Il Dispari 20220321 – Redazione culturale DILA

Benvenuti

Il Dispari 20220321 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220321

Il Dispari 20220321 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220321 – Redazione culturale DILA

Dal libro di Bruno Mancini “Per Aurora volume terzo”

La sesta firma – 13a puntata

Capitolo sesto

[—]

Correvo, credevo di correre, credevo di ricordare di correre, correvo ricordando di credere.

Correvo in bicicletta, correvo in bicicletta per una salita, per una salita sterrata, per una sterrata buia, immerso nella buia notte senza luna, nella notte buia senza luna, correvo in bicicletta per una salita sterrata nella notte senza luna successiva, credevo di correre in bicicletta per una salita sterrata nella notte senza luna successiva a… al giorno in cui Gilda, bambina, inseguita dalla madre era finita a rotolare tra le mie gambe e le ruote della bicicletta che mi era stata regalata per la promozione scolastica. Al Corso Colonna, davanti al bar Italia.

Sudavo, sbuffavo, pedalavo, ma le curve in salita non finivano.

Al termine di un tornante, un filare di vigne a malapena riconoscibili sul bordo della strada priva di parapetto, mi aveva dato l’impressione, solo l’impressione, di un falsopiano finalmente

scollinante.

Niente.

Riprendevo a pigiare sui pedali nel buio quasi assoluto, mettendo in continua discussione, oltre che il tratto da seguire per superare più agevolmente l’ennesima fatica imposta dalla curva a gomito, anche ed in ogni istante, la mia non programmata sete di avventura.

A soli tredici anni, su per un colle di settecento metri, lungo una via mai percorsa prima, inforcando una bicicletta dal cambio Campagnoli a tre soli rapporti e costruita con i pesanti materiali dell’epoca, in una notte senza luna, lungo un percorso disseminato da insidiosi burroni e continue innumerevoli curve cieche e svolte allucinanti, non mi rendevo conto di stare vivendo le mie prime quattro ore di assoluta solitudine.

Sdoppiato tra tempo e spazio, tra la brace e la padella, forse montavo in sella alla mia infanzia.

Gilda la rossa, non più irrequieto scugnizzo ma ora padrona assoluta di un intuito animalesco, non ebbe bisogno di voltarsi per comprendere.

Volle impedirmi d’essere partecipe, complice, corresponsabile della sua rivincita, e stingendomi il polso con la mano ancora priva dell’anello nuziale, alzò l’altra, a palmo aperto oltre la criniera dei capelli rossi sparsi sugli omeri (Mosè nel passaggio del Mar Rosso, la carica dei cinquecento, ALT, lo giuro), oltre il mantello della chioma adagiata sulle spalle in boccoli rossi, a palmo aperto senza voltarsi:

-«SPARISCI BASTARDO»

fece rimbombare nella semivuota sala consiliare.

-«SPARISCI BASTARDO».

Due volte in una successione che non consentiva equivoche interpretazioni.

-«SPARISCI BASTARDO».

Gilda per tre volte, senza voltarsi, con la voce profonda di mio padre, come una condanna definitiva, ripeté la frase della sua vittoria, quindi piegò verso il basso il busto con i movimenti armonici di mia sorella (un canneto nella bufera, la planata di un aquilone, curve fattezze di Renoir, quando sarò vecchio col bastone, l’omaggio finale al pubblico del San Carlo).

Spavalda, mostrò tra le dita affusolate di mia madre, la stilografica delle grandi occasioni dall’inchiostro nero nero nero con i decori dorati ed il pennino luccicante (la lancia di Don Chisciotte, un palo di telegrafo, la statua della libertà).

Decisa, sicura, veloce, zac, zac, zac, nel silenzio tombale della sala comunale, come nell’atto finale di una corrida, toreador ed animale, zac zac zac crivellò il registro con il suo nome.

Continua lunedì prossimo

https://www.emmegiischia.com/wordpress/bruno-mancini/prose/per-aurora-vol.3/

Il Dispari 20220321 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220321 – Redazione culturale DILA

Alberto Liguoro

Poesia inedita

Chest’è UCRAINA

È un canto di guerra
. è un pianto scontato
.. è un cortile di Mariupol
… è la tartaruga Marlene
…. è un viale alberato
….. è saluti dalle Maldive
…… è un rombo lontano, una raffica di mitra, e… ‘a voce d’e criature
….… è ‘na carta sporca, è ‘na figura ‘e merda
…….. è un tappeto macchiato
……… è un volto spento, è un sorriso aperto
………. è una bambina senza sorriso
……….. è una nonna senza le chiavi
………… è una piazza del popolo e dei popoli in piazza
…………. è l’ultimo bacio prima dell’addio
………….. è sul mare senza addore d’o mare
…………… senza Europa, sente profumo d’Europa
……………. è i pompieri sulle scale appoggiate ai grattacieli in fiamme
……………. è Brent Renaud che tornò a casa nell’abbraccio della sua bandiera
……………. è una partita a scacchi, è un concerto in metropolitana
…………… è un aperitivo con Kasparov
……….. …sei tu che ti guardi allo specchio
.…………è la Morte che ti guarda specchiarti
….…….. è un falso ideologico
…….… è un corpo sventrato
……… è verità senza onore
………è sangue senza colore
……. è un orrore senza commento
…… è uno “speciale” senza audio
….. è un albero bruciato, un’ombra dietro una finestra
…. è la fuga attraverso un bosco di notte
… è un cane
.. era Anastasiia Yalanskaya che quel cane, inutilmente cercava
. sono fiamme divoranti dentro uno specchio
Ucraina è

Forio 21 Marzo 2022
Alberto Liguoro

 

Adriana Iftimie Ceroli ritorna a pubblicare i suoi “Simbolicamente”.

Bentornata Adriana nella Redazione di questa pagina culturale!

SIMBOLICAMANTE IL CERVO

 

Il cervo è stato spesso paragonato all’albero della vita perché ha le corna che si rigenerano periodicamente.

è il simbolo della fecondità, del ritmo della crescita e della rinascita.

Questi valori si riconoscono sia nelle decorazioni dei battisteri cristiani, ma anche nelle tradizioni musulmane, maya, pueblo ecc.

Allo stesso modo, il cervo è l’annunciatore della luce e fa vedere il sentiero verso la luce del giorno. In alcune civiltà, questa caratteristica prenderà un’ampiezza cosmica e spirituale.

Il cervo diventa un mediatore tra il cielo e la terra, come simbolo del sole che risorge e si alza sul cielo infinito.

Più tardi, raffigurato con una croce sulla fronte, diverrà l’immagine di Cristo.

Messaggero del divino, esso rappresenta alla serie di simboli associati: albero della vita, le corna e la croce.

Nell’iconografia mitologica greco-romana i cervi vengono messi a guidare il carro della dea Diana, dea della caccia.

 

Adriana Iftimie Ceroli

Bruno Mancini
Dalla raccolta di poesie
“Agli angoli degli occhi”
(1962 – 1964)

In un carcere ammazzano un uomo

L’arco s’apre rotondo
lampade a coppe aeree
sbadigli:
avanza un uomo dal fondo.

Colonne reggono l’arco
passa guardiano
sbadigli:
prende il suo posto di un’ora.

Colonne reggono travi
s’alza e cammina.
Silenzio.

Conta le lampade
passando
pesta le colonne
con forza
misura l’arco
uscendo.

In un carcere ammazzano un uomo.

—————————-

Bruno Mancini
Dalla raccolta di poesie
“Incarto caramelle di uva passita”
(2002)

Just
 

Just Walking on the rain…
Io ero
nel ventre di mia madre
-… of english, american…-
io ero
contratto, assordato, sballotto lato
-…bombs-.
io non ero ancora nato
in fuga tra i vicoli di Napoli.

Chi mai può dirmi stai calmo?
Sono le quattro all’alba
e tutto va bene.

Il Dispari 20220314

Il Dispari 20220314

Il Dispari 20220314

Dal libro di Bruno Mancini “Per Aurora volume terzo”

La sesta firma – 12a puntata

Capitolo sesto

[—]

Per questa ragione, quindi, la mia amica Aurora venne avanti come secondo testimone.
Mosse un passo.
Prese dalle mani dell’Assessore Delegato-Notaio la penna dai decori dorati.
Girò la testa.
Segnò il registro con un tratto per nulla lineare, incomprensibile.
Un saliscendi asimmetrico con grossi punti ai vertici superiori, che a me parve essere la riproduzione dell’accordo in Mi bemolle maggiore del secondo movimento, sinfonia n°3, opera 55, «Eroica», di Ludwig van Beethoven.
E mentre, con note dolenti, rimbalzavano nella mia mente sia la malinconica angosciante tenera esecuzione dell’insuperabile Toscanini, sia la mai dimenticata descrizione che ne aveva offerto
Samuel Chotzinoff “… il centro psicologico e spirituale di tutta la composizione e richiama, con i suoi episodi ora accorati ora grandiosi e superbi di sonorità, le vicende della vita di un grande uomo, dell’eroe nel senso più lato, che affronta e domina gli eventi del fato per arrendersi solo all’inevitabilità della morte.”, la mia amica Donna Guascona, restituendo all’Assessore Delegato – Notaio la stilografica dal nero inchiostro, lasciò uscire dalla bocca a contatto con il mio orecchio parole che speravo e temevo:

-«Ora devi essere forte».

Chiusi un attimo gli occhi per dissimulare la commozione, così o come avevo fatto il pomeriggio luminoso e silenzioso in cui, mentre m’incamminavo in compagnia della mia buia solitudine, senza valigia e senza cappotto, verso il battello che mi avrebbe trasportato definitivamente nel mondo sconosciuto della mia libertà, Gilda, nella sfacciata bellezza della sua fresca fioritura, rossa, non so se inseguendo una micina o per venirmi incontro era ruzzolata con essa tra le mie gambe chiedendomi:
-«Dove vai?»
-«Parto.»
-«Portami con te.»
Io solo so quanto avrei voluto farlo!
-«Non posso, aspettami.»
Lei sola sa quanto doloroso silenzio ammantò la sua attesa.
Un tassista di passaggio pigiando il clacson come si usa al corteo di una sposa, rideva rideva rideva suonava suonava suonava diceva diceva diceva «Acchiappala acchiappalo acchiappala acchiappalo.»

Meno due.

L’entrata rumoreggiante di un uomo trafelato, ansimante, eccitato, mi apparve dapprima nella improvvisa espressione di stupore timbrata sulla faccia baffuta dell’Assessore Delegato – Notaio, poi nel brusio attento e composto dei quattro dipendenti comunali che assistevano all’evento, infine nell’urlo, era un urlo, nessuno meglio di me conosce quel tipo d’urlo, l’urlo di una canzone disperata “Oi ma’ tu che me fatt e che me ditto, nu chiuovo dinto o core me nchiuvato”, il disperato urlo della belva ferita, King Kong sul grattacielo, la ciociara, il volo a piombo verticale di un innocente l’undici settembre, l’urlo di Ignazio:

-«GILDA NON FARLO.»

Aurora sottovoce mi ingiunse di non voltarmi, ed io ubbidii, cercò lo sguardo di Petrus per dirgli «Ora», e tanto bastò a che immediatamente il mio XYZT, tre dimensioni spaziali ed una temporale, venisse troncato in due.
L’ordine della mia amica Signora, già programmato e detto in silenzio, provocò l’effetto di lasciarmi in quello stesso spazio, ma di trasferirmi in un tempo diverso.
Gli elementi delle mie coordinate XYZTIO (ics ipsilon zeta tau io) si trovarono a cavallo, in equilibrio, tra un luogo ed un’ora, tra due fenomenologie differenti, tra un prima e un dove, tra me stesso ed i miei ricordi.
Posizionati nella sfera di un punto dal quale il mio IO, in bilico su un se stesso, non riusciva a decifrare chi fossi, dove e da quando.

Continua lunedì prossimo
https://www.emmegiischia.com/wordpress/bruno-mancini/prose/per-aurora-vol.3/

Il Dispari 20220314

Il Dispari 20220314

Milena Petrarca: la bellezza dell’Arte pittorica

La nostra bella Italia è notoriamente Patria di Artisti che aggiungono lustro alla cultura e alle tradizioni di creatività che ci pongono in un ideale empireo: la cupola celeste più esterna e l’unica immobile secondo le primitive teorie astronomiche, ovvero la sede dei beati nel pensiero filosofico di San Tommaso e che il sommo Dante qualificò come “luce intellettual piena d’amore” perché diretta emanazione di Dio.

Ebbene, alle Opere di Arte pittorica di Milena Petrarca vanno assegnati i cavalletti di prima fila nell’empireo non più trascendentale ma storicamente traslato nel nostro mondo attuale.

L’ultimo “lavoro” di Milena dal titolo “Amore a Venezia” (Tempera – Pastelli Conté à Paris – Terre – Carboncini Fusain de couleur su cartoncino avana cm 43 x cm 30) fa rompere ogni indugio a coloro i quali abbiano abitudini di contemplazioni metafisiche, immettendoli pacificamente nel brivido della passione taciturna e imprudente, ritrosa e univoca, rupestre e sfacciata.

La passionalità, l’enfasi, l’ardore della donna del sud, che richiama i turbamenti tratteggiati da Cesare Pavese quando scrive “Ma ormai io non potevo più perdonarle di essere una donna, una che trasforma il sapore remoto del vento in sapore di carne.”

L’opera “Amore a Venezia” è infusa nella stessa dimensione di carnalità onirica di altri celebri quadri di  Milena Petrarca… e mi riferisco alla serie delle “Marilyn” la cui impetuosa vitalità spopolò durante la mostra pittorica inaugurata a New York in occasione della celebrazione del cinque centenario di Cristoforo Colombo (che ebbe come Padrino nientemeno che il celeberrimo commediografo Mario Fratti)… e  poi mi riferisco al “Ritratto di Zia Bettina” vincitore del Premio di Arti Grafiche “Otto milioni” presentato al museo MUDEC di Milan in occasione del BookCity 2017.

Milena Petrarca è una donna tanto esuberante quanto fisicamente minuta, tanto passionale quanto intimamente discreta, Milena Petrarca è un’Artista dentro e fuori, a destra e a sinistra, sotto e sopra la sua stessa vita: un’Artista senza confini.

Bruno Mancini

Il Dispari 20220314

Il Dispari 20220314

Milena Petrarca in sintesi

Milena Petrarca è Presidente DILA per il Nord America ed è stata, nel 2017 e nel 2021, la vincitrice del Premio internazionale “Otto milioni” per la sezione Arti grafiche.

Figlia d’arte, nata a Pozzuoli, ha esposto in diverse rassegne ottenendo, tra gli altri, il prestigioso riconoscimento “Artistic Achivement Award Gallery”.

Le sue opere, presenti nei musei italiani e americani e nelle collezioni più prestigiose americane, francesi, inglesi e cinesi, hanno ricevuto il privilegio di essere proiettate nell’Aula Magna del MUDC (Museo Delle Culture – Milano) quale espressione delle Arti figurative in occasione di un evento Made in Ischia organizzato dall’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA” inserito nel palinsesto della manifestazione internazionale BookCity.
Milena Petrarca non è soltanto una pittrice di fama internazionale, ma anche scultrice, poetessa di grande sensibilità, stilista e ritrattista.

Riconosciuta e stimata come una tra le più attive promotrici della cultura del Mezzogiorno in tutto il mondo, Milena Petrarca è ideatrice del famoso Premio Internazionale Magna Grecia Latina-New York che, da oltre 20 anni, si tiene a Latina e premia personalità del mondo della cultura e dell’arte italiana e straniera.

Il Dispari 20220314

Il Dispari 20220314

Il Dispari 20220307

Il Dispari 20220307 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220307 – Redazione culturale DILA

Dal libro di Bruno Mancini “Per Aurora volume terzo”

La sesta firma – 11a puntata

Capitolo sesto
[—]

Meno tre.
Allora venne avanti il secondo testimone, la mia amica Aurora.
Voi due lettori, stupiti, potreste pensare “Aurora testimone? Ma non è la madre della sposa? E come, la madre fa la testimone? Assurdo.
Questo ragionamento ha qualche elemento di coerenza ma è viziato da due imprecisioni.
Una vostra, in quanto non ho detto che Aurora fosse la madre, bensì la madre adottiva di Gilda, e l’altra mia perché non vi ho ancora spiegato che, bevuto il boccione di limoncello e scolate le due casse di birre, Petrus ed io ci eravamo trovati semi brilli e semi ubriachi, con tanta amicizia in più, con maggiore conoscenza reciproca, ma senza un brandello di piano organizzativo da utilizzare per convincere Aurora a non ostacolare il mio matrimonio, e ad accettare la restituzione dei privilegi che mi aveva concesso.
Quando, da studente, leggevo un trattato di storia, il più delle volte ero portato a credere che toccasse a noi creare le occasioni che ci avrebbero cambiato la vita.
Nostra e di altri.
Vedi Hitler con Danzica.
Al contrario, durante lunghe immersioni subacquee, mi capitava di comprendere che anche un diverso sistema (pacifico oppure ostile poco importa), potrebbe elaborare occasioni che muteranno la nostra vita.
Un ramo di corallo incaglia la sagola e blocca la risalita all’ultimo respiro.
Uno sbiadito ricordo di quanto accadde in seguito alla disponibilità d’aiuto che Petrus mi offrì, già in partenza offuscato dalla dose massiccia d’alcool tracannato, tuttora non mi consente di comprendere chi sia stato il promotore della benevolenza con cui Aurora prese atto delle mie intenzioni, giustificandole ed operando per esaudirle.
Tuttavia è indiscutibile il fatto che ad un certo punto dell’affettuoso, riservato, intimo, confidenziale colloquio, con il ciondolante Petrus che mi sedeva accanto, io, pur essendo mezzo brillo e mezzo ubriaco, mezzo felice e mezzo incredulo, udii Aurora venirmi…
Udii? Vidi.
Vidi Aurora dirmi…
Vidi? Udii.
Sentii Aurora toccarmi…
Vidi Aurora venirmi incontro, sentii Aurora toccarmi la fronte, udii Aurora dire a me solo:
Dimentica.
Tu non sei venuto a cercarmi.
Tu non hai parlato con Petrus.
Tu non hai formulato richieste.
Tu non sai di me e di Gilda.
Dimentica.

Ricorda.
Noi saremo al fianco tuo e di Gilda.
Noi siamo vostri amici.
Noi siamo voi stessi.
Gilda non mi conosce.
Ricorda.

Aspettaci.
Celebreremo da testimoni le vostre nozze.
Io e Petrus firmeremo il registro.
Alle 12 del 12 agosto.
Aspettaci.

Aspettaci.

Petrus, regalargli un fiore di ginestra da porre sull’abito della sposa

Continua lunedì prossimo

Per Aurora volume terzo di Bruno Mancini

Il Dispari 20220307 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220307 – Redazione culturale DILA

Flora Rucco ricorda Paola Occhi

Ho conosciuto Paola Occhi nel giugno 2018 a Latina, in occasione del Premio Magna Grecia, conferitole dalla Presidente Milena Petrarca.
L’incontro con la straordinaria cantante lirica è stato da subito magico e stimolante, ricco e propulsivo per gli eventi organizzati subito dopo.
Infatti, un mese dopo l’ho incontrata all’Abbazia di Valvisciolo di Sermoneta.
In quella occasione tenne un bellissimo concerto di musica sacra, entrando in sintonia col coro dell’abbazia e con tutte le persone intervenute a quell’evento.
Volle essere presente alla mostra d’Arte sul tema del Sacro organizzata da me e Sonia Testa presso la Sala Capitolare dell’abbazia e onorò me ed altri artisti lì presenti facendo molta attenzione sulle opere in mostra.
Mi chiese di fare delle foto con me ed accanto ad un mio quadro che avevo presentato alla mostra “La lapidata”: ciò mi colmò di gioia e commozione.
Prima di iniziare i suoi concerti Paola ci parlava della sua spietata malattia, della sua lotta per vincere, del suo amore per la musica, diventata per lei fonte e scopo di vita.
Non è stato difficile diventare amiche, spesso ci sentivamo per salutarci o scambiarci idee per eventi futuri da organizzare.
Conservo un ricordo bellissimo e indelebile dei giorni trascorsi a Firenze per ricevere il Premio alla Parola per la Poesia il 9.12.18, con me c’era Milena Petrarca che ricevette il premio per la pittura e Mino Sferra il premio per la Recitazione.
Ci si incontrava a pranzo o a cena, con lei e i suoi amici musicisti; erano momenti di gioia, di simpatia, di emozioni e slancio creativo.
Il giorno dopo Paola si è esibita in concerto nella Chiesa di Ognissanti e noi eravamo lì, pendenti dalla sua voce dolcissima e infinita, immersi in attimi eterni e meravigliosi che solo lei sapeva creare.
Quella voce soave rimarrà perenne nella mia mente e nel ricordo di tutti quelli che l’hanno conosciuta, ammirata ed apprezzata.
Grazie infinite Paola… sono sicura che adesso la tua voce diafana vibra nel cuore del Cosmo e ci sorride dalle più alte vette dell’Infinito.

Flora Rucco, Presidente DILA per la Regione Lazio

Il Dispari 20220307 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220307 – Redazione culturale DILA

DUE POESIE PER LA PACE

Enzo Casagni
Presidente Sede operativa DILA
per la Nazione Libano

Sento un grido nell’aria…

Sento un grido nell’aria…
viene da lontano a invadere
il mio presente
sempre più incerto!
Chi grida oltre i nostri confini?
Il mondo ha paura:
i nostri destini appesi a un filo
ogni giorno sempre più sottile!
Sento un grido nell’aria…
viene da lontano a rigare
il mio viso di lacrime!
Lacrime andate non vi fermate
a consolare volti afflitti dal dolore:
bagnate le loro speranze
ché tutto finisca alla luce di una vita
che non può morire cosi!
Vita soffia il tuo alito vitale sul buio
che sta avvolgendo il nostro pianeta
così fragile
di fronte alla furia del male!
Sento un grido nell’aria…
vorrei morire per soffocare quel grido:
il Cielo finalmente risponda
non possiamo morire così!
(L’Ucraina deve vivere!)

————–

Luciano Somma
Da Immagini
Casa editrice Menna – 2001

Pace

Anche in questo secolo,
come ai tempi degli schiavi,
la legge del più forte!
Nuvole di morte
requiem per il cielo
affollato da microbi maligni.
Sempre la stessa corrida
dove il toro
è inevitabilmente
il povero Cristo,
uomo della strada,
messo in croce
coi chiodi della violenza.
All’orizzonte
scheletri d’un’ansia di sereno
tramandata da popolo in popolo.
Esistenza che sei? Chi sei?
Un interrogativo la cui risposta
è sempre la stessa tragedia
d’un dramma dall’epilogo scontato.
Io con il mio cuore di poeta
urlo con tutte le mie forze
con incerta grafia
tralasciando l’ortografia scolastica
la grammatica accademica
che rende colto ma non certo umano.
Pietà per il mondo
soprattutto per i giovani
e chiedo genuflesso: Pace, Pace!

Il Dispari 20220307 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220307 – Redazione culturale DILA

DILA

NUSIV

Hits: 156

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento