Sono un pentito

Sono un pentito: avevo votato 5 stelle

Per la serie Esopo news

Sono un pentito: avevo votato 5 stelle

Sono un pentito

Solo per una sommaria analisi della situazione così come la vedo io, dico che loro NON sono entrati nei palazzo con i calzoncini corti e il cestino della merenda per seguire le lezioni dei professionisti della amministrazione clientelare, dei seguaci della bella vita filo tangentopoli, dei mistificatori di interessi lobbistici ammantati da pseudo valenze sociali, dei poltronisti urbi et orbi ecc.

Loro sono entrati con le divise del partito di maggioranza, con stendardi rappresentanti oltre un terzo degli italiani votanti, con la forza di spinte popolari al gridi di vaffa ecc e DOVEVANO governare secondo gli impegni elettorali oppure imporre il ritorno alle urne.

Scimmiottare film andreottiani già visti, oppure avallare candidature ad avvocati degli italiani tutti mentre si trama per beneficiare il gruppo finanziario del catastrofista benetton, sviluppare -nei fatti- la stagione politica del redivivo ossimoro “convergenze parallele” ideato dalla becera eloquenza democristiana, le pastette alla prodi con banche ed enti pubblici così come aziende ed infrastrutture venduti-regalati-sovvenzionati con notevoli costi a totale perdita per i cittadini ecc. non sono comportamenti che passano sotto traccia in questa epoca di grandi attenzioni pubbliche e di elevato tasso di informazione NON solo statalizzata.

Bruno Mancini

Hits: 60

100 pregiudicati tra 287 persone controllate

100 pregiudicati tra 287 persone controllate

IL DISPARI di Gaetano Di Meglio

Isola d’Ischia 25 luglio 2020

100 pregiudicati tra 287 persone controllate

Forio, movida tra multe e pregiudicati

I controlli seri e ponderati della Polizia di Stato iniziano a dare i primi frutti. Dopo la multa ad un locale del by night del comune di Ischia, gli agenti agli ordini del vicequestore Maria Antonietta Ferrara hanno passato al setaccio il giovedì foriano. Dai controlli, purtroppo, emergono dati che fanno riflettere.

Durante la serata, infatti, oltre ad essere stati sanzionati 3 bar e un ristorante perché non aver rispettato le norme anticovid, è emerso che tra le 287 persone controllate dai poliziotti 100 sono risultati pregiudicati.

COMMENTI

Bruno Mancini Però potrebbe diventare l’incentivo a nuovo tipo di turismo di tipo avventuroso!
“Regalatevi il brivido di vivere una vacanza nella nuova Cayenne (ben nota sede del famigerato bagno penale)”.

Alessandro Mancini Caro Bruno, visto che fai sul serio sappi che io,attingendo dal mio passato a vocazione turistica e profittando della mia attuale ubicazione, territoriale, satura di ogni tipo di bisogno per il tipo di turismo accennato, sono a disposizione; sia per incentivare che per ELIMINARE,

Bruno Mancini Tu sei una risorsa impagabile per ogni tipo di sviluppo turistico. Ischia non si può (non si vuole) permettere di mettere a libro paga gli impagabili, ma preferisce affidarsi a soggetti disposti alla rinuncia di tutti i loro diritti pur di essere “assicurati” per il tempo bastevole a far scattare l’erogazione della “benemerita e sacrosanta disoccupazione”. “Vuoi lavorare?” “Dimostrami che posso comprarmi la tua fame per quattro soldi e che le leggi sul lavoro le decido SOLO io”.

Gennaro Ioime Luna volta gli Ischitani fittavano alla brava gente adesso a chi coglie coglie basta che paghi di piu6

Bruno Mancini Sì certo, ma non darei la colpa solo ai fittacamere perché le responsabilità degli albergatori,delle compagnia di navigazione, di TUTTE le autorità e di tutte le categorie imprenditoriali sono ENORMI,.

Created with GIMP

IL DISPARI di Gaetano Di Meglio

Isola d’Ischia 22 luglio 2020

Ischia: Becccato in spiaggia a prendere il sole nonostante il foglio di via notificatogli la scorsa estate

I Carabinieri della Stazione di Ischia nel corso di mirati servizi, disposti dal Comando Provinciale di Napoli, finalizzati al monitoraggio dei flussi turistici con particolare attenzione ai frequentatori delle spiagge, hanno denunciato un 29enne dei Quartieri Spagnoli, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, identificato mentre prendeva il sole sulla spiaggia di “San Pietro”, è risultato essere destinatario del Foglio di Via dall’isola di Ischia, emesso la scorsa estate dalla Questura di Napoli per anni tre. Durante il servizio sono stati controllate altre 47 persone, di cui 5 risultate con precedenti di polizia. Servizi analoghi saranno predisposti nel corso di tutta la stagione turistica.

COMMENTI

La bocca della verità Lug 22, 2020 at 13:56
Risulteranno l’80% con quel provvedimento…….

Bruno Mancini Lug 22, 2020 at 14:38
“… sono stati controllate altre 47 persone, di cui 5 risultate con precedenti di polizia” una percentuale di oltre il 10% di delinquenti è la preoccupante fotografia dell’attuale turismo ischitano.

Karl Lug 23, 2020 at 11:16
Infatti, Ischia puo’ essere fiera del suo turismo.

Giulia Lug 23, 2020 at 0:06
Penso che sia giusto 80% siamo veramente nella mer@a…

Michele Lug 23, 2020 at 11:30
Che bello…accettate di affittare case ai delinquenti e poi vi lamentate perché vanno a prendere il sole in spiaggia.
A proposito, c’è bisogno di aspettare che vadano in spiaggia per scoprirli? Le affittanze non vanno dichiarate alle autorità con nome e cognome di tutti gli inquilini? Quindi, c’è qualcosa che non torna.

Hits: 110

ASL Campania

ASL Campania

«Visita al Rizzoli prenotata a febbraio, cancellata perché non urgente!»

Isola d’Ischia – 22 Luglio 2020 IL DISPARI

ASL Campania

Sarà pur vero che l’emergenza Covid-19 ha rivoluzionato e sconquassato tutte le attività, in particolare nella sanità, ma quanto segnalato da un nostro lettore per il solito episodio assurdo verificatosi al “Rizzoli” non può essere addebitato esclusivamente alla pandemia. Anche perché ritardi e disservizi si registravano già prima.
Ma vediamo cosa è accaduto al nostro anziano lettore, che il 4 febbraio (dunque prima dell’emergenza sanitaria) aveva prenotato una visita pneumologica da effettuare il 20 luglio.

Ebbene, «il 20 luglio alle ore 9.30 mi sono recato all’ospedale Rizzoli per pagare il ticket e per sapere se alle 15.10 mi avrebbero sottoposto a visita. Mi hanno risposto rispondono che non ci sarebbe stata alcuna visita e alle mie rimostranze sono stato invitato a recarmi nuovamente dal mio medico per una nuova prescrizione, questa volt con carattere di urgenza. Ho 73 anni e per me è stato difficoltoso e faticoso recarmi in ospedale alle 09.30, figuriamoci alle 15.10. Un’avventura da dimenticare, di cui mi sto ancora chiedendo i motiv e dove fosse il medico che mi doveva visitare…».

Forse le visite in questa fase 3 possono essere effettuate solo se rivestono carattere di urgenza? Ma nessuno lo ha spiegato e comunicato ai pazienti che si erano prenotati mesi e mesi fa, addirittura come detto prima dell’arrivo della pandemia in Italia. Disorganizzazione e menefreghismo per le esigenze e i problemi degli utenti. Con questo caldo africano, si possono ben immaginare i disagi e le sofferenze di un anziano costretto a fare la spola tra ospedale, medico di base e viceversa. L’ennesimo episodio della malasanità isolana che purtroppo in tempi di pandemia sta colpendo ancor più duro e sempre i più deboli.

COMMENTI

Bruno Mancini

Cosa dire del fatto che il CUP (Tel. 0125853013) NON accetta impegnative con carattere di urgenza (né quelle entro le 72 ore né quelle a 10 giorni) e per quelle “programmabili” (ossia senza limiti temporali) relative ad alcune analisi rimanda ad una nuova richiesta da effettuare in data non specificata, in quanto l’agenda di prenotazione è piena fino alla fine di settembre e l’agenda dei mesi successivi NON è attualmente disponibile?
Ciò ANCHE se si tratta di una prestazione che era stata messa in lista di attesa (da novembre 2019) per lo scorso mese di aprile e poi annullata dai decreti della Regione x il COVID!
Quindi è molto probabile che, alla fine, trascorra più di un ANNO tra la richiesta iniziale e la erogazione effettiva della prestazione.
E De Luca, senza pudore, continua a magnificare “l’eccellenza” della sanità campana…
Ovviamente parlo con una precisa e ineccepibile documentazione…

ASL Napoli analisi rifiutata - urgente 72 ore - 06 Luglio 2020

ASL Napoli analisi rifiutata – urgente 72 ore – 06 Luglio 2020

ASL Napoli analisi rifiutata - urgente 10 gg 21 Luglio 2020

ASL Napoli analisi rifiutata – urgente 10 gg 21 Luglio 2020

Elisabeth Homolová

Este trist, 

Aurora Cerenza

Vero prima del covid era un disastro oggi è ancora peggio la mala sanità ci sguazza in questi tristi periodi

Hits: 153

La lapide affranta – Per la serie “Esopo news”

La lapide affranta – Per la serie “Esopo news”

La lapide affranta

Esiste una morale che regola le gerarchie tra le lapidi?

Questa è la domanda che mi sono posto al cospetto della lapide del più importante Comune dell’isola d’Ischia.

Il Comune di Ischia noto in tutto io mondo per le sue bellezze naturalistiche non meno che per i suoi trascorsi storici.

Ricordare gli illustrissimi e innumerevoli personaggi, positivi negativi e neutri, che vi hanno almeno soggiornato per qualche giorno se non governato per lunghi periodi, diventerebbe un improbo lavoro da topo di biblioteca che non ho alcuna intenzione di effettuare, così che mi accontento di dare per scontato che lo sciame dei lettori se ne faccia un personalissimo sommario elenco.

Indubbiamente, alle lapidi poste a memoria e a postuma gratificazione di coloro che hanno immolata la propria vita in azioni di estrema difesa del bene comune (penso ai caduti nelle guerre di liberazione dalle tirannidi) spetta una posizione di privilegio rispetto alle lapide commemorative di episodi di stretto stampo politico (e mi riferisco, ad esempio, a quelle che ricordano la data di qualche avvenimento importante per l’assetto amministrativo nazionale come potrebbe essere la proclamazione della Repubblica).

Se in questa piramidale gerarchia l’ultimo posto è occupato dalle targhe decise dalle commissioni  per l’odonomastica cittadina, non si può non tenere conto dell’esistenza di situazioni intermedie che spopolano sui muri di tutte le località italiane.

Come, ad esempio, i marmi posti nel corso di varie epoche, antiche e moderne, per informare e definire i limiti e le attribuzioni di ciascun borgo.

Insomma un classico biglietto da visita, inchiavardato sulla parte più trafficata ed evidente di ciascuna entità territoriale.

Ischia, la perla del Mediterraneo, l’isola dagli innumerevoli pregi, l’isola dei sogni e delle speranze, Ischia ha la sua carta d’identità nazionale scalpellata in una lapide di marmo scuro posta sul centralissimo Corso Vittoria Colonna.

La lapide della vergogna per l’incuria in cui è tenuta.

Ma Esopo fa notare che la lapide affranta è stata consolata dalla “natura” che si è preso il compito di adornarla con un cespuglio di vegetazione perenne.

Dove l’uomo abbruttisce per egoismo pubblico e privato la sua permanenza sulla terra, la natura attiva i suoi poteri per ribadire la sua supremazia non solo fisicamente totale ma anche moralmente ineccepibile.

COMUNE D’ISCHIA

CAPOLUOGO DI CIRCONDARIO

COLLEGIO ELETTORALE DI POZZUOLI

DISTRETTO DI POZZUOLI

PROVINCIA DI…

Bruno Mancini

Esopo news

onorevoli e Parassiti – Esopo news

onorevoli e Parassiti – Esopo news

Pinete – Esopo news

Pinete Esopo news

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

Legalizzare l’illegale – Esopo news

Lampione stradale ischitano – Esopo news.

fb account bloccato – Insulsi cervelletti. Esopo news

Hits: 144

Antonio D’Amore ASL NA 2 Nord

Esopo news:

Qualcosa non quadra (per noi) ma è ok (per altri)

A maggio del 2019, in piena stagione turistica di grande boom per l’isola d’Ischia, l’hotel Antares di Lacco Ameno cercava disparatamente clienti ai quali affittare le sue camere al prezzo di 5,99 euro a notte (cinque euro e 99 centesimi) così come risulta da un articolo pubblicato sul quotidiano IL DISPARI di Gaetano Di Meglio

Ischia e le offerte shock: 6,00 euro a notte in un hotel 3stelle

Ora, in un articolo di IDA TROFA

leggo che l’ASL NA 2 Nord di Antonio D’Amore

Antonio D'Amore

si vanta di aver stipulato un accordo che prevede il pagamento di 20 euro al giorno a persona e mi chiedo:

  • 1) Sono io che sono scemo e non so leggere?
    2) Si tratta di un’omonimia e sono due alberghi differenti?
    3) A Ischia il mese di marzo di un’annata di crisi profondissima (2020) è, per gli alberghi, più remunerativo del mese di maggio di un’annata boom (2019)?
    4) I soldi spesi dall’l’ASL NA 2 Nord di Antonio D’Amore non sono dei cittadini italiani ma sono ereditati con la clausola che debbano essere SPRECATI?
    5) Ida Trofa racconta panzane?
    6) Detto con un eufemismo: qualcosa non quadra (per noi) ma è ok (per altri)?

Esopo scommette un euro bucato che il politichese girerà la frittata e tutti continueranno a mangiare polpette.

Hits: 42