Il Dispari 20220725 – Redazione culturale DILA

Benvenuti

Il Dispari 20220725 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220725

Il Dispari 20220725 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220725 – Redazione culturale DILA

Mauro Montacchiesi “legge” la poesia “A Casablanca” di Bruno Mancini •

Dalla raccolta “Non sono un principe”
Poesie di Bruno Mancini
https://www.emmegiischia.com/wordpress/promo-uno/

A Casablanca

Questa, di Bruno Mancini, è una lirica autobiografica, sintetica riflessione del suo universo in potenza.

Il costante incrociarsi di gradi d’individualità, con congetture e rappresentazioni allegoriche, dà l’impressione di blandire un desiderio distante, un’aspettativa che non sarà in nessun caso verità (Apro il sipario sui mondi paralleli …), un’illusione di paradiso che si consuma più in là della prospettiva fallace di un’esile realtà.

Per il vate, le farfalle, negli attuali giorni d’inerzia e di aspettative, appaiono come in controluce (istanza di tenerezza e passionalità) tra i cristalli di Murano.
Il suo buio si presenta angosciato da sopori lancinanti, da selvaggi ardori di mettere in moto la propria energia.

Le farfalle filigranate, i sopori lancinanti, i selvaggi ardori, questa la sintesi allegorica dei suoi giorni, delle sue notti.
ll di là da venire, il tempo andato, al momento non si arrestano, con intenso vigore propulsi all’esterno da struggenti afflati, da ciò che è in fieri. Il cantore alza la cortina su universi convergenti, fatti di “patatine fritte (mancanza di comprensione da parte di …) e birre popolari (Gli amici)”.

E in quegli universi individua un’etera (una relazione sentimentale molto saltuaria) sprovvista di alterigia, alle spalle di un flat screen.
Come da un remotissimo creato, il suo tono metafisico vocalizza: “Amor, amor…”.
Il cantore avvolge aspettative e disillusioni, in un piego piombato, il cui ricevente è la potenza misteriosa e invincibile del suo stesso fato.

Bagna superficialmente la linguella di cerniera, passa i confini in un convenzionale bollettino che dà il titolo che non c’è solennità a Casablanca.

A Casablanca, vale a dire transitoria, ma impellente necessità di considerazione che, verosimilmente, al momento non c’è.
I ricordi sono compressi, eccessivi.
L’ischitano non più luccica di fervori.
Si percepisce, si descrive sgradevole corsaro.
Le reminiscenze sono una masochistica crudeltà, una “ruota della tortura” di manzoniana memoria:
Condotti al luogo del patibolo, le siano dal carnefice con una ruota ben ferrata spezzate a uno a uno tutte le ossa principali del corpo del cranio della testa in poi, …
– (I Promessi Sposi).

Il poeta postula un bilancio esistenziale tra passioni (sentimenti) e delusioni (frustrazioni), tra gemme (gioie), tempeste (gravi sconvolgimenti) e inganni (trame altrui a suo danno).
E continuerà a postulare quel bilancio esistenziale, con nichilistica emozione, fino a quando la folle apoteosi di una sua poesia si trasformerà in una farfalla incastonata sul girotondo (malinconia per i ricordi) opaco di una coppa.

La coppa, ovvero uno stato di coscienza in cui l’uomo, il vate, vuole tornare alla simbiosi con il cosmo.

E’ un sentimentalismo evanescente, permeato di velata tristezza, di commovente malinconia, provvisto di ragguardevole creatività.

Bruno Mancini è instancabilmente autentico, affascinante, incessantemente simbiotico al personalismo umano e umanistico dell’esclusivo periodo che vive, verosimilmente, nel momento della stesura del testo.

Dalla raccolta “Non sono un principe”
A Casablanca

Farfalle filigranate
in vetri di Murano
questi giorni di stasi e di attese
queste notti di sonni convulsi,
brutali desideri di muovere la vita.
E ancora non si fermano,
pensieri endecasillabi,
domani, ieri,
sbalzati fuori del presente.
Apro il sipario
sui mondi paralleli
tra patatine fritte e birre popolari,
scovo puttana priva di spocchia
dietro lo schermo piatto
-come da un altro mondo
la sua vocina aliena
sberleffa
“Amor, amor…”-,
accartoccio speranze e delusioni
in plico sigillato
destinatario “Il mio destino”,
umetto la linguella di chiusura
-sigillo gli fu negato-,
sconfino nel banale
lì dove un notiziario intitola
che non c’è festa a Casablanca.
Spiaccicata
scandalosa memoria,
non più brillo d’entusiasmi,
contro me stesso, trucido pirata,
incatenate anamnesi
alla ruota della tortura,
vorrò misura saldo
tra passioni e delusioni,
gemme
tempeste
inganni,
fin quando in sconveniente epilogo
folle apoteosi d’una mia poesia
sarà farfalla incastonata
-mosaico decorativo-
sul girotondo opaco di una coppa.

https://youtu.be/QLrhUhlt4hM

https://youtu.be/YdwAiV2Hrbo

Montacchiesi


Angela Maria Tiberi intervista il Maestro Gianni Aterrano
nuovo “Amico” dei progetti DILA Made in Ischia

D: Come ha conosciuto la cultura napoletana?
R: Il primo impatto, l’ho avuto ascoltando mio padre, commerciante di cuoio e pellami ma musicista dilettante, che amava cantare le melodie classiche napoletane.

D: Come ha diffuso la cultura napoletana?
R: Per diletto, da piccolo ho studiato pianoforte.
Verso i vent’anni dopo la maturità classica, sono stato costretto a mettere a frutto il mio saper suonare.
Questo mi ha comportato la conoscenza di grandi artisti come Sergio Bruni, Giacomo Rondinella, Tony Astarita, Peppino Gagliardi, Aurelio Fierro, Nunzio Gallo, Achille Togliani, Angela Luce, Mirna Doris e molti altri, con i quali ho partecipato a moltissime tournée non solo in Italia ma in tutto il mondo.

D: Quali sono i ricordi di vita vissuta nella canzone napoletana?
R:Molte canzoni napoletane mi hanno accompagnato per tutta la vita, tra le tante alcune di esse mi hanno segnato come Presentimento di E. A. Mario, Passione, Chiove.
Nella mia carriera di musicista, ho avuto il piacere di scoprire alcuni artisti che hanno dato molto alla musica come Gianni Nazzaro, Massimo Ranieri che ha iniziato con me all’età di tredici anni come Gianni Rock e che portai in tournée in America con Sergio Bruni.

Angela Maria Tiberi
Vicepresidente DILA

Il Professore Fabio Ricci, Specialista in Ginecologia-Ostetricia e in Oncologia, Responsabile Unità Operativa di Senologia Azienda USL Ospedale S. M. Goretti, Latina (fmrfaricci@alice.it)

è un nuovo “Amico” dei progetti culturali Made in Ischia

dell’Associazione “Da Ischia L’Arte – DILA“.

Di lui, e delle sue encomiabili attività sociali e culturali, vi parleremo con dovizia di particolari già a partire dalle prossime settimane.

Il Dispari 20220718

Il Dispari 20220718 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220718 – Redazione culturale DILA

Il Prof. Fabio Ricci – Direttore Breast Unit,nt-weight: bold

Ospedale “S.M. Goretti di Latina ci scrive

Lo scorso12 luglio abbiamo ricevuto la seguente e-mail:

Alla cortese attenzione Presidente “Da Ischia L’Arte -DILA”, Bruno Mancini
Gentile Presidente Le scrivo per informarla che giovedì 14 luglio ci sarà presso l’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, la cerimonia di consegna alla Breast Unit di un Pianoforte per volontà di Paola Occhi sostenitrice dell’Associazione culturale “Da Ischi L’Arte -DILA”. Le Faccio i miei complimenti per il vostro impegno culturale su tutto il territorio nazionale e siamo conviti che è anche grazie al vostro sostegno che Paola sia riuscita in questo suo obiettivo. Sicuro di farle cosa gradita le invio la locandina di invito, la foto del pianoforte e la targa in ricordo della donazione. Spero di avere l’occasione di conoscerla personalmente. Con l’occasione le invio a nome della nostra ASL e della Breast Unit cordiali saluti.
Prof. Fabio Ricci – Direttore Breast Unit, Ospedale “S.M. Goretti di Latina

Questa è stata la nostra risposta:

Illustre Prof. Fabio Ricci
nel pieno rispetto per i sentimenti di amicizia e di affetto che mi hanno unito alla cara Paola Occhi, accolgo con assoluto compiacimento la notizia della prossima, finalmente, inaugurazione del pianoforte che Paola Occhi, tramite la nostra Associazione DILA, ha voluto donare alla sezione clinica da Lei egregiamente diretta nell’Ospedale “S.M. Goretti di Latina”.
Purtroppo, per varie ragioni, non potrò presenziare alla cerimonia di inaugurazione, ma mi permetto di invitare Lei a volere cortesemente esprimere i sensi della mia personale soddisfazione -unitamente a quelli di tutto il Consiglio Direttivo dell’Associazione “Da Ischia L’Arte – DILA”- per l’avvenuto completamento dell’iter burocratico che ha sancito la collaborazione della nostra DILA con l’ASL di Latina.
A Lei emerito Professore, alle Autorità presenti e a tutti i degenti vadano i nostri rispettosi saluti.
Bruno Mancini – Presidente dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”

https://www.ausl.latina.it/13-primopiano/5935-musicoterapia-nell-ospedale-s-m-goretti-di-latina 

Il Dispari 20220718 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220718 – Redazione culturale DILA

LUCIANA CAPECE | TRIBUTO ALL ‘ARTISTA MILENA PETRARCA
–IL TRIONFO–

Gent.mo Presidente BRUNO MANCINI,
Buongiorno…
invio un Omaggio Scritturale da Pubblicare, cortesemente, sul Quotidiano IL DISPARI per la PITTRICE- SCULTRICE Amica Carissima MILENA PETRARCA
GRAZIE di cuore…
LUCIANA CAPECE

La Pittrice-Scultrice-Poetessa-Presidente dell’Associazione Magna Grecia Latina-New York e di alcune sedi operative dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”, MILENA PETRARCA, nata a Pozzuoli, è un versante di poliedrica emozione.
Un vulcano attivo dell’Arte, sempre sul piedistallo delle riflessioni importanti, che vanno a ritmo progressivo nel veloce tempo.

Accoglie la complessità dell’immenso con respiro infinito, mentre sulla tela immacolata, la sua nobile impronta, calca toni di colori accesi e delicati come il sole e la terra che nè generò il suo potenziale talento manifesto.

Le mani, strumento ben creativo, in sinergica meditazione mentale, collocano negli appositi spazi Artistici, le sue Opere, intersecate di Simmetriche e Allegoriche tematiche.
Poste magistralmente con una tavolozza di spiccato eroismo, per oculata e corale gioia, verso un pubblico attento ad apprezzarne i validi contenuti.

La penna della Poetessa MILENA PETRARCA è interprete dei sentimenti più veritieri, ove il mistero profondo non è un blocco ma un accesso all’intimo per forgiature di Ideali Culturali, con dei componimenti dalla cromatura analitica… che porta a quel mondo conservatore di successo, soprattutto nella disciplina filosofica della vita.

L’Artista da Grande Osservatrice è sovente al centro delle iniziative sociali cui colma quell’emancipazione progettuale, con simbiotica alleanza globale per costruire ponti di ramificata PACE, senza traversie d’ombre che apportano a scadenze ma a risolutorie situazioni, al fine della LIBERTÀ ARTISTICA utilitaria al mondo!

Il suo Operato Scultoreo-Pitturale e Letterario è cementato da un atavico insegnamento dottrinale.

Oltre agli studi conseguiti, Essa è figlia d’arte di fama internazionale dell’amatissima mamma MARIA PANETTI PETRARCA… Drammaturga e Autrice di testi teatrali e di canzoni napoletane, nonché, Insegnante di scuola formativa per giovani talentuosi: super promotrice della Cultura del mezzogiorno.

A Ella, nella città di Pozzuoli è dedicata “Villetta Maria Panetti in Petrarca”.
La Prof.ssa partenopea MILENA PETRARCA pluripremiata con plauso di critici, vanta il titolo di: IDEATRICE per l’alta Moda per il Messico, con le sue OPERE Pittoriche su capi esclusivi in passerella a New York- Roma e in varie località Mondiali.

Un curriculum degno di Lode!

Straordinari i Mitici Dipinti: FARFALLA DI FUOCO – DONNA DELLA PACE – L’ AUTUNNO -FANCIULLA DI NUOVA PRIMAVERA – MARILYN – IL CARRO DELLA FELICITÀ – FRIDA KHALO – RUFOLF MUREYEV – MARGOT FONTEIN – AMORE A VENEZIA, straordinario dipinto esposto in anteprima assoluta nella Biblioteca Comunale Ischitana Antoniana mirabilmente diretta da Dottoressa Lucia Annicelli in occasione degli eventi internazionali proposti da DILA in collaborazione con la testata giornalistica IL DISPARI e l’Associazione ADA.

Nota anche la Scultura LA MASCHERA ROSSA DELLA SOFFERENZA e altre di cotale rilievo.
Insomma un Archivio d’Intelligenza per posteri vogliosi di convolare nel Tempio dell’ Arte.

Inebriata di STIMA… Luciana Capece: Scrittrice-Poetessa-Saggista-Aforista-Prefatrice-Critico Letterario-Critico Teatrale- Recensionista e vincitrice del primo premio assoluto nella sezione Poesia del ben noto Premio OTTO MILIONI dedicato al compianto Commendatore Agostino Lauro.

Amore a Venezia - Opera pittorica di Milena Petrarca

Amore a Venezia – Opera pittorica di Milena Petrarca

Il Dispari 20220718 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220718 – Redazione culturale DILA

Luciana Capece e Chiara Pavoni

Luciana Capece e Chiara Pavoni

Milena Petrarca e Chiara Pavoni

Il Dispari 20220718 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220718 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220711

Il Dispari 20220711 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220711 – Redazione culturale DILA

Biblioteca Antoniana: emozioni artistiche

Tante belle presenze di Artiste interessate unicamente a mostrare la propria gratuita disponibilità nel regalare momenti di emozioni artistiche e culturali si sono alternate nel Salone Onofrio Buonocore della Biblioteca Antoniana di Ischia, splendidamente diretta da Lucia Annicelli, durante la scorsa settimana.

Poetesse, Cantanti, Attrici, Pittrici, Scrittrici, prevalentemente di sensibilità femminile, hanno reso gioiose alcune ore serali con le loro autentiche performance spesso inedite.
L’attrice Chiara Pavoni ha dimostrata tutto il suo estro conversevole, brioso e spigliato, presentando e intervistando… finanche Gaetano Di Meglio direttore di questa testata giornalistica. E gli ha “cavato” aneddoti e flash di grande spessore umano e, in qualche caso, anche intimistico.

Ovviamente non è nostro compito presentare una cronaca di questi incontri in Biblioteca, anche perché a ciò si dedicheranno altri scrittori presenti agli eventi, però non desideriamo lasciare senza un minimo contributo di gratitudine il saluto e l’arrivederci che rivolgiamo all’attrice Chiara Pavoni instancabile conduttrice di tutti gli eventi; a Flora Rucco nella sua duplice funzione di organizzatrice e poetessa; a Lucia Fusco scrittrice di romanzi e di poesie, a Marcella Foranna cantante che si è esibita senza alcun tipo di accompagnamento musicale, alle poetesse Veronica Paredes, Elisabetta Pamela Petrolati e Victoria Suriani che hanno letto diverse loro poesie; alla super ischitana Clementina Petroni poetessa pittrice; alla cantante lirica Angela Prota che non solo ha cantato live, ma ha anche proiettato i video inediti delle sue interpretazioni di tre brani musicali composti dal Maestro Roberto Prandin su miei testi.

Queste le Artiste presenti in sala, ma un enorme ringraziamento desideriamo rivolgerlo anche alla Vice Presidente DILA Angela Maria Tiberi per la sua opera di raccordo tra le varie anime dell’Associazione, e a Dalila Boukhalfa per la preziosa collaborazione della sua Associazione ADA.

Come spesso accade nei ringraziamenti “last but not least”… e in questo caso si tratta della lettone Liga Sara Lapinska che ha contribuito a dare un tocco di cultura estera consentendo l’esposizione di due suoi quadri… e di Milena Petrarca per la quale non mi basterebbero tutte le pagine di questo giornale per ringraziarla della splendida riproduzione pittorica con la quale ha voluto omaggiare una persona a me cara… però lei sa che i sentimenti di affetto e di stima valgono più di mille parole.

Bruno Mancini – Presidente DILA

Il Dispari 20220711 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220711 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220711 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220711 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220711 – Redazione culturale DILA

Il Dispari 20220711 – Redazione culturale DILA

DILA

NUSIV

Hits: 75

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento