in questa direzione”

 2)     In un mondo sempre più trainato dai potentati economici e finanziari, non capita spesso di assistere al coinvolgimento delle realtà politiche (siano esse d’importanza nazionale o comunale come in questo caso) nella realizzazione di progetti nati e sviluppati in ambito culturale ed artistico. Il gemellaggio tra la Città di Ischia ed il Comune di Torrenova pare risponda perfettamente a tale anomalia. Vuole illustrare ai nostri lettori la sua opinione su questo gemellaggio e le sue idee relative alle sinergie tra Arte/Cultura e Amministrazioni pubbliche?

 “Resto dell’idea che l’interscambio sia ancora oggi un fattore fondamentale ed ancor di più poterlo vivere de visu, in un momento in cui pure le moderne tecnologie sembrano aver azzerato le distanze. Un’amministrazione, poi, non può mai prescindere dalla fusione tra arte e cultura, in questo senso abbiamo una storia ed una tradizione che si perde nella notte dei tempi, favorita anche da tanti uomini che sono transitati sulla nostra isola, in alcuni casi eleggendola a propria dimora, e che qui hanno tratto fonte di ispirazione”.

3)     Ora che il gemellaggio ideale, in pratica già esistente da alcuni anni tra le comunità artistiche e culturali di Ischia e Torrenova, è stato trasformato in due DELIBERE approvate entrambe all’unanimità dai due Consigli comunali, quali sono gli sviluppi che intende raggiungere affinché alle parole ed alle carte seguano i fatti, e quale ritiene possa essere il calendario delle prossime attività in tal senso.

“Questo sarà il momento più importante e significativo, quello che deve legare due comunità e mettere in risalto analogie e differenze. Insomma, un gemellaggio non può né deve rimanere mai un fatto simbolico ma costituire uno strumento di arricchimento e crescita per entrambe le parti. Lavorare ad un calendario di appuntamenti, eventi ed iniziative congiunte mi sembra la cosa migliore, e più immediata, da fare”.

4)     La ringraziamo per la disponibilità e ci piacerebbe chiudere questa intervista con un suo augurio… a chi preferisce!  

 “Desidero rivolgere un caloroso saluto agli amici di Torrenova ed augurarmi che i gemellaggi possano continuare, a lungo. In un momento in cui il contatto tra la gente sembra diventare sempre più un optional, questo tipo di iniziative sono davvero una manna dal cielo”.

Bruno Mancini

Scrivi poesie EXPO

 

 

 

.http://www.emmegiischia.com/wordpress/partecipazione-antologie-lenois/

Il Dispari: una pagina per DILA

Il Dispari 2015–06–22

Il Dispari 2015 – 05 – 25

Il Dispari 2015 – 06 – 01

Il Dispari 2015 – 06 – 08

Il Dispari 2015 – 06 – 15

DILA

Hits: 5