SOCCHIUDIAMO LE PORTE

Benvenuti

SOCCHIUDIAMO LE PORTE

Bruno Mancini

Poesie

Segni tutte le poesie

SEGNI

L’ASPRA VICISSITUDINE

I TUOI OCCHI

IO ERO UNA BESTIA RARA

SOCCHIUDIAMO LE PORTE

Socchiudiamo le porte, arriva, manciata di becchime
negli occhi, li arrossa e non li nutre; socchiudiamo le palpebre,
amici, dai monotoni lamenti hanno tratto un grimaldello, ci
scassinano i cuori, amici, e ci offrono il sangue; sentite
compagni, amici, sentite? Ci mettono in mano la fiamma, ma ci
brucia, capite fratelli, non ci scalda ci brucia.

1) Socchiudiamo le porte.
2) Hanno ferri di cuore.

Il braccio si pieghi sul braccio.
Sguardi forti sostengano sguardi.
Sia forza per l’uomo altro uomo.
Respiriamo strilliamo mostriamo,
dietro le porte, si lotta,
non un morso di pane, un’ idea, poi, con loro:
tutti sguardi immobili e calmi
tutte forze serene e sicure
tutte braccia incrociate in attesa.

LA ZINGARA PARLA

TRE QUASI POESIE PER IGNAZIO

TEATRO

DISSERTAZIONI

SONETTO NOTTURNO

UN’OMBRA

LA NOTTE È FINITA

SCOPRIRONO

EUTANASIA

TEMPO

EQUIVOCO

POVERO AMORE MIO

SPIGOLO

UNA STORIA DI TROPPO

L’INGANNO DI IGNAZIO

;

Visits: 31

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *