Perline d’argento

Benvenuti

Perline d’argento

L’agreste podere ricco di viti,
vibrava nelle notti ancor miti!
Si fondeva nella luce sopita,
che dalla luna prendeva la vita!

E gli agili tirsi alle canne,
s’intrecciavan costruendo capanne!
E i sarmenti lunghi e caduchi,
nascondevan i nidi dei fuchi!

Imperlate di roridi umori,
sulle pàmpane sembravan sudori,
come vegete perline d’argento,
del terreno diventando l’unguento!

Le pàmpane verdi foglie nervate,
eran con ghirigori ricamate!
Tutto sembrava adesso divino,
però strano, irreale, ialino!

Non era una realtà terrestre,
dirò: un alieno labirinto campestre,
come un mondo di allegoria,
o d’una folle fantasmagoria!
*
Tratta dal libro edito “Làbrys – Opus Hybridum de Labyrinthismo”
Aletti Editore

PAGINA PERSONALE DI MAURO MONTACCHIESI

Làbrys-Opus Hybridum de Labyrinthismo di Mauro Montacchiesi

Làbrys-Opus Hybridum de Labyrinthismo di Mauro Montacchiesi

Làbrys-Opus Magnum de Labyrinthismo (Labirintismo), Mauro Montacchiesi

Hits: 11

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *