Le crepe G7 G10 Ischia

Le crepe G7 G10 Ischia – Qualcuno ha torto – Qualcuno ha abusato delle sue competenze

Ischia 17 Ottobre 2017

Per la serie Esopo news 

Le crepe G7 G10 Ischia

Le crepe G7 G10 Ischia

Con l’approvazione da parte del Questore di Napoli Antonio De Iesu del corteo anti G7 organizzato all’insegna di “Stop G7” ed in partenza da Napoli il prossimo 19 Ottobre alle ore 10 per giungere a Ischia dove manifesterà le sue contestazioni alle politiche messe in atto dall’attuale governo nazionale; e con il rifiuto di ordinare la chiusura della Sede distaccata di Ischia del Tribunale di Napoli comunicata dal Presidente del Tribunale di Napoli Ettore Ferrara al Presidente dell’associazione forense dell’isola d’Ischia, Francesco Cellammare, che ne aveva sollecitata la disposizione; si  evidenziano corpose frizioni (di certo almeno concettuali) tra Questore e Presidente del Tribunale da una parte e tutti gli altri organismi statali che hanno emesso ordinanze nei giorni scorsi in difesa dell’ordinato svolgimento del G7 previsto a Ischia dal 19 al 20 Ottobre 2017.

Infatti, diversamente dalla Questura e dal Presidente del Tribunale di Napoli, la Polizia di Stato, la Capitaneria di Porto, la Polizia municipale, la Prefettura, i Sindaci hanno emesso disposizioni – ordinanze – delibere ecc. determinanti per la tutela sì ma anche per la “momentanea” soppressione dei più elementari diritti costituzionali del popolo italiano, la cui lettura presenta  oltremodo evidenti le dicotomie dei comportamenti messi in atto da organismi statali preposti tutti, in teoria, alla difesa dell’unico e vero bene da difendere in questa Italia super civilizzata: la pace sociale.

Bruno Mancini

Lascia un commento