Censura COVID Ischia

Censura COVID Ischia
Ischia 28 luglio 2021

Censura COVID Ischia

Censura COVID Ischia

Gaetano N Di Meglio
Se mai mi imponessero qualcosa, farei il contrario. Dal 16 luglio l’unità di crisi non diffonde più i dati per comune perché ogni sindaco ha accesso alla modernissima applicazione di soresa o come si chiama. Io non inseguo le voci dei contagiati di qua e di la. Ho polemizzato contro i sindaci nel 2020. Sono stato querelato anche per questo. A me dei contagiati non interessa relativamente e fino a quando non diventano un problema serio e preoccupante. Chiedete ai sindaci di rendere nota la situazione epidemiologica. Un saluto ai complottisti dello scoglio

Bruno Mancini
… e se gli organi della libera informazione iniziassero CON TUTTE LE PRECAUZIONI LEGALI DEL CASO a pubblicare illazioni disfattiste come forma di resistenza passiva alla prepotenza delle autorità incriminate?

Esopo scriverebbe “Sarà vero o falso che a Ischia negli ultimi sette giorni sono stati segnalati TOT casi di COVID, TOT cittadini in ospedale e TOT cittadini in terapia intensiva e TOT defunti?

Marco Albanelli
Appena letto – da commenti FB – della chiusura di almeno un locale ad Ischia causa casi Covid

Censura COVID Ischia

Censura COVID Ischia

Marco Albanelli
Dicono. Dicono. A me hanno parlato di un hotel con 30 dipendenti tutti positivi e che teniamo nascosto tutto. Pensa tu: 30 dipendenti da sostituire, ospiti da spostare in altri hotel, 200 tamponi da fare per il tracciamento… tutto nascosto. Per quale motivo poi? Purtroppo questo è uno sport cje richede abilità che io non ho per partecipare

Bruno Mancini
Si sa qualcosa della Sede ischitana di Intesa san Paolo?

Hits: 29

Odissea sanità ischitana

Odissea sanità ischitana

Riceviamo e pubblichiamo, invitando i lettori a divulgare questa civile protesta/denuncia condividendo la pagina su tutti i social.

Odissea sanità ischitana

Caro Direttore mi firmo, ma poiché desidero che questa narrazione diventi la denuncia di una perversione amministrativa della sanità ischitana – campana – italiana, piuttosto che la lamentazione di una peripezia personale, ti invito ad omettere ogni possibile riferimento alla mia identità.

Ischia 16 luglio 2021.

Ho 78 anni con certificazione di invalidità totale, sono in una fase di controllo per un tumore curato con chemioterapia, radio ecc.

Dopo circa un anno di assenza di qualsiasi controllo, ho creduto necessario interpellare il mio medico di famiglia affinché mi indicasse il percorso sanitario da effettuare.

Quindi, in ordine cronologico è successo che:

1) Visita del medico di famiglia che mi rilascia ricetta per “Visita oncologica”.

2) Accedo al CUP (tramite farmacia al costo di 2 €) per ottenere la data dell’impegnativa della visita.

3) Accedo all’ambulatorio adibito alla “Visita Oncologia”, dal quale mi viene prescritta un serie di analisi e una tac.

4) Ritorno dal medico di famiglia per tramutare in ricette le prescrizioni derivanti dalla “Visita Oncologica”.

Odissea sanità ischitana Odissea sanità ischitana Odissea sanità ischitana Odissea sanità ischitana Odissea sanità ischitana

5) Con le ricette del medico di famiglia, accedo al centro adibito alle analisi e alla tac che mi comunica che per le analisi le prestazioni in convenzione sono sospese a tempo indeterminato, mentre per la tac è necessario presentare “Modello informativo e consenso ad esecuzione di esame radiologico con mezzo di contrasto (MDC) per via iniettiva” debitamente compilato e firmato dal medico curante, oltre ai seguenti accertamenti da portare il giorno dell’esame: azotemia, glicemia, creatinemia eGFR, QPE ed esame elettrocardiografico.

Odissea sanità ischitana

Odissea sanità ischitana

Questo fino ad oggi 16 luglio 2021

Continuando il farsesco diario di questa Odissea nella mala sanità ischitana – campana – nazionale e proseguendo nella numerazione assegnata alle varie fasi della vicenda posso documentare ciò che è accaduto:

6) Accesso effettuato in data 20 luglio 2021 all’ambulatorio del medico di base che ha
a) debitamente compilato il modulo  necessario per accedere alla TAC
b) scritta la ricetta per prenotare la visita cardiologica e l’elettrocardiogramma necessari per accedere alla TAC
c) scritto la ricetta per prenotare le analisi del sangue necessarie per accedere alla TAC

7) In data 21 Luglio mi sono recato in una farmacia autorizzata (tramite servizio a pagamento) alla prenotazione della visita cardiologica, dell’elettrocardiogramma e delle analisi richieste per effettuare la tac c/o il CUP di competenza.

La farmacia ha dichiarato che il SISTEMA accettava la prenotazione NON per l’ospedale locale, ma per un centro situato su un’isola dall’arcipelago campano oppure per una località dell’entroterra campana distante alcune ore di viaggio dalla mia residenza.

La farmacia mi ha consigliato di accedere personalmente al CUP per ottenere una soluzione migliore.7) Accesso alla farmacia…

8) MI sono recato, quindi, c/o il CUP locale trovandolo chiuso e prendendo atto del cartello degli orari di apertura al pubblico, per cui la prima data utile sarà venerdì prossimo dalle 8,30 alle 11,30.

9) Accesso al CUP che ha prenotato la visita cardiologica e l’elettrocardiogramma per il giorno 17 settembre 2021

8) Poi, dopo aver pagato per intero le analisi di azotemia, glicemia, creatinemia eGFR, QPE e l’esame elettrocardiografico, potrò effettuare le analisi richieste per la tac.

9) Infine, forse, potrò effettuare la tac… restando in attesa che vengano rifinanziate le analisi attualmente sospese per completare le richieste della “visita oncologica”.

10) Ovviamente, poiché la validità delle ricette è di un mese, è molto probabile che, nel momento in cui verranno riprese le attività in convenzione, io debba rifare tutta la precedente procedura…

Continua!

Lettera firmata e autore confermato

Hits: 78

PEC POSTEPAY RICHIESTA RIMBORSO

PEC POSTEPAY RICHIESTA RIMBORSO

PEC POSTEPAY RICHIESTA RIMBORSO

PEC POSTEPAY

Spett. Poste Italiane S.p.A.
Sede Legale Viale Europa 190 – 00144 Roma

servizio.clienti@posteitaliane.it 

e p.c.

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato,
Piazza Giuseppe Verdi 6/A
00198 Roma

Altroconsumo Edizioni Srl
Via Valassina, 22
20159 Milano

Striscia la Notizia
Via Cinelandia 5
20093 – Cologno Monzese – Mi

Testata giornalistica IL DISPARI
Via Michele Mazzella, 202
80077 Ischia (Na)

Casa Editrice IL SEXTANTE di Mariapia Ciaghi
Via Calvet 14
38086 Pinzolo

Webmaster www.emmegiischia.com

Avvocato Alessandro Gambardella

Agenzie di stampa italiane

Social:  fb – twitter – linkedin – istagram – whatsApp –

In una data antecedente al 2 luglio 2021, avete bloccata, senza preavviso, senza una comunicazione e senza una spiegazione la carta postepay n. 4023601015968557 scadenza 04/27 a me intesta (che allego in copia) rendendomi impossibile l’accesso alla somma ivi depositata.

Alla mia richiesta scritta di supporto, inoltrata tramite la procedura prevista sul vostro sito istituzionale, avete risposto in data 3 luglio 2021 ore 10:26 con oggetto <Richiesta numero 6083514909> dalla casella

NO-REPLY@posteitaliane.it

con il seguente testo “Gentile Cliente, in riferimento alla sua richiesta con Oggetto: carta non attiva dal giorno 01.07.2021, le comunichiamo quanto segue: La carta è stata bloccata da Postpay in via cautelativa.

Saluti
Assistenza Clienti Retail
(eventuale firma del Responsabile)”.

 Poiché il vostro “in via cautelativa” non esprime in alcun modo una motivazione chiara e confutabile, e poiché fino ad ora non solo non avete provveduto al ripristino della mia postepay ma neppure avete provveduto al rimborso della somma in essa depositata, compiendo  un’appropriazione ingiustificata con evidente penalizzazione della mia immagine pubblica, vi comunico che, in mancanza di rapida soluzione della vicenda, provvederò a tutelare i miei interessi in tutti i modi legittimi e in tutte le sedi opportune.

In attesa di risposta scritta vi saluto.

Bruno Mancini

Attenzione PT Poste Italiane blocca postepay con credito


Gabibbo

19 luglio 2021 17:19
a me

Gent.mo Telespettatore,
a fronte della Sua cortese segnalazione, Le trasmettiamo di seguito la risposta automatica che, per un problema tecnico, non Le è stata inviata in tempo utile dal sistema.
Ci scusiamo per il ritardo.
Un cordiale saluto.

Ciao
grazie per il messaggio che ci hai cortesemente inviato.
Ti ricordiamo che Striscia, dopo l’ultima puntata di sabato 12 giugno, riprenderà lunedì 27 settembre, ma tutte le mail che riceviamo vengono comunque lette con attenzione, anche se il loro enorme numero non ci consente di rispondere personalmente a tutti coloro che ci scrivono, tantomeno durante il periodo estivo.
Eventuali approfondimenti, quindi, potranno essere svolti solo a Settembre, in occasione della ripartenza del programma.
In ogni caso ti ringraziamo per esserti rivolto a noi.

La Redazione di Striscia

Hits: 107

Franceschini: acquisizione Monte di Pietà di Napoli e sua destinazione pubblica

Franceschini: acquisizione Monte di Pietà di Napoli e sua destinazione pubblica

Per la serie Esopo news

Franceschini: acquisizione Monte di Pietà di Napoli

Stiamo lavorando e discutendo con Banca Intesa per una ipotesi di acquisizione dello storico Monte di Pietà di Napoli da parte del ministero della cultura da destinare a uso pubblico. Discuteremo con la città e la Regione sul tipo di utilizzo migliore“. Lo ha detto il ministro della Cultura Dario Franceschini, a margine dell’inaugurazione della chiesa di San Gennaro nel Real Bosco di Capodimonte.

Roma, 6 luglio 2021

Ufficio Stampa MiC

Eppure, chi sa perché, Esopo era convinto che l’Italia avesse attivato un programma di vendita dei beni immobili.

Forse la mazzetta è maggiore quando comprano, spendendo i nostri soldi, rispetto a quando vendono i nostri beni? 

Oppure hanno deciso di fare un altro regalo di stato ad una banca amica degli amici degli amici?

Certamente già hanno deciso a chi consegnare il bene una volta acquistato.

Certamente ci raccontaqno cazzate su tutto il fronte politico. Privatizzazioni… un cavolo!

 

n cavolo!

Hits: 170

Coordinamento dei Comitati a Difesa del Diritto alla Casa della Regione Campania

Coordinamento dei Comitati a Difesa del Diritto alla Casa della Regione Campania

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Comitati a Difesa del Diritto alla Casa

ABBATTIMENTI CASE, VENERDI’ 9 LUGLIO 2021 ALLE ORE 18.00 ASSEMBLEA PUBBLICA IN PIAZZA ANTICA REGGIA A ISCHIA

Continua senza sosta nonostante la calura estiva, l’azione di protesta e di proposta del neonato Coordinamento dei Comitati a Difesa del Diritto alla Casa della Regione Campania che dopo Roma, Napoli, Gragnano, Pozzuoli ed altri comuni del Napoletano, ora sbarca sull’isola Verde dove, venerdì prossimo 9 luglio a partire dalle ore 18.00, in collaborazione col Comitato per il Diritto alla Casa delle isole di Ischia e Procida, terrà un’importante assemblea pubblica in piazza Antica Reggia a Ischia, nel piazzale antistante il Municipio.

L’assemblea pubblica di venerdì, che sarà solo la prima di varie iniziative di piazza che si intendono organizzare sull’Isola e a cui nelle prossime settimane seguirà una manifestazione di protesta, non solo servirà a presentare alle popolazioni isolane le linee guida programmatiche e gli obiettivi che si prefigge e per cui è stato fondato il Coordinamento, ma sarà anche l’occasione per fare un primo bilancio della già intensa attività portata avanti in queste settimane dal Direttivo.

Quello che in sintesi chiediamo a governo e parlamento – spiega l’ischitano Gennaro Savio, portavoce del Coordinamento regionale per il Diritto alla Casa -, è che così come avvenuto per gli sfratti la cui esecuzione da tempo è stata bloccata, vengano immediatamente sospese le demolizioni a seguito della situazione di emergenza sanitaria che ormai da oltre un anno e mezzo vive il nostro Paese a causa della pandemia da Covid-19 e della tremenda crisi economica che n’è seguita e che sta attanagliando in modo particolare le famiglie lavoratrici.

Perché è veramente assurdo, disumano ed indegno per un Paese che si definisce civile, sbattere fuori dalla propria unica casa in piena pandemia ed in piena crisi economica, nuclei familiari che al momento hanno pure difficoltà a mettere il piatto a tavola con l’aggravante di non garantire loro neppure un’alternativa abitativa.

Si chiede quindi un immediato blocca-ruspe e nelle more la soluzione definitiva di questa autentica tragedia sociale che guarda caso vede soccombere sempre e solo la povera gente. Infatti, spiega Savio – a dimostrazione che al contrario di quanto qualcuno furbescamente vorrebbe farci credere non ci troviamo dinanzi ad un’operazione di rispristino della legalità dello Stato ma dinanzi ad una colossale ingiustizia sociale, da dodici anni a questa parte nella regione Campania, tranne qualche eccezione sporadica, ad andare giù sono solo case abitate da famiglie lavoratrici e giammai la grossa speculazione edilizia affaristica, malavitosa e del cemento selvaggio che nei decenni, tra la totale indifferenza del potere politico ed istituzionale, ha distrutto coste e colline dei nostri territori. La cosa vergognosa è che invece, al contrario, proprio in piena pandemia c’è stata un recrudescenza di demolizioni che proseguiranno senza sosta nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Di qui – conclude Gennaro Savio – il mio appello ai cittadini dell’isola d’Ischia a partecipare all’assemblea pubblica che si terrà venerdì prossimo 9 giugno alle ore 18.00 in piazza Antica Reggia. Vi aspetto, non mancate

Hits: 27