Per Aurora – volume secondo – Anche questa volta: Trama

Benvenuti

Per Aurora – volume secondo – Anche questa volta: Trama

TESTO COMPLETO IN LETTURA LIBERA

Anche questa volta

Trama

A Natale mi ha regalato una penna stilografica tradizionale. Con questo gesto la mia cara, ha manifestato in modo esplicito la sua complicità (eccola!) affettuosa con i miei scritti, mentre, larvato, dolcemente, con il simbolismo del pennino di memoria scolastica e dell’inchiostro d’altri tempi, mi ha lanciato un messaggio invito a rispettare maggiormente regole e semplicità, e meno male che non ci conosciamo da ieri!
Subito mi invaghisco di quella penna e dei significati che contiene, ed inizio un lavoro risultato alla fine un “esercizio di stile”.
In tutto questo percorso narrativo lascio supporre, che la penna accarezzata, coccolata ecc…trasformata in protagonista, si sia silenziosamente invaghita di un suo compagno di viaggio.
Fino al punto da fingersi esaurita, pur di impedire modifiche alla segretezza ed alla intimità della “sua” storia, con inserimenti che ne avrebbero potuto rappresentare pericolo. Probabile.
Possibile.
Si, se avessi continuato ad usarla.
In effetti, la sua difesa contava sulla premessa che era:
“QUESTA STORIA FINIRÀ QUANDO SARÀ
ESAURITO L’INCHIOSTRO NELLA PENNA CHE HO
DECISO DI UTLIZZARE. NÉ PRIMA NÉ DOPO.”
Infatti, finito l’inchiostro, avrei smesso di scrivere e la storia
sarebbe rimasta inalterata.
Per sempre.
Devo farlo.
Lo faccio.
Così come era nei miei proponimenti, concludo immediatamente la bozza, ma subito dopo, durante la notte di capodanno, l’Anima e il Cervello mi assalgono con violenza priva di rispetto, facendo sbandare le certezze che mi avevano accompagnato nella stesura del racconto, attivando fantasmi di scene non proposte (leoni mari in tempesta, volti, ecc…), e banalità non ribaltate in dimensioni a loro consone.
Lo scritto, accusato di eccessivo lassismo nei confronti di una semplicistica, detestata commercializzazione, deve essere ripreso modificato e finalmente personalizzato.
I due miei intimi giudiziosi compagni m’impongono con bonaria aggressione di trasformarlo in un’opera indiscutibilmente mia, con tutti gli eccessi e gli annessi problemi poiché, nella loro ottica, questi rappresentano bellezze di spontaneità innovazioni ecc…
Mi accingo a tale impresa utilizzando varie penne di diverso tipo, raccattate in un modo qualsiasi, e pare che tutto vada bene, fino a quando, usando l’ultima “fa schifo”, decido di cercare la stilografica, caricarla d’inchiostro e riportarla in azione.
La trovo nel fondo del cassetto in una macchia di inchiostro rosso sangue, essiccato, che la imbratta completamente rendendola inutilizzabile e che aveva permeato il mio manoscritto del racconto “esercizio di stile” rendendolo quasi completamente indecifrabile.Indotto dalla presunzione di avere una profonda conoscenza delle penne, mi illudo che abbia compiuto il gesto estremo per me. Invaghita di me.
La piccola domatrice di segni, l’austera protettrice dei miei bisogni letterari, la giovane, minuta, piacente, vezzosa, silenziosa bionda bruna cenere compagna di ore strane malinconiche tra una finestra, ed una poltrona a contatto con birre e distillati, feroci con i leoni di una frenesia mentale galoppanti al di sotto degli occhi, dietro le pupille, sulla corteccia del Cervello chiuso, accattivanti ogni volta che un volto acquisiva concretezza grafica, un sentimento librava in descrizioni di pura poesia poetica passionale con tutta l’Anima a presidiare lo spazio del foglio rodeo.
Ma, c’è un ma.

La frase: “Il paradiso non esiste”.
Mi disorienta il fatto di aver potuto leggere solo queste parole salvate da tutto il racconto, macchiato ed abraso, su cui la penna aveva rovinato l’inchiostro rosso residuo.
Ma, c’è un ma.
“Il paradiso non esiste.”
Il racconto sembrava chiudersi con interrogativi privi di risposte, sembrava.
Unicamente per la complicità (ancora lei) che tiene legati me e voi, voglio proseguire ed ammettere in questo epilogo, in questa “Trama”, che, nell’ultimo istante utile, mentre andavo a porre la parola fine, avevo afferrato insieme al senso della frase risparmiata dalla macchia di inchiostro rosso sangue, anche la vera natura della pazza violenza mentale di cui sentivo permeato tutto il racconto.
Se questa conclusione potesse darmi conforto, avrei compiuto un esercizio di equilibrio, tra balconi e leoni, degno di un circense di fama mondiale.
Non basta.
Insieme, erosiva di una miniera di malinconia, calmante, dolcemente soporifera, dissociante, la benda nera all’occhio del corsaro.
Nessuna bella amicizia, il braccio sulla spalla, potrà mai tanto.
Nessun affetto, partiamo, facciamo un viaggio.
“Anche a me quella volta” non vale non ottiene risultati.
Durante i pochi giorni felici in cui per la sua vicinanza si acuiva lo stimolo a mostrare il meglio delle mie capacità attrattive, mi ero visto, senza dubbi e dal primo momento, ai suoi occhi seducente pigmalione. “Anche questa volta” sbagliando.
“Anche questa volta” sostituendo arbitrariamente pensieri altrui con ricostruzioni non prive di fascino e lusinghe, ma originate dalla mia natura, fantasiosa, piuttosto che osservatrice.
Poi il dubbio.
Che un altro personaggio avesse condizionato l’esplosione di inchiostro.
Il dolente insinuarsi di un altro personaggio.
Avvicinarsi.
Vicini. Erano vicini.
La mia penna ed il mio manoscritto.
La mia penna ed il «suo» manoscritto.
La penna ed il manoscritto.
Penna e manoscritto.
Vicini.
Uniti in una macchia rosso sangue.
La verità mi coglie ormai privo di capacità reattive, deluso, affaticato psicologicamente con i sentimenti in poltiglia, e comprendo che “Il paradiso non esiste” rappresenta l’essenzialità della «loro» storia.
Una penna ed un racconto.
Con la mia immagine, velo trasparente su intese che non mi coinvolgono, in una di quelle belle favole di vita che la mia amica guascona stringendomi il braccio mi aveva invitato a cercare durante il nostro ultimo “Appuntamento”.
“Il paradiso non esiste”: quasi una epigrafe.
Per il loro breve incontro, terminato con l’immagine di una carpetta ammantata di inchiostro rosso sangue essiccato, lasciato scorrere dalla mia penna giovane piacente vezzosa silenziosa bionda bruna cenere compagna di ore…
… finita per amore, portando con se l’idea della sua prima ed unica passione.
Aveva scelto di portarlo con se in un viaggio…
… dove il paradiso non esiste.
Ancora è lei, la donna guascona, «La Signora», custode da sempre dei luoghi ove tornano serene, immutabili, adulte, le nostre fantasie ed i nostri pensieri, i nostri sentimenti ed immaginazioni, anche forse tutte le nostre vite, una volta che sia esaurita la loro avventura tra emozioni collettive, umane, è lei, Aurora, a raccogliere le mie delusioni con un tocco della mano portata ad accarezzarmi gli occhi.
Amica ed ormai parte di me, è lei Aurora che lascia aperte le mie speranze e mi incatena docile ai miei sogni ed ai miei dubbi (ancora loro!) con un sorriso indulgente.
Portarlo in un viaggio…
… nel suo viaggio senza tempo come questa lunga poesia, senza luogo senza storia come il mio paradiso, senza attori senza ombre come la loro passione.
Accompagnati dall’idea di un amore.
Incontaminato impercettibile.

Fine ?

Chiedo scusa alla mia amica per come ho utilizzato il suo dono (certamente meritevole di sorte migliore), ma io sono fatto così, e come scrittore i due petulanti appiccicosi invadenti padroni della mia mente, l’Anima e il Cervello, non mi lasciano alcuna possibilità di cambiamento.

Fine.

Dedica – Brevi commenti amichevoli

La Notizia virgola – La Condanna punto

LA NOTIZIA

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

Capitolo 7

Capitolo 8

Capitolo 9

Capitolo 10

LA CONDANNA

Capitolo 1

Capitolo 2

LA NOTIZIA

Capitolo quattordicesimo

Capitolo quindicesimo

Capitolo sedicesimo

Capitolo diciassettesimo

Capitolo diciottesimo

Capitolo diciannovesimo

LA CONDANNA

Capitolo 3

LA NOTIZIA

Capitolo ventesimo

Capitolo ventunesimo

LA CONDANNA

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

LA NOTIZIA

Capitolo ventiduesimo

Capitolo ventitreesimo

LA CONDANNA

Capitolo 7

LA NOTIZIA

Capitolo finale

Anche questa volta – Il Paradiso non esiste – Trama

Anche questa volta

Il Paradiso non esiste

Trama

Sembri

Sembri

Per Aurora – volume secondo – TESTO COMPLETO IN LETTURA LIBERA

Per Aurora – volume secondo di Bruno Mancini

ACQUISTA COM www.lulu.com

Per Aurora – volume secondo – Vetrina LULU

Per Aurora volume secondo di Bruno Mancini

seconda edizione

ID wdnrww

ISBN 978-1-4710-7753-1


Dettagli
Data di pubblicazione 24 ago 2022
Lingua italiano
ISBN 9781471077531
Categoria Narrativa
Copyright Tutti i diritti riservati – Licenza di copyright standard
Collaboratori Di (autore): Bruno Mancini

Specifiche di Libro
Pagine 102
Parole chiave Amore passione Ischia paradiso storie

Libro Dimensioni: A5 (148 x 210 mm)
Colore del contenuto: Bianco e nero Standard
Tipo di carta: 60# Bianco
Libro Tipo di rilegatura: Libro a copertina morbida
Finitura di copertina: Lucido

Titolo Per Aurora volume secondo
Sottotitolo Alla ricerca di belle storie d’amore
Marchio editoriale/Casa editrice Lulu.com
Licenza di copyright Tutti i diritti riservati – Licenza di copyright standard
Titolare del copyright Bruno Mancini

Descrizione
Dopo una notte nera, di incubi ed insonnie, passata tra una poltrona, una finestra, una birra, un sigaro, un boccale di distillato al peperoncino, un panettone, una musica jazz, una pisciata, una telefonata alla stronzetta di turno, una mezza bottiglia di un così detto spumante, la notte dell’ultimo dell’anno, buttata via nel tentativo di darmi una spiegazione priva di alibi, incertezze, imprecisioni, ipocrisie, teoremi, assiomi, postulati, a caccia di una mosca, nera, grassa, sudicia, petulante, imprevedibile, una notte lunga, interminabile, inusuale, la notte dell’ultimo dell’anno, spiaccicata, tra pranzo e cesso, per un malessere sconosciuto.
Punto.
Per una frase non conclusa.
Note sui collaboratori

Tabella dei contenuti
Per Bruno Mancini: brevi commenti amichevoli.
“Percorso di memoria o ricerca di spazi temporali virtuali?”
“Il continuo intersecarsi di livelli di identità con ipotesi e incarnazioni simboliche…”
“…sembrano accarezzare un sogno lontano, una speranza che non sarà mai certezza, un miraggio di felicità che si perde oltre l’orizzonte illusorio di fragili esistenze.”
“…a volte lirismo crepuscolare, intriso di soffusa malinconia, di struggente tristezza.”
“Opera interessante per i contenuti e le tematiche affrontate, nonché per i valori estetici…”
“… seria preparazione, corredata da rimarchevole fantasia.” “… lavoro meditato, armonioso di buon afflato poetico.”
“… sincero, elegante, sempre aderente al soggettivismo letterario del particolare momento che attraversiamo.”
“Non racconto né romanzo, più che risolverli lascia aperti molti quesiti anche sul piano puramente tecnico linguistico.”
“Una prosa lacerata e sfuggente…”
“Le aperture liriche, più che segnare il passo dell’emozionalità, offrono un ulteriore invito a perdersi nei labirinti della parola scritta…”
“Quasi poesia cruda, percuote e carezza, giovane e antica…”
“Lavoro intenso, vissuto nella profondità della sua composizione, fatta di toni e di immagini…”
“Una voce nuova che chiama ad ascoltarla ed a giudicarla senza inibizioni, come liberamente essa è sviluppata.”
“Troverete un urlo e un soffio di amore, un vuoto, immersi nella forza e nella malinconia di chi comprende che…”

Categoria principale BISAC
POETRY / Subjects & Themes / Love & Erotica
Categoria BISAC 2
FAMILY & RELATIONSHIPS / Love & Romance

Info: Bruno Mancini
Cell. 3914830355 – tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

Hits: 46

DILA

Premi Otto milioni

Bruno Mancini

Lascia un commento