Il Dispari 20180528– Redazione culturale

Benvenuti

Il Dispari 20180528– Redazione culturale

Il Dispari 20180528

Il Dispari 20180528– Redazione culturale

Editoriale

L’editoriale di questa settimana è una mia espressione, forse poetica, riferita ad una vicenda realmente vissuta.

Cinque mesi

Sicut
I didn’t was
dolorido
i ka hopena o kaʻau
idem
I don’t am
exaltado
i kēia manawa i ka puna piha.

E questo è tutto.

23 Maggio 2018

Bruno Mancini

Omaggio a Giuseppe De Santis con Milena Petrarca e Flora Rucco

Uno degli appuntamenti da non perdere all’interno del Maggio Sermonetano è la Mostra d’arte figurativa “Omaggio a Giuseppe De Santis”, regista di Fondi, organizzata dall’Associazione Giuseppe De Santis, dall’Associazione Musicinecultura in collaborazione con l’Archeoclub di Sermoneta.

La Mostra è patrocinata dal Comune di Sermoneta, dal Comune di Fondi e dalla Presidenza del consiglio Regionale del Lazio ed è stata inaugurata il 19 Maggio 2018.

L’allestimento si sviluppa all’interno della Chiesa di San Michele Arcangelo di Sermoneta in un connubio perfetto tra antico e contemporaneo.

Fabiola Lauretti, una delle organizzatrici, spiega che la mostra ospita le opere di artisti provenienti dal territorio, ma anche da varie parti d’Italia.

Espongono, infatti, Amegonodeo Cardone, Andrea Mansillo, Angelo Salvatori, Anna Colaiacovo, Antonio Miele, Armando Sodano, Barbara Reale, Bartolomeo Ciampaglia, Cecilia Felici, Dante Malori, Denise Citro, Egidio Rinaldi, Ernestina Zavarella, Fabrizio Alvaro, Fernando Palmacci, Fiorenzo Civiero, Flora Rucco, Francesca Cinquegrana, Gabriella Zingale, Gino Meddi, Giovanna Sacchetti, Giuseppe Luigi Mastromattei, Guido Santella, Livia Cucchi, Lucia Paparello, Maria Pezzella, Maria Tufano, Mario Capozzella, Mauro Bianchi, Melina Cesarano, Paola Iotti, Rita Denaro, Rossella Segneri, Salvatore Santo, Silvia Ridini, Vincenzo Del Signore.

Tutti con maestria ed espressività hanno reso omaggio alla produzione del noto regista di Fondi.

È stato pensato un percorso espositivo innovativo che si sposa bene con lo spirito che caratterizza il Maggio sermonetano.

Una mostra quindi contenitore di eventi, spiega Sonia Testa, Presidente dell’Archeoclub di Sermoneta, che ospita al suo interno spazi dedicati alla musica, alla letteratura e ancora all’arte in generale.

Inoltre, nel suggestivo Oratorio dei Battenti, è stata allestita una Mostra d’arte figurativa con le espressive opere della pittrice Milena Petrarca, vincitrice del Premio Arti grafiche “Otto milioni” edizione 2017 bandito dall’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA“, e con opere della pittrice Flora Rucco, Vice Presidente delegato Regione Lazio per la Sede operativa di Pontinia dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”, che rendono omaggi al celeberrimo film “La Ciociara“, girato a Sermoneta, tratto dal romando di Moravia con protagonista l’attrice Sophia Loren.

La mostra è ad ingresso libero e resterà aperta fino al 17 Giugno 2018 tutti i sabato e domenica, dalle ore 10:30-13:00 – 16:30-19:00.

DILA: Ufficio stampa sede operativa Pontinia.

Annamaria Cerro intervista i vincitori del premio “Note sul mare” ideato da Maria Luisa Neri

Grazie all’ospitalità che ci è stata offerta da Maria Lusia Neri (Presidente dell’Associazione “Arte del Suonare“, Socia fondatrice nonché Direttrice Artistica dell’Associazione culturale Da Ischia L’Arte – DILA“), che ringraziamo, abbiamo avuto l’opportunità di intervistare, in esclusiva per Il Dispari, i protagonisti della fase finale del premio “Note sul mare“.

Ecco un sunto delle loro risposte con il proposito di sbobinare tutte le interviste per poi pubblicarle su questa pagina in una delle prossime settimane.

Ares Midiri,

12 anni,vive nelle Marche. Da tre anni e mezzo suona il violino e dice: “Il mio maestro è Luca Mengoni. Sogno da grande di diventare un gran professionista violinista e voglio andare anche all’estero per acquisire tanta esperienza”.

Luca Romanelli,

chitarra classica, 14 anni: “Ho scelto la chitarra classica perché nella mia scuola non c’erano altri strumenti. Il mio sogno è avere tanti appuntamenti musicali. Voglio lasciare una piccola traccia di me.”

Sara Smith

è di San felice Circeo. Ha 17 anni e studia canto lirico da tre anni a Latina presso il liceo musicale Alessandro Manzoni: “Cantavo nel coro della parrocchia è poi ho iniziato il liceo. Il mio sogno è diventare soprano con molta esperienza in Italia e poi all’estero”.

Andrea Magliocchietti,

24 anni: “Suono la chitarra classica dall’età di 14 anni. Ho iniziato all’età di 10 anni in famiglia. La mia mamma mi ha suggerito di suonare chitarra. Diplomato al conservatorio Santa Cecilia. Il mio lavoro è il mio hobby. Ho riscontrato una bella atmosfera, oggi sono stato a mio agio.”

Elena Ramona Munteanu

è nata in Romania: “Dall’età di sei anni suono pianoforte e studio interpretazione. Attualmente il mio sogno migliorare me stessa”.

Matteo Morbidelli,

13 anni da Bracciano, vincitore premio speciale Archi: “Violinista è una passione presa da mio fratello. Ho iniziato all’età di 5 anni ed acquistato il primo violino all’età di 6 anni. Sogno di diventare violinista a livello mondiale!”

Nausicaa Pace,

11 anni: “Suono pianoforte dall’età di 5 anni. Sogno di diventare professionista. L’esperienza di oggi mi sta dando tanta emozione e gioia.”

Elena Bucci,

12 anni: “Suono il pianoforte dall’età di 9 anni. Ho scelto la musica perché quando uscivo da scuola e andavo a casa dalle mie compagne c’era sempre qualcuno che suonava è così ho voluto iniziare anche io e spero da grande di continuare. Oggi ho provato emozione”.

Riccardo Toffoli,

docente di pianoforte della scuola media di Aprilia: “Il Coro Matteotti è nato da 3 anni e la soddisfazione per l’aggiunta della pratica vocale alla strumentale è stata grande. Abbiamo collaborato con tante realtà tra le quali la rassegna nazionale dei Compositori Contemporanei per cori di voce bianche .Nel 2017 abbiamo vinto il premio assoluto internazionale di Tarquinia . Abbiamo cantato con la fanfara della polizia di stato ad Aprilia. Ad oggi il coro è composto da circa 40 ragazzi. È stato inserito un coro junior che comprende anche ragazzi con handicap. Questo coro e stato creato per far sì che i ragazzi trovino nella musica un sostegno. Anziché stare per strada oppure davanti a PC e ai cellulari.”

Veronica Managol,

13 anni: “Dall’età di tre anni volevo fare musica… ed oggi provo tanta gioia. Il mio sogno è realizzarmi in questo campo”.

Elena Massa,

12 anni: “Ho iniziato all’età di sei anni “.

FINALISTI

Liceo Gargallo Siracusa, Orchestra di fl d “G. Montezemolo”, Serra Bispo Ramon, Panasko Salomon Nazari, Virgulto Amedeo e Francesca Furelli, Scuola viale dei Consoli,
Scuola Sinopoli, Scuola Borghi Gruppo di chitarre palco, Persichetti Eva Zampieri Giulia 4 mani ,
Pace Nausicaa e Bucci Elena 4 mani, Lorenzo Notrica con Beatrice Nobilio, Coro di V Bianche “Sperimentiamo”, IC Matteotti coro, Coro Artipelago, Mulas Alessandro, Perretti Lucrezia,
D’Amato Giulia, Smith Sara, Marra Nicole, Laura Nicole Natale, Di Pasquale Arianna, Iannucci Mirko, Magliocchetti Andrea, Romanelli Luca, Anzi Lorenzo, Munteanu Elena Ramona, Stracchi Emanuele, Borri Chiara, Midiri Ares, Morbidelli Matteo,
VINCITORI
Premio Assoluto Solisti, Emanuele Stracchi; Premio Speciale Archi, Matteo Morbidelli; Premio Speciale Giovanissimi, Laura Nicole Natale; Premio Speciale Scuole, IC Viale dei Consoli RM.

Annamaria Cerro

Un passo fino al sogno. Liga Sarah Lapinska

intervista il pittore Yuri Serebryakov

Liga Sarah: D-

Racconta un po’ di te e dei tuoi cari, Yuri, sia umani, sia animali.
Yuri: R- Io con la mia famiglia viviamo in una piccola città nel sud-est dell’Ucraina, che si chiama Svyatogorsk.
Questa città è famosa per la Santa Dormizione Lavra.
La sua storia è antichissima.
Ogni mattina ci svegliamo ai rintocchi della campana, che sono piacevoli per l’orecchio, e l’anima è piena di trepidazione.
Nella nostra famiglia ci sono due figli, il ragazzo Nikita di 16 anni e la ragazzina Olga di 15 anni.
Mia moglie lavora come infermiera.
Sì, noi amiamo gli animali.
Abbiamo cincillà.
I nostri figli sono molto appassionati di gatti, cani e scoiattoli, che sono spesso visti sui rami dei pini.
Noi viviamo modestamente, cerchiamo di sostenerci uno sull’altro a vicenda.

Liga Sarah: D-

Qual è il tuo stile di pittura? Quali sono i tuoi artisti preferiti? So che ami molto la natura. Che cosa preferisci, estate o inverno, mattina o notte? Quali sono i tuoi successi più importanti come artista?
Yuri: R- Ho interessi in diversi generi della pittura.
Di più mi attrae l’iper-realismo e realismo.
Utilizzare tecniche diverse: la pittura ad olio, il pennello asciutto, la matita, a volte impasto tecniche miste per rendere più interessanti le singole parti.
Il successo nel lavoro di artista è abbastanza modesto.
Sono orgoglioso della mia partecipazione nel progetto dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”.
Ero felice quando ho saputo che un mio lavoro è stato assunto in una mostra in Russia, nella città di Vladimir, nella galleria “Scala”.
Alcune mie opere vi sono presenti su base permanente.
Non nego che sono sempre contento quando ricevo qualche commissione privata.
Le mie opere sono in collezioni private in Ucraina, Russia, Stati Uniti.
Amo le fotografie istantanee e le faccio con tanto piacere.
La nature per me è fonte di rilassamento e di ispirazione.
Ho attimi di bellezza alla mattina presto, momenti serali di riposo, freschezza dopo la pioggia quando tutto risuona nella mia anima.
Vorrei salvare, proteggere, ricordare.
Questa passione mi aiuta a fotografare.

Liga Sarah: D-

Quali sono i problemi degli artisti in Ucraina? Che cosa vuoi augurare a tutti noi di buona volontà?
Yuri: R- Non potrei dire qualcosa di concreto sui problemi degli artisti in Ucraina.
Semplicemente non possiedo informazioni specifiche.
Purtroppo, il nostro paese sta attraversando un periodo estremamente difficile.
Altre priorità sono in primo luogo.
Credo che il nostro paese si leverà in piedi dopo tutti gli esami, quindi di più sentiamo il sostegno dei nostri partner ed amici.
Spero davvero che i miei figli vivranno in uno stato democratico pacifico.
A tutti coloro che danno la loro voce, l’intelligenza, il talento a favore della lotta per la pace, auguro tanta forza e tanta fede.
Ringrazio voi per ciò che siete.

IL DISPARI 2015 – 2016

IL DISPARI 2017

IL DISPARI 2018

DILA

Premi Otto milioni

Lascia un commento