Il Dispari 20180618 – Redazione culturale

Benvenuti

Il Dispari 20180618 – Redazione culturale

Il Dispari 20180618

Il Dispari 20180618 – Redazione culturale

Editoriale

Intervista esclusiva per “Il Dispari” di Caterina Guttadauro

Don Backy: “Sarò con DILA al Bookcity Milano #BCM18”

Nella pagina culturale del 4 Giugno scorso abbiamo pubblicato il prologo alla lunga intervista che Don Backy ha rilasciato in esclusiva alla nostra Caterina Guttadauro.
Oggi vi proponiamo una delle tre parti dell’intervista in cui l’abbiamo divisa per motivi di spazio, dandovi appuntamento a lunedì 25 per un’altra puntata.
Di questa prima parte è interessante sottolineare il “Quasi certamente” con cui Don Backy ha risposto alla domanda con la quale gli è stato chiesto se l’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA” potrà contare, in occasione dell’evento che essa proporrà a Novembre nell’ambito del Bookcity di Milano, sulla sua presenza e sulla sua preziosa voce per declamare versi suoi o di altri poeti.
Al “Quasi certamente” Don Backy ha aggiunto “… se posso molto volentieri sarò presente” che limita l’impossibilità della sua presenza alla sola ipotesi che si perfezioni un contratto per alcuni suoi concerti in Australia in quello stesso periodo.

Caterina Guttadauro:

– Buongiorno Don Backy e grazie per averci concessa questa intervista esclusiva per il quotidiano “Il Dispari” di Gaetano Di Meglio.
Posso iniziare chiedendole come è avvenuto il suo incontro con la nostra Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA“?

Don Backy:

– Non ricordo esattamente come è avvenuto l’incontro con la DILA.
È avvenuto molti anni fa, di questo ne sono certo.
Forse ho letto qualcosa che riguardava Ischia e con Bruno Mancini siamo entrati in contatto e da quel momento io ho aderito ad alcune iniziative che mi sono state sottoposte come quella di leggere alcune poesie, appunto.

Caterina Guttadauro:

– La Musica e l’Associazionismo possono percorrere la stessa strada, considerato che entrambi sono esplicitazione di esigenze, disagi, conflitti, desideri e sogni?

Don Backy:

– Beh! Ritengo di sì, anche se comunque la musica è sempre rivolta, nonostante a volte cerchi dei concetti insomma importanti, comunque rivolta ad un fatto ludico, insomma un fatto di piacere. L’Associazionismo è qualcosa di più attento ai problemi sociali.

Caterina Guttadauro:

– DILA, come è possibile, sarà anche quest’anno a Milano Bookcity 2018.
Possiamo contare sulla sua presenza e sulla sua preziosa voce per declamare versi suoi o di altri poeti?

Don Backy:

– Quasi certamente.
Bruno Mancini me l’ha chiesto e io quasi certamente tenterò di essere presente al Bookcity milanese nel vostro stand.
Dipenderà anche dai miei impegni in quel momento in cui avverrà questa manifestazione perché ho anche proposte per andare a fare dei concerti in Australia e quindi se dovesse arrivare quel tipo di proposta, no la proposta c’è già, se dovesse arrivare il mio consenso appunto a fare quella tournee allora difficilmente potrei essere in due luoghi contemporaneamente.
Altrimenti, insomma, se non vado in Australia cercherò di essere presente anche per presentare non soltanto la pentalogia “Memorie di un juke book che è una storia fantastica stupenda realizzata in 5 volumi da me medesimo, fornita di una documentazione imponente fatta di documenti articoli fotografie canzoni lettere ecc. ecc. che sono state parte della mia storia personale e che sono pubblicate insieme al racconto che va dal 1955 al 2012.

Cinque volumi, spero di poter venire ad illustrarli in quella occasione e parlare anche al limite di “Io che miro in tondo” che è questa creatura nata nel 1967 e ripubblicata nel cinquantenario della sua prima pubblicazione, nel 2017. Ecco se posso molto volentieri sarò presente.

Caterina Guttadauro

XX Edizione Premio Magna Grecia New York – Latina
ideato da Milena Petrarca: alunni premiati.

Nel Museo della Terra Pontina, diretto in maniera eccellente dalla Dott.ssa Manuela Francesconi, il 3 Giugno, organizzato dall’Associazione “Magna Grecia New York Latina” presieduta dal celebre commediografo americano Mario Fratti, si è svolta la cerimonia di premiazione del Premio di pittura/disegno riservato agli alunni delle scuole dell’obbligo.

Milena Petrarca, pittrice e poetessa, ideatrice ed organizzatrice del Premio Magna Grecia (e vincitrice dell’edizione 2017 del premio di Arti grafiche bandito dalla nostra Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”), ha consegnato medaglie, diplomi e simbolici doni a circa 40 alunni applauditissimi dal vasto pubblico che gremiva la sala e ogni altro angolo del Museo.
Con i complimenti della Redazione di questo giornale.

Il vincitore della sezione pittura è stato Vincenzo Middei – scuola Elementare “Gian Battista Vico” Latina – maestra Emma Castelnuovo.

Il vincitore della sezione canto è stato Vincenzo Middei – scuola d’Arte “L’anfiteatro” – insegnante di canto Simona Sanita.

I seguenti allievi, che hanno ricevuto il primo premio ex aequo, fanno parte della scuola elementare “Gianni Rodari”, diretta dalla Dott.ssa Eliana Valterio, della quale la Prof.ssa Milena Petrarca è l’insegnate del corso di pittura.

Ludovica Casadei, Laura Sofia Marinucci, Giorgia Parisi, Romano Frerè, Francesco Autieri, Gabriele Vittoria, Alessandro Avolio, Angelica Di Gloria, Chiara Roberta Di Giacomo, Irene Proietti, Arianna Polzelli, Claudia De Giorgio, Angelo Battisti, Sofia Orsini, Linda Ercolani, Giulia Marfisi, Vincenzo Costa, Nicolò De Giorgio, Riccardo Accapezzato, Lucrezia Altobelli, Dario Feliciangeli, Valeria Falcione, Lorenzo Ciuffreda, Davide Polzonetti, Angelica Siniscalchi, Ludovica Miraglia, Gaia Salvatori, Giulia Ciuffreda, Giorgia Di Pinto, Vanessa Di Pinto, Carlotta Anastasia, Asia Papa, Sophia Valentino, Giorgia Del GustoElisabetta Furno, Matilde Marchetti, Ludovica Marignetti.

Il Dispari 20180611 – Redazione culturale

Il Dispari 20180611

Il Dispari 20180611 – Redazione culturale

Editoriale

Due esempi da imitare: Manuela Francesconi, Milena Petrarca

Lo scorso 3 Giugno si è svolta, nel Museo della terra Pontina a Latina diretto dalla Dott.ssa Manuela Francesconi, la cerimonia di premiazione della XX edizione del Premio internazionale “Magna Grecia New York – Latina” organizzato dall’omonima Associazione culturale presieduta dal celebre commediografo americano Mario Fratti e rappresentata in Italia dalla pittrice poetessa Milena Petrarca.

Il primo esempio che mi piace offrire alla vostra attenzione consiste nella dinamica gestione del Museo che lo rende costante polo di attrazione di numerosissime attività culturali gravitanti in tutto il circondario della provincia di Latina.
Ciò è, senza dubbio, un merito della Direttrice Dott.ssa Francesconi che abbina la rigorosa attenzione per la corretta fruizione degli spazi museali, alla graziosa accoglienza che riserva agli organizzatori e agli ospiti degli eventi.
Già quando siamo arrivati nell’atrio del Museo, circa mezz’ora prima dell’inizio dell’evento, c’era molta gente ad aspettare, gente di ogni età: dagli 8 mesi di un bimbo al seguito dei genitori, agli 88 anni ben portati dal poeta Giovanni Rotunno.
Per l’intera mattinata alcune centinaia di persone di disuguali livelli culturali, hanno riempito fino all’inverosimile sale e corridoi dei due piani del grande Museo, senza permettersi la “leggerezza” di far cadere una sola carta in terra e senza alzare il tono della voce oltre il livello di un ascolto civile.
Di questa seria e competente attività organizzatrice, e di tante altre eccellenti soluzioni messe in atto per incrementare la visibilità dei reperti custoditi nel Museo, certamente il merito principale va alla Direttrice Manuela Francesconi.

Il secondo esempio viene suggerito dalla perfetta programmazione messa in atto da Milena Petrarca che è riuscita a conciliare l’emozione della premiazione di piccoli pittori delle scuole medie ed elementari di Latina, con la suggestione delle pergamene donate a personaggi molto importanti della scena artistica e culturale italiana, e non solo italiana.
Milena Petrarca ha suggellato il successo della manifestazione coinvolgendo Artisti e spettatori provenienti da ogni angolo d’Italia, e intendo dire dalla Sicilia alla Romagna, dalla Liguria alla Campania, dalla Puglia al Veneto e alla Lombardia, e l’ha fatto con la sola offerta di un momento di convivio culturale (quasi un banchetto puramente intellettuale per adepti) , evitando qualsiasi altra “attrazione – lusinga” quali sono quelle solite dei buffet e dei rinfreschi gratis!
Milena Petrarca è una donna che ha ben chiare le linee da tracciare tra la cultura e la speculazione pseudo culturale.
Brava!

Di Milena Petrarca abbiamo già scritto altre volte su questa pagina, e siamo sicuri che lei ci darà ancora occasioni per scrivere delle sue interessanti iniziative culturali, ma chi è Mario Fratti, Presidente dell’Associazione “Magna Grecia”?
Ve lo facciamo conoscere spulciando tra le tante informazioni con le quali lo presenta Wikipedia: “Laurea in Lingue e Letterature Straniere alla Università Ca’ Foscari a Venezia… il suo primo dramma “Il nastro”, vincitore del premio RA… negli Stati Uniti, sin dal suo arrivo da Venezia, nel 1963, lo accoglie con favore la critica…. attualmente la sua produzione assomma oltre 100 opere… conoscenza profonda della letteratura americana… ha insegnato a New York nella prestigiosa Columbia University e poi all’Hunter College… Nel 1962 presentò al Festival di Spoleto il suo atto unico “Suicidio”… Lee Strasberg lo invitò a presentare all’Actor’s Studio di New York il suo atto unico “Suicidio”… Le sue opere, tradotte in 20 lingue, sono state rappresentate in 600 teatri di tutto il mondo… una sua commedia scritta nel 1981, Nine, è diventata un musical d’enorme successo di pubblico e di critica, un vero e proprio fenomeno teatrale con oltre duemila repliche… negli USA ci sono state 36 produzioni di Nine; una a Londra, una a Parigi ed una a Tokyo… molti riconoscimenti fanno un elenco lunghissimo… per brevità si citano il premio Selezione O’ Neil, il Richard Rogers, l’Outer Critics, l’Heritage and Culture, l’Otto Drama Desk Awards e ben sette “Tony Award”, premio che nel teatro è come l’Oscar per il cinema… a partire dal 2014 la società KIT – Kairos Italy Theatre e l’Istituto Italiano di Cultura di New York gli hanno intitolato il Premio Mario Fratti (Mario Fratti Award) assegnato a un testo teatrale inedito di autore italiano. Tra i vincitori Carlotta Corradi, Pier Lorenzo Pisano, Emanuele Aldrovandi, Paolo Bignami e la coppia Chiara Boscaro e Marco Di Stefano… ecc.

Pubblico, cultura, organizzazione sono state tre perle del Premio internazionale “Magna Grecia New York – Latina” presentato in Museo degno di grandi attenzioni.

Bruno Mancini

Associazione internazionale “Magna Grecia New York – Latina” presieduta da Mario Fratti

XX Edizione: Milena Petrarca, Presidente per l’Italia, ha premiato Bruno Mancini per la “PROMOZIONE CULTURA E ARTE INTERNAZIONALE PREMIO SPECIALE ALLA CARRIERA”.

ELENCO PREMI e PREMIATI:
TEATRO E CINEMA Barbara De Rossi; REGIA TEATRALE Francesco Branchetti; CINEMA – TEATRO Mino Sferra; REGIA CINEMATOGRAFICA – FOTOGRAFIA Luca Gianfrancesco;
TEATRO SOCIALE DRAMMATURGIA Rosaria Zizzo; ARTE – PITTURA ASTRATTA, INFORMALE, CONCETTUALE Bartolomeo Ciampaglia; ARTE – PITTURA Alessia Gaveglia; POESIA DIALETTALE Vincenzo Teti; POESIA Tiziana Valentini; LETTERATURA: NARRATIVA Claudia Saba; LETTERATURA COMBINATORIA NARRATIVA INFANTILE: Maria Rosaria Longobardi; SPETTACOLO, LIRICA, SOLIDARIETÀ: Paola Occhi; PROMOZIONE CULTURA E ARTE INTERNAZIONALE PREMIO SPECIALE ALLA CARRIERA Bruno Mancini; PROMOZIONE CULTURALE LETTERATURA Angela Dibuono; ALLA CARRIERA PER ALTI MERITI SOCIALI ED UMANITARI Antonio Vitale; ALLA MEMORIA All’EROE Nicola Lavieri; NOMINA SPECIALE Angela Maria Tiberi; NOMINA SPECIALE: Flora Rucco; Premio MENZIONE SPECIALE Isabella Giannone; MENZIONE SPECIALE: Enzo Bonacci.

Premio Magna Grecia New York – Latina

Il vincitore della sezione pittura è stato Vincenzo Middei – scuola Elementare “Gian Battista Vico” Latina – maestra Emma Castelnuovo.

Il vincitore della sezione pittura è stato Vincenzo Middei – scuola d’Arte “L’anfiteatro” – insegnante di canto Simona Sanita.-

I seguenti allievi, che hanno ricevuto il primo premio ex aequo, fanno parte della scuola elementare “Gianni Rodari”, diretta dalla Dott.ssa Eliana Valterio, della quale la Prof. Milena Petrarca è l’insegnate del corso di pittura.

Ludovica Casadei, Laura Sofia Marinucci, Giorgia Parisi, Romano Frerè, Francesco Autieri,
Gabriele Vittoria, Alessandro Avolio, Angelica Di Gloria, Chiara Roberta Di Giacomo, Irene Proietti, Arianna Polzelli, Claudia De Giorgio, Angelo Battisti, Sofia Orsini, Linda Ercolani,
Giulia Marfisi, Vincenzo Costa, Nicolò De Giorgio, Riccardo Accapezzato, Lucrezia Altobelli,
Dario Feliciangeli, Valeria Falcione, Lorenzo Ciuffreda, Davide Polzonetti, Angelica Siniscalchi, Ludovica Miraglia, Gaia Salvatori, Giulia Ciuffreda, Giorgia Di Pinto,
Vanessa Di Pinto, Carlotta Anastasia, Asia Papa, Sophia Valentino, Giorgia Del GustoElisabetta Furno, Matilde Marchetti, Ludovica Marignetti.


Il Dispari 20180604

Il Dispari 20180604 – Redazione culturale

Bruno Mancini | Editoriale

Don Backy al Bookcity #BCM18

Nella mitologia greca e romana si narrava di nove Muse, protettrici di varie discipline artistiche, che sono ricordate con i nomi di Calliope (in greco “dalla bella voce”, era l’ispiratrice della poesia epica); Erato (il nome deriva da Eros ed era considerata l’ispiratrice della poesia lirica e del canto corale); Clio (“colei che può rendere celebri” era la Musa della storia); Euterpe (nella mitologia greca e romana era la Musa della musica, protettrice di strumenti a fiato); Melpomene (“colei che canta la tragedia” era la Musa del canto, dell’armonia musicale e della tragedia); Polimnia (Musa protettrice dell’orchestica, della pantomima e della danza associate al canto sacro e eroico); Talia (thallein, cioè fiorire, era colei che presiedeva alla commedia ed alla poesia bucolica); Tersicore: (dal greco terpsichórē parola composta da τερπέω “mi piace” e χoρός “danza”, in latino Terpsichŏre, era la Musa della danza); Urania: (dal greco antico ouranos “cielo”, figlia di Zeus e di Mnemosine era la Musa dell’astronomia e della geometria).

Da ciò si evince che in quel periodo storico, tra le attività artistiche, si includevano anche la storia, l’astronomia e la geometria, e la poesia godeva di diverse Muse ispiratrici e protettrici in quanto acquisiva differenti connotati secondo che fosse identificabile come epica, lirica, sacra, eroica o bucolica.

Oggi, dopo che sono trascorsi un paio di millenni dalla predetta catalogazione, possiamo allungare l’elenco delle categorie artistiche aggiungendovi molte altre forme di manifestazione delle emozioni umane, come potrebbero essere la popolare cinematografia, o la più elitaria realizzazione di bonsai.

E, quindi, possiamo paragonare l’Arte ad un universo composto da alcune decine di nebulose al cui interno ruotano meteore insignificanti, e brillano di luce propria stelle di incomparabile splendore.

Se è vero che ciascuno di noi, anche i più refrattari all’arte ed anche gli individui maggiormente raziocinanti, hanno una o più preferenze tra le varie opzioni offerte dall’universo artistico, è anche vero che la musica, in tutte le sue espressioni, è senza dubbio la nebulosa più densa di elementi attivi e maggiormente soggetta a fenomeni di idolatria.

Infatti, nella nebulosa “Musica” non è difficile rinvenire stelle dalla luce tanto ammaliante da farle assurgere, nella considerazione collettiva, al livello di moderne divinità.

Sono i MITI, stelle che nemmeno i millenni potranno far dimenticare.

Presley, Chopin, Caruso, Beethoven, sono solo un minimo elenco di MITI MONDIALI della nebulosa “Musica” ai quali, peraltro, fanno corona NOSTRI MITI PERSONALI che, a volte, possono regalano emozioni di assoluta universalità.

Don Backy è un MITO INTERNAZIONALE ed è anche un MIO MITO PERSONALE.

Potete immaginare la felicità che ho provato quando ha accettato di leggere, un paio d’anni fa per la prima volta nella sua vita, alcune mie poesie.

E potete immaginare il compiacimento che provo adesso nel comunicarvi che Don Backy ha accolto con favore la mia richiesta di farsi intervistare per la pagina culturale di questo quotidiano “Il Dispari che il Direttore Gaetano Di Meglio rende affabilmente disponibile ogni settimana per notizie, recensioni, racconti, poesie, ecc. raccolte dalla Redazione che fa riferimento alla nostra Associazione culturaleDa Ischia L’Arte – DILA.

Nell’intervista, felicemente realizzata dalla scrittrice Caterina Guttadauro La Brasca, Don Backy esprime le sue considerazioni su una lunga serie di usi e costumi propri della società attuale: dalla trasformazione della commercializzazione della musica, fino alla esecrabile persistenza di violenze sulle donne, per poi confermarci la sua quasi certa attiva partecipazione durante il prossimo evento che proporremo nell’ambito del Bookcity Milano #BCM18.

Alla euforia che ci ha procurato questa ultima affermazioni, Don Backy ha voluto aggiungere la lettura di altre quattro mie poesie i cui testi, potrete leggere in calce a questo articolo.

La lunga intervista andrà “in onda”, a puntate, su questa pagina a partire da lunedì 18 Giugno. Abbiate pazienza, grazie!

Brulichio

Brulichio di tante palline
buttate a caso insieme per terra.
Come fai a parlarmi?
Quel fiore che vive una notte
per ogni
cent’anni.
Come fai a parlarmi?
Ricordarmi qualcosa.
A quest’ora. A quest’ora.
La pelle ubbriacata
come s’io stessi ancora
ad ungerla di gin
nell’ombelico vuoto piccola coppa,
e a grande mano
stendessi al seno,
al collo.
Girati.
Tutta la schiena
e natiche.
Piuma.
Sulle montagne
un forte vento di neve
ha ricoperto gli alberi.
Come fai a parlarmi?
Quella tua lunga verginità
presa in due ore
su un letto di tovaglie.
Brulichio di tante palline
buttate a caso insieme per terra

—-°°°°—-

Eppure

Eppure tu mi chiederai d’illuderti
tra i petali gialli
di quei cespugli,
sbocciati ieri,
nel bosco delle nebbie dense
un dì rifugio per i tuoi fantasmi.

Eppure tu mi sceglierai Caronte
di quel naviglio a punta gialla
traghetto d’incoerenze,
fermo da ieri,
sul turbine torrente
delle tue antiche trepidazioni.

Eppure tu ti mostrerai distesa
sul tuo divano verde
accanto al fuoco,
smorzato ieri,
per vivere la sfida alle donnine nude
sensuali sul canale novecento.

Eppure tu mi spingerai a rompere la porta
dalla cornice verde
a guardia del tuo letto,
dipinta ieri,
per le tue nuove notti di baldoria.
Ingresso a inviti.

Oppure…
tu m’incanterai col tuo dilemma
a penna verde
“Qui tutto o niente”,
scarabocchiato ieri,
sul fronte dello scrigno
dov’è mistero la tua complicità.

Il tuo destino è detto.
Il mio destino è udirlo.

—-°°°°—-

Davanti al tempo

Vanire in dolcezza di forma,
sospesa apparenza,
nel gorgo di volute fughe
è l’ultimo ponte.

E tutto si genera nuovo
sparso tra fossili addii.

Poi l’ombra assorbe.
“Ora che odi
lo schiudersi del labbro
stimoli palpiti inganni”.

Acuminata nullità
passione senza pensiero.

—-°°°°—-

Sembri

Oggi.
Oggi dai trespoli selvagge cocorite
oggi da Chio sovrana tralci di vitigni
oggi etiopi zefiri ambrati
giallo deserto
di sabbie egiziache
oggi sui prati delle tue lusinghe
affascinanti.

Così o come
nel fertile appanno
la goccia sul vetro.

Il Dispari: una pagina per DILA

IL DISPARI 2015 – 2016

IL DISPARI 2017

IL DISPARI 2018

DILA

Premi Otto milioni

Lascia un commento